Cos'è l'embolia polmonare?

L'embolia polmonare è una malattia cardiovascolare che, se non trattata in tempo, può essere fatale. Vi mostriamo tutto ciò che dovete sapere.
Cos'è l'embolia polmonare?

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre, 2022

Quando un coagulo di sangue appare in una delle principali arterie del polmone si parla di embolia polmonare. Questa malattia colpisce circa 1 persona su 1.000, secondo un rapporto dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Questa patologia è considerata una malattia cardiovascolare. Può abbassare i livelli di ossigeno nel sangue e, se non trattata in tempo, provoca danni permanenti ai polmoni e persino la morte.

Sintomi dell’embolia polmonare

L'embolia polmonare provoca vari sintomi
In generale, le embolie polmonari compaiono all’improvviso, evidenziando la difficoltà di respirazione tra i loro sintomi principali.

L’embolia polmonare impedisce al polmone di ricevere il sangue che deve rifornire di ossigeno e pomparlo al cuore, che a sua volta è responsabile della distribuzione dell’ossigeno al resto del corpo. Pertanto, non sono solo i polmoni ad essere coinvolti in un’embolia polmonare, poiché possono essere colpiti il cuore e altri organi vitali.

Alcuni dei segni di embolia polmonare sono i seguenti:

  • Mancanza di respiro, che può essere anche improvvisa.
  • Dolore al petto, che può peggiorare quando si inala.
  • Frequenza cardiaca elevata.
  • Respirazione accelerata.
  • Vertigini.
  • Tosse, che di solito è secca e può causare sanguinamento.
  • Respiro sibilante.
  • Labbra e dita bluastre (cianosi).

Quando la malattia diventa grave, può portare a shock, arresto cardiaco, perdita di coscienza o morte. La gravità della malattia è misurata dal volume dell’embolia polmonare.

Tuttavia, se il volume dell’embolia polmonare è piccolo, è comunque considerata un’emergenza, poiché può causare un infarto polmonare.

Cause dell’embolia polmonare

Sebbene i coaguli di sangue possano essere causati da una serie di motivi, sono più spesso causati da trombosi venosa profonda, una condizione di coaguli che si formano nelle vene profonde del corpo. Di solito inizia nelle gambe o nel bacino e viaggia fino ai vasi sanguigni dei polmoni.

I coaguli di sangue possono essere generati da varie cause, alcune di queste potrebbero essere le seguenti:

  • Lesioni o danni: quando un muscolo è ferito o strappato, o un osso fratturato, c’è il rischio di danneggiare i vasi sanguigni e causare coaguli.
  • Condizioni mediche: alcune condizioni mediche o trattamenti possono causare coaguli di sangue. Ad esempio, la chemioterapia rende una persona incline a loro.
  • Inattività: quando una persona ha lunghi periodi di inattività, può sviluppare coaguli di sangue, sia che si trovi a letto per riprendersi da una malattia o che trascorra molte ore seduta.

D’altra parte, uno studio pubblicato sul Journal of Anaesthesiology Clinical Pharmacology ha rivelato che in rare occasioni una particella che entra nel flusso sanguigno provoca un’embolia polmonare.

Fattori di rischio

I fattori di rischio potrebbero includere quanto segue:

  • Essere un malato di cancro.
  • Essere in sovrappeso o obesi.
  • Essere una persona sedentaria.
  • Avere più di 60 anni.
  • Aver subito una frattura alla gamba o all’anca.
  • Avere un infarto o un ictus come storia personale.
  • Assumere testosterone o estrogeni.
  • Soffrire di un disturbo genetico della coagulazione del sangue.
  • Avere una malattia infiammatoria intestinale.
  • Avere una storia di un membro della famiglia che ha subito un’embolia polmonare.

Diagnosi

embolia polmonare
La tomografia è una tecnica abbastanza accessibile che ci permette di vedere il grado di coinvolgimento polmonare, anche se deve essere valutata insieme ad altri studi.

Se soffrite di malattie cardiache, ipertensione o enfisema, può essere difficile diagnosticare l’embolia polmonare. In generale, il medico vi farà alcune domande di routine come, tra le altre, cosa avete provato o se avete un membro della famiglia che ha sofferto di embolia polmonare. Quindi, procederà ad eseguire alcuni esami medici come:

  • Radiografia del torace. Il medico sarà in grado di dare un’occhiata più da vicino ai polmoni e al cuore e vedere se ci sono anomalie.
  • Risonanza magnetica.
  • Elettrocardiografo.
  • Angiografia polmonare. Consiste in un’iniezione con un colorante speciale per vedere se c’è un coagulo di sangue attraverso una radiografia.
  • Tomografia computerizzata.
  • Ecografia venosa duplex. Utilizza le onde radio per escludere la formazione di coaguli di sangue nelle gambe, probabilmente correlati all’embolia polmonare.
  • Venografia o venogramma. Questa è una radiografia delle vene delle gambe.
  • Prova del D-dimero.

Trattamento dell’embolia polmonare

Il trattamento dipenderà dalle dimensioni e dalla posizione dell’embolia polmonare, se rilevata precocemente, il medico può prescrivere alcuni di questi farmaci:

  • Anticoagulanti: come eparina, warfarin o arixtra, “fluidificanti del sangue” che impediscono la formazione di coaguli.
  • Trombolitici: la loro funzione è quella di dissolvere rapidamente un coagulo di sangue. Tenete presente che questi farmaci vengono utilizzati solo per le emergenze, poiché i loro effetti collaterali potrebbero essere pericolosi.

Un altro modo per rimuovere i coaguli di sangue è attraverso la chirurgia. Tra le procedure chirurgiche ci sono le seguenti:

  • Posizionamento del filtro in vena cava: questo intervento viene eseguito per evitare che il coagulo di sangue viaggi dalla gamba al polmone, quindi verrà praticata una piccola incisione per inserire un filtro nella vena cava inferiore.
  • Chirurgia aperta: questo tipo di chirurgia viene utilizzato solo se la persona è in stato di shock o le risorse per dissolvere il coagulo sono state esaurite.
  • Estrazione del coagulo: prevede l’inserimento di un catetere per aspirare il coagulo di sangue che si deposita nell’arteria. È un metodo difficile da eseguire, quindi alcuni medici preferiscono un altro tipo di trattamento.

Cura e follow-up

Dopo che il medico ha curato l’embolia polmonare, potrebbe prescrivere alcuni farmaci per fluidificare il sangue per prevenire nuove formazioni. D’altra parte, raccomanderanno anche l’uso di misure di compressione per prevenire la coagulazione del sangue nelle gambe.

Se avete un’embolia polmonare frequente , potete sviluppare una condizione più grave come l’ipertensione polmonare.

Potrebbe interessarti ...
I sintomi del cancro ai polmoni
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
I sintomi del cancro ai polmoni

I sintomi del cancro ai polmoni sono molto vari e si sviluppano con intensità diversa in ogni paziente. Vediamo i suoi segni più comuni.



  • Centers for Disease Control and Prevention [Updated 2020 Feb 07]. Venous Thromboembolism (Blood Clots) – Data & Statistics. Available from: https://www.cdc.gov/ncbddd/dvt/data.html
  • Centers for Disease Control and Prevention [Updated 2020 Feb 07]. Venous Thromboembolism (Blood Clots) – What is VTE?. Available from: https://www.cdc.gov/ncbddd/dvt/facts.html
  • National Heart, Lung, and Blood Institute. Venous Thromboembolism. Available from: https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/venous-thromboembolism
  • Kaur, K., Bhardwaj, M., Kumar, P., Singhal, S., Singh, T., & Hooda, S. (2016). Amniotic fluid embolism. Journal of anaesthesiology, clinical pharmacology, 32(2), 153–159. https://doi.org/10.4103/0970-9185.173356
  • Scoville, E. A., Konijeti, G. G., Nguyen, D. D., Sauk, J., Yajnik, V., & Ananthakrishnan, A. N. (2014). Venous thromboembolism in patients with inflammatory bowel diseases: a case-control study of risk factors. Inflammatory bowel diseases, 20(4), 631–636. https://doi.org/10.1097/MIB.0000000000000007
  • Sekhri, V., Mehta, N., Rawat, N., Lehrman, S. G., & Aronow, W. S. (2012). Management of massive and nonmassive pulmonary embolism. Archives of medical science : AMS, 8(6), 957–969. https://doi.org/10.5114/aoms.2012.32402
  • Ucar E. Y. (2019). Update on Thrombolytic Therapy in Acute Pulmonary Thromboembolism. The Eurasian journal of medicine, 51(2), 186–190. https://doi.org/10.5152/eurasianjmed.2019.19291
  • Chung, J., & Owen, R. J. (2008). Using inferior vena cava filters to prevent pulmonary embolism. Canadian family physician Medecin de famille canadien, 54(1), 49–55.
  • Bĕlohlávek, J., Dytrych, V., & Linhart, A. (2013). Pulmonary embolism, part I: Epidemiology, risk factors and risk stratification, pathophysiology, clinical presentation, diagnosis and nonthrombotic pulmonary embolism. Experimental and clinical cardiology, 18(2), 129–138.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.