Le 8 malattie degenerative più comuni

Le malattie degenerative sono croniche, si instaurano poco a poco e di solito non hanno cura. Alcuni colpiscono il sistema nervoso e la memoria, ma altri hanno sintomi molto diversi.
Le 8 malattie degenerative più comuni
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 29 dicembre, 2022

Molte delle malattie di cui soffrono gli esseri umani hanno un quadro acuto che si risolve in pochi giorni o settimane. Inoltre, a causa del progresso della medicina e delle conoscenze scientifiche, varie patologie che prima erano considerate pericolose oggi si autolimitano con il trattamento appropriato. Nonostante ciò, ci sono ancora malattie degenerative comuni senza una cura.

Il termine malattia degenerativa è abbastanza generico, poiché il confine tra danni prodotti “naturalmente” e infezioni è diffuso. L’HIV è una malattia degenerativa perché peggiora nel tempo? Solo quelle condizioni che coinvolgono il sistema nervoso “degenerano”? Continuate a leggere, mentre rispondiamo a queste domande e vi mostriamo 8 malattie degenerative.

Quali sono le malattie degenerative più comuni?

Secondo il National Cancer Institute (NIH), una malattia degenerativa è qualsiasi condizione in cui la funzione degli organi o dei tessuti coinvolti peggiora nel tempo. Per definizione, una patologia degenerativa è cronica (dura più di 3 mesi), ma non tutte le malattie croniche degenerano allo stesso modo.

Sebbene la terminologia possa sembrare complessa, possiamo chiarire che nessuna malattia degenerativa sarà infettiva. Un’infezione batterica di solito peggiora nel tempo, ma l’azione è causata da microrganismi dannosi, non da un meccanismo intrinseco del paziente. Inoltre, le malattie infettive hanno una cura generale, cosa che non si realizza nelle malattie degenerative.

Pertanto, è facile concludere che una malattia infettiva come l’HIV non è degenerativa anche se peggiora nel tempo senza trattamento. Né sono una lesione o il diabete, poiché ci si aspetta che peggiorino se non vengono affrontati, ma non causano da soli in tutti i casi il deterioramento di un sistema o di un organo in modo lento e inesorabile.

Per quanto arcaico possa essere il termine a livello medico, è ancora di relativo interesse quando si classificano alcune patologie croniche con una serie di sintomi caratteristici. Continuate a leggere, perché nelle righe seguenti trattiamo le 8 malattie degenerative più comuni associate al sistema nervoso e muscolare.

Le malattie degenerative sono spesso associate a un peggioramento delle capacità nervose e motorie del paziente a lungo termine.

1. Artrite

Le malattie degenerative includono l'artrite
Sebbene i casi di artrite non siano solitamente fatali, tendono a ridurre significativamente la qualità della vita.

Senza dubbio, l’artrite è una delle malattie degenerative più comuni nella popolazione generale. Questo termine comprende tutte quelle condizioni che colpiscono le articolazioni, causando segni clinici come rigidità, dolore articolare, gonfiore, arrossamento e riduzione del raggio di movimento degli arti colpiti.

Questo insieme di patologie è sempre associato all’età. Come indica il CDC, il 49,6% della popolazione statunitense di età superiore ai 65 anni riporta una diagnosi di artrite, sebbene il numero di casi effettivi sia probabilmente più elevato. Ecco alcune delle condizioni artritiche più comuni nella società generale.

1.1 Osteoartrite (OA)

L’osteoartrite è un tipo di artrite caratterizzato dall’usura della cartilagine articolare e dall’attrito tra le ossa. I suoi sintomi più comuni sono dolori articolari dopo l’esercizio, gonfiore delle aree colpite, diminuzione della mobilità, debolezza e intorpidimento delle estremità.

Oltre ad essere il tipo più comune di artrite, l’OA è il disturbo articolare più diffuso nelle regioni ad alto reddito. Secondo l’NCBI, il 10% degli uomini americani e il 13% delle donne di età superiore ai 60 anni sviluppano sintomi di artrosi alle ginocchia. Lo sviluppo dell’OA può essere strettamente correlato all’elevata incidenza dell’obesità in alcuni paesi.

Più peso devono sostenere le gambe, più aumenta lo stress meccanico sulla cartilagine del ginocchio. Pertanto, le persone obese hanno maggiori probabilità di sviluppare OA negli arti inferiori.

1.2 Artrite reumatoide (AR)

L’artrite reumatoide può essere confusa con l’osteoartrite a causa dei suoi sintomi, ma la sua origine è diversa. Mentre l’OA è associata allo stress meccanico e al passare del tempo, questo quadro clinico ha un’origine autoimmune. Le cellule responsabili della protezione del corpo dalle infezioni attaccano il tessuto articolare sano, provocando un’infiammazione cronica.

La prevalenza dell’AR autodiagnosticata è dell’1,6% della popolazione adulta. In ogni caso, solo il 25% dei pazienti che credono di averlo effettivamente ne soffre, quindi il suo carico epidemiologico è stimato allo 0,5%. I sintomi più comuni sono i seguenti:

  1. Articolazioni tenere, gonfie e calde al tatto.
  2. Rigidità articolare. Questo segno clinico è differenziale, poiché di solito si verifica soprattutto quando il paziente si alza.
  3. Stanchezza, febbricola e perdita di appetito.

Oltre le articolazioni, il 40% dei pazienti affetti da AR manifesta sintomi in altre aree del corpo. Ad esempio, la sclerite (infiammazione della sclera) può verificarsi negli occhi ed è stata registrata una certa propensione a sviluppare l’aterosclerosi nel tempo. Come tutte le tipiche malattie degenerative, l’artrite reumatoide non ha cura.

1.3 Gotta

La gotta è un tipo di artrite infiammatoria caratterizzata da attacchi di infiammazione alle articolazioni. Il dolore arriva rapidamente e raggiunge il picco di insorgenza prima delle 12 ore, accompagnato da sintomi come arrossamento della zona, calore al tatto e difficoltà a muovere la zona interessata. Nella metà dei casi, l’immagine si stabilisce nell’articolazione dell’alluce.

A livello globale, la prevalenza della gotta varia dallo 0,1 al 10%, sebbene la media nei paesi ad alto reddito sia dell’1% della popolazione. In questo caso, la causa sottostante è chiara: l’accumulo di cristalli di urato nell’articolazione interessata. Per questo motivo, fino al 10% dei pazienti con iperuricemia svilupperà la gotta ad un certo punto della loro vita.

L’alta concentrazione di acido urico nel sangue fa apparire prima o poi la gotta sull’alluce.

1.4 Spondilite anchilosante (SA)

Nella spondilite anchilosante c’è un’infiammazione cronica delle articolazioni situate nella colonna vertebrale. Sebbene le cause di questa condizione clinica siano sconosciute, la genetica sembra svolgere un ruolo essenziale: come indicato dalla National Library of Medicine degli Stati Uniti, la maggior parte delle persone con AS risulta positiva al gene HLA-B27.

I sintomi di questa condizione si instaurano gradualmente, con un evidente picco di disagio tra i 20 ei 30 anni di età. Il sintomo più comune è il dolore costante nella regione lombare o glutea combinato con un tronco rigido. Non esiste un trattamento che possa risolvere la spondilite anchilosante, ma è possibile tenerla a bada con farmaci e interventi chirurgici.

L’85% dei pazienti con spondilite anchilosante è positivo per il genotipo HLA-B27.

2. Cancro tra le malattie degenerative

Con l’artrite, abbiamo descritto 4 delle malattie degenerative più comuni nella società generale. Abbiamo cambiato completamente il terzo, poiché è il momento di evidenziare il cancro, il gruppo di patologie degenerative più temuto e preoccupante a livello medico.

Il cancro è caratterizzato dalla crescita incontrollata di una linea cellulare che, purtroppo, è mutata in modo da non rispondere ai normali processi di senescenza e divisione. Pertanto, le cellule proliferano in modo esacerbato e non muoiono quando vengono toccate, favorendo la comparsa di un tumore che può diffondersi ad altre parti del corpo. Quest’ultimo evento è noto come metastasi.

Il cancro è degenerativo per definizione, poiché se non viene trattato (quasi) finirà sempre per diffondersi in tutto il corpo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci fornisce alcuni dati interessanti sulla situazione epidemiologica di queste neoplasie maligne. Li riassumiamo nel seguente elenco:

  • Il cancro è una delle principali cause di morte nel mondo. Nel 2020, questo gruppo di malattie è stato responsabile di oltre 10 milioni di morti.
  • I tipi più comuni sono: cancro al seno (2,26 milioni di casi), polmone (2,21 milioni di decessi), colon-retto (1,93 milioni di casi) e prostata (1,41 milioni di casi).
  • Il tasso di sopravvivenza è molto variabile a seconda del tipo di cancro. Il 95% delle persone con cancro ai testicoli guarisce senza problemi con il trattamento, mentre, in tutte le sue fasi combinate, il cancro ai polmoni ha un tasso di sopravvivenza del 25% a 5 anni dalla diagnosi.

È interessante notare che si stima che dall’80 al 90% dei tumori siano prevenibili. Il solo non fumare riduce già notevolmente le possibilità di sviluppare una neoplasia, poiché fino alla metà delle persone dipendenti dal tabacco muore per effetti diretti derivati dal suo consumo. Condurre uno stile di vita corretto è sempre la migliore profilassi.

3. Sclerosi multipla (SM)

La sclerosi multipla è una malattia degenerativa autoimmune che colpisce il cervello e il sistema nervoso centrale. In questo quadro clinico, il corpo stesso del paziente distrugge le guaine mieliniche che ricoprono i neuroni, lasciandoli così non protetti. Nel tempo, gli impulsi nervosi in diverse parti del corpo rallentano o si fermano.

Secondo gli studi, la prevalenza della SM è in aumento. Si verificano circa 80-180 casi all’anno ed è molto più comune nelle donne che negli uomini, con un totale di 2,5 milioni di pazienti in tutto il mondo. I sintomi sono per lo più motori, con un caratteristico aumento del disagio negli attacchi che diminuisce leggermente nelle remissioni.

Finora, non esiste una cura conosciuta per la SM. Tuttavia, la sua progressione può essere ritardata con alcuni farmaci e terapie.

4. Morbo di Parkinson

Le malattie degenerative includono il morbo di Parkinson
Per fortuna oggi esistono cure efficaci per il Parkinson che ne rallentano l’evoluzione.

La malattia di Parkinson è un tipo di disturbo del movimento. È una malattia neurodegenerativa cronica del sistema nervoso centrale che si presenta principalmente con sintomi motori. I più comuni sono tremore, rigidità corporea, movimento più lento del paziente e chiara difficoltà a camminare.

È la seconda malattia nervosa degenerativa più comune al mondo, seconda solo all’Alzheimer. Colpisce circa 7 milioni di persone in tutto il mondo, che equivale allo 0,3% della popolazione nelle regioni ad alto reddito. È molto più comune nelle persone anziane, poiché la prevalenza va dall’1% a 60 anni al 4% a 80 anni.

Come indicato dalla Mayo Clinic, in questa patologia alcuni neuroni cerebrali si decompongono e muoiono lentamente. Molti dei sintomi corrispondono alla perdita di cellule che producono dopamina, un neurotrasmettitore coinvolto nella comunicazione tra elementi del sistema nervoso. Come il resto delle condizioni menzionate (eccetto il cancro), non ha cura.

5. Alzheimer

L’Alzheimer è una delle malattie degenerative più comuni, se non la più comune nei paesi ad alto reddito. Gli studi stimano che ci siano circa 47 milioni di persone con demenza in tutto il mondo e l’Alzheimer è la causa del 60-80% di tutti i casi. Sebbene l’età sia il principale fattore predisponente per questa condizione, non è una caratteristica normale dell’invecchiamento.

Questa condizione inizia lentamente e corrisponde a un malfunzionamento del materiale proteico presente nel cervello. A causa di vari squilibri, l’attività neurale non può aver luogo e i neuroni perdono la comunicazione tra loro, si indeboliscono e muoiono. Si ritiene che il suo aspetto sia innescato dalla predisposizione genetica, dalle condizioni ambientali e dallo stile di vita combinati.

I sintomi di questa malattia neurodegenerativa sono molteplici. Li raggruppiamo in base alla zona interessata e al momento della presentazione:

  • Perdita di memoria: ripetere ripetutamente la stessa domanda, dimenticare eventi, posizionare sistematicamente oggetti in luoghi assurdi, perdersi in luoghi familiari e dimenticare i nomi dei parenti.
  • Problemi di ragionamento: difficoltà di concentrazione e di pensiero, incapacità di controllare i problemi numerici e peggioramento delle prestazioni durante il multitasking.
  • Cambiamenti di personalità: depressione, isolamento sociale, apatia, irritabilità, aggressività, disorientamento, disinibizione e delusioni.

Nonostante la difficoltà generale nel relazionarsi con l’ambiente, i pazienti possono avere capacità conservate. Ciò significa che spesso svolgono compiti complessi anche quando i sintomi peggiorano. Poiché il coinvolgimento del cervello è “in parti”, una persona con Alzheimer può essere in grado di raccontare storie, parlare o cantare, ma non ha memoria.

Farmaci come gli inibitori della colinesterasi possono rallentare la progressione della malattia, ma non curarla.

Considerazioni finali sulle malattie degenerative

In totale, questa volta vi abbiamo presentato 8 malattie degenerative comuni, con particolare enfasi sull’artrite e sui suoi sottotipi. È essenziale evidenziare questo gruppo patologico, poiché rappresenta che non tutte le condizioni di questa natura sono neurologiche, come nel caso dell’Alzheimer, del Parkinson o della sclerosi multipla.

Le patologie artritiche e i tumori rappresentano senza dubbio le patologie degenerative più diffuse al mondo. Le neoplasie maligne sono la prima preoccupazione a livello sociale e medico, poiché la loro elevata prevalenza e il tasso variabile di mortalità ne fanno un gruppo patogeno di priorità essenziale.

Potrebbe interessarti ...
Le 10 malattie più contagiose che esistono
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Le 10 malattie più contagiose che esistono

Le malattie più contagiose che esistono si combattono a livello globale con i vaccini. Abbiamo vinto la battaglia contro alcune di esse.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.