Le differenze tra empatia e simpatia

Empatia e simpatia sono concetti strettamente correlati, ma non significano esattamente la stessa cosa. Qui vi mostriamo in che modo differiscono e quale di loro è più utile quando si aiuta qualcuno.
Le differenze tra empatia e simpatia
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

I termini empatia e simpatia sono spesso usati in modo intercambiabile per sottolineare i tratti positivi di una persona. In ogni caso, va notato che in realtà hanno significati diversi e le loro applicazioni nella cultura umana sono diverse. Sia una persona comprensiva che un empatico capiranno una persona cara in un momento difficile, ma i meccanismi sottostanti differiscono.

Essere empatici, comprensivi, affabili e generosi è qualcosa che quasi tutti cercano. Siamo animali sociali e, come tali, parte del nostro benessere risiede nell’approvazione che riceviamo dagli altri e nella nostra autopercezione derivata dalle buone azioni. Non smettere di leggere, perché qui ti mostriamo tutte le differenze che dovresti conoscere tra empatia e simpatia.

Cos’è l’empatia?

L’Oxford Dictionary definisce la parola empatia come “la partecipazione affettiva di un essere umano in una realtà a lui estranea, generalmente nei sentimenti di un’altra persona”. In altre parole, si tratta della capacità di comprendere o sperimentare ciò che un’altra persona sta provando dal proprio piano di riferimento. Questa è la capacità di mettersi nei panni di qualcun altro.

L’empatia richiede la comprensione dello stato emotivo dell’altro essere umano dal punto di vista dell’altro. Tuttavia, ciò non significa che ciò che una persona empatica comprende abbia senso in tutti i casi per loro. Facciamo un esempio:

Una persona che ha subito un incidente stradale può avere molta paura di prendere l’auto, al punto da prendere decisioni irrazionali per evitarlo. Qualcuno empatico comprende il passato e le emozioni che questo comporta, comprende il quadro emotivo dell’altro soggetto e agisce in base al proprio benessere. Anche se non avete vissuto l’incidente in sé, potete immaginare come ci si sente.

È stato dimostrato che l’empatia non è unica per gli esseri umani. Bonobo, delfini, roditori e molti altri animali hanno mostrato la capacità di evitare il dolore degli altri (sebbene questo non li avvantaggia) se ne hanno l’opportunità. Si ipotizza che questo tratto getti le sue basi nella comunicazione affettiva, nell’attaccamento e nella cura dei genitori.

Non puoi entrare in empatia in astratto o allontanarti dall’immagine di qualcun altro. Devi provare a sentire ciò che non è appropriato per essere empatico.

Cos’è la simpatia?

Le differenze tra empatia e simpatia includono il modo in cui queste persone aiutano gli altri
Inconsciamente, le persone gentili hanno un modo particolare di aiutare gli altri che a volte può essere visto come egoista.

Il portale professionale Merriam Webster definisce la simpatia come “il sentimento derivato dalla preoccupazione, dal rimpianto per i problemi, dal dolore o dalla sfortuna di un’altra persona”. Questo complesso processo include la percezione, la comprensione e la reazione al disagio e al bisogno emessi da un’altra forma di vita. Sembra radicato in una condotta nobile, ma richiede una certa qualificazione.

Perché si verifichi la simpatia, lo scenario reale o ipotetico deve avere i seguenti elementi:

  1. Attenzione al soggetto in questione.
  2. Convinzione che il soggetto (o gruppo di soggetti) sia in pericolo, richieda aiuto o non stia bene.
  3. Una serie di caratteristiche specifiche inerenti alla situazione.

Il primo punto è il più importante di tutti. Una persona deve essere centrata (almeno superficialmente) sull’individuo in difficoltà per sviluppare il sentimento di empatia, poiché le distrazioni impediscono la percezione della situazione che si sta sviluppando. Nell’ambiente giusto, gli esseri umani sono in grado di percepire indizi verbali e non verbali che indicano un bisogno di aiuto.

La simpatia si basa anche sull’impulso (genetico e sociale) ad aiutare le persone più deboli (bambini, malati e anziani, per esempio). In altre parole, il livello di vulnerabilità del soggetto che richiede aiuto fa la differenza tra attenzione e simpatia. Facciamo un semplice esempio per capire:

Una persona può avere difficoltà a correre una maratona perché ha il raffreddore e starnutisce molto. Questo di solito attira l’attenzione e ti chiederemo sicuramente se vuoi continuare con l’attività. In ogni caso, se si verifica la stessa situazione e il soggetto che non va bene ha un cancro molto aggressivo, sentiremo più simpatia rispetto al caso precedente.

La gravità dell’evento segna l’intensità della simpatia che proviamo per l’individuo in questione.

Quali sono le differenze tra empatia e simpatia?

Entrambi i termini sembrano indistinti, giusto? Sebbene la lingua spagnola a volte sia infida, ecco alcune differenze tra empatia e simpatia che non lasceranno spazio a dubbi. Non perderlo!

1. L’empatia implica esperienza e comprensione, mentre la simpatia implica solo comprensione

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, l’empatia richiede di sperimentare (o immaginare nella propria carne) l’esperienza dell’altro. La distanza dal punto di vista sentimentale è minima: l’individuo comprende ciò che sta attraversando la persona amata perché si mette nei suoi panni ed è capace di percepire emozioni analoghe o simili a quelle vissute dall’altro.

D’altra parte, la simpatia può essere concepita come sentimento e preoccupazione per qualcuno (generalmente desiderando il suo benessere). Sebbene questo sentimento sembri empatico per natura, va notato che un atto di simpatia non richiede esperienza o mettersi nei panni dell’altro. Il simpatico capisce cosa succede al parente (o almeno così crede), ma non si sente come lui.

Come noteremo nelle righe successive, i portali di esperti in psicologia (soprattutto Psychiatric Medical Care ) danno una connotazione abbastanza negativa al termine simpatia. Ad ogni modo, per ora ci limitiamo a fare la seguente distinzione:

  1. Una persona che esercita simpatia dice “So cosa stai passando” a qualcuno che sta attraversando un momento difficile.
  2. Una persona che esercita empatia dice “Sono capace di sentire quello che senti tu” a qualcuno che si trova in un momento difficile.

Una delle differenze più evidenti tra empatia e simpatia è che la prima è vista dall’interno e la seconda dall’esterno.

2. La simpatia implica dolore e l’empatia no

Come abbiamo sottolineato nel descrivere il termine, simpatia implica provare pietà, pietà e pietà da parte dell’individuo nella situazione. Ciò implica un intrinseco sentimento di superiorità, per quanto sia difficile riconoscerlo, poiché vedere un altro vulnerabile implica sempre che si trovi in una situazione sfavorevole rispetto a noi.

Sentirsi dispiaciuti per una persona in difficoltà non è mai positivo. Questo alimenta il problema dell’individuo che vive il disagio, poiché ripetere quanto sta male lo renderà solo più consapevole della sua difficile situazione. Inoltre, implica una condiscendenza irreale.

Una persona empatica non prova una pietà insensata per qualcuno che sta attraversando un momento difficile. Si preoccupano però di stabilire un legame affettivo con il soggetto in questione, di mettersi nei suoi panni, di vivere (in tutto o in parte) il proprio disagio e di fornire un ascolto attivo. D’altra parte, la simpatia tende ad essere frivola e non si collega realmente al piano emotivo degli altri.

  • La persona che esercita simpatia da sola dice “Ti capisco “, ma raramente capisce ciò che l’altro sta realmente vivendo.
  • La persona che esercita empatia dice “ti ascolto” e dà un sostegno attivo all’altro, perché sa quanto sia difficile trovarsi nella sua situazione.

3. L’empatia richiede un ascolto attivo

Le differenze tra empatia e simpatia includono i metodi di comunicazione
Quando si pratica l’empatia, è importante che la comunicazione sia fluida e assertiva. Per questo, l’ascolto attivo è essenziale.

L’espressione ascolto attivo si riferisce a una tecnica unica di comunicazione umana. In parole povere, in questo processo il soggetto ( mittente ) esprime la sua situazione attraverso parole e gesti e la persona che ascolta ( ricevente ) ha la sua attenzione focalizzata su di lui, partecipando attivamente se necessario.

L’ascolto attivo si basa sui seguenti pilastri:

  1. Comprensione: capacità di percepire il messaggio che viene emesso e formarsi con esso un’idea mentale chiara.
  2. Ritenzione: la memoria è essenziale nel processo di ascolto attivo, poiché è necessario estrarre un significato dal messaggio al di là delle parole. Ricordare i momenti e le situazioni che ha attraversato il mittente quando contestualizza il suo messaggio aiuta molto a entrare in empatia in modo reale con lui.
  3. Risposta: l’attenzione attiva richiede risposte, ma non sempre sotto forma di soluzioni. Il ricevente può esprimere un “ti seguo” o un “continua” per rafforzare l’idea che il mittente sia ascoltato e limitarsi alla comprensione.
  4. Quantificazione: l’ascolto attivo praticato da uno specifico individuo può essere quantificato utilizzando l’Active Listening Observation Scale (ALOS).

L’ascolto attivo consente al soggetto empatico di comprendere, trattenere e rispondere ai problemi che l’emittente sta postulando. D’altra parte, una persona che esercita simpatia in isolamento può sbottare un “ti capisco” quando in realtà ha ascoltato molto poco l’altra persona. Prova sincera pietà per lei, ma a volte non si preoccupa di comprendere appieno la situazione.

Con tutte queste idee non vogliamo insinuare che la simpatia implichi l’ignoranza dell’emittente in tutti i casi. In ogni caso, è possibile essere gentili senza capire quasi nulla di ciò che viene spiegato. L’empatia richiede sempre un ascolto attivo e questo va di pari passo con una vera comprensione.

Un’altra differenza tra empatia e simpatia risiede nella presenza o assenza di ascolto attivo. Il primo lo richiede sempre, mentre il secondo no.

4. La simpatia tende a cadere nella trappola del “almeno”

Questa è una delle differenze tra empatia e simpatia che è più facile discernere da un punto di vista pratico. Facciamo un esempio:

  1. Si verifica un incidente in uno spazio pubblico e muoiono 2 persone. Uno dei colpiti si frattura una gamba e, dopo aver lasciato il medico, condivide il suo disagio con 2 amici estranei alla tragedia.
  2. L’amico che esercita la simpatia tenderà a dire quanto segue: “Mi dispiace molto per te, ma almeno non hai avuto la parte peggiore”. Probabilmente sceglierai anche di ridurre il carico emotivo dell’evento anche se non è tua intenzione con un “tranquilli, sicuramente guarirai presto”.
  3. L’amico che esercita empatia tenderà a dire quanto segue: “Capisco che doveva essere un’esperienza molto traumatica”, senza stabilire un proprio giudizio o confrontare la situazione con un’altra. È anche probabile che offrano supporto con un “se hai bisogno di me per qualsiasi cosa, eccomi qui”.

Il “almeno” ( almeno in inglese) è una bandiera rossa in tutti i casi quando si parla di connessione emotiva. Questa semplice costruzione denota che la persona non sta comprendendo il disagio della persona amata e cerca di consolarla minimizzando ciò che sente.

D’altra parte, spesso cadi anche nella trappola del “perché”. Se una persona cade dalle scale ed esprime la sua paura, è probabile che qualcuno che non è empatico gli risponda quanto segue: “Perché hai paura, se ora stai più attento che mai?” Sebbene questo atteggiamento cerchi di essere confortante, invalida solo il sentimento legittimo del mittente.

Le persone empatiche non hanno bisogno di diminuire la carica emotiva del mittente per sentire che stanno aiutando.

5. A volte compassione significa suggerire soluzioni non necessarie

Tutti gli esseri umani sono i protagonisti della nostra stessa storia, per questo tendiamo a credere che il modo di agire che scegliamo sia sempre quello giusto. La nostra specie è in qualche modo narcisista ed egocentrica, ma questi tratti possono essere elaborati nel tempo e siamo inclini a minimizzarli man mano che invecchiamo.

A volte (e involontariamente), le persone con atteggiamenti più comprensivi che empatici possono cercare di cercare soluzioni non richieste ai problemi di altre persone. Non derivano dal male, ma queste costruzioni sono molto poco utili quando si interagisce con una persona in uno stato di disagio emotivo:

  • “Farei X invece di Y”.
  • “Quando ero nella tua situazione ho fatto X”.
  • “Mi dispiace per te, ma se fai X andrà più veloce.”

Queste frasi indicano solo che la simpatia è eminentemente egoista. In altre parole, il destinatario del messaggio sta cercando di convincere il mittente a fare ciò che considera buono, non ciò che gli si addice veramente. Ancora una volta, non è un gesto del male: c’è semplicemente un’incapacità di mettersi nei panni dell’altro.

L’empatia si basa sul “trattare gli altri come vogliono essere trattati” e la simpatia sul “trattare gli altri come vorresti essere trattato”.

Differenze tra empatia e simpatia: quale è meglio?

Dopo aver esposto queste differenze tra empatia e simpatia, è facile concludere che la prima è molto più utile della seconda in tutti i casi. Se sei arrivato a quel punto, non prendiamo la tua ragione, poiché essere effettivamente empatici incoraggia a costruire ponti emotivi con persone che provano disagio più che dispiacere per loro.

Tuttavia, va notato che la simpatia non deriva da cattive intenzioni e che può anche essere confortante in momenti specifici. Entrambi i concetti scaturiscono dal bisogno di benessere, ma l’empatia consente di creare connessioni molto più sane e positive a lungo termine.

Potrebbe interessarti ...
Troppa empatia può essere dannosa per la salute mentale
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Troppa empatia può essere dannosa per la salute mentale

Troppa empatia può compromettere la salute mentale, e lo fa più intensamente di quanto possiamo immaginare. Scoprite perché.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.