La carne rossa fa bene o fa male alla salute?

Per molti anni si è ipotizzato che la carne rossa potesse essere malsana se consumata regolarmente. Ora, vi diremo cosa dicono le prove scientifiche al riguardo.
La carne rossa fa bene o fa male alla salute?
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

La carne rossa è uno degli alimenti che genera più disaccordi nella comunità scientifica. Le opinioni divergono sui suoi effetti sul corpo. Ora, l’evidenza attuale sembra dare un risultato solido, soprattutto se si tiene conto di alcune considerazioni che commenteremo di seguito.

La prima cosa da chiarire è che una delle basi di una dieta sana è la varietà. Maggiore è lo spettro degli alimenti consumati, minore è il rischio di sviluppare un deficit di nutrienti essenziali che mette a rischio il corretto funzionamento dell’organismo. Allo stesso modo, è fondamentale mantenere un equilibrio a livello energetico.

Valore nutrizionale della carne rossa

Prima di commentare se il consumo di carne rossa fa bene o male alla salute, è necessario rivedere le caratteristiche nutrizionali generali di questo tipo di alimento. Anche se è vero che ci sono differenze tra ogni pezzo, la verità è che siamo di fronte a prodotti che si distinguono per la loro alta concentrazione proteica.

In tutti i casi, sono nutrienti di alto valore biologico, motivo per cui hanno al loro interno tutti gli amminoacidi essenziali. Hanno anche un buon punteggio per la digeribilità. Va precisato che il soddisfacimento del fabbisogno proteico è determinante per prevenire patologie legate alla massa magra, come afferma uno studio pubblicato su BioMed Research International.

La carne rossa, invece, è in grado di fornire una grande quantità di minerali essenziali, come ferro, zinco e selenio. Tutti svolgono importanti funzioni all’interno dell’organismo. Ad esempio, è stato dimostrato che il ferro è necessario per garantire il corretto trasporto dell’ossigeno attraverso il sangue.

Per quanto riguarda il profilo lipidico, si segnala che esistono variazioni in merito al tipo di carne e alla modalità di alimentazione dell’animale da cui proviene. In questo senso, la concentrazione di acidi grassi omega 3 aumenterà se il bestiame è biologico e vengono offerti pascoli al bestiame. Se invece il metodo di ingrasso avviene attraverso il consumo di mangime, il contenuto lipidico sarà alterato.

La carne rossa provoca il cancro?

La carne rossa lavorata contiene molti nitriti
Si è parlato molto dell’influenza della dieta sulla comparsa di vari tipi di cancro dell’apparato digerente, soprattutto in relazione al consumo di carne rossa.

Negli ultimi anni è stato affermato che il consumo regolare di carne rossa può provocare il cancro. Tuttavia, questa ipotesi non è stata corroborata dalla letteratura scientifica. La maggior parte degli studi effettuati mette carne rossa lavorata e carne rossa fresca nella stessa busta, il che può essere fuorviante. È importante differenziare.

Quando parliamo di carni lavorate, ci riferiamo a prodotti che hanno all’interno additivi di bassa qualità, come i nitriti. Questi sono dannosi per la salute a medio termine, poiché possono aumentare il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro legati all’apparato digerente. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Epidemiology.

Tuttavia, la carne fresca non ha questi elementi al suo interno, quindi non è possibile fare una tale associazione. Infatti, le poche indagini che studiano il consumo di carne rossa fresca e la sua relazione con il cancro non riescono a trovare alcuna prova concreta.

Potremmo anche evidenziare che alcuni studi e revisioni che trattano la carne rossa lavorata e fresca come prodotti simili non sono in grado di stabilire una correlazione tra l’assunzione di entrambi gli alimenti e il rischio di sviluppare il cancro. Per questo motivo non si può dire che la versione fresca sia pericolosa per la salute, anche se la versione lavorata potrebbe essere dovuta alla presenza di additivi all’interno.

La carne rossa può accorciare la vita?

Come abbiamo visto, non sembra esserci un’associazione tra l’assunzione regolare di carne rossa e il rischio di sviluppare il cancro. Molto meno quando si tratta di manzo fresco, di alta qualità, biologico e nutrito con erba. Tuttavia, non è stata trovata alcuna prova che la comparsa di questo tipo di commestibile nella dieta causi altri problemi di salute.

È svanito il mito secondo cui una dieta ricca di proteine può causare danni ai reni o al fegato a medio termine. Inoltre, attualmente si propone che sia necessario aumentare l’apporto di questi nutrienti per ottenere una migliore funzione muscolare ed evitare perdite involontarie di massa magra durante l’età avanzata. In questo scenario, il corretto funzionamento del corpo sarebbe seriamente compromesso.

Né ci sono prove sufficienti per confermare che la carne rossa possa contenere antibiotici o altri elementi tossici che possono influire sulla salute. In ogni caso, per limitare questo rischio, è sufficiente ricorrere a varietà biologiche o bio, poiché in questi casi i controlli sanitari sono molto più intensi, il che garantisce la salute del pezzo in questione.

Allo stesso modo, la letteratura scientifica mostra prove che il consumo regolare di carne rossa non aumenta il rischio cardiovascolare, mentre l’assunzione di carne lavorata potrebbe. Un esempio potrebbe essere un articolo pubblicato negli Annals of Internal Medicine. Tuttavia, le prove sono limitate al riguardo.

D’altro canto bisogna tener conto che alcuni pezzi considerati carne rossa fresca hanno un’elevata qualità e densità nutritiva. Un esempio potrebbe essere il fegato di vitello, un alimento che fornisce ferro e vitamina A in quantità significative. Entrambi i nutrienti possono aiutare a prevenire lo sviluppo di molte patologie complesse. Inoltre, stiamo parlando di un alimento abbastanza economico.

Qual è la quantità giusta da includere nella dieta?

Nonostante quanto detto, è necessario sottolineare che è una buona strategia dietetica privilegiare la presenza del pesce nella dieta rispetto a quella delle carni rosse. Quest’ultimo potrebbe apparire 2 o 3 volte a settimana, nella sua versione fresca. Va alternato anche a carni bianche, molto meno caloriche e con all’interno proteine di alta qualità.

Naturalmente, è essenziale applicare buoni metodi di cottura durante la preparazione di questi alimenti. I cibi fritti o le pastelle possono causare sostanze di scarto tossiche a medio termine, come l’acrilammide e gli idrocarburi policiclici aromatici. Per questo sarà sempre opportuno scegliere il grill, la cottura ad acqua o il forno.

Dovrai stare attento anche alle braci e ai cibi affumicati. Non è consigliabile praticare regolarmente questi metodi di cottura. Il fumo contiene una serie di composti tossici al suo interno. A loro volta, le braci alzano troppo la temperatura degli alimenti, il che potrebbe favorire lo sviluppo di nitrosammine e altri composti che a medio termine provocano danni.

Inoltre, dovresti evitare di usare salse per accompagnarlo. Il motivo non è che hanno elementi dannosi per la salute, ma piuttosto che aumentano la densità energetica del preparato. È essenziale raggiungere un equilibrio a livello dietetico per evitare un aumento di peso che può influire negativamente sul funzionamento dell’organismo.

Nel caso si opti per un condimento, si consiglia sempre di prepararlo in casa. Le versioni industriali di solito contengono zuccheri semplici all’interno e additivi di bassa qualità. Meno entrambi gli elementi appaiono nello schema regolare, meglio è. In questo modo sarà possibile mantenere un buono stato di salute nel medio termine.

Cosa sono esattamente le carni rosse lavorate?

Come hai visto, quello che devi evitare è la carne rossa lavorata. Questo ha additivi dannosi a medio termine. Meno mangi, meglio è. Pertanto, è conveniente essere molto chiari su quale tipo di edible appartenga a questo gruppo, al fine di ridurne la presenza nella dieta. Non succederà nulla se compaiono in tempo, ma in nessun caso dovrebbero far parte del programma giornaliero.

Il nome di carne rossa lavorata si riferisce a tutti gli insaccati che contengono nitriti al loro interno o che hanno un processo industriale estensivo. Esempi potrebbero essere il chorizo, la mortadella, il salame… ma ci sono delle eccezioni. Prosciutto serrano, petto di tacchino e prosciutto cotto di buona qualità possono essere salvati, a patto che si controlli la qualità del prodotto leggendo l’etichetta.

Allo stesso modo, sono generalmente inclusi in questo gruppo anche i piatti precotti o quelli appartenenti al gruppo dei fast food a base di carne rossa. Fare un hamburger fatto in casa con carne macinata non è come consumare questo piatto in una catena di ristoranti di bassa qualità.

La carne bianca è migliore?

Carni rosse e carni bianche possono essere abbinate nella dieta
Anche se può sembrare più salutare consumare carne bianca, in realtà l’ideale è raggiungere un equilibrio alimentare tra prodotti naturali e sani.

Un’altra delle domande tipiche riguarda se la carne bianca è un’opzione migliore per la dieta rispetto alla carne rossa. La risposta è un sonoro no. A livello sanitario, non ha una qualità superiore. Entrambi sono alimenti necessari per garantire il corretto funzionamento del corpo. La cosa più appropriata è inserirli negli schemi in modo che appaiano regolarmente.

Tuttavia, è necessario sottolineare che in determinati contesti la presenza di carni bianche può essere privilegiata rispetto alle carni rosse. Parliamo di una situazione in cui si vuole perdere peso, poiché in questo caso la densità energetica del prodotto può essere un fattore determinante. Qui dovremmo puntare sui pezzi magri per riuscire a massimizzare l’apporto proteico senza aumentare eccessivamente le calorie nella dieta.

In ogni caso è sempre consigliabile aumentare il consumo di prodotti del mare. Questi sono anche in grado di fornire proteine di alto valore biologico. Inoltre, contengono alcuni nutrienti, come lo iodio, che sono molto importanti per garantire l’equilibrio ormonale all’interno del corpo. Questo previene patologie croniche, come quelle legate alla tiroide.

La carne rossa non fa male alla salute

Non ci sono prove scientifiche per affermare che il consumo di carne rossa faccia male alla salute. Sempre che si parli di carne rossa fresca, ovviamente. In questo caso, il rischio di sviluppare cancro o malattie cardiovascolari non aumenterà. Certo, sarà decisivo che sia inserito nel contesto di uno schema vario ed equilibrato.

D’altra parte, va notato che è necessario combinare una dieta adeguata con altre buone abitudini di salute per garantire che l’organismo funzioni in modo ottimale. Sarà necessario promuovere la pratica dell’esercizio fisico su base regolare, in particolare il lavoro di forza. Anche dormire bene la notte sarà decisivo, in quanto assicura i processi di recupero dell’organismo.

Potrebbe interessarti ...
Cibo crudo: benefici e rischi per la salute
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Cibo crudo: benefici e rischi per la salute

Mangiare cibo crudo può essere benefico per la salute, ma è una pratica che comporta anche alcuni rischi. Vediamoli.



  • Martone, A. M., Marzetti, E., Calvani, R., Picca, A., Tosato, M., Santoro, L., Di Giorgio, A., Nesci, A., Sisto, A., Santoliquido, A., & Landi, F. (2017). Exercise and Protein Intake: A Synergistic Approach against Sarcopenia. BioMed research international2017, 2672435. https://doi.org/10.1155/2017/2672435
  • DeLoughery T. G. (2017). Iron Deficiency Anemia. The Medical clinics of North America101(2), 319–332. https://doi.org/10.1016/j.mcna.2016.09.004
  • Barry, K. H., Jones, R. R., Cantor, K. P., Beane Freeman, L. E., Wheeler, D. C., Baris, D., Johnson, A. T., Hosain, G. M., Schwenn, M., Zhang, H., Sinha, R., Koutros, S., Karagas, M. R., Silverman, D. T., & Ward, M. H. (2020). Ingested Nitrate and Nitrite and Bladder Cancer in Northern New England. Epidemiology (Cambridge, Mass.)31(1), 136–144. https://doi.org/10.1097/EDE.0000000000001112
  • Goldbohm, R. A., van den Brandt, P. A., van ‘t Veer, P., Brants, H. A., Dorant, E., Sturmans, F., & Hermus, R. J. (1994). A prospective cohort study on the relation between meat consumption and the risk of colon cancer. Cancer research54(3), 718–723.
  • Han, M. A., Zeraatkar, D., Guyatt, G. H., Vernooij, R., El Dib, R., Zhang, Y., Algarni, A., Leung, G., Storman, D., Valli, C., Rabassa, M., Rehman, N., Parvizian, M. K., Zworth, M., Bartoszko, J. J., Lopes, L. C., Sit, D., Bala, M. M., Alonso-Coello, P., & Johnston, B. C. (2019). Reduction of Red and Processed Meat Intake and Cancer Mortality and Incidence: A Systematic Review and Meta-analysis of Cohort Studies. Annals of internal medicine171(10), 711–720. https://doi.org/10.7326/M19-0699
  • Zeraatkar, D., Han, M. A., Guyatt, G. H., Vernooij, R., El Dib, R., Cheung, K., Milio, K., Zworth, M., Bartoszko, J. J., Valli, C., Rabassa, M., Lee, Y., Zajac, J., Prokop-Dorner, A., Lo, C., Bala, M. M., Alonso-Coello, P., Hanna, S. E., & Johnston, B. C. (2019). Red and Processed Meat Consumption and Risk for All-Cause Mortality and Cardiometabolic Outcomes: A Systematic Review and Meta-analysis of Cohort Studies. Annals of internal medicine171(10), 703–710. https://doi.org/10.7326/M19-0655

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.