Pancreatite: sintomi, cause e trattamento

La pancreatite, o infiammazione del pancreas, può causare forti dolori addominali. Le sue cause principali sono l'alcolismo e l'ostruzione dei calcoli biliari.
Pancreatite: sintomi, cause e trattamento
Clara Sebastin

Scritto e verificato da Farmacéutica Clara Sebastin in 23 agosto, 2021.

Ultimo aggiornamento: 23 agosto, 2021

La pancreatite è un’infiammazione del pancreas, che può essere acuta o cronica. Il pancreas è una ghiandola che produce enzimi importanti per la digestione delle proteine. Produce anche ormoni, come insulina o glucagone.

Quando gli enzimi pancreatici si accumulano e non vengono rilasciati nell’intestino, si attivano e distruggono i tessuti. Pertanto, si verifica un’infiammazione che provoca dolore intenso, specialmente nella pancreatite acuta.

Sintomi della pancreatite

I sintomi più comuni della pancreatite acuta sono:

  • Dolore addominale continuo e molto intenso, che può diffondersi alla schiena.
  • Nausea.
  • Vomito
  • Febbre
  • Tachicardia.
  • Ipotensione
  • Ematomi sul torace e/o sull’addome.

Nella pancreatite cronica troviamo principalmente:

  • Dolore addominale, che aumenta dopo aver mangiato.
  • Perdita di peso.
  • Gonfiore dell’addome
  • Feci grasse giallastre e maleodoranti: steatorrea.
dolore addominale sintomo della pancreatite

Cause

Le cause più comuni della pancreatite acuta sono il consumo eccessivo di alcol e l’ostruzione da calcoli biliari. L’alcolismo è la causa principale negli uomini e l’ostruzione biliare nelle donne. Può anche essere dovuta all’uso di alcuni farmaci, nonché a interventi chirurgici, infezioni, fumo o livelli molto elevati di calcio nel sangue (ipercalcemia). In molti casi è di causa sconosciuta (idiopatica).

Se l’infiammazione non viene trattata, possono verificarsi lesioni permanenti che portano alla pancreatite cronica. In questo caso, avviene la distruzione dei tessuti, che vengono sostituiti da tessuto necrotico. Per questo motivo, la ghiandola potrebbe ridursi e smettere di funzionare.

Complicazioni della pancreatite

Il più delle volte non ci sono complicazioni. Nei casi lievi, il recupero è generalmente completo. Tuttavia, quando compaiono complicazioni, possono essere molto gravi. Si manifestano a livello locale e in altri organi.

Complicazioni locali

  • Infezione del tessuto pancreatico: più l’infezione si diffonde, maggiore è il rischio di colpire altri organi. Possono verificarsi anche necrosi cellulare o morte.
  • Pseudocisti: il liquido si accumula all’interno di sacche che possono infettarsi e rompersi. Se ciò accade, si verificano sanguinamento, dolore o ostruzione del tratto digestivo.
  • Cancro del pancreas.

Complicanze sistemiche

  • Insufficienza respiratoria: i polmoni non ossigenano adeguatamente il sangue.
  • Diabete: il pancreas è responsabile della produzione di insulina, che è l’ormone che controlla i livelli di zucchero nel sangue. Quando è danneggiato, l’insulina non viene rilasciata e tali livelli aumentano. Questo può portare al diabete.
  • Ostruzioni intestinali o del dotto biliare.
  • Malnutrizione: i nutrienti non sono ben assimilati.
  • Insufficienza renale: i reni non filtrano adeguatamente le sostanze di scarto, quindi possono accumularsi e danneggiare l’organismo. Potrebbe essere necessaria la dialisi.
  • Collasso cardiovascolare: non viene trasportato abbastanza sangue ossigenato ai tessuti.

Diagnosi

Per la diagnosi, vengono valutati due enzimi ematici: amilasi e lipasi. Entrambi sono quasi sempre elevati nella pancreatite acuta. Tuttavia, i livelli sono normali nella forma cronica. Questi enzimi sono la via diagnostica più importante.

Le feci sono sottoposte ad analisi per la valutazione del grasso. Un alto contenuto di grassi e feci lucide e diarroiche indicano una cattiva digestione dei grassi. Questo è molto comune nelle forme tardive della malattia.

Inoltre, di solito viene eseguita una TAC dell’addome per valutare la gravità. La TC (tomografia assiale computerizzata) è un test di diagnostica per immagini molto accurato e veloce utilizzato per esplorare le parti interne del corpo. Allo stesso modo, è possibile eseguire altri test di imaging come la risonanza magnetica per apprezzare possibili calcoli biliari o infiammazioni. Di solito viene eseguita anche un’ecografia addominale.

Trattamento della pancreatite

Non esiste un trattamento specifico. Tuttavia, in ospedale vengono prese alcune misure per alleviare i sintomi:

  • Digiuno: permette al pancreas di riposare. Sono sufficienti solo pochi giorni; successivamente, viene ripristinata una normale dieta.
  • Sostituzione di liquidi: di solito eseguita per via endovenosa.
  • Medicinali per alleviare il dolore e il vomito: la pancreatite provoca un dolore molto intenso.
  • Se necessario, possono essere somministrati anche enzimi che il pancreas non produce.
Medicinali

Nei casi gravi o complicanze della pancreatite, la terapia può comprendere anche:

  • Chirurgia: per rimuovere tessuto necrotico o pseudocisti.

La cosa più importante è prevenire la pancreatite. Ciò include evitare l’alcol o alcuni farmaci. Inoltre, la causa che ha originato l’infiammazione deve essere trattata ed eliminata.

Potrebbe interessarti ...
Morbo di Crohn: cause, sintomi e trattamento
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Morbo di Crohn: cause, sintomi e trattamento

Il morbo di Crohn è una malattia caratterizzata da infiammazione cronica della parete del tubo digerente, generalmente l'intestino.