Differenze tra vitamine e proteine

Vi parleremo delle differenze tra proteine e vitamine e perché è necessario soddisfare il fabbisogno giornaliero di entrambi i nutrienti.
Differenze tra vitamine e proteine
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio, 2023

Le vitamine e le proteine sono due tipi di nutrienti essenziali per il corpo. Se si verifica un deficit in uno di essi, il funzionamento di molti organi potrebbe essere messo a rischio a breve e medio termine.

Tuttavia, ci sono molte differenze tra questi due elementi. Mentre è vero che possono essere trovati in vari alimenti, sia la loro struttura chimica che le loro funzioni differiscono.

Cosa sono le vitamine?

Con il nome di vitamine conosciamo un gruppo abbastanza eterogeneo di sostanze che partecipano a diverse funzioni fisiologiche, essendo molto importanti per lo sviluppo, la crescita e i processi che avvengono all’interno della cellula. Sono 13 le vitamine essenziali, cioè hanno bisogno di un apporto esogeno affinché i loro livelli siano adeguati nell’organismo.

A loro volta, le vitamine possono essere divise in due gruppi a seconda del mezzo in cui vengono disciolte. Da un lato ci sono quelli idrosolubili, che vengono trasportati in un mezzo acquoso.

È anche possibile trovare un gruppo di vitamine liposolubili. In questo caso, hanno bisogno di grassi per essere assorbiti e immagazzinati.

Delle vitamine idrosolubili non ci sono quasi riserve nel corpo, quindi l’assunzione giornaliera è fondamentale.

D’altra parte, va detto che la carenza di alcune vitamine, come la D, può causare seri problemi di salute. Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Reviews in Endocrine & Metabolic Disorders. Nonostante ciò, metà della popolazione mondiale non riesce a raggiungere i valori raccomandati per essa.

Va notato che ci sono diverse vitamine che partecipano attivamente al sistema immunitario, migliorando la funzione di difesa del corpo. Tra questi spicca la vitamina C, nutriente che può aiutare a ridurre l’incidenza delle malattie infettive, secondo uno studio pubblicato su Nutrients.

Vitamine e proteine: problemi di carenza vitaminica acuta

Abbiamo commentato che il mantenimento di un deficit di vitamine nell’organismo può favorire lo sviluppo di patologie croniche. Ma è anche un inconveniente a breve termine.

Molti di questi nutrienti partecipano all’assorbimento dei minerali a livello intestinale, quindi un apporto inadeguato di vitamine può portare a una carenza di alcuni elementi, come ferro o calcio.

Nello specifico, la vitamina C è responsabile dell’aumento della disponibilità di ferro, nutriente con scarsa capacità di assorbimento. Se entrambi vengono somministrati insieme, il rischio di anemia è significativamente ridotto.

Qualcosa di simile accade con la vitamina D e il calcio. È necessario che i livelli del primo nutriente siano adeguati per favorire l’assorbimento intestinale del calcio e la sua successiva fissazione nelle ossa.

Le vitamine.
Le vitamine sono micronutrienti. Sono necessarie piccole quantità giornaliere di ciascuno.

Cosa sono le proteine?

Le proteine, dal canto loro, sono strutture costituite da unità che prendono il nome di amminoacidi. Sono determinanti in termini di struttura, in quanto sono responsabili di far parte dei muscoli e di altri tessuti. Inoltre, partecipano alla sintesi degli ormoni, del sistema immunitario e dei processi metabolici.

È molto importante soddisfare il fabbisogno proteico giornaliero per raggiungere una buona salute. Se si verifica un deficit prolungato di questi nutrienti nel tempo, sarà più probabile che si sviluppino patologie come la sarcopenia, come affermato da una ricerca pubblicata sulla rivista BioMed Research International.

Ora, le proteine non sono importanti solo per le prestazioni muscolari o fisiche, ma anche per lo stato nutrizionale generale. In effetti, le raccomandazioni relative al suo consumo sono state riviste negli ultimi anni. Attualmente, nelle persone sedentarie è indicato un apporto superiore a 0,8 grammi di proteine per chilogrammo di peso al giorno, secondo un articolo pubblicato su Annals of Nurition & Metabolism.

Queste esigenze possono anche raddoppiare o triplicare nel caso degli atleti. Ovviamente sarà necessario assicurarsi che almeno la metà delle proteine somministrate abbia un alto valore biologico.

È necessario assumere integratori vitaminici?

Una delle domande più frequenti nelle consultazioni nutrizionali ha a che fare con la necessità o meno di assumere un integratore vitaminico. È dimostrato che la somministrazione di alcuni di questi nutrienti in dosi superiori a quelle dietetiche potrebbe generare benefici sullo stato di salute. Un esempio è quello della già citata vitamina C, poiché aiuta a prevenire il raffreddore.

La verità è che c’è molto disaccordo al riguardo. Come regola generale, non è raccomandata l’integrazione cronica con vitamine del gruppo B. Tuttavia, mantenere un apporto extra di nutrienti che potrebbero essere carenti, come la vitamina D, potrebbe aiutare a migliorare la salute. Lo conferma uno studio pubblicato sul Journal of Infection and Public Health.

Sebbene sia difficile sperimentare un consumo eccessivo di vitamine idrosolubili, diventa più facile subire una situazione del genere con il tipo liposolubile. Infatti, alcuni di questi nutrienti potrebbero addirittura presentare tossicità se somministrati in dosi elevate, come la vitamina A.

Tuttavia, è più comune soffrire di una carenza vitaminica che di un eccesso. Anche in quest’ultimo caso le conseguenze non sono troppo preoccupanti.

Gli integratori proteici sono necessari?

La scienza sostiene il consumo di questi integratori proteici, in quanto non hanno effetti negativi o collaterali e consentono di soddisfare abbastanza facilmente i fabbisogni quotidiani. Questo accade soprattutto nel caso degli atleti, poiché a volte è difficile somministrare quasi 200 grammi di proteine al giorno attraverso la dieta.

Per mezzo di una scossa di sostanze nutritive di alto valore biologico questo compito diventa molto più facile. Inoltre, il consumo di questi prodotti ha dimostrato di migliorare i processi di recupero negli atleti, riuscendo a stimolare gli adattamenti muscolari. Aiutano a generare processi di ipertrofia e promuovono aumenti di forza tra le diverse sessioni.

Quando si sceglie un integratore proteico è necessario guardare le etichette e richiedere gli appositi certificati di qualità. Non solo devi assicurarti che la purezza sia indicata sulla confezione, ma è anche fondamentale assicurarti che non contenga sostanze dopanti.

Frullati proteici.
Gli atleti possono sfruttare i benefici dei frullati proteici per migliorare il loro guadagno di massa muscolare.

Come garantire un apporto ottimale di vitamine e proteine attraverso la dieta?

Per poter coprire il fabbisogno giornaliero di vitamine e proteine attraverso la dieta, sarà necessario proporre uno schema il più vario ed equilibrato possibile. Maggiore è lo spettro degli alimenti consumati, minore è il rischio di subire un apporto inefficiente di alcuni nutrienti essenziali.

Come regola generale, si consiglia di realizzare il modello con alimenti freschi. Questi hanno un’alta densità di nutrienti e di solito non contengono composti tossici o nocivi che possono mettere a rischio il corretto funzionamento degli organi.

Decisivo, invece, sarà il consumo quotidiano di verdure in abbondanza. Ogni giorno nella dieta devono figurare almeno 5 porzioni di frutta e verdura. Questi alimenti sono in grado di fornire una buona quantità di vitamine.

Allo stesso modo, è una buona strategia consumare più pesce che carne rossa. Un altro consiglio molto saggio riguarda l’inclusione regolare di uova e latticini.

Vitamine e proteine: due nutrienti molto diversi

Vitamine e proteine sono nutrienti molto diversi. Non sono simili nella struttura chimica e, sebbene condividano alcune funzioni, hanno essenzialmente ruoli diversi.

Tuttavia, sarà importante soddisfare i requisiti di entrambi gli elementi per raggiungere una buona salute a medio e lungo termine. In caso contrario, potrebbero essere promosse patologie complesse.

Se state considerando la possibilità di includere un integratore vitaminico o proteico nel regime, vi consigliamo di visitare prima un nutrizionista. Dovrete iniziare aggiustando la dieta. Sarà poi decisivo scegliere il complemento più adatto per ogni caso particolare.

Potrebbe interessarti ...
Perché le proteine tolgono la fame?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Perché le proteine tolgono la fame?

Le proteine tolgono la fame e possono aiutare a migliorare lo stato di composizione corporea se consumate correttamente.



  • Holick M. F. (2017). The vitamin D deficiency pandemic: Approaches for diagnosis, treatment and prevention. Reviews in endocrine & metabolic disorders18(2), 153–165. https://doi.org/10.1007/s11154-017-9424-1
  • Carr, A. C., & Maggini, S. (2017). Vitamin C and Immune Function. Nutrients9(11), 1211. https://doi.org/10.3390/nu9111211
  • Martone, A. M., Marzetti, E., Calvani, R., Picca, A., Tosato, M., Santoro, L., Di Giorgio, A., Nesci, A., Sisto, A., Santoliquido, A., & Landi, F. (2017). Exercise and Protein Intake: A Synergistic Approach against Sarcopenia. BioMed research international2017, 2672435. https://doi.org/10.1155/2017/2672435
  • Richter, M., Baerlocher, K., Bauer, J. M., Elmadfa, I., Heseker, H., Leschik-Bonnet, E., Stangl, G., Volkert, D., Stehle, P., & on behalf of the German Nutrition Society (DGE) (2019). Revised Reference Values for the Intake of Protein. Annals of nutrition & metabolism74(3), 242–250. https://doi.org/10.1159/000499374
  • Ali N. (2020). Role of vitamin D in preventing of COVID-19 infection, progression and severity. Journal of infection and public health13(10), 1373–1380. https://doi.org/10.1016/j.jiph.2020.06.021
  • Davies, R. W., Carson, B. P., & Jakeman, P. M. (2018). The Effect of Whey Protein Supplementation on the Temporal Recovery of Muscle Function Following Resistance Training: A Systematic Review and Meta-Analysis. Nutrients10(2), 221. https://doi.org/10.3390/nu10020221

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.