Quali sono le conseguenze del mangiare velocemente?

Non conta solo il fatto di proporre una dieta equilibrata e varia. Sarà inoltre essenziale mangiare a una velocità prudente per garantire una corretta digestione.
Quali sono le conseguenze del mangiare velocemente?
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Mangiare velocemente può generare una serie di conseguenze negative nell’organismo. Si consiglia sempre di avere uno spazio di tempo per l’alimentazione che consenta una certa tranquillità. Inoltre, sarà determinante controllare l’ansia per il cibo. In questo modo, il processo digestivo può essere avviato in modo efficiente, tenendo conto che la masticazione è il primo passo di esso.

Le basi per mantenere una corretta alimentazione sono la varietà e l’equilibrio energetico. È necessario adottare un buon approccio per ottenere una buona funzione fisiologica. In caso contrario, potreste riscontrare problemi nel tempo che influiscono sul benessere.

Cosa succede quando si mangia velocemente?

Il primo problema causato dal mangiare velocemente è una riduzione della sensazione di sazietà. Durante la masticazione vengono secrete una serie di sostanze che “informano” il cervello che dovrebbe gradualmente ridurre l’appetito. Se questo passaggio non viene eseguito in modo efficiente, potreste finire per consumare più calorie del necessario. Il primo effetto di questo è un cambiamento negativo nello stato della composizione corporea.

Va notato che l’aumento della percentuale di massa grassa nel corpo è solitamente legato a un maggior rischio di ammalarsi. Sia il sovrappeso che l’obesità sono considerati fattori di rischio per lo sviluppo di disturbi cardiovascolari. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Metabolism. Si crea uno stato di infiammazione che compromette il funzionamento dei sistemi.

Mangiare velocemente può far sì che sia lo stomaco che l’intestino debbano eseguire prestazioni più intense. Il processo di sbriciolamento del cibo inizia con la masticazione. Nel caso in cui ciò non fosse adeguato, lo sforzo esercitato dal resto del tubo sarà maggiore. Da qui potreste sperimentare un minor utilizzo di alcuni nutrienti.

Anche la formazione di gas e il disagio intestinale sono aumentati. Ad esempio, le fibre lavorate male dal punto di vista meccanico provocano la fermentazione. Da qui i gas si accumulano e possono causare dolore. È vero che la composizione della dieta avrà molto a che fare con questo, ma un processo di masticazione insufficiente è considerato decisivo.

Come mangiare più lentamente?

Per mangiare velocemente devi seguire diversi consigli
Sembra facile, ma mangiare lentamente può diventare molto difficile per alcune persone.

Potete sperimentare una serie di strategie per mangiare più lentamente e migliorare la vostra salute. In primo luogo, sarà fondamentale evitare situazioni stressanti. Per fare questo, dovete dormire adeguatamente, almeno 7 o 8 ore di qualità, con il minimo numero di interruzioni possibili. Gli integratori di melatonina hanno dimostrato di essere efficaci nel migliorare questo parametro.

Va tenuto presente che un buon riposo notturno migliora il funzionamento del binomio appetito-sazietà, per cui il guadagno derivante dall’influenzare il sonno sarebbe doppio. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Critical Reviews in Food Science and Nutrition. Inoltre, quando il sonno è scarso, la preferenza per i cibi di bassa qualità tende ad aumentare.

Sarà determinante evitare di iniziare i pasti con un appetito eccessivo. Per questo potete bere un bicchiere di acqua fresca prima di iniziare a mangiare. È un meccanismo che ha diverse evidenze scientifiche sulla sua efficacia. Questo riesce ad aumentare la distensione del tessuto dello stomaco e ad attivare i recettori che stimolano la sazietà.

In ogni caso, non va dimenticata la necessità di prendersi cura dell’ambiente. Si consiglia di evitare di mangiare mentre si guarda la televisione o i dispositivi mobili. Questi possono aumentare i livelli di stress, portando a una masticazione più veloce e peggiore. Per quanto possibile sarà positivo creare un clima di relax familiare, curando anche le misure igieniche durante il processo.

Anche scegliere gli alimenti giusti che andranno a comporre i tuoi pasti principali può fare la differenza. Non è una buona cosa iniziare offrendo commestibili golosi o dal sapore dolce.

È meglio iniziare con un primo piatto dominato dalle verdure, come puree e insalate. Questi aiuteranno a calmare l’appetito iniziale, grazie al suo contenuto di fibre. Questa sostanza aiuta anche a migliorare il transito intestinale, come afferma uno studio pubblicato su Nature Reviews.

Gli integratori possono aiutare a mangiare lentamente?

Alcuni integratori come la melatonina aiutano a migliorare la qualità del sonno, mantenendo così un buon stato emotivo, riducendo l’ansia. Non è l’unica sostanza in grado di generare un effetto di questo tipo. Alcuni metaboliti del triptofano, come il 5-HTP, hanno un beneficio simile. Anche l’amminoacido stesso raggiunge questo obiettivo quando è incluso nella dieta in dosi sufficienti.

Allo stesso modo, sostanze come il CBD (cannabidiolo) o il magnesio potrebbero calmare i disturbi emotivi. Ciò renderà più facile il riflesso dei disturbi alimentari, attraverso una cattiva selezione del cibo o comportamenti dietetici inappropriati. Sarà favorita la salute a medio e lungo termine.

Una menzione speciale va fatta anche al ruolo della vitamina D. È un nutriente che può essere sintetizzato per via endogena attraverso l’esposizione alla luce solare. Infatti si trova in pochi alimenti e a basse dosi, quindi la dieta non è il modo migliore per garantire un apporto solido e sufficiente. Questa sostanza riesce ad influenzare l’ansia e l’infiammazione nell’ambiente interno.

Tuttavia, è normale che più della metà della popolazione mantenga livelli di vitamina D al di sotto di quanto raccomandato. A medio termine, questo rappresenta un importante problema di salute pubblica, poiché l’incidenza di varie patologie croniche e complesse è alle stelle. Influirà persino su comportamenti di routine come mangiare velocemente.

Per evitare di raggiungere una situazione di questo stile, è meglio proporre una serie di buone abitudini a livello di esposizione solare, oppure optare per l’integrazione. In quest’ultimo caso è importante avere la supervisione di un professionista. Il nutriente è liposolubile e potrebbe accumularsi in dosi eccessive. Non è una cosa frequente ma il rischio esiste e deve essere ridotto al minimo.

Mangiare velocemente può peggiorare i disturbi intestinali

Mangiare velocemente non è solo considerato dannoso per le persone sane. Potrebbe anche aggravare i sintomi di coloro che hanno già sviluppato una malattia intestinale cronica. Al giorno d’oggi, è sempre più comune soffrire di uno di questi problemi, come la colite ulcerosa o la sindrome dell’intestino irritabile. Non esiste ancora una cura per nessuno dei due.

Parliamo di problemi di salute che si manifestano con il rifiuto di determinati alimenti, con la diarrea, con i dolori addominali, con i gas… Inoltre, in chi li soffre di solito si identifica un’alterazione della composizione del microbiota.

Non è molto chiaro se questa sia una causa o una conseguenza, ma quello che si sa per certo è che interessare i microrganismi che popolano l’intestino ha un impatto significativo sullo stato di salute.

Quando si subiscono questi tipi di condizioni, il fatto di non rispettare il processo di digestione a livello orale può portare una serie di conseguenze negative. La sensazione di dolore può aumentare quando il cibo passa attraverso lo stomaco o l’intestino. Anche la produzione di gas sarà maggiore e questo genererà disagi permanenti. La diarrea o la stitichezza potrebbero anche essere aggravate.

In questi casi, dovete curare i comportamenti di igiene alimentare e cercare di ridurre i livelli di ansia. È noto che il sistema nervoso genera una comunicazione bidirezionale con l’intestino. Per questo motivo, influenzare i componenti di uno potrebbe influenzare l’altro. Comunque sia, mantenere la stabilità emotiva ti aiuterà a mangiare più lentamente e anche a mitigare i sintomi di queste patologie.

Anche l’integrazione di probiotici potrebbe essere valutata in questo contesto. I batteri viventi riescono a migliorare la diversità del microbiota e, con esso, le sue funzioni. Ciò è confermato da uno studio pubblicato su Current Nutrition Reports.

Il dolore diminuirà gradualmente e così anche i sintomi associati. A patto che venga scelto un ceppo batterico corretto, ovviamente. Inoltre, sperimenterai un cambiamento positivo anche a livello emotivo. I probiotici aiutano a prevenire la depressione.

L’importanza dell’educazione per evitare di mangiare velocemente

Mangiare velocemente non è sempre consigliato
Per avere abitudini alimentari sane, è importante educare continuamente se stessi su buone abitudini alimentari.

Nonostante tutto ciò che è stato detto, è possibile che molte persone mangino velocemente per una semplice questione educativa. Hanno visto i loro genitori comportarsi in questo modo, oppure sono cresciuti in un ambiente frenetico e hanno imparato ripetendo. In questo senso diventa fondamentale stabilire buone abitudini durante le prime fasi della vita per mantenere un corretto stato di salute in futuro.

Non è solo necessario insegnare a mangiare tutto, proporre una dieta varia ed equilibrata. Occorre inoltre trasmettere i valori dell’igiene alimentare e del buon comportamento a tavola al momento dei pasti. Ciò faciliterà le relazioni sociali nel corso degli anni.

Da non sottovalutare anche il rischio di soffocamento quando si mangia troppo velocemente, il che rende più importante trasmettere un certo stato di calma durante l’infanzia. In questo momento, i bambini avranno maggiori probabilità di avere problemi a deglutire determinati cibi, quindi una buona masticazione faciliterà il processo.

In questo senso gli esperti consigliano di dedicare al periodo della poppata almeno 20 minuti per pasto. In questo modo si genererà un’atmosfera rilassata che vi permetterà di mangiare in tutta tranquillità, riducendo al minimo tutti i rischi esposti. Lo stato della composizione corporea ne gioverà, ottenendo anche una successiva digestione più facile.

Mangiare velocemente fa male alla salute

Ci sono diversi rischi associati a mangiare troppo velocemente. Pertanto, non è un comportamento che dovrebbe essere replicato. Non solo è necessario proporre una dieta equilibrata e varia, ma un’altra serie di buone abitudini legate al processo alimentare sarà determinante per prevenire alterazioni dello stato di salute.

Ricordate che per mantenere il corpo funzionale negli anni, sarà necessario promuovere insieme una serie di routine. La pratica regolare dell’attività fisica dovrebbe essere promossa, ponendo particolare enfasi sul lavoro di forza. Sarà inoltre fondamentale garantire un’esposizione regolare e progressiva ai raggi solari, evitando sempre scottature cutanee.

Potrebbe interessarti ...
Mangiare poco aiuta a perdere peso?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Mangiare poco aiuta a perdere peso?

Mangiare poco può essere una strategia efficace per perdere peso, anche se non servirà a tutti. È sempre bene individualizzare.



  • Koliaki, C., Liatis, S., & Kokkinos, A. (2019). Obesity and cardiovascular disease: revisiting an old relationship. Metabolism: clinical and experimental92, 98–107. https://doi.org/10.1016/j.metabol.2018.10.011
  • Xie, Z., Chen, F., Li, W. A., Geng, X., Li, C., Meng, X., Feng, Y., Liu, W., & Yu, F. (2017). A review of sleep disorders and melatonin. Neurological research39(6), 559–565. https://doi.org/10.1080/01616412.2017.1315864
  • Muscogiuri, G., Barrea, L., Annunziata, G., Di Somma, C., Laudisio, D., Colao, A., & Savastano, S. (2019). Obesity and sleep disturbance: the chicken or the egg?. Critical reviews in food science and nutrition59(13), 2158–2165. https://doi.org/10.1080/10408398.2018.1506979
  • Jeong J. N. (2018). Effect of Pre-meal Water Consumption on Energy Intake and Satiety in Non-obese Young Adults. Clinical nutrition research7(4), 291–296. https://doi.org/10.7762/cnr.2018.7.4.291
  • Gill, S. K., Rossi, M., Bajka, B., & Whelan, K. (2021). Dietary fibre in gastrointestinal health and disease. Nature reviews. Gastroenterology & hepatology18(2), 101–116. https://doi.org/10.1038/s41575-020-00375-4
  • Mörkl, S., Butler, M. I., Holl, A., Cryan, J. F., & Dinan, T. G. (2020). Probiotics and the Microbiota-Gut-Brain Axis: Focus on Psychiatry. Current nutrition reports9(3), 171–182. https://doi.org/10.1007/s13668-020-00313-5

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.