Anoressia: caratteristiche, sintomi e trattamento

L'anoressia è un grave disturbo alimentare, caratterizzato da una percezione distorta dell'immagine e del peso, e dalla irrazionale di ingrassare.
Anoressia: caratteristiche, sintomi e trattamento
Bernardo Peña

Scritto e verificato da el psicólogo Bernardo Peña in 24 luglio, 2021.

Ultimo aggiornamento: 24 luglio, 2021

L’anoressia è un disturbo in cui è presente una percezione distorta della propria immagine corporea. Questo porta a percepirsi come grassi, anche quando si è estremamente magri (American Psychological Association, 2011).

È caratterizzata dalla restrizione del cibo, soprattutto se molto calorico. In effetti, la dieta è limitata a determinati alimenti. Inoltre, in alcuni casi, il soggetto ha un’ossessione per l’esercizio fisico poiché il suo unico obiettivo è dimagrire. La perdita di peso può essere graduale. In questo modo il corpo si adatta al nuovo stato di malnutrizione.

Caratteristiche dell’anoressia

Tipicamente l’anoressia inizia tra i 13 e i 18 anni. Tuttavia, l’età media per il suo esordio è in calo, il che è preoccupante. Cominciano infatti a comparire casi di pazienti con età compresa tra 9 e 10 anni. La perdita di peso viene del tutto negata, quindi vi è una mancanza di consapevolezza della malattia.

anoressia immagine distorta disturbo psicologico alimentare

La sua evoluzione è variabile. Cioè, in certe pazienti lo sviluppo della malattia è solo parziale e si arriva a una risoluzione senza compromettere la sfera fisica e mentale. Al contrario, in altri casi il disturbo diventa cronico e pericoloso per la vita.

L’anoressia, detta tecnicamente anoressia nervosa, si suddivide in due tipi:

  • Anoressia restrittiva. Le anoressiche restrittive si distinguono per la loro resistenza allo stimolo della fame; di solito non fanno uso di sostanze come diuretici o lassativi, oltre a non cadere nelle abbuffate.
  • Anoressia purgativa. Questa forma ha qualche somiglianza con la bulimia. Si alternano fasi di abbuffate e vomito o abuso di sostanze purganti. Spesso gettarsi sul cibo in modo compulsivo è un modo per ridurre la fame.

Anoressia: quali sono le cause?

La genesi dell’anoressia passa attraverso vari fattori, tra cui l’insoddisfazione per l’immagine corporea, insieme a difficoltà personali o sociali. Secondo i ricercatori Méndez, Vázquez-Velazquez e García-García (2008), esistono quattro fattori essenziali che favoriscono l’esordio o predispongono all’anoressia:

  • Il fattore biologico o genetico: sostiene metà dell’onere nello sviluppo di comportamenti alimentari inappropriati.

L’anoressia colpisce otto volte di più le persone che hanno un membro della famiglia con questo disturbo o che hanno un metabolismo più veloce rispetto alla media.

L'anoressia è caratterizzata da perdita di peso inconsapevole

Anche l’indice di massa corporea viene ereditato. Infine, altri fattori genetici che contribuiscono all’andamento dell’anoressia sono i disturbi della personalità, la tendenza all’obesità, la vulnerabilità emotiva o il disturbo ossessivo compulsivo.

  • Fattore sociale: i media promuovono continuamente il valore della magrezza come caratteristica associata al successo.

È noto che le professioni dove è presente maggiore pressione verso un ideale di bellezza sono quelle in cui l’immagine è ciò che vende di più. Ad esempio, modelle, ballerine, donne d’affari ecc.

Il nuovo standard di bellezza, che viene promosso in tutto il mondo, porta a un progressivo aumento dei comportamenti alimentari inappropriati.

  • Fattore familiare: spesso i conflitti familiari sono strettamente legati allo sviluppo dei disturbi alimentari.

Le dinamiche familiari giocano un ruolo fondamentale nell’anoressia. In effetti, un legame non sicuro può innescare la sua insorgenza. Mancanza di comunicazione, di sostegno emotivo, scarsa autonomia, bassa autostima… Queste sono le situazioni che si verificano all’interno del nucleo familiare che incoraggiano lo sviluppo di disturbi del comportamento alimentare.

  • Fattore psicologico: ha origine da pensieri o idee ricorrenti sulla percezione dell’immagine fisica; portano all’idea di essere grassi, producendo una ricerca ossessiva della magrezza.

Anoressia: sintomi clinici

I principali sintomi clinici dell’anoressia sono:

  • Nelle donne, amenorrea, come caratteristica principale.
  • A livello cardiovascolare, possibile esistenza di insufficienza cardiaca a causa della diminuzione della pressione e della frequenza cardiaca.
  • Perdita di capelli, debolezza delle unghie.
  • Stanchezza costante.
  • Anemia.
  • Pubertà ritardata.
  • Assenza di interesse sessuale.
  • Perdita muscolare e debolezza.
  • Danno cerebrale.
  • Disidratazione.
  • Insufficienza renale.
  • Disturbi metabolici.
  • Infertilità.
sintomi e segni di anoressia

D’altra parte, a livello psicologico, l’anoressia è spesso accompagnata da sintomi di ansia, tra cui fobia sociale e tendenza all’isolamento. Vengono soprattutto evitati gli eventi sociali in cui è probabile la presenza di cibo.

Possono verificarsi depressione, disturbi del sonno, bassa autostima e insicurezza. Inoltre, senso di colpa, sentimenti di frustrazione o inutilità, diminuzione della concentrazione e tendenza al perfezionismo sono il tipico meccanismo per raggiungere un maggiore controllo su se stesse.

Anoressia: criteri diagnostici

L’American Psychiatric Association (APA), attraverso il suo manuale diagnostico, DSM-5, fornisce i seguenti criteri diagnostici per l’anoressia:

  • Restrizione dell’assunzione di cibo, che porta a un peso corporeo significativamente basso in base a età, sesso, schema di sviluppo e salute fisica. Si definisce sottopeso una persona che abbia un distacco significativo rispetto al peso minimo considerato normale; nelle bambine e adolescenti, inferiore al minimo previsto.
  • Intensa paura di ingrassare o diventare obese. Questo timore è persistente e interferisce con il possibile aumento di peso, anche quando è notevolmente scarso.
  • Alterazione nella percezione del peso, dell’altezza o della silhouette del corpo. Autovalutazione impropria del proprio peso e mancato riconoscimento della gravità dell’attuale sottopeso.
L'anoressia è caratterizzata da comportamenti restrittivi nei confronti del cibo

In base al sottotipo di anoressia:

  • Restrittiva: negli ultimi tre mesi la persona non ha fatto ricorso a ricorrenti abbuffate o purghe (cioè vomito autoindotto o abuso di lassativi, diuretici o clisteri).
  • Purgativa: negli ultimi tre mesi si sono verificati episodi ricorrenti di abbuffate o purghe (ad esempio vomito autoindotto o abuso di lassativi, diuretici o clisteri).

Trattamento dell’anoressia

Vediamo in dettaglio in cosa consiste il trattamento dell’anoressia. Per facilitare la comprensione, lo divideremo in sezioni:

1. Generalità del trattamento dell’anoressia

Prima di iniziare a parlare del trattamento dell’anoressia, va ricordato che si tratta di un disturbo grave e potenzialmente fatale. Pertanto, è necessario creare una solida alleanza terapeutica con la paziente, basata sull’empatia, sulla cura positiva e sul supporto a tutti i livelli.

Tuttavia, può essere molto complesso e frustrante per un terapeuta lavorare con pazienti che non riconoscono la propria malattia e hanno continue ricadute. Per questo motivo sono necessarie competenze specifiche per trattare questi casi, oltre che una lunga esperienza.

2. Obiettivi del trattamento dell’anoressia

trattamento del disturbo alimentare dell'anoressia

Poiché si tratta di un disturbo complesso, è necessario un lavoro di squadra tra medici, psichiatri e psicoterapeuti. Secondo la guida per il trattamento dei pazienti con disturbi alimentari (American Psychiatric Association, 2006), la tabella di marcia è la seguente:

  1. Ripristino di un peso sano. Nelle donne ciò implica la ripresa delle mestruazioni e dell’ovulazione; negli uomini, la ripresa del desiderio sessuale e dei normali livelli ormonali.
  2. Trattamento delle complicanze fisiche. Questi includono i sintomi legati alla malnutrizione, nonché le reazioni fisiologiche durante la dieta di rialimentazione.
  3. Motivare la paziente a partecipare al programma di trattamento.
  4. Educazione psicologica su abitudini alimentari sane e nutrizione.
  5. Identificazione di atteggiamenti, pensieri e credenze disfunzionali, conflitti e sentimenti alla base del disturbo alimentare.
  6. Psicoterapia per il trattamento dei disturbi emotivi legati all’alimentazione.
  7. Incoraggiamento del sostegno familiare e uso della terapia familiare, se necessario.
  8. Prevenzione delle ricadute.

3. Trattamento dell’anoressia: fase di rialimentazione

A causa della malnutrizione, l’obiettivo iniziale è recuperare il peso. Durante il processo di rialimentazione, i sentimenti di apatia verso il cibo iniziano a scomparire.

In genere, la persona anoressica sarà terrorizzata all’idea di aumentare di peso, quindi è necessario lavorare con le emozioni. Nella fase di recupero del peso verranno introdotti nuovi alimenti con sufficienti calorie e requisiti nutrizionali.

Dovranno essere monitorate le reazioni del corpo, poiché durante la rialimentazione possono verificarsi complicazioni. Inoltre, si consiglia una visita otorinolaringoiatrica per valutare i danni causati dal vomito.

4. Terapia psicologica

Trattamento psicologica dell'anoressia

Il trattamento psicologico dell’anoressia ha i seguenti obiettivi di trattamento (Sue, D., Sue, DW, Sue, S., & Azuara, SD, 2010):

  1. Comprendere e agevolare la riabilitazione nutrizionale e fisica.
  2. Identificare e comprendere gli atteggiamenti disfunzionali legati al disturbo alimentare.
  3. Migliorare il funzionamento interpersonale e sociale.
  4. Trattare i conflitti psicopatologici e psicologici in comorbidità che rafforzano il comportamento anoressico.

La terapia comportamentale corregge in modo efficace la preoccupazione irrazionale per il peso. Inoltre, incoraggia l’aumento di peso controllato attraverso tecniche di rinforzo positivo. Questi rinforzi sono programmati in base all’idiosincrasia di ciascun paziente. I piani per l’aumento di peso, invece, mirano a guadagnare 1 kg a settimana, circa.

Una volta che il paziente abbia raggiunto il peso corrispondente al suo gruppo normativo, può procedere al trattamento ambulatoriale e alla terapia familiare. D’altra parte, lo psichiatra potrebbe prescrivere antidepressivi in questa fase, per migliorare i risultati del trattamento.

5. Anoressia e terapia familiare

La terapia familiare è molto importante come parte del trattamento dell’anoressia. Il coinvolgimento dei genitori persegue i seguenti principali obiettivi:

  1. Dovranno contribuire al recupero di una corretta alimentazione attraverso la pianificazione dei pasti.
  2. Ridurranno le critiche sapendo che l’anoressia nervosa è una malattia grave.
  3. Negozieranno un nuovo modello di relazioni familiari, più aperto e meno conflittuale.
  4. Assistono la famiglia nel processo evolutivo di separazione e individuazione.
terapia familiare anoressia bulimia

In sintesi, cambiare i modelli di comunicazione familiare disfunzionali, oltre a fornire supporto emotivo al paziente è molto importante per il recupero. La famiglia, infatti, deve capire che il disturbo non è un capriccio o è desiderato, ma una malattia con gravi conseguenze per la salute fisica ed emotiva.

Anoressia: conclusioni

In conclusione, abbiamo visto che l’anoressia è un grave disturbo alimentare. Ha quindi bisogno di essere curato da un’equipe sanitaria multidisciplinare che aiuti il paziente a ritrovare il proprio peso, l’equilibrio emotivo, le abitudini e a ristabilire le relazioni sociali e familiari.

Infine, va sottolineato che il trattamento non è breve o semplice e che potrebbe avere cicli di remissioni e ricadute. Pertanto, è necessaria perseveranza e lavoro continuo.

Potrebbe interessarti ...
Dieta mediterranea: tutto quello che c’è da sapere
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Dieta mediterranea: tutto quello che c’è da sapere

La dieta mediterranea offre tanti benefici per la salute grazie alla varietà e all'apporto di sostanze nutritive, ma non è priva di difetti.



  • American Psychological Association -APA (2006). Practice guidelines for the treatment of patients with eating disorders. Third edition. Psychiatric Practice Section: www.psych.org
  • Méndez, J. P., Vázquez-Velazquez, V., & García-García, E. (2008). Los trastornos de la conducta alimentaria. Boletín Médico del hospital infantil de México65(6), 579-592.
  • Peña-Herrera, B. (2018) Psicopatología General. Samborondón: Universidad Espíritu Santo – Ecuador.
  • Sue, D., Sue, D. W., Sue, S., & Azuara, S. D. (2010). Psicopatología: Comprendiendo la conducta anormal (No. 159.97). Cengage Learning,.