Anovulazione: di cosa si tratta?

L'anovulazione è un disadattamento fisiologico femminile che di solito si manifesta con l'assenza o la diminuzione del sanguinamento mestruale. Ha molte possibili cause.
Anovulazione: di cosa si tratta?
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio, 2023

I disturbi dell’ovulazione sono responsabili fino al 30% dell’infertilità nelle donne. Inoltre, si presentano spesso con un periodo di bassa frequenza ( oligomenorrea ) o completamente assente ( amenorrea ), che può essere confuso con la gravidanza e altre condizioni cliniche. Sai cos’è l’anovulazione? Potresti identificarlo dai suoi sintomi?

Gli intervalli mestruali sono generalmente prevedibili e le loro variazioni si verificano in periodi più o meno attesi e ridotti. Pertanto, che una donna smetta di sanguinare nei giorni stabiliti per mesi è sempre un’indicazione di un problema (o di una gravidanza). Non smettere di leggere, perché nelle righe seguenti ti diremo tutto sull’anovulazione e su come rilevarla prima che diventi un problema serio.

Disturbi dell’ovulazione e dell’anovulazione

Prima di parlare dell’anovulazione in particolare, è necessario dare un po’ di informazioni sui disturbi ovulatori in un quadro generale. Questo insieme patologico può essere definito come ” una serie di alterazioni nella produzione dell’ovulo (in alcuni contesti noti come ovocita ) durante il ciclo mestruale di una donna”.

I disturbi mestruali rappresentano il 25-30% dei fallimenti di concepimento da parte delle coppie nei paesi ad alto reddito. Come indicato da fonti professionali, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) li classifica come segue:

  1. Gruppo I ( anovulazione ipogonadotropica ): i pazienti di questo gruppo presentano qualche tipo di insufficienza del sistema ipotalamo-ipofisario. In poche parole, le donne hanno l’amenorrea (senza ciclo) caratterizzata da una bassa concentrazione di gonadotropine ed estrogeni nel sangue, ormoni che regolano le mestruazioni. I disturbi dell’ovulazione si verificano nel 10%.
  2. Gruppo II ( disturbi normogonadotropi e normoestrogenici ): questa categoria include condizioni come l’ovaio policistico e l’ iperprolattinemia. Come suggerisce il nome, i livelli di gonadotropina ed estrogeni sono normali in queste impostazioni. Corrisponde all’85% delle pazienti con disturbi ovulatori.
  3. Gruppo III (ipergonadotropo o ipoestrogenico): le condizioni incluse in questo gruppo sono causati da un errore ovarica stessa. Rappresentano solo il 5% dei disturbi dell’ovulazione.

In alcuni casi, questi tipi di condizioni possono essere corretti con cambiamenti nelle abitudini (soprattutto a livello dietetico), ma in altre occasioni è necessario eseguire approcci sia medici che chirurgici. D’altra parte, va notato che dal 14 al 25% delle donne ha irregolarità mestruali, anche se questo non è sempre un segno di un disturbo.

Cos’è l’anovulazione?

Come indicato dai portali professionali, l’anovulazione è definita come ‘l’assenza di ovulazione che si verifica quando le ovaie non rilasciano direttamente gli ovuli’. Come puoi immaginare, questo interrompe completamente il ciclo ovulatorio e il processo mestruale. Le anovulazioni sono responsabili fino al 25% dei casi di infertilità femminile, seconde solo ai fattori tubarici.

L’anovulazione è tipicamente accompagnata da oligomenorrea o amenorrea, ma questo non è il caso in tutti i casi. È anche possibile che si verifichi un sanguinamento sporadico facilmente confuso con una mestruazione, ma l’irregolarità delle stesse rivelerà che qualcosa non sta andando bene nell’apparato riproduttivo della paziente.

Cause dell’anovulazione

Anovulazione e sue cause endocrine
L’ovulazione è un processo fortemente influenzato dal sistema endocrino, quindi alcune alterazioni ormonali potrebbero sfociare nell’anovulazione.

I disturbi ormonali sono responsabili fino al 70% dei casi di anovulazione. Vedremo gli agenti causali più comuni di questa patologia per sezioni in dettaglio, ma anticipiamo di averli già trattati brevemente quando abbiamo definito i raggruppamenti proposti dall’OMS.

1. Cause ipotalamo-ipofisarie

In questi casi, la colpa principale risiede nella mancata produzione di ormoni luteinizzanti e follicolostimolanti da parte della ghiandola pituitaria (nota anche come ghiandola pituitaria ). Come indicato dai documenti medici, esercizio fisico eccessivo, sottopeso e una combinazione di entrambi rappresentano la stragrande maggioranza dei fattori scatenanti di questa situazione.

Le donne che hanno un indice di massa corporea basso (BMI inferiore a 18,5) o che svolgono una professione fisicamente impegnativa (ginnastica, danza, nuoto e altro) possono sviluppare anovulazione a causa di una riduzione fisiologica della produzione di ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH ) dall’ipotalamo. A sua volta, questo ha il compito di stimolare l’ipofisi già nominata.

Abbiamo anche in questo gruppo una condizione nota come iperprolattinemia. In questo caso, l’ormone prolattina viene prodotto in modo eccessivo a causa di un microadenoma all’interno dell’ipofisi (nella maggior parte dei pazienti). A sua volta, ciò si traduce in una diminuzione della sintesi degli ormoni luteinizzanti e follicolo-stimolanti.

In questi casi, lo squilibrio ormonale risiede in una ridotta sintesi e rilascio di 2 ormoni chiave nel processo mestruale: follicolo-stimolante (FSH) e luteinizzante (LH).

2. Cause ovariche

La sindrome dell’ovaio policistico è causa di anovulazione nel 70% dei casi di natura ovarica. L’esatto innesco di questa condizione è sconosciuto, sebbene la Mayo Clinic citi una serie di entità cliniche correlate ad essa:

  1. Eccesso di insulina: l’ insulina, un ormone prodotto nel pancreas, permette agli zuccheri di entrare nelle cellule e nel loro successivo metabolismo. L’eccesso di insulina incoraggia la produzione di androgeni, che a sua volta porta a difficoltà durante l’ovulazione (come questa).
  2. Eredità: si stima che dal 20 al 40% delle donne con ovaio policistico abbia un parente stretto che riporta anche questo disturbo. Pertanto, si sta studiando la sua possibile correlazione con il genoma.
  3. Eccesso di androgeni: livelli eccessivi di ormoni eminentemente maschili nel sangue (androgeni) sono inequivocabilmente associati alla sindrome dell’ovaio policistico.

Oltre all’anovulazione, la sindrome dell’ovaio policistico riporta sintomi come irsutismo, acne e calvizie maschile. In altre parole, l’eccesso di androgeni nel sistema ormonale della paziente le fa presentare caratteristiche tipiche degli uomini e un periodo irregolare (o assente).

Un’altra condizione associata in questo caso all’anovulazione è l’insufficienza ovarica primaria. Ciò si verifica quando le ovaie smettono di funzionare prima dei 40 anni, a quel punto la fertilità inizia a diminuire naturalmente. Circa il 90% dei casi non ha mai una causa specifica.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi, il disallineamento del ciclo mestruale è il segno più evidente di anovulazione. Questi sono i segni clinici riportati durante la condizione che qui ci riguarda:

  • Amenorrea secondaria: totale assenza di mestruazioni nelle donne che hanno cicli mestruali normali dopo i 15 anni di età. Si verifica in 1 paziente su 4 con anovulazione.
  • Ipomenorrea – mestruazioni anormalmente scarse. Si verifica in quasi la metà delle donne con anovulazione.
  • Periodi mestruali irregolari: l’emorragia non dura più o meno la stessa durata ogni mese. L’oligomenorrea (bassa frequenza mestruale) è molto comune.
  • Diminuzione della sindrome premestruale (PMS): questo termine si riferisce all’insieme dei segni fisici e psicologici che le donne vitali sentono a livello riproduttivo durante il loro periodo mestruale. Ciò include gonfiore, tensione mammaria, goffaggine, affaticamento, mal di testa e altro ancora. Le ragazze con anovulazione hanno sintomi lievi o assenti.
  • Infertilità, o cosa è lo stesso, incapacità di rimanere incinta.
  • Assenza o diminuzione del dolore al seno al tatto (qualcosa di naturale quando associato alle mestruazioni e che è noto come mastodinia ) nel 20% dei pazienti.

La causa sottostante dell’anovulazione può anche avere i suoi sintomi, come irsutismo, acne, aumento di peso e altri segni tipici di alcune delle entità già menzionate.

Anovulazione e sanguinamento vaginale

Non tutte le donne con anovulazione smettono di perdere sangue durante il ciclo mestruale. Come indicato dal portale medico Statpearls, il sanguinamento durante i disturbi ovulatori ( AUB-O ) è un’entità clinica a sé stante che deve essere presa in considerazione, poiché può avere un impatto molto negativo sulla qualità della vita del paziente.

Il sanguinamento uterino anomalo ( AUB ) colpisce 53 donne su 1000 all’anno nelle regioni ad alto reddito (come gli Stati Uniti) e la variante che ci riguarda ( AUB-O ) è responsabile nella stragrande maggioranza dei casi. È interessante notare che l’anovulazione è stata identificata nel 3,4-18,6% delle donne mestruate in alcuni campioni epidemiologici.

L’anovulazione non implica sempre un periodo mancato. In ogni caso, questo sarà quasi sempre scarso e irregolare. Vai dal dottore se ti vedi riflesso in queste righe.

Diagnosi dell’anovulazione

Anovulazione e ciclo mestruale
Oltre a determinare l’anovulazione stessa, il compito principale del medico è individuare la causa. Per questo, utilizza più studi complementari.

L’anovulazione può essere un’entità clinica molto difficile da diagnosticare, soprattutto se la paziente continua ad avere cicli mestruali più o meno regolari. Sarà necessaria l’analisi dell’anamnesi e una palpazione/osservazione pelvica per accorciare la finestra patologica. Sono inoltre richieste le seguenti prove:

  • Esame del sangue: il livello di progesterone nel plasma sanguigno è di qualche utilità per rilevare l’infertilità femminile. Dopo il ciclo ovulatorio, la concentrazione di progesterone nel sangue di solito aumenta (giorni 21-23). Se ciò non accade, è molto probabile che la paziente non stia ovulando. Anche i livelli circolanti di ormone follicolo-stimolante sono utili.
  • Test di screening della prolattina: come abbiamo detto, livelli eccessivamente elevati di prolattina nel sangue (iperprolattinemia) possono diminuire la sintesi di alcuni ormoni chiave nel processo mestruale.
  • Ultrasuoni: il suo scopo è quello di osservare lo stato degli organi situati nell’ambiente pelvico. Anche i sonogrammi a contrasto sono molto utili in quest’area.

Al di là dell’anovulazione stessa, il vero problema sta nel rilevare l’entità clinica che sta causando il problema. I test di concentrazione degli ormoni nel sangue possono indicare al professionista la strada da percorrere, ma sono necessari test sufficienti per trovare l’esatto fattore scatenante (cosa che a volte non si verifica nemmeno).

Trattamento dell’anovulazione

In molti casi il trattamento è abbastanza semplice: è sufficiente stimolare l’ovulazione esogenamente a livello ormonale. Andiamo oltre, poiché fonti già citate indicano che fino al 90% delle immagini di anovulazione risponde molto positivamente se i professionisti medici danno il trattamento indicato.

Ecco un elenco dei farmaci di scelta in una percentuale significativa di pazienti:

  • Citrato di clomifene (CC): questo farmaco è estremamente efficace, poiché fino all’80% delle donne ovulerà di nuovo e il 40% riacquisterà la fertilità dopo essere stato trattato con esso. La dose media va da 50 a 100 milligrammi al giorno nei giorni 3-5 del ciclo, il cui dosaggio viene esteso per altri 5 giorni. La paziente ovulerà una settimana dopo l’ultima dose.
  • Gonadotropina corionica (hCG): viene solitamente aggiunta al suddetto trattamento e induce l’ovulazione in un periodo compreso tra 36 e 72 ore.
  • Ormone follicolo stimolante (FSH): questo ormone favorisce la maturazione degli ovuli nell’ovaio. Purtroppo riporta un rischio di gravidanza multipla in caso di fecondazione del 20-30%.
  • Agonisti e antagonisti dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH): questi farmaci vengono somministrati per iniezione e controllano il rilascio dell’ormone luteinizzante (LH).

Sebbene questi farmaci siano molto utili, va notato che riportano molteplici effetti collaterali. Difetti congeniti fetali, gravidanze ectopiche, gestazioni multiple e iperstimolazione ovarica sono solo alcuni di questi. Discuti molto bene con il tuo medico se il trattamento vale nel tuo caso specifico e non smettere mai di andare ai controlli postulati.

Se il fallimento che causa l’anovulazione è fisico (come un microadenoma), può essere necessario un intervento chirurgico.

Anovulazione: un mondo patologico

L’anovulazione non è una condizione specifica, ma piuttosto un evento che può avere molte patologie come fattori scatenanti principali. Alcuni sono facili da risolvere (come il peso ridotto), mentre altri richiedono approcci farmacologici e persino chirurgici per risolversi completamente.

Se una cosa ci è chiara dopo aver letto queste righe, è senza dubbio la seguente: avere periodi anormali costantemente non è normale e merita sempre una revisione medica. Se ti sei visto riflesso in queste righe, non esitare ad andare al tuo centro di salute più vicino. Sulle questioni ormonali, prevenire e affrontare è sempre meglio che curare a lungo termine.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.