Disfagia: sintomi, cause e trattamento

Disfagia: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 26 dicembre, 2022

La difficoltà a deglutire si chiama disfagia. Si distinguono due tipi: disfagia orofaringea (incapacità di iniziare il processo di deglutizione) e disfagia esofagea (incapacità di terminare la deglutizione). Secondo alcune stime, ne soffre fino al 3% della popolazione mondiale, quindi è un’esperienza comune.

La deglutizione è un processo automatico che la maggior parte delle persone dà per scontato. Tuttavia, è molto più complesso di quanto si pensi e su di esso possono intervenire variabili psicologiche e fisiologiche. Per una deglutizione efficace, i muscoli, i nervi, il cervello, gli sfinteri e il tubo di deglutizione devono lavorare in perfetta coordinazione. Esaminiamo i suoi sintomi, cause e trattamento.

Sintomi della disfagia

La presentazione clinica della disfagia è molto varia. L’intensità, la frequenza e la posizione dei segni variano da paziente a paziente, quindi non esistono due casi uguali. Anche così, e seguendo la Johns Hopkins Medicine, vi lasciamo con i suoi sintomi principali:

  • Urgenza di masticare il cibo più a lungo per deglutirlo.
  • Problemi generali a deglutire cibo solido o liquido.
  • Difficoltà a spostare il cibo verso l’interno della bocca (sia liquido che solido).
  • Ingresso inatteso di cibo nelle vie respiratorie (che causa tosse, schiarimento della gola, sensazione di soffocamento e così via).
  • Sensazione che ci sia qualcosa bloccato in gola.
  • Bruciore di stomaco o sensazione di reflusso.
  • Rigurgito del cibo.
  • Polmonite da aspirazione.
  • Fiato corto.

Poiché i pazienti avvertono questi sintomi, molti di loro riducono la quantità di cibo che mangiano. Questo si traduce nel corso delle settimane o dei mesi in perdita di peso, debolezza, sonnolenza e persino malnutrizione. Se i sintomi si manifestano con la stessa intensità quando si beve acqua, la persona può ridurne l’assunzione, in modo che possa presentare sintomi di disidratazione.

È importante notare che la maggior parte delle persone occasionalmente ha difficoltà a deglutire il cibo. Questi episodi non alludono necessariamente alla disfagia. In effetti, alcuni cibi solidi possono rimanere attaccati per alcuni secondi nell’esofago e causare un lieve disagio, e non è raro che il bere disordinato causi l’ingresso di liquidi nella laringe.

Cause della disfagia

Il processo di deglutizione si compone di tre fasi: fase orale (preparatoria), fase orofaringea (transfer) e fase esofagea (diversione verso lo stomaco). Quasi tutti gli episodi di disfagia si verificano nelle ultime due fasi, e lo fanno per fattori sia psicologici che strutturali/fisiologici.

Non affronteremo qui potenziali fattori scatenanti psicologici, ma tieni presente che la valutazione soggettiva di un alimento può scatenare la disfagia.

Ad esempio, una persona che è riluttante o riluttante a mangiare i broccoli può manifestare i sintomi descritti nella sezione precedente. Tutto questo senza che vi sia un’oggettiva alterazione del processo di deglutizione. Con questo in mente, e seguendo sempre gli specialisti, vi spieghiamo le principali cause della disfagia.

1. Stenosi luminale

L'endoscopia permette di diagnosticare l'origine della disfagia
Per studiare un possibile caso di stenosi luminale, può essere necessaria un’endoscopia digestiva superiore o test meno invasivi come i raggi X con mezzo di contrasto.

Allude al restringimento del lume esofageo dovuto a processi infiammatori, stenosi, membrane o tumori. Quando il canale esofageo si restringe, c’è meno spazio per il passaggio del cibo, portando a episodi di soffocamento e sensazioni spiacevoli durante la deglutizione.

2. Malattia da reflusso gastroesofageo non ostruttiva

La malattia da reflusso gastroesofageo spesso spiega molti dei sintomi della disfagia. Infatti, GERD può portare a stenosi luminale, poiché il reflusso può portare a infiammazione nell’esofago. Episodi ricorrenti possono lasciare cicatrici e causare spasmi involontari del canale esofageo, che portano alla manifestazione dei sintomi.

3. Alterazione della motilità primaria

I disturbi motori idiopatici (primari e secondari) sono noti come un gruppo di condizioni che ostacolano il processo di deglutizione. Il più comune di tutti è l’esofago schiaccianoci; cioè un’esacerbazione degli spasmi muscolari durante la deglutizione. Fino al 40% dei disturbi primari corrisponde a questa condizione.

4. Condizioni reumatologiche

Molti pazienti con artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, sindrome di Sjogren e malattia mista del tessuto connettivo spesso presentano disfagia. La presenza di condizioni reumatiche diagnosticate o non diagnosticate può essere alla base dei sintomi.

5. Disturbi neurologici

Sebbene non sia un termine usato dall’intera comunità medica, gli episodi che si spiegano con un disturbo del sistema nervoso sono spesso classificati come disfagia neurogena.

Il disturbo non deve necessariamente essere concentrato nell’esofago per causare complicanze. Tra molti altri, la disfagia è comune dopo l’ictus, l’infarto del tronco encefalico e il morbo di Parkinson.

Tieni presente che più di una dozzina di condizioni possono essere alla base dei problemi di deglutizione. Altre possibili cause sono l’assunzione di farmaci, spasmi diffusi, corpi estranei che ostruiscono il canale, esofagite eosinofila, anello esofageo, tumori esofagei, acalasia, sclerodermia, diverticolo faringoesofageo e molti altri.

Secondo i ricercatori, è più comune nelle donne, negli anziani, nelle persone con diagnosi di malattia di Alzheimer e in quelle con sclerosi laterale amiotrofica. La disfagia non è il risultato dell’invecchiamento, quindi è considerata un segnale di avvertimento sia nella popolazione giovane che in quella anziana.

Parallelamente alla classificazione che abbiamo già presentato, si distinguono anche altri tipi di disfagia in base alla loro manifestazione: disfagia progressiva e disfagia non progressiva (intermittente). Il primo si verifica in qualsiasi tipo di tentativo di deglutizione, mentre il secondo lo fa occasionalmente. Come previsto, il progressivo è il più grave ed è correlato a complicazioni sottostanti che devono essere affrontate il prima possibile.

Diagnosi della disfagia

La diagnosi di disfagia può essere lunga e complessa. Viene scelta una combinazione di diversi test, tra cui cineradiografia, endoscopia del tratto gastrointestinale superiore, manometria e test di impedenza e pH. Come abbiamo visto, sono molti i fattori scatenanti che possono causare il problema, quindi devono essere evidenziati prima di fare una diagnosi accurata.

Nella maggior parte dei casi, i medici specialisti sceglieranno di eseguire un test di deglutizione. Cioè, valutare la reazione del paziente al mangiare o al bere. Il processo viene valutato mediante una radiografia, un endoscopio flessibile nel naso e altri strumenti per valutare le reazioni in prima persona. Una volta che la diagnosi è stata fatta, il trattamento può procedere.

Trattamento della disfagia

La disfagia richiede cure mediche
Inizialmente, il gastroenterologo è lo specialista indicato per diagnosticare e trattare i casi di disfagia.

Il trattamento è determinato sulla base dei risultati durante la diagnosi. Può essere trattata con farmaci, interventi chirurgici, cambiamenti dello stile di vita e apprendimento delle tecniche di deglutizione. Gli esercizi di apprendimento possono aiutare a coordinare i muscoli o stimolare i nervi, quindi vengono scelti quando non è stata trovata alcuna causa apparente.

Allo stesso modo possono aiutare anche il miglioramento della postura durante la deglutizione o il bere, la regolazione della velocità con cui si fa e l’allungamento del tempo medio di masticazione. Le condizioni sono trattate in modo specifico. Secondo loro, verranno prescritti alcuni farmaci, verrà presentato un ricorso per la dilatazione esofagea o verrà raccomandato un intervento chirurgico.

Quando i suoi fattori scatenanti sono soggettivi, si può consigliare una modifica dello stile di cottura del cibo. Se succede con alcuni specifici, possono essere sostituiti da altri che forniscono benefici nutrizionali simili. Non rimandate la visita dallo specialista se avete problemi di deglutizione, soprattutto quando sono continui o molto ricorrenti.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono le conseguenze del mangiare velocemente?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Quali sono le conseguenze del mangiare velocemente?

Mangiare velocemente è considerato dannoso per la salute poiché mette a rischio il processo digestivo e può causare alterazioni.



  • Chilukuri P, Odufalu F, Hachem C. Disfagia. Mo Med . 2018;115(3):206-210.
  • Cho SY, Choung RS, Saito YA, Schleck CD, Zinsmeister AR, Locke GR 3rd, Talley NJ. Prevalence and risk factors for dysphagia: a USA community study. Neurogastroenterol Motil. 2015 Feb;27(2):212-9.
  • Philpott H, Garg M, Tomic D, Balasubramanian S, Sweis R. Dysphagia: Thinking outside the box. World J Gastroenterol. 2017;23(38):6942-6951.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.