Singhiozzo: cos'è e come eliminarlo?

Tutti abbiamo sofferto di singhiozzo ad un certo punto della nostra vita e lo conosciamo. In ogni caso, è un riflesso molto difficile da controllare di cui non si sa ancora molto. Ti diciamo tutto l'essenziale su di lui.
Singhiozzo: cos'è e come eliminarlo?
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

Il corpo umano è stato ampiamente studiato nel corso della storia, ma ci sono ancora eventi fisiologici nel nostro corpo che non sono facili da spiegare. Il singhiozzo è uno di questi: nonostante la sua funzione biologica sia stata ipotizzata innumerevoli volte, fino ad oggi questo atto continua senza una chiara funzionalità.

Sebbene sia un evento fisiologico quasi sconosciuto, tutti abbiamo avuto il singhiozzo prima o poi e ci siamo chiesti come fermarlo in modo efficace. Non smettere di leggere, perché nelle righe seguenti ti diciamo tutto ciò che devi sapere su questa contrazione involontaria.

Cos’è il singhiozzo?

La Royal Spanish Academy of Language (RAE) definisce il singhiozzo come “un movimento convulso del diaframma, che produce una respirazione interrotta e violenta e provoca rumore”. A livello fisiologico è concepito come una contrazione spasmodica, involontaria e ripetitiva dei muscoli intercostali e diaframmatici, che provoca un’inspirazione improvvisa.

È necessario sottolineare la natura involontaria del singhiozzo. Pertanto, fa parte degli atti riflessi e segue uno specifico arco neurale. Questi sono i suoi componenti principali:

  1. L’estremità afferente, che include i nervi frenico, vago e simpatico per trasmettere segnali sensoriali somatici e viscerali.
  2. L’unità centrale di elaborazione, situata nel mesencefalo. Il punto esatto in cui viene elaborato il segnale di singhiozzo non è ancora noto, poiché potrebbe coinvolgere la funzionalità delle strutture tra il tronco cerebrale e la colonna vertebrale.
  3. La fine efferente. Il segnale viaggia nelle fibre motorie dai nervi frenici al diaframma e dai nervi accessori ai muscoli intercostali, rispettivamente.

La via d’azione del singhiozzo non è esattamente nota. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che i neurotrasmettitori dopamina e acido gamma-aminobutirrico (GABA) sono coinvolti nella sua elaborazione. Questa conoscenza ha permesso l’uso di alcuni farmaci specifici per eliminare le loro forme croniche, come vedremo di seguito.

Comunque sia, i segnali emessi provocano una contrazione diaframmatica durante il singhiozzo seguita da una chiusura della glottide che coinvolge le corde vocali, che genera il suono hic così caratteristico. L’intervallo di tempo dal movimento contrattile all’emissione dell’hic è di circa 35 millisecondi.

Il senso evolutivo

Il singhiozzo ha una spiegazione scientifica
Una delle teorie più accettate è che l’arco riflesso del singhiozzo sia un vestigio evolutivo che non è ancora completamente scomparso.

Il singhiozzo è un riflesso onnipresente sperimentato da tutti gli esseri umani, ma un senso biologico per spiegarlo deve ancora essere trovato. Anche così, ci sono molteplici teorie di grande interesse che cercano di dargli un qualche uso.

Ad esempio, è stato postulato che questa azione riflessa è un tratto vestigiale nell’essere umano, cioè aveva un significato ancestrale e ora ne è privo. Gli anfibi usano un movimento molto simile per inghiottire aria e acqua attraverso le loro branchie, qualcosa che potrebbe essere stato ereditato nei mammiferi a causa della presenza di un antenato comune.

Secondo questo postulato, il singhiozzo sarebbe il residuo di una respirazione di base che è stata soppiantata dalla variante polmonare che tutti conosciamo. Questa idea è supportata quando consultiamo lo sviluppo fetale umano, poiché le vie nervose del singhiozzo compaiono nei feti prima dei meccanismi che consentono la ventilazione polmonare.

Come indicano fonti professionali, il singhiozzo è presente in molti mammiferi oltre la nostra specie. Questo riflesso è stato studiato in gatti, ratti, conigli, cani e persino cavalli. Per spiegare questa “coincidenza”, si propone anche che possa essere un meccanismo per espellere l’aria nello stomaco degli animali in lattazione.

I bambini trascorrono fino al 2,5% del loro tempo emettendo singhiozzo, una tendenza che diminuisce drasticamente con l’età. Ciò supporta l’idea che si tratti di un tratto legato all’allattamento al seno.

Cause e tipi di singhiozzo

Il singhiozzo può essere suddiviso in diverse sottocategorie in base alla loro durata. Ve li mostriamo nelle righe seguenti.

Singhiozzo acuto

Questa variante è anche pensata come singhiozzo acuto o autolimitante. È il tipo di singhiozzo più comune di tutti e ha una durata massima di 48 ore, anche se la maggior parte degli episodi sono isolati e non durano più di qualche minuto. A causa del suo basso significato clinico, è raramente caratterizzato in contesti di cure primarie o in pronto soccorso.

Alcune delle cause più comuni di singhiozzo acuto secondo la Mayo Clinic sono le seguenti:

  1. Bere liquidi gassati, come birra, soda o soda. Le bolle di questi alimenti fanno gonfiare lo stomaco, il che stimola il nervo frenico e la contrazione diaframmatica per espellere l’aria immagazzinata in eccesso.
  2. Bere troppo alcol Si ipotizza che l’alcol irriti l’apparato digerente e stimoli la contrazione diaframmatica. Lo stereotipo da cartone animato degli alcolisti con il naso rosso e il singhiozzo costante ha un senso fisiologico.
  3. Mangiare troppo e di fretta. L’ansia durante i pasti può favorire la persona a deglutire aria e il suo stomaco ad aumentare di volume in breve tempo. Ancora una volta, questo stimolerebbe il percorso nervoso incaricato di innescare il singhiozzo. Anche la gomma da masticare può favorire questo riflesso per lo stesso motivo.
  4. Stress ed eccitazione. Sebbene sia considerato un gesto principalmente digestivo, fonti professionali postulano che il singhiozzo acuto possa sorgere come risposta a un processo emotivo.

Una volta che inizia un episodio di singhiozzo acuto, la persona può sperimentare da 4 a 60 riflessi di questo tipo al minuto. La frequenza rimane più o meno costante in ogni individuo, ma può essere modificata da vari fattori. In ogni caso, non è considerata un’emergenza medica in quasi tutti i casi.

Singhiozzo persistente

La durata dell’episodio è superiore a 48 ore, ma inferiore a 1 mese. Se la persona che lo sta vivendo non presenta altri segni premonitori, è consigliabile andare dal medico dopo 2-3 giorni di singhiozzo. Alcune delle cause (ora sono patologiche) che scatenano questo evento sono le seguenti:

  1. Reflusso gastroesofageo : in questa condizione, parte degli acidi dello stomaco viaggiano in direzione opposta verso l’esofago, irritando questo tessuto e altri adiacenti. Il singhiozzo è accompagnato da altri sintomi, come una sensazione di bruciore al petto e un sapore sgradevole a livello orale.
  2. Ernia iatale: L’ernia iatale è una condizione in cui la parte superiore dello stomaco si gonfia attraverso un’apertura nel diaframma. Oltre al singhiozzo (soprattutto dopo aver mangiato), questa condizione provoca, tra le altre cose, rigurgito, punti di sutura alla bocca dello stomaco e alitosi.
  3. Dipendenza o uso di droghe di natura oppioide: sebbene il loro uso non sia cronico, l’ingestione di farmaci oppioidi (anche come anestetici) può causare singhiozzo continuo.
  4. Cancro: sebbene raro, un tumore maligno che preme sull’area diaframmatica può causare singhiozzo persistente. Un processo cerebrale neoplastico potrebbe anche modificare il percorso di questo riflesso e provocarlo inutilmente e costantemente.

Al contrario, alcuni episodi persistenti possono essere causati da irritazioni o lesioni ai nervi frenici o vaghi, che favoriscono la contrazione diaframmatica. È anche possibile che un danno al sistema nervoso centrale da una causa esogena provochi il fallimento delle vie neuronali preposte. In questi casi si sospettano meningite, sclerosi multipla e versamenti.

Singhiozzo intrattabile

I singhiozzi intrattabili sono quelli che durano più di 2 mesi. La presentazione di questo quadro è seria, poiché influenza la vita del paziente in ogni modo (dal parlare al mangiare e all’acqua potabile). Nonostante il nome suggerisca diversamente, ci sono alcuni farmaci che vengono usati per alleviare la condizione alla base del riflesso. Baclofen, gabapentin, metoclopramide e clorpromazina sono alcuni.

Il singhiozzo intrattabile è spesso causato da condizioni croniche già debilitanti, come disturbi cardiovascolari (aneurismi aortici, fibrillazione atriale, infarto miocardico e altro) e malattie neurologiche (encefalite, meningite e altri fattori scatenanti già menzionati). Anche i disturbi intratoracici, come l’asma e la bronchite, sono sospetti comuni.

Il singhiozzo intrattabile può essere causato da molti disturbi generali. Questi possono essere cardiovascolari, neurologici, gastrointestinali e metabolici.

Come eliminarlo?

Come potete vedere, la durata del singhiozzo segna la gravità della condizione in tutti i casi (a meno che il paziente non abbia altri segni premonitori a brevi intervalli di tempo). Qui vi mostriamo come sbarazzarvi di questo fastidioso riflesso, ma dividiamo le soluzioni in base alla sua gravità a livello clinico. Non perdetelo!

Soluzioni per eliminare il singhiozzo a casa

Singhiozzo e rimedi casalinghi
Sebbene non siano la “cura” definitiva, esistono alcuni rimedi casalinghi che possono alleviare i sintomi del singhiozzo.

Prima di tutto, va notato che non esiste un metodo infallibile per porre fine al singhiozzo in un ambiente domestico. Ad ogni modo, potete provare uno degli approcci che vi mostriamo nell’elenco seguente. Troverete sicuramente quello che vi aiuta di più in breve tempo:

  • Trattenete il respiro e deglutite 3 volte, sempre a testa bassa per evitare che ancora più aria entri nell’ambiente gastrico. Si ritiene che questo possa regolare gli squilibri diaframmatici che hanno causato in prima istanza la contrazione.
  • Respirate in un sacchetto di carta fino a quando il ciclo di ventilazione non si regola. Non prolungate questa pratica per molto tempo, poiché la poca quantità di ossigeno che la sacca presenterà dopo pochi secondi può farvi venire le vertigini.
  • Bevete un bicchiere d’acqua molto velocemente. Soprattutto se fa un po’ freddo, l’acqua può ridurre il disagio nell’ambiente diaframmatico.
  • Fate i gargarismi con l’acqua. Il meccanismo d’azione è simile a quelli già citati.
  • Stimolate il nervo vago. Come indicato dal portale medico dei manuali MSD, stimolare questa terminazione nervosa può aiutare a fermare il singhiozzo. Questo può essere ottenuto strofinando delicatamente gli occhi, ingerendo pane secco o zucchero semolato o tirando fuori leggermente la lingua. Si ottiene anche inducendo la nausea, ma non consigliamo mai di usare un metodo così estremo.

Sebbene tutte queste soluzioni siano molto semplici da realizzare, è necessario sottolineare che non hanno alcun supporto medico. Quasi tutti si concentrano sul ripristino del normale ritmo respiratorio e diaframmatico, ma non ci sono prove cliniche a supporto della sua efficacia. Prendete tutte queste informazioni con riserva e non sostituitele mai con un consulto medico.

Cure mediche per porre fine al singhiozzo

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, se il singhiozzo dura più di 48 ore, dovete andare dal medico senza esitazione. Gli approcci clinici per fermare questo riflesso sono molto più specifici e affidabili di quelli che vi abbiamo mostrato nell’elenco precedente. Alcuni di essi sono i seguenti:

  • Farmaci: Baclofen, gabapentin, metoclopramide e clorpromazina sono usati per fermare il singhiozzo persistente e intrattabile. La ricerca clinica ha dimostrato che questi farmaci sono eccellenti nel causare sollievo sintomatico nei pazienti con queste varianti.
  • Iniezioni di anestetico: se il paziente si presenta al pronto soccorso per un singhiozzo costante e prolungato, può essere necessaria la somministrazione di anestetici per interrompere la stimolazione del nervo frenico.
  • Impianto chirurgico: nei casi più drastici, un meccanismo che fornisce una lieve stimolazione al nervo vago può essere impiantato attraverso una procedura chirurgica. Sfortunatamente, gli studi clinici hanno dimostrato che questo approccio non sempre funziona.

Oltre a curare il singhiozzo stesso, sarà necessario affrontare anche il quadro clinico alla base del riflesso. Il reflusso gastroesofageo, il cancro gastrico o qualsiasi altro fattore scatenante dovrebbero essere risolti, indipendentemente da quanto il singhiozzo si fermi con uno dei suddetti farmaci o approcci.

Farmaci come il gabapentin sembrano essere i migliori approcci per il trattamento del singhiozzo persistente e intrattabile. Tuttavia, sono necessarie più conoscenze scientifiche per affermarlo in tutti i casi.

Cosa fare per evitare questo riflesso

Tutti abbiamo avuto il singhiozzo ad un certo punto della nostra vita. È normale che un bambino passi gran parte del suo tempo a eseguire questo riflesso (a causa della teoria dell’allattamento già menzionata), ma non che un adulto abbia il singhiozzo ogni giorno (per quanto lieve).

Nel caso in cui presentiate episodi isolati e fastidiosi di singhiozzo, vi consigliamo di seguire i consigli che vi mostriamo a titolo di chiusura tematica:

  1. Mangiate con calma e lentamente. Ciò ridurrà al minimo l’ingresso di aria nell’ambiente gastrico.
  2. Riducete o eliminate le bevande gassate. Non solo eviterete il singhiozzo, ma un’inutile assunzione di zuccheri trasformati.
  3. Non bevete alcolici o fumate eccessivamente.
  4. Evitate il consumo costante di gomme da masticare. Se siete preoccupati per il vostro alito, potete ricorrere all’utilizzo di collutori e soluzioni igienizzanti.
  5. Evitate di mangiare cibi molto pesanti o piccanti.
  6. Dormite bene la notte, evitate lo stress costante, rilassatevi quando potete e cercate un aiuto psicologico se soffrite di ansia o di un altro disturbo correlato.

Se tutto il resto fallisce, consultate il medico e suggerite un controllo generale del vostro corpo. Molto probabilmente, non vi accadrà nulla di grave, ma prevenire è meglio che curare.

I misteri del singhiozzo

Come potreste aver visto lungo queste linee, il singhiozzo continua a essere un’incognita per gli umani. Tutti ne soffriamo ad un certo punto della nostra vita, ma è molto difficile attribuirgli un percorso nervoso o una causa biologica specifica. La maggior parte dei professionisti concorda sul fatto che si tratti di un tratto vestigiale, anche se siamo ancora molto lontani dal poterlo affermare.

La maggior parte degli episodi di singhiozzo sono considerati naturali, ma in alcuni casi queste condizioni possono diventare croniche e manifestare una patologia sottostante. Se questo riflesso dura per più di 48 ore, è indispensabile consultare un medico.

Potrebbe interessarti ...
La gastrite: sintomi, cause e trattamento
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
La gastrite: sintomi, cause e trattamento

La gastrite è un'infiammazione del rivestimento dello stomaco. Leggete e scoprite i sintomi distintivi, le cause e come viene trattata.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.