Trattamento della rinite allergica

La rinite allergica può essere trattata in diversi modi. Sebbene la terapia sia sempre personalizzata, ecco alcune delle alternative disponibili.
Trattamento della rinite allergica

Ultimo aggiornamento: 24 dicembre, 2022

La rinite è una condizione in cui si verificano infiammazione e irritazione nel rivestimento del naso. Può essere innescata da molti fattori, anche se l’esposizione ad allergeni come polline o polvere è la causa più comune. Conoscere il trattamento della rinite allergica è fondamentale per chi soffre di episodi ricorrenti.

Conosciuta anche come febbre da fieno, gli studi dimostrano che colpisce tra il 10% e il 20% della popolazione.

Com’è il trattamento della rinite allergica?

Il trattamento della rinite allergica implica la considerazione di molti fattori. Trigger, prevalenza, gravità dei sintomi ed età sono solo alcuni degli elementi che determinano la terapia. La maggior parte dei pazienti può far fronte molto bene alla condizione, sebbene in altri casi sia necessario l’intervento di un allergologo.

Se soffrite di esacerbazioni ricorrenti, dovreste consultare uno di questi per determinare i fattori scatenanti esatti e quindi scegliere un piano appropriato per contrastarli. Seguendo l’Australasian Society of Clinical Immunology and Allergy (ASCIA) evidenziamo le seguenti opzioni di trattamento.

Antistaminici

Il trattamento della rinite allergica include antistaminici
I farmaci antiallergici sono la terapia di prima linea, sebbene le persone con rinite allergica ricorrente possano vedere scarsi miglioramenti clinici con l’uso ripetuto.

La terapia antistaminica è spesso la prima opzione nel trattamento della rinite allergica. Si divide in due tipologie: prima e seconda generazione.

Dato che i farmaci nel primo caso sono accompagnati da un potente effetto sedativo (influenzano le prestazioni psicomotorie), i ricercatori suggeriscono farmaci di seconda generazione in alcuni contesti. Tra questi segnaliamo i seguenti:

Gli antistaminici agiscono bloccando gli effetti dell’istamina. Si tratta di una sostanza che l’organismo secerne contro una reazione allergica e che produce alcuni dei classici sintomi (naso che cola e starnuti, ad esempio).

Sono una terapia economica ed efficace, anche se dovrebbe essere somministrata con cautela a causa del possibile effetto sedativo. Potete acquistarli in diverse forme, come compresse, sciroppi, spray intranasali e colliri.

Corticosteroidi intranasali

Sono particolarmente utili per trattare l’infiammazione, anche se devono essere usati regolarmente (come nel caso, ad esempio, con alcuni farmaci per l’asma). Gli studi supportano il loro uso rispetto agli antistaminici perché sono privi di effetti sedativi, anche se non è raro che i pazienti debbano ricorrere a entrambi nei casi più gravi.

Non tutti i corticosteroidi intranasali hanno la stessa potenza, quindi se è troppo alta possono causare irritazione o sanguinamento nasale. Per evitarlo basta scegliere il prodotto giusto, così come usarlo nel modo corretto per percepirne i benefici. Evidenziamo quanto segue:

  • Beconase AQ (beclometasone).
  • Flonase (fluticasone).
  • Nasarel (flunisolide).
  • Rhinocort Aqua (budesonide).

Se presentate uno qualsiasi degli effetti collaterali, sospendete il suo utilizzo e chiedete al vostro specialista o al farmacista quale marca o dose dovreste assumere in base ai vostri episodi di allergia.

Farmaci combinati

Alcuni pazienti percepiscono miglioramenti solo con l’aiuto di farmaci combinati. Questi integrano i principi attivi degli antistaminici e dei corticosteroidi in un unico punto.

Gli studi raccomandano l’uso di questa terapia combinata, anche se solo quando le precedenti non hanno funzionato. Consultate uno specialista nel caso in cui pensate di aver bisogno di questo trattamento per la rinite.

Spray decongestionanti

Gli spray decongestionanti sono considerati una terapia a breve termine, spesso solo per chi soffre di rinite occasionale.

Questo perché il suo uso a lungo termine è stato associato a diversi effetti collaterali. Tra questi segnaliamo ipertensione, tachicardia, mal di testa, insonnia e nervosismo. Per questo motivo, dovrebbero essere usati con cautela nelle persone che soffrono di questo tipo di condizioni.

Se usati solo occasionalmente sono molto utili per sbloccare il naso. La maggior parte dei prodotti di questo tipo utilizza una combinazione di due o più composti, quindi l’etichetta deve essere controllata se viene mantenuto il trattamento precedente per una malattia di base.

Compresse decongestionanti

Funzionano come i precedenti, solo che in questo caso il trattamento consiste in un’assunzione orale. I ricercatori concordano sul fatto che la terapia basata su di essi non dovrebbe durare più di cinque giorni, poiché il paziente è a rischio di sviluppare rinite da farmaci o congestione ricorrente.

Possono anche causare le sequele della loro variante aerosol, quindi non dovrebbero essere usati da persone ipertese e con problemi cardiaci.

L’immunoterapia come trattamento per la rinite allergica

Il trattamento della rinite allergica comprende le iniezioni
L’immunoterapia è un’opzione terapeutica relativamente recente, con risultati benefici in alcuni gruppi molto specifici.

Le opzioni di cui sopra sono la prima linea di difesa contro la rinite allergica. Tuttavia, alcuni pazienti possono optare per sessioni di immunoterapia per controllare i sintomi e la frequenza con cui si verificano gli episodi.

I ricercatori ne approvano l’uso in pazienti di età superiore ai cinque anni che non hanno risposto alle precedenti terapie. Tra le sue caratteristiche ricordiamo le seguenti:

  • Può essere applicato per via sottocutanea o sublinguale.
  • I suoi effetti si mantengono per diversi anni dopo l’interruzione del trattamento.
  • In generale, consiste in sessioni che durano da tre a cinque anni (dipende da ciascun caso).
  • Si basano sulla somministrazione di un allergene per ridurre la sensibilità del paziente (a volte se ne possono utilizzare due o più).
  • Richiedono vigilanza dopo l’applicazione per controllare le reazioni allergiche.

Considerando i suoi effetti a lungo termine, l’immunoterapia può essere un’opzione più efficace rispetto al trattamento convenzionale, soprattutto per coloro che devono affrontare episodi ricorrenti. Non tutti i pazienti ne hanno diritto, consultate il vostro specialista in merito alla possibilità di avviare un programma di questo tipo.

Altre forme di trattamento per la rinite allergica

Oltre ad attaccare gli episodi quando si sono già sviluppati, un altro modo per trattare la rinite allergica è prevenire che si verifichino. Secondo l’American College o Allergy, Asthma & Immunology, ecco alcune abitudini positive:

  • Tenete le finestre di casa chiuse nelle stagioni fredde.
  • Utilizzate l’aria condizionata in casa e in macchina in periodi dell’anno con maggiore sensibilità.
  • Indossate occhiali da sole quando siete fuori e tenete fuori gli allergeni.
  • Acquistate copriletto a prova di acaro. A sua volta, cambiate la coperta e le lenzuola su base ricorrente.
  • Evitate l’accumulo di polvere in casa.
  • Lavate spesso le mani, soprattutto dopo aver accarezzato un animale.
  • Identificate le abitudini che scatenano le esacerbazioni per evitarle.

Queste sono alcune delle linee guida generali che dovreste includere nella vostra routine. Questi variano a seconda del catalizzatore specifico per la vostra allergia. Se non riuscite a tenerlo sotto controllo in base ad alcuni dei trattamenti indicati per la rinite, non esitate a consultare uno specialista per esplorare opzioni più personalizzate.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è un allergologo?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Che cos’è un allergologo?

Se soffrite di allergie, asma, dermatite, sinusite e altre condizioni, avete bisogno dell'aiuto di un allergologo.



  • Greiwe JC, Bernstein JA. Combination therapy in allergic rhinitis: What works and what does not work. Am J Rhinol Allergy. 2016 Nov 1;30(6):391-396.
  • Kaszuba SM, Baroody FM, deTineo M, Haney L, Blair C, Naclerio RM. Superiority of an intranasal corticosteroid compared with an oral antihistamine in the as-needed treatment of seasonal allergic rhinitis. Arch Intern Med. 2001 Nov 26;161(21):2581-7.
  • Kawauchi H, Yanai K, Wang DY, Itahashi K, Okubo K. Antihistamines for Allergic Rhinitis Treatment from the Viewpoint of Nonsedative Properties. Int J Mol Sci. 2019 Jan 8;20(1):213.
  • Öçal R., Bayar Muluk N., Mullol J. Epidemiology of Allergic Rhinitis. In: Cingi C., Bayar Muluk N. (eds) All Around the Nose. 2020.
  • Sur, D. K., & Scandale, S. (2010). Treatment of allergic rhinitis. American Family Physician. 2010; 81(12): 1440-1446.
  • Walker, S. M., Durham, S. R., Till, S. J., Roberts, G., Corrigan, C. J., Leech, S. C., … & Nasser, S. M. Immunotherapy for allergic rhinitis. Clinical & Experimental Allergy. 2011; 41(9): 1177-1200.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.