Cos'è il reflusso acido?

Avete mai sentito bruciore di stomaco o contenuto dello stomaco salire nell'esofago? Questa condizione è chiamata reflusso. Vi diciamo in cosa consiste.
Cos'è il reflusso acido?
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Il reflusso acido è un sintomo sperimentato da alcune persone con problemi allo stomaco e all’esofago, causato dall’irritazione dell’epitelio dovuta all’acidità di stomaco o alla bile. È una condizione molto fastidiosa che può influire sul benessere, oltre a causare altre patologie a medio termine.

Il reflusso acido si verifica solitamente dopo un pasto. Il fatto che sia abbondante, quando c’è la tendenza a soffrire del problema, aumenta il rischio di bruciore di stomaco. Tuttavia, chi soffre di ernia iatale può sviluppare disagio anche dopo aver consumato cibi leggeri. Ci sono anche coloro che si svegliano nel cuore della notte con la sensazione di reflusso.

La funzione dell’esofago

L’esofago è un tubo muscolare che collega la bocca allo stomaco. Il cibo viene calato attraverso di esso quando ingerito, generando una serie di contrazioni per facilitarne la discesa. Ha una valvola finale situata nello spazio prima della connessione dello stomaco. Ciò impedisce il ritorno del bolo.

Tuttavia, questi sfinteri non funzionano sempre correttamente. A volte si possono sperimentare inefficienze nel suo ruolo, facendo sì che una certa quantità di acido gastrico acceda all’esofago, provocando irritazioni e affezioni nella muscolatura liscia che compone il tubo.

Va notato che, per essere precisi, ci sono due diversi sfinteri. Il primo si trova nella parte superiore del tubo, chiamato sfintere esofageo superiore. Questo viene aperto durante il momento della deglutizione per consentire al cibo di defluire all’interno del tubo.

C’è uno sfintere esofageo interno, che è quello che collega l’esofago con lo stomaco. Ha la caratteristica di non poter essere controllato volontariamente, come nel caso del precedente.

D’altra parte, può indebolirsi nel tempo, sia a causa di una dieta inadeguata, sia per altre cause patologiche. Quando ciò accade, si sviluppa il reflusso acido. Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Missouri Medicine .

Sintomi del reflusso acido

Il reflusso acido provoca bruciore retrosternale
Il reflusso gastroesofageo è una condizione abbastanza scomoda e ovvia. Inoltre, possono verificarsi diversi sintomi che non sono facilmente correlati in prima istanza, come la tosse.

I sintomi del reflusso acido, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Primary Care, sono i seguenti:

  • Distensione addominale
  • Alito cattivo
  • Tosse
  • Gas
  • Bruciore di stomaco e una sensazione di bruciore al petto
  • Sensazione di un oggetto bloccato in gola
  • Singhiozzo
  • Nausea
  • Rigurgito
  • Mal di gola
  • Vomito

Inoltre, quando il reflusso acido si verifica frequentemente, si verifica un cambiamento nelle cellule che compongono l’epitelio esofageo (le cellule più superficiali del tessuto). Questa condizione è nota come esofago di Barret, secondo una recensione pubblicata su Disease a Month .

Per molti anni questo problema è stato legato ad un aumento del rischio di formazione di tumori. Tuttavia, attualmente vi è un notevole disaccordo su questo argomento.

Va tenuto presente che il carcinoma esofageo è uno dei più pericolosi, poiché il tasso di sopravvivenza dopo 5 anni è inferiore al 20%. Lo dimostra uno studio pubblicato sul World Journal of Gastroenterology. Tuttavia, questa patologia sembra essere influenzata in misura maggiore da abitudini come il fumo e altre condizioni come l’obesità che dal reflusso stesso.

Come nella maggior parte dei tumori, l’aumento dell’infiammazione e dell’ossidazione tendono a causare una prognosi peggiore. Per la prevenzione è fondamentale garantire l’apporto di antiossidanti nella dieta e nelle buone abitudini di vita.

Cause del reflusso acido

Diversi sono i fattori che possono condizionare la debolezza degli sfinteri esofagei, che provocherebbero la sensazione di reflusso acido. Uno dei rischi principali è l’esistenza di un’ernia iatale.

Quando ciò si verifica, non è possibile chiudere completamente lo sfintere, il che rende più probabile che il contenuto dello stomaco ritorni nell’esofago.

Possono essere identificati altri fattori di rischio come sovrappeso e obesità, gravidanza, uso continuato di farmaci (come sedativi o antidepressivi) e fumo. Va tenuto presente che sia il sovrappeso che il fumo aumentano anche l’incidenza di tumori legati all’apparato digerente.

Quando lo stato della composizione corporea è migliorato, di solito c’è un miglioramento significativo dei sintomi. Per questo motivo, il reflusso associato alla gravidanza è transitorio.

Diagnosi

La diagnosi di reflusso acido è generalmente semplice. In effetti, molte persone sono in grado di identificare questa condizione senza visitare uno specialista.

Inoltre, normalmente non viene eseguito alcun test clinico per confermare l’esistenza del problema, sono sufficienti l’anamnesi e una descrizione dettagliata dei sintomi. In alcuni casi, può essere eseguito un esame fisico.

Non tutte le persone hanno il reflusso esofageo nella stessa misura. In molti casi si tratta di una condizione occasionale, legata ad eccessi a livello dietetico. Tuttavia, questo problema può diventare cronico. In questo caso è necessario utilizzare una serie di test diagnostici per valutare la competenza sfinterica e se vi sono problemi associati.

Di solito si esegue quanto segue:

  • Un’endoscopia, per valutare il danno tissutale
  • Manometria esofagea, che misura le contrazioni muscolari
  • Monitoraggio del pH e dell’impedenza esofagea
  • Raggi X del tubo dopo l’ingestione di un liquido con contrasto

Trattamento del reflusso esofageo

Il trattamento del reflusso esofageo si basa sul cambiamento delle abitudini di vita, sebbene esistano anche farmaci che possono essere utilizzati per alleviare i sintomi. Ad ogni modo, l’abuso di alcuni di essi è controverso a livello sanitario.

Cambiamenti nello stile di vita

Il reflusso acido ha un trattamento
Evitare bevande alcoliche e soda fa parte dei cambiamenti nella dieta che possono aiutare a controllare il reflusso.

Normalmente, un approccio alimentare sano può alleviare i sintomi del reflusso esofageo. È importante consumare prodotti e alimenti facilmente digeribili, evitando quelli ultra elaborati con capacità infiammatoria e pasti abbondanti o molto grassi. I metodi di cottura preferiti saranno sempre il ferro, il forno, il vapore o la cottura con acqua.

Inoltre, è importante evitare i seguenti alimenti:

  • Bevande gassate
  • Alcol
  • Alimenti trasformati ad alto contenuto di grassi trans (pasticceria e fast food)
  • Sostanze irritanti come il caffè (anche se dipende dalla tolleranza individuale)

L’esercizio fisico regolare è spesso vantaggioso, poiché aiuta a controllare il peso corporeo e a generare benessere. È essenziale evitare il tabacco e gli spazi con fumo. Al momento di coricarsi, è consigliabile sedersi leggermente, per ostacolare l’aumento dell’acidità e che questo genera problemi legati al riposo.

Quando si tratta di pianificare i pasti, è meglio mangiare piccoli pasti durante il giorno. Sarà inoltre necessario testare la tolleranza ad alcuni cibi che hanno un carattere irritante, come pomodori, piccanti, menta…

Farmacologia

Per il trattamento del reflusso esofageo esistono una serie di farmaci da banco finalizzati al controllo dei sintomi. In ogni caso, il loro consumo è consigliato solo in caso di crisi, poiché il loro abuso è controproducente. Inoltre, è importante consultare prima il medico. I più comuni sono i seguenti:

  • Antiacidi : agiscono bloccando gli acidi dello stomaco. In modo casalingo, un effetto simile può essere generato bevendo un bicchiere di latte. Tuttavia, alcuni studi commentano che a medio termine questa soluzione potrebbe essere controproducente.
  • Subsalicilato di bismuto: questo farmaco riduce il flusso di liquidi e acidi nell’intestino.
  • Bloccanti del recettore H2: questi farmaci riducono la quantità di acido nello stomaco. Funzionano rapidamente e hanno effetti di lunga durata.
  • Inibitori della pompa protonica: sono più utilizzati per la loro capacità di aiutare a controllare i sintomi e ridurre la produzione di acido gastrico. Tuttavia, esiste una ricerca che collega l’uso regolare di questa classe di composti con un aumento del rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro.

Quando consultare il medico?

Quando il bruciore di stomaco passa dall’essere un problema occasionale a una condizione frequente, è consigliabile visitare un medico. Questo effettuerà test per conoscere l’origine della patologia, nonché per sapere se c’è un’alterazione dell’epitelio esofageo.

Inoltre, è possibile programmare un trattamento farmacologico se necessario per migliorare il benessere o per controllare efficacemente i sintomi.

D’altra parte, se il reflusso acido è solitamente accompagnato da vomito, sarà necessario cercare un aiuto professionale. Lo stesso vale se hai difficoltà a deglutire o respirare. In questi casi, potrebbe esserci un’altra patologia sottostante che condiziona la comparsa del reflusso e che è necessario trattare per prevenirne la progressione.

Reflusso acido, un problema sempre più frequente

L’aumento dei tassi di sovrappeso e obesità ha fatto sì che il reflusso acido sia sempre più frequente nella popolazione. Normalmente, quando il peso è ridotto e lo stato della composizione corporea è migliorato, di solito c’è un miglioramento dei sintomi. Tuttavia, è possibile che ci sia una patologia sottostante che causa il bruciore di stomaco, come un’ernia iatale.

In ogni caso, se si soffre di reflusso acido su base frequente, è consigliabile recarsi da un medico che effettui una valutazione della competenza degli sfinteri. Allo stesso modo, è utile migliorare le abitudini di vita, scommettendo su una dieta sana e praticando esercizio fisico.

Sebbene esistano trattamenti farmacologici per controllare i sintomi, è necessario ricorrere ai farmaci solo quando strettamente necessario. Questi prodotti tendono ad avere effetti collaterali sul corpo, quindi non dovrebbero essere abusati.

Potrebbe interessarti ...
Ulcera gastrica o dello stomaco: cause, sintomi e trattamento
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Ulcera gastrica o dello stomaco: cause, sintomi e trattamento

L'ulcera gastrica è una lesione della mucosa dello stomaco, causata dall'azione dell'acido gastrico. Il sintomo tipico è il mal di stomaco.



  • Clarrett DM, Hachem C. Gastroesophageal Reflux Disease (GERD). Mo Med. 2018 May-Jun;115(3):214-218. PMID: 30228725; PMCID: PMC6140167.
  • Kellerman R, Kintanar T. Gastroesophageal Reflux Disease. Prim Care. 2017 Dec;44(4):561-573. doi: 10.1016/j.pop.2017.07.001. Epub 2017 Oct 5. PMID: 29132520.
  • Lv J, Guo L, Liu JJ, Zhao HP, Zhang J, Wang JH. Alteration of the esophageal microbiota in Barrett’s esophagus and esophageal adenocarcinoma. World J Gastroenterol. 2019 May 14;25(18):2149-2161. doi: 10.3748/wjg.v25.i18.2149. PMID: 31143067; PMCID: PMC6526156.
  • Andrew F., Ippoliti M., Vernon Maxwell MD., Jon Isenberg BS., The effect of various forms of milk on gastric acid secretion. Annals of Internal Medicine, 1976.
  • Paz MFCJ, de Alencar MVOB, de Lima RMP, Sobral ALP, do Nascimento GTM, Dos Reis CA, Coêlho MDPSS, do Nascimento MLLB, Gomes Júnior AL, Machado KDC, de Menezes APM, de Lima RMT, de Oliveira Filho JWG, Dias ACS, Dos Reis AC, da Mata AMOF, Machado SA, Sousa CDC, da Silva FCC, Islam MT, de Castro E Sousa JM, Melo Cavalcante AAC. Pharmacological Effects and Toxicogenetic Impacts of Omeprazole: Genomic Instability and Cancer. Oxid Med Cell Longev. 2020 Mar 28;2020:3457890. doi: 10.1155/2020/3457890. PMID: 32308801; PMCID: PMC7146093.
  • Mohy-Ud-Din N, Krill TS, Shah AR, Chatila AT, Singh S, Bilal M, Parupudi S. Barrett’s esophagus: What do we need to know? Dis Mon. 2020 Jan;66(1):100850. doi: 10.1016/j.disamonth.2019.02.003. Epub 2019 Feb 23. PMID: 30808502.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.