Endometriosi e infertilità: come sono correlate?

Uno dei disturbi ginecologici più comuni in tutto il mondo è l'endometriosi, che può persino influenzare la funzione riproduttiva delle donne.
Endometriosi e infertilità: come sono correlate?

Ultimo aggiornamento: 19 dicembre, 2022

La relazione tra endometriosi e infertilità non è rara. Tuttavia, questo non significa che tutte le donne con la malattia siano “destinate” a non avere figli. In alcuni casi, un trattamento appropriato per la fertilità può migliorare la funzione riproduttiva. Per arrivarci, il medico dovrà valutare l’entità delle lesioni.

L’endometriosi è una malattia cronica il cui sintomo principale è un intenso dolore pelvico, che di solito si accentua anche durante le mestruazioni. Il dolore è una conseguenza della crescita del tessuto endometriale (cioè il tessuto che riveste internamente l’utero) in aree dove non dovrebbe. Questa crescita è chiamata tessuto endometriale ectopico.

Come spiegato dall’Ufficio per la salute della donna, le aree più colpite dall’endometriosi sono solitamente le ovaie (e la loro superficie esterna), le tube di Falloppio e i tessuti di supporto dell’utero. Meno comunemente, può colpire la vagina, la cervice, la vulva, l’intestino, la vescica o il retto.

Secondo il Manuale MSD, il tessuto endometriale ectopico non colpisce solo un punto specifico, ma può anche causare irritazione ai tessuti circostanti. Può anche causare la formazione di aderenze tra le strutture nell’addome (che sono bande di tessuto cicatriziale).

Come affermato in uno studio pubblicato sulla rivista di Medicina Legale del Costa Rica Virtual Edition, il numero di donne con problemi di endometriosi e infertilità è compreso tra il 30 e il 50%, circa. D’altra parte, è interessante sapere che il 25-50% dei casi di donne che soffrono di infertilità ha l’endometriosi.

Cause di infertilità

Endometriosi e infertilità: cause anatomiche e funzionali
Il tessuto endometriale ectopico può causare disturbi fisici e funzionali in grado di compromettere la fertilità. Per molte persone, questa è una delle maggiori conseguenze dell’endometriosi.

Nel portale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si afferma che la relazione tra endometriosi e infertilità risiede negli effetti della malattia stessa nella cavità pelvica e nelle principali aree colpite già citate (ovaie, utero e tube di Falloppio).

Insomma, la presenza di tessuto endometriale ectopico in varie parti dell’apparato riproduttivo (soprattutto ovaie e tube uterine) è ciò che può rendere difficile o addirittura impedire l’impianto dell’embrione.

Quindi, il blocco delle tube di Falloppio (e l’irritazione delle aree circostanti) da parte del tessuto endometriale ectopico è ciò che può causare infertilità. Per aiutare a capire questo, la dott.ssa Elisa Martín Cano spiega quanto segue:

  • In condizioni normali, il tessuto endometriale riveste l’utero (che è una cavità cava) e mese dopo mese si prepara ad una possibile gravidanza. Pertanto, è sensibile ai cambiamenti ormonali.
  • In caso di fecondazione, il tessuto endometriale consente all’embrione di impiantarsi e ne impedisce la caduta.
  • Il tessuto endometriale ectopico è anche sensibile ai cambiamenti ormonali, quindi con l’avvicinarsi delle mestruazioni può sanguinare e causare grande dolore. Anche se puoi farlo anche durante e dopo.

D’altra parte, l’OMS chiarisce che l’entità delle lesioni endometriali non sempre corrisponde alla gravità o alla durata dei sintomi dell’endometriosi. Ciò significa che il fatto che una donna abbia una lesione diffusa non ha meno probabilità di rimanere incinta rispetto a una donna che ha lesioni meno diffuse.

“La gravità dei sintomi e gli effetti del disturbo sulla fertilità e sulla funzione degli organi variano notevolmente da una donna all’altra” è affermato nel Manuale MSD.

Il tessuto ectopico può ostruire il passaggio dell’uovo dall’ovaio all’utero e causare infertilità.

Endometriosi e infertilità: trattamento

Secondo lo studio sopra citato, il trattamento dell’endometriosi e le tecniche di riproduzione assistita possono contribuire al raggiungimento della gravidanza nelle pazienti. A questo proposito va sempre tenuto presente che le percentuali di successo sono variabili.

Le opzioni di trattamento per l’infertilità dell’endometriosi includono quanto segue:

  • Stimolazione ovarica con inseminazione intrauterina (IUI)
  • Fecondazione in vitro (FIV).
  • Rimozione chirurgica laparoscopica dell’endometriosi

Trattamento chirurgico

Quando la donna che soffre di endometriosi soffre di infertilità e vuole rimanere incinta, di solito si ricorre al trattamento chirurgico. In questo si cerca di eliminare la maggior quantità di tessuto endometriale ectopico, cercando però di non ledere le ovaie per non intaccare la funzione riproduttiva.

A seconda dello stadio dell’endometriosi e del suo livello di coinvolgimento, la probabilità che la donna raggiunga una gravidanza dopo l’intervento aumenta tra il 40-70%.

Anche quando la chirurgia riesce ad eliminare tutto o quasi tutto il tessuto endometriale ectopico, il trattamento o il follow-up medico non finisce qui. Questo perché l’endometriosi è una malattia cronica e progressiva. La chirurgia è una forma temporanea di trattamento.

Quando non è possibile rimuovere tutto il tessuto, al paziente può essere somministrato un trattamento postoperatorio con un agonista del GnRH (ormone di rilascio delle gonadotropine).

Tuttavia, il manuale MSD afferma che mentre questi tipi di farmaci sono utili nel controllo della progressione dell’endometriosi, non è noto se gli agonisti possano migliorare la fertilità in quanto tali.

  • Un agonista del GnRH aiuta a inibire la produzione di ormoni responsabili dell’ovulazione, del ciclo mestruale e della progressione dell’endometriosi.

Fecondazione in vitro

Endometriosi e infertilità: la fecondazione in vitro è una cura valida
La fecondazione in vitro è una procedura relativamente semplice che può risolvere alcuni casi di infertilità femminile.

Gli esperti di Cochrane spiegano che la fecondazione in vitro è un processo in cui gli ovuli vengono prelevati dalle ovaie di una donna, quindi fecondati con lo sperma (del suo partner o di un donatore) per creare embrioni. Successivamente, questi vengono sostituiti nell’utero.

Sebbene il trattamento farmacologico sia talvolta prescritto prima della fecondazione in vitro, non deve necessariamente essere eseguito dopo aver ricevuto un trattamento con un agonista del GnRH per 6 o più mesi.

In generale si passa direttamente alla fecondazione in vitro nei seguenti casi:

  • Quando la gravidanza non si verifica dopo 6-12 mesi di trattamento chirurgico dell’endometriosi.
  • Le tube di Falloppio sono bloccate.
  • Ci sono altri problemi di fertilità.

Endometriosi e infertilità: rischi di aborto spontaneo

Anche quando la donna con endometriosi ha raggiunto la gravidanza, deve mantenere un controllo e un trattamento adeguati, poiché ci sono diversi rischi di placenta previa, parto prematuro e aborto spontaneo.

Inoltre, non fa male che le donne cerchino di mantenere uno stile di vita sano, in cui predomina non solo una buona dieta, ma anche altre buone abitudini di vita, tra cui dormire a sufficienza ogni giorno.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è la menopausa indotta?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Che cos’è la menopausa indotta?

La menopausa indotta o chimica si verifica in modo artificiale e improvviso in giovane età. Ma cosa intendiamo con la parola "artificiale"?




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.