Fluoxetina: sconfiggere la depressione

In determinate condizioni, la serotonina non raggiunge livelli ottimali nel cervello e si manifestano sintomi depressivi come apatia, tristezza, insonnia, irritabilità. Alcuni farmaci sono in grado di contrastare questa situazione e aumentare la serotonina. La fluoxetina è uno di questi.
Fluoxetina: sconfiggere la depressione

Scritto da Por defecto del sitio, 12 agosto, 2021

Ultimo aggiornamento: 12 agosto, 2021

Parlare di fluoxetina vuol dire parlare della storia della depressione. Questo farmaco, che rientra negli annali della farmacologia sul sistema nervoso, fa parte degli antidepressivi noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (IRSS).

La fluoxetina è stata uno dei primi antidepressivi commercializzati, con il nome di Prozac, e attualmente conta di diverse forme farmacologiche. 

Viene utilizzata per curare una delle malattie più frequenti e invalidanti: la depressione. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, soffrono di questa malattia più di 300 milioni di persone ed è la principale causa di disabilità nei paesi sviluppati.

Come funziona?

Se potessimo entrare all’interno del nostro cervello, osserveremmo una serie di strutture allungate, con un corpo a forma di stella, i neuroni. Queste cellule sono mantenute in comunicazione costante da molecole come la serotonina, la dopamina o la noradrenalina.

È la serotonina che ci interessa in questo caso, poiché oltre a essere un trasmettitore essenziale del cervello, è stata correlata all’umore, al sonno e ad alcune funzioni di base del sistema nervoso.

In determinate condizioni, la serotonina non raggiunge livelli ottimali e si verificano sintomi legati alla depressione: apatia, tristezza, insonnia, irritabilità,.

Fortunatamente, alcuni farmaci sono in grado di contrastare questa situazione e aumentare la serotonina nel nostro cervello. La fluoxetina è uno di questi.

Per fare ciò, blocca gli enzimi responsabili della rimozione della serotonina dai neuroni. Se gli enzimi non esercitano la loro funzione, la serotonina continua a stimolare i neuroni, ottenendo l’effetto antidepressivo.

Quando viene prescritta la fluoxetina?

La fluoxetina è utilizzata nel trattamento della depressione

La prima indicazione per la fluoxetina è il trattamento della depressione. Tuttavia, esistono molte altre malattie mentali legate alla serotonina, come il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), alcuni disturbi alimentari come la bulimia nervosa o la fobia e il panico intensi.

Va sempre tenuto in considerazione il parere dello psichiatra circa l’impiego di uno o l’altro antidepressivo. Infatti, in alcune occasioni è stata utilizzata anche per trattare l’alcolismo, il disturbo da deficit di attenzione o il disturbo borderline di personalità.

La cosa più importante è accettare la diagnosi e il trattamento prescritto e seguire le linee guida indicate dal medico.

Modalità di utilizzo

donna con antidepressivi

La posologia dipende dalla patologia e dai sintomi, quindi potrebbero esserci differenze nella modalità di assunzione tra una persona e l’altra.

In generale, la dose consigliata in caso di episodio depressivo e DOC è di 20 mg al giorno negli adulti, che di solito corrisponde all’assunzione di 1 compressa o capsula.

Si consiglia comunque di valutare le condizioni del paziente a 3 o 4 settimane, con la possibilità di aumentare l’assunzione a 3 pillole al giorno (60 mg/die) al massimo.

La fluoxetina raggiunge il suo massimo effetto entro un periodo di circa 30 giorni, quindi il team medico eseguirà controlli regolari dopo l’inizio del trattamento. Tutto questo, con l’obiettivo di valutare se la dose o il medicinale siano in grado di controllare i sintomi.

Come comportarsi se si dimentica una dose di fluoxetina

antidepressivo fluoxetina

Questa situazione dovrebbe essere evitata il più possibile, poiché le perdite di dose possono portare a un possibile fallimento terapeutico.

Tuttavia, nel caso accada, si prenderà la dose dimenticata il prima possibile. Nel caso in cui coincida con la dose successiva, se ne prenderà solo una, continuando normalmente il programma.

Poiché la fluoxetina viene di solito assunta una volta al giorno, è molto importante rispettare un orario specifico per l’assunzione.

Oggi abbiamo a disposizione numerose app che possono aiutarci ad assumere le medicine in modo regolare. Fissare un promemoria specifico aiuta a evitare queste situazioni e a ottenere l’effetto terapeutico migliore.

Potrebbe interessarvi anche: Che cos’è la sindrome di Asperger?

Fluoxetina: quali avvertenze?

Per ogni farmaco esistono precauzioni ed effetti secondari da prendere in considerazione.

In primo luogo, è essenziale che in sede di visita medica si comunichi se si sta assumendo o meno un altro farmaco. Compresi anche possibili rimedi naturali per curare i sintomi minori. In molti casi, i rimedi erboristici possono interagire con il farmaco.

Va tenuto presente che la fluoxetina è un farmaco psicotropo e che, quindi, può produrre alterazioni, che seppur lievi, influenzano la guida o l’uso di macchinari. Dovrebbe essere evitata in ogni caso come misura preventiva.

Come abbiamo detto, è importante presentarsi ai controlli periodici assegnati dal medico curante. A 3-4 settimane di solito si valuta se il farmaco soddisfa o meno le aspettative.

Inoltre, mantenere uno stretto controllo dei farmaci aiuterà la fluoxetina a funzionare al meglio.

Se invece l’équipe medica ritiene che la fluoxetina non sia il farmaco più appropriato o che il trattamento sia terminato, la sospensione dovrebbe essere progressiva. Interrompendo bruscamente l’assunzione di fluoxetina, possono verificarsi importanti effetti avversi come disturbi del sonno o l’ansia.

Categorie speciali

capsule di farmaco

Una delle categorie a cui prestare maggiore attenzione sono i bambini e gli adolescenti. In questa fascia di popolazione viene impiegata soprattutto per il trattamento dei disturbi alimentari.

Negli ultimi anni è stato osservato che il trattamento con fluoxetina può causare reazioni violente inaspettate, comprese gravi tendenze suicide.

Tuttavia, non è il caso di allarmarsi. Questi casi vengono esaminati in modo molto rigoroso, sospendendo la terapia non appena si osserva un possibile rischio. Per questo è importante seguire le indicazioni fornite dal team medico.

Un altro gruppo particolarmente suscettibile sono le donne incinte. La prescrizione di fluoxetina è in linea di massima da evitare durante la gravidanza. Il rischio più elevato si verifica nell’ultimo trimestre e sebbene le complicanze non siano di solito gravi, il comportamento del farmaco è difficile da prevedere.

In ogni caso verrà valutato il rapporto beneficio/rischio.

Effetti indesiderati

effetti collaterali del farmaco

Le possibili reazioni alla fluoxetina sono varie e in molti casi imprevedibili. Tuttavia, la fluoxetina non è associata a effetti gravi se si segue una corretta posologia e si mantengono le precauzioni dovute.

La maggior parte delle reazioni è stata associata all’uso contemporaneo con altri farmaci con i quali può interagire in misura maggiore o minore.

Le reazioni possono variare dalla semplice nausea o mal di testa a disturbi cardiaci e nervosi più gravi. Anche la perdita di appetito è comune.

Le reazioni descritte sono più frequenti all’inizio del trattamento per scomparire al raggiungimento di concentrazioni adeguate.

In ogni caso, è necessario informare l’equipe medica di qualsiasi cambiamento che si noti. Inoltre occorre seguire le istruzioni nel modo più rigoroso possibile per raggiungere l’efficacia terapeutica senza problemi.

La fluoxetina è riuscita a ridurre e persino ad eliminare alcune condizioni. Seguendo le linee guida e i consigli del medico e partecipando attivamente al trattamento, è possibile raggiungere gli obiettivi terapeutici e godere di una migliore qualità della vita.

Potrebbe interessarti ...
Tipi di ansiolitici: caratteristiche, usi ed effetti
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Tipi di ansiolitici: caratteristiche, usi ed effetti

Attuamente esistono più tipi di ansiolitici in grado di aiutare a controllare l'ansia, un disturbo che può essere disabilitante.