Che cos'è la sindrome di Asperger?

Le cause della sindrome di Asperger non sono ancora chiare. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che si tratta di una condizione che si verifica durante lo sviluppo del cervello.
Che cos'è la sindrome di Asperger?
María Vijande

Scritto e verificato da la farmacéutica María Vijande in 03 agosto, 2021.

Ultimo aggiornamento: 03 agosto, 2021

La sindrome di Asperger è un disturbo dello sviluppo che rientra nello spettro autistico. Colpisce principalmente l’interazione sociale reciproca, la comunicazione verbale e non verbale, l’accettazione al cambiamento, la flessibilità di pensiero. È inoltre caratterizzata da campi di interesse ristretti e ossessivi.

Malgrado la sindrome di Asperger sia molto più comune rispetto ad altri tipi di autismo, è ciò nonostante una condizione rara. Secondo i dati disponibili, tende a colpire gli uomini più delle donne.

Caratteristiche della sindrome di Asperger

autostima sociale bullismo molestie

Una delle caratteristiche più comuni osservate nella persona con Asperger è il diverso modo di intendere le relazioni sociali. Può capitare spesso, quindi, che metta in atto comportamenti che non comprendiamo appieno o che viva in stato di allerta costante nei confronti del suo ambiente.

Come abbiamo detto, le persone con questa sindrome possono presentare una serie di difficoltà:

  • Interazione sociale: sono caratterizzate da scarse abilità sociali. Non notano i segnali sociali, quindi non danno risposte sociali ed emotive adeguate. Inoltre, tendono a trascorrere molto tempo da sole: alcuni sono felici così, altri no. Possono concentrarsi sui piccoli dettagli e spesso non sono in grado di vedere il quadro generale di una situazione.
  • Comunicazione: spesso hanno problemi a comprendere la lingua parlata, quindi bisogna fare attenzione all’uso di espressioni non letterali e metafore.
  • Interessi e preoccupazioni ristretti: uno dei segni distintivi della sindrome di Asperger è la preoccupazione e l’ossessione per determinati argomenti. In genere sono preoccupazioni nell’area intellettuale che cambiano nel tempo, ma non in intensità.
  • Routine ripetitive e inflessibilità: spesso impongono routine rigide a se stessi e a chi li circonda.

Queste routine tendono a cambiare nel tempo man mano che il bambino matura. Sarà anche più facile ragionarci insieme.

Cause

memorie cerebrali disturbi mentali

Attualmente le cause esatte di questa sindrome non sono note. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che si tratta di una condizione che si verifica durante la fase di sviluppo del cervello.

A seconda dell’area interessata, il bambino presenterà comportamenti simili a quelli dei pazienti autistici, sebbene non sia esattamente lo stesso disturbo.

Quello che succede veramente nel cervello di una persona con sindrome di Asperger è una difficoltà nelle connessioni neurali che ci permettono di elaborare le informazioni.

In questo modo, i bambini Asperger hanno uno sviluppo diverso, in cui il cervello cresce e si sviluppa in modo alterato.

Si ritiene inoltre che la sua origine sia in gran parte genetica: quindi è piuttosto indipendente dalle esperienze passate e dal modo in cui si interagisce con l’ambiente (sebbene questi fattori possano scatenare o aggravare i sintomi).

In che modo la sindrome di Asperger è diversa dall’autismo?

bambino con sindrome di Asperger

In primo luogo, le persone con questa sindrome possono sviluppare una visione autonoma e indipendente con il passare degli anni. Questo fatto non accade con le persone autistiche, per cui è più difficile diventare del tutto indipendenti.

Un’altra differenza è il ritardo nello sviluppo del linguaggio. Gli Asperger non hanno questa difficoltà, mentre per le persone autistiche è uno dei tratti distintivi e caratteristici.

D’altra parte, le persone con sindrome di Asperger possono avere difficoltà quando si tratta di apprendimento. Tuttavia, questi problemi non sono legati alla capacità intellettuale, ma piuttosto alla disattenzione e alla difficoltà di concentrazione.

Infine, ultima differenza ma non meno importante: le persone autistiche non hanno bisogno di interagire con altre persone. Al contrario, i bambini Asperger in genere hanno desiderio di socializzare e fare amicizia, ma hanno difficoltà a farlo.

Si può curare?

Un piano di trattamento prevede la collaborazione di genitori, educatori e medici. Tuttavia, ci sono alcune regole da rispettare quando ci si accosta ad un bambino con questa sindrome. È necessario cercare di soddisfarle tutte.

  • Al bambino Asperger non piace che la sua routine venga interrotta: deve mentalizzare se stesso prima di applicare qualsiasi cambiamento nella sua vita.
  • Le regole vanno applicate con grande attenzione e flessibilità.
  • Andranno utilizzate le aree di apprendimento che gli interessano: si consiglia agli insegnanti di sfruttare al meglio le aree che risvegliano di più il bambino e di cercare di rendere gli insegnamenti concreti e oggettivi.
  • Può essere ricompensato con attività che gli interessano se ha svolto un compito in modo soddisfacente.
  • È utile usare strumenti visivi nell’educazione: tende a rispondere molto bene ad essi.
  • Evitare il confronto: avendo deficit nelle abilità sociali, il bambino non capisce le manifestazioni di autorità e rabbia. Di conseguenza, tende a diventare più inflessibile.
  • Bisogna insegnargli a fare amicizia: incoraggiando la sua partecipazione a un gruppo e rafforzando nei compagni un comportamento che lo invogli a partecipare.

In linea di massima, i farmaci sono controindicati nel processo di trattamento. Tuttavia, in situazioni specifiche e al bisogno come stati di ansia, depressione o disattenzione, è possibile prevedere una serie di farmaci dietro prescrizione medica.

Potrebbe interessarti ...
Riabilitazione cognitiva: in che cosa consiste?
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Riabilitazione cognitiva: in che cosa consiste?

La riabilitazione cognitiva offre miglioramenti a livello cerebrale e prestazionale, ma anche sociale ed emotivo. In che cosa consiste?



  • Basile, D. (2003). Sindrome De Asperger. Psicoadolescencia.Com.Ar.
  • Attwood, T. (2002). SINDROME DE ASPERGER: Una guía para padres y profesionales. Paidós, Barcelona.
  • Sintes, A., Arranz, B., Ramirez, N., Rueda, I., & San, L. (2011). Sindrome de asperger ¿Un trastorno del desarrollo diagnosticable en la edad adulta? Actas Espanolas de Psiquiatria.
  • Attwood, T. (2011). La escolarización correcta del niño con Síndrome de Asperger. Autismo Diario.
  • Ramírez Serrano, M. C. (2010). ¿Conocemos el Sindrome de Asperger? Revista Digital Para Profesionales de La Enseñanza.