Differenze tra fobia e paura

Provare paura in una situazione compromettente è naturale, ma non se la persona risponde eccessivamente a uno stimolo che non è realmente minaccioso. In questa idea si fondano le differenze tra fobia e paura.
Differenze tra fobia e paura
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 23 aprile, 2023

Abbiamo tutti paura di qualcosa. O per istinto o per esperienza precedente, è normale che un oggetto, un essere vivente o una situazione generi un certo rifiuto, giustificato o meno. In ogni caso, è necessario conoscere le differenze tra fobia e paura, poiché una è una risposta naturale a uno stimolo negativo e l’altra rappresenta un disturbo psicologico.

Avete una paura eccessiva di qualcosa e non sapete se è classificata nel campo delle fobie? In tal caso, vi consigliamo di continuare a leggere, ma dovrete anche chiedere aiuto a un professionista della salute mentale. Solo uno specialista del settore potrà diagnosticare il vostro caso specifico, quindi non esitate a chiedere consiglio.

Paure e fobie

Prima di affrontare entrambi i termini, troviamo interessante definirli separatamente. Le paure e le fobie sono condizioni molto diverse ed è necessario trattarle come parte di diversi piani mentali, non importa quanto siano strettamente correlate. Fallo.

Cos’è la paura?

Le differenze tra fobia e paura includono che quest'ultima è normale
La paura deve essere intesa come un’emozione fondamentale e inevitabile. Un essere umano sano e funzionale (e anche alcuni animali) spesso sperimenta la paura.

L’Oxford Dictionary definisce la paura come “la sensazione di angoscia causata dalla presenza di un pericolo reale o immaginario”. Può anche essere concepito come un sentimento di sfiducia che spinge la persona a credere che accadrà un evento contrario a ciò che desidera. È un concetto soggettivo, ma la risposta fisiologica che genera è quantificabile.

Il meccanismo della paura è esemplificato dalla reazione di lotta o fuga, una risposta che avviene negli esseri viventi alla percezione di danno, attacco o minaccia alla sopravvivenza individuale. Quando notiamo un pericolo nell’ambiente, la nostra ghiandola pituitaria si attiva e rilascia l’ormone adrenocorticotropo (ACTH), mentre il surrene secerne adrenalina.

Questi messaggeri chimici promuovono la sintesi e il rilascio di cortisolo, il glucocorticoide associato per eccellenza alle risposte allo stress. Ciò provoca un aumento dell’azione cardiaca, un aumento della frequenza respiratoria, inibizione dello stomaco (fino all’arresto della digestione), dilatazione dei vasi sanguigni muscolari, allargamento pupillare, accelerazione della funzione coagulante e molti altri cambiamenti.

La paura comporta l’avvio della reazione di lotta o fuga, che è mediata dal sistema nervoso autonomo e dai suddetti composti ormonali. Il corpo ci sta dicendo qualcosa di chiaro: “dirigi tutta la tua energia ai muscoli e ai tuoi sensi, perché forse devi correre o scappare dalla minaccia che percepisci”.

Nella reazione di lotta e fuga i processi non essenziali vengono immediatamente interrotti e l’energia viene deviata ai muscoli e agli organi di senso.

Che cos’è una fobia?

La fobia può essere semplicemente definita come “una paura persistente ed eccessiva di un oggetto o di una situazione”. Come indicato dalla Clinica Universitaria di Navarra (CUN), si verifica un rifiuto sistematico nei confronti di un concetto che non dovrebbe essere problematico in sé (o che è meno pericoloso di quanto percepito).

Le fobie più comuni sono quelle rivolte a certi animali (come serpenti, ragni e insetti), anche se sono comuni anche quelle che hanno come concetto conflittuale sangue, altezza, situazioni sociali e spazi aperti. Va notato che l’evento o l’oggetto che provoca la reazione determina la categoria in cui è inclusa ciascuna fobia.

La maggior parte delle fobie inizia nell’infanzia, nell’adolescenza o nella prima età adulta. Quando la persona è esposta all’oggetto o alla situazione che teme in modo irrazionale, appare una grave ansia, manifestata a livello fisico e psicologico. Va notato che le condizioni fobiche non sono considerate quelle in cui la paura è causata da un’altra condizione (come il disturbo ossessivo-compulsivo).

La fobia è una risposta disadattiva, cioè la reazione della persona che ne soffre non è accompagnata dal meccanismo naturale di risposta al pericolo.

Quali sono le differenze tra fobia e paura?

Abbiamo già spiegato brevemente entrambi i termini, quindi è il momento di verificare le disparità tra loro. Anticipiamo che la fobia è patologica, quindi richiede un intervento psichiatrico. Fallo!

1. La paura è naturale, mentre la fobia no

La paura è una normale risposta adattiva, poiché gli esseri viventi non potrebbero rimanere nell’ambiente senza di essa. È concepito come una delle 6 emozioni di base che vengono percepite in tutte le culture umane (e al di fuori della nostra specie), insieme a gioia, tristezza, disgusto, rabbia e sorpresa. È più discutibile che altri animali possano provare certi sentimenti, ma la paura è universale.

I vertebrati complessi come cani, gatti, pecore e maiali (tra molti altri) mostrano chiari segni di paura quando sono esposti a una situazione che percepiscono come pericolosa. Gli animali da preda sono molto più vocali con questa emozione, poiché sono pronti a mostrare paura e ad avvertire il resto dei loro congeneri quando incontrano un predatore.

La paura è adattiva in una certa misura. Gli esseri umani hanno la risposta di lotta e fuga nella nostra impronta genetica, perché alla fine della giornata abbiamo ancora bisogno di affinare i nostri sensi in situazioni estreme (un incidente stradale, una rapina o un incendio). Come indicano gli studi, negli esseri umani questa risposta è costituita da stimolo, cognizione e comportamento.

D’altra parte, la fobia non ha alcun senso da un punto di vista biologico o comportamentale. La risposta patologica derivata dallo stato emotivo del paziente è solitamente molto peggiore della minaccia stessa e non è associata ad un aumento della sopravvivenza. La fobia è un disturbo solo umano e non adattivo, mentre la paura è un’emozione universale che viene vissuta oltre la nostra specie.

2. I sintomi sono diversi in ogni caso

Un’altra differenza chiave tra paura e fobia sono i sintomi presentati. Li analizziamo separatamente e poi giungiamo a una serie di conclusioni comuni.

I sintomi della paura

La paura è costituita da una serie di reazioni biochimiche (lotta o fuga) e da una componente emotiva, altamente personalizzata e unica. Le sensazioni subite possono variare tra situazioni e persone, ma alcuni dei segni universalmente sperimentati prima di questa emozione sono i seguenti:

  • Brividi che fanno tremare.
  • Bocca asciutta.
  • Malattia.
  • Battito cardiaco accelerato.
  • Sensazione di fiato corto.
  • Sudorazione
  • Tremori.
  • Mal di stomaco.

Tutti questi segni sono normali fino a un certo punto, poiché indicano che le energie corporee vengono deviate verso i sistemi che sono immediatamente necessari. In ogni caso, psicologi e psichiatri possono essere di aiuto per rendere più gestibile l’intensità dell’emozione.

Sintomi e segni di fobia

La fobia è considerata un disturbo e come tale deve essere diagnosticata. Di tanto in tanto, l’ American Psychiatric Association (APA in inglese) rivede il suo Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), in cui raccoglie i sintomi necessari per rilevare tutti i disturbi riconosciuti a livello internazionale.

La quinta edizione di questo documento (pubblicato nel 2013) include i seguenti criteri per diagnosticare una fobia specifica:

  1. Paura eccessiva e irrazionale: la persona avverte un disagio eccessivo derivato dall’esposizione a uno stimolo non propriamente pericoloso.
  2. Risposta all’ansia immediata: le sensazioni percepite dal paziente compaiono immediatamente dopo l’esposizione all’oggetto della fobia.
  3. Risposta di evitamento o stress estremo: il paziente fa tutto il possibile per evitare lo stimolo negativo (anche se questo è per lui controproducente). Nel caso in cui non riesca a fuggire dalla situazione, la sopporta con uno stress estremo e ingiustificato.
  4. Impatto significativo: la fobia deve peggiorare la vita del paziente in alcune aree (lavoro, scuola, vita personale e altre).
  5. Durata di almeno 6 mesi: questo parametro è soddisfatto sia nei bambini che negli adulti.
  6. Non essere causato da un altro disturbo: diversi disturbi d’ansia condividono i sintomi con le fobie, soprattutto se si parla di disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Nella versione precedente del DSM (la quarta), gli adulti con una fobia dovevano riconoscere che la loro risposta era sproporzionata alla presunta minaccia. Fino ad oggi, il riconoscimento non è necessario per la diagnosi.

È anche interessante sottolineare l’intervallo di tempo in cui deve apparire una fobia. Le paure sono normali e vengono percepite in situazioni diverse, ma una fobia deve essere in atto da almeno 6 mesi per essere considerata tale. Inoltre, la sua intensità è molto maggiore di quella di una tipica reazione di lotta o fuga.

Una delle differenze più evidenti tra fobia e paura è che la prima, essendo patologica, ha criteri diagnostici specifici.

3. Diversi tipi in ogni caso

Le differenze tra fobia e paura includono che ci sono molti tipi di fobie specifiche
Tra i vari tipi di fobie, forse uno dei più rappresentativi è la fobia sociale, che provoca serie difficoltà nel relazionarsi con gli altri in un contesto normale.

Un’altra differenza tra fobia e paura è che entrambe sono divise in diversi tipi, ma la fobia richiede un po’ più di specificazione. A livello generale, nella sfera emotiva vengono proposti 2 tipi di paura:

  1. Paura innata: molte paure sono innate e fanno parte del corredo genetico della nostra specie. Ad esempio, avere paura dell’altezza o di certi animali (serpenti e ragni) è molto più comune che avere paura di uno spazio aperto. Si teorizza che questa paura innata sia adattiva, il risultato della selezione naturale e universale negli esseri umani.
  2. Paura appresa: gli esseri umani imparano anche a temere ciò che ci ha ferito per tutta la vita o che, in mancanza, ci è stato insegnato che ci ha ferito o ha ferito un conspecifico. Sappiamo che il fuoco brucia perché lo abbiamo appreso, non perché lo abbiamo necessariamente vissuto.

Da parte sua, la fobia come concetto è divisa in 3 categorie. Ognuno di loro rappresenta un disturbo psicologico indipendente:

  1. Fobia specifica: è la paura eccessiva diretta verso un particolare oggetto o situazione. Può essere diviso in 4 sottotipi: animale, ambiente naturale, situazionale e ferita da iniezione di sangue. L’esposizione al conflitto può portare ad un attacco di panico.
  2. Agorafobia: è una paura generalizzata di lasciare uno spazio sicuro e circoscritto, oltre alla paura di possibili attacchi di panico che la sovraesposizione genera nel paziente. Può essere collegato a determinate fobie specifiche, ma questo non è specifico (poiché hai paura di un concetto, non di qualcosa di specifico).
  3. Fobia sociale: paura eccessiva di qualsiasi situazione che implichi l’interazione con altri esseri umani. La persona ha paura del giudizio degli altri e di tutto il negativo che può derivare dallo stare con altre persone.

Quindi, possiamo vedere che ci sono 2 tipi di paure e 3 tipi di fobie. È molto più importante classificare le fobie in diversi disturbi, poiché il trattamento e la causalità differiscono notevolmente tra loro.

4. La paura è universalmente vissuta

La paura è una delle 6 emozioni fondamentali vissute da tutti i nuclei umani, indipendentemente dal contesto e dalla cultura. Tutti abbiamo paura ad un certo punto della nostra esistenza, poiché siamo vivi e vogliamo preservarci in modo innato. Questa è una grande differenza rispetto alle fobie, poiché queste ultime “non dovrebbero” essere vissute in una società ideale.

Le fobie sono disturbi che peggiorano la qualità della vita del paziente e, pertanto, non sono considerati normali. In ogni caso, i suddetti portali ci avvertono che la prevalenza di queste patologie è molto più alta di quanto possa sembrare: le fobie specifiche colpiscono il 5-10% della popolazione generale in paesi come gli Stati Uniti.

La fobia specifica di tipo situazionale è la più comune negli adulti, mentre le altre 3 sottovarianti sono più comuni nei giovani.

Differenze tra fobia e paura: patologia vs. normale

Le differenze tra fobia e paura sono molteplici, ma si possono riassumere nel seguente punto: tutti gli esseri umani hanno paura ad un certo punto della nostra vita, mentre le fobie (di qualsiasi tipo) sono considerate patologiche e vanno rilevate. La paura eccessiva di uno stimolo specifico non può mai essere giustificata dalla fisiologia umana.

Se vi siete visti riflessi in queste righe, non preoccupatevi: la terapia cognitivo-comportamentale e la desensibilizzazione sistematica sono molto utili per curare le fobie. Se vi mettete nelle mani di un professionista, prima o poi vedrete diminuire la vostra paura irrazionale.

Potrebbe interessarti ...
Fagofobia o paura di deglutire: sintomi, cause e trattamenti
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Fagofobia o paura di deglutire: sintomi, cause e trattamenti

La fagofobia o paura di deglutire è una paura irrazionale di soffocare. Può apparire sia davanti a cibi solidi che liquidi.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.