Dieta per il fegato grasso: cibi consigliati e vietati

Dieta per il fegato grasso: cibi consigliati e vietati
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Se si è sviluppata la malattia del fegato grasso, sarà importante pianificare una dieta adeguata per facilitare la gestione della patologia e migliorarne la prognosi. Si tratta di un problema di salute complesso che, sebbene reversibile, può causare seri danni se non viene individuato precocemente o se non viene curato adeguatamente.

Prima di iniziare, è essenziale sottolineare che il fegato grasso è solitamente generato da cattive abitudini di vita, sia dietetiche che tossiche. Ad esempio, il consumo di alcol aumenta notevolmente il rischio, diventando uno dei principali fattori che ne determinano l’aspetto. Anche una dieta ricca di grassi trans di bassa qualità può predisporre al problema.

Alimenti consigliati per il fegato grasso

Quando viene diagnosticata la steatosi epatica, dovrebbero essere presi in considerazione alcuni cambiamenti nella dieta. Ci sono alcuni alimenti che possono essere consumati più frequentemente per migliorare i sintomi. Essendo un’alterazione della funzione dell’organo che ha una componente infiammatoria di base, controllarne il corretto funzionamento sarà la chiave per invertire il problema.

Secondo la recente letteratura scientifica, il consumo regolare di carciofi aiuta ad alleviare la patologia. Questo ortaggio contiene una serie di sostanze fitochimiche con capacità antiossidanti che aiutano a riparare il tessuto epatico danneggiato, che a poco a poco si tradurrà in un maggiore senso di benessere. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Phytotherapy Research.

Ci sono due alternative efficienti. Il primo di questi è inserire regolarmente il carciofo nella dieta, poiché è fondamentale consumarlo in quantità elevate per ottenere i suoi benefici. Un’altra opzione è quella di utilizzare un integratore di estratto di carciofo, in questo modo sarete in grado di ingerire la quantità necessaria di sostanze fitochimiche per sperimentare gli effetti positivi.

Il cardo mariano è un altro prodotto chiave nel trattamento del fegato grasso. Secondo uno studio, contiene un composto chiamato silimarina, che migliora la prognosi dei problemi epatici virali e non trasmissibili. Sebbene sia vero che le prove non sono ancora della massima qualità, le indicazioni sulla sua efficacia sono più che coerenti.

Omega 3 per il trattamento del fegato grasso

La dieta per il fegato grasso è varia
Il pesce è un alimento eccellente per le persone con fegato grasso.

Uno dei componenti che non devono passare inosservati nel trattamento dei problemi al fegato sono gli acidi grassi della serie omega 3.

Questi composti hanno dimostrato di esercitare un forte potere antinfiammatorio, che può aiutare a ricostruire il tessuto danneggiato, accelerare il recupero e fermare uno dei principali meccanismi causali. Tuttavia, è importante bilanciare il suo apporto con quello degli acidi grassi della serie omega 6.

Per garantire la presenza di questi composti nella dieta, viene solitamente proposto un aumento del consumo di pesce azzurro, per il suo alto contenuto di grassi sani. Nei casi in cui si è sviluppato il fegato grasso, è meglio consumare pesce piccolo, poiché il rischio di un accumulo significativo di metalli pesanti al suo interno è minore.

C’è anche la possibilità di incorporare alte dosi di omega 3 nel regime alimentare attraverso gli integratori. Sia l’olio di krill che l’olio di fegato di merluzzo funzionerebbero. Entrambi i prodotti contengono DHA ed EPA in quantità sufficienti, il che consente di svolgere con successo l’effetto antinfiammatorio.

Va notato che gli stessi omega 3 sono in grado di proteggere il muscolo dagli stati catabolici del corpo. Pertanto, possono essere prevenute patologie come la sarcopenia.

Quando il fegato non funziona bene, alcuni meccanismi metabolici potrebbero non essere eseguiti in modo efficiente e la sintesi proteica potrebbe essere ridotta. Pertanto, la presenza di omega 3 nel corpo riuscirà a proteggere il tessuto magro.

Cibi proibiti quando c’è il fegato grasso

Allo stesso modo in cui il consumo di alcuni prodotti favorisce il recupero dopo la diagnosi di steatosi epatica, ci sono altri commestibili o composti che dovrebbero essere eliminati dalla dieta, poiché sono controproducenti.

Un esempio sono gli acidi grassi trans, noti come grassi trans. Questi si formano cucinando cibi ricchi di grassi a temperature elevate. Hanno un elevato potere infiammatorio, come evidenziato da una ricerca pubblicata su Biological & Pharmaceutical Bulletin.

Allo stesso modo, tutti i composti tossici devono essere completamente limitati. Per questo motivo, l’alcol sarà completamente proibito e anche il tabacco dovrebbe essere soppresso. Ovviamente resta che il resto dei farmaci dovrebbe essere evitato completamente.

Ora, quando parliamo di droghe, non ci riferiamo solo alle droghe ricreative, poiché molte droghe influenzano in modo significativo la funzionalità epatica. Potrebbe essere necessario rivedere il programma dei farmaci con lo specialista, se necessario.

Inoltre, sarà necessario limitare l’apporto degli zuccheri semplici perché hanno un potenziale infiammatorio quando non vengono bruciati successivamente con l’esercizio fisico.

Esistono infatti prove che dimostrano che il suo consumo regolare può aumentare il rischio di alcune patologie, come la sindrome metabolica. La cosa migliore sarà privilegiare il consumo di carboidrati complessi, attraverso cibi ad alto contenuto di fibre.

Per quanto riguarda la frutta, c’è un bel po’ di controversia. Da un lato, si afferma che l’assunzione di fruttosio in grandi quantità influisce negativamente sulla funzionalità epatica.

Tuttavia, questi alimenti contengono una quantità significativa di antiossidanti che aiutano a tenere sotto controllo l’infiammazione e partecipano alla rigenerazione dei tessuti. Anche le vitamine svolgono quest’ultima funzione, in particolare la vitamina C.

La maggior parte degli esperti raccomanda che l’assunzione dovrebbe essere moderata. Sarà positivo scegliere frutti con un contenuto di zuccheri inferiore e un apporto di fibre più elevato da includere nella dieta. Tuttavia, potrebbe essere necessario limitare severamente l’assunzione fino a quando i marcatori della salute del fegato non migliorano. Da questo momento verranno reintrodotti gradualmente.

Dieta ipocalorica per la salute del fegato

È fondamentale notare che, in molte occasioni, il fegato grasso si sviluppa nell’ambito del sovrappeso e dell’obesità. Pertanto, sarà una buona alternativa proporre una dieta che permetta di migliorare lo stato della composizione corporea, in modo da invertire il processo. Dovrebbe essere garantito che ci sia un certo deficit a livello energetico, anche se deve essere garantito un apporto sufficiente di proteine di qualità.

Alcune strategie come il digiuno intermittente possono essere messe in atto per facilitare il processo. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Canadian Family Physician, questo digiuno è un protocollo efficace per aiutare a mobilitare e ossidare i grassi, riuscendo a migliorare lo stato di composizione corporea. Anche la riduzione dei carboidrati può essere efficace, anche se non sempre genera un’adeguata aderenza.

Tuttavia, per sperimentare davvero un cambiamento significativo, sarà necessario introdurre nell’equazione la variabile dell’attività fisica. In caso contrario, un buon deficit non si consoliderà con l’efficienza nell’uso dei substrati energetici.

Il lavoro di forza consente di invertire le situazioni di insulino-resistenza, anch’esse strettamente legate allo sviluppo del fegato grasso. Pertanto, la perdita di peso sarà significativa.

Per raggiungere il successo, oltre a apportare modifiche alla dieta, sono necessarie altre abitudini di vita. Ad esempio, dormire almeno 7-8 ore di buona qualità ogni notte può fare la differenza. In questo modo si svolgeranno in modo ottimale i processi di recupero, che consentiranno al tessuto di ripararsi favorevolmente.

Tornando alle componenti dietetiche, è conveniente che la dieta si basi soprattutto sul consumo di alimenti freschi ad alta densità nutritiva. Deve avere carattere ipocalorico e può essere integrato con antiossidanti, omega 3 e anche vitamina C.

Quest’ultimo nutriente agisce come antiossidante e favorisce la sintesi endogena del collagene, la proteina più abbondante nel corpo umano.

Microbiota e fegato grasso

Negli ultimi anni si è speculato sulla possibilità che i cambiamenti nel microbiota agiscano, nel bene e nel male, sulla salute del fegato. Sono stati individuati alcuni ceppi di batteri che potrebbero migliorare il funzionamento di questo organo, riuscendo così a ridurre le problematiche ad esso associate. Tuttavia, ci sono ancora molti dubbi al riguardo.

Ciò che sembra chiaro è che il mantenimento di un microbiota sano riduce il rischio che i meccanismi infiammatori nell’ambiente interno vadano fuori controllo. Questo influenza positivamente tutti gli organi e la fisiologia dell’organismo in generale. Per garantire questo obiettivo è consigliabile proporre una dieta con una regolare presenza di latticini fermentati e fibre.

Quest’ultima sostanza funge da substrato energetico per i batteri che abitano il tubo. Su tutte spicca l’azione della fibra solubile, che riesce a fermentare e a produrre diversi benefici. Si trova principalmente negli alimenti a base vegetale come mele e avena. L’inclusione della fibra nella dieta è essenziale per sperimentarne i benefici.

Droghe e malattie del fegato

La dieta del fegato grasso e i farmaci
Poiché un gran numero di farmaci ha un metabolismo epatico, è importante controllarne il consumo e consultare sempre un medico in caso di fegato grasso.

L’abuso di alcuni farmaci può essere una delle cause della steatosi epatica. Dopotutto, questi composti vengono solitamente metabolizzati nel tessuto epatico e sottopongono le cellule che lo compongono a un alto livello di stress. Quando questa condizione viene mantenuta continuamente, può sviluppare malattie croniche e complesse.

Pertanto, non è conveniente consumare medicinali senza supervisione professionale. In caso contrario, potresti riscontrare più effetti collaterali di quelli desiderati, soprattutto a medio e lungo termine. Allo stesso modo, sarà molto positivo ottimizzare le abitudini di vita per ingerire questi composti il meno possibile.

La dieta per il fegato grasso

È possibile proporre determinati meccanismi dietetici per invertire o migliorare la steatosi epatica e quindi mantenere un migliore stato di salute. È una patologia che ha molto a che fare con le abitudini di vita, quindi si può risolvere modificandole in positivo. Certo, a volte è importante considerare un trattamento farmacologico.

Prima di concludere, va notato che la steatosi epatica spesso rimane silenziosa fino alle ultime fasi. È possibile rilevarla attraverso esami del sangue, anche se sarà necessario eseguire una serie di test complementari per confermare la diagnosi e iniziare il trattamento.

Potrebbe interessarti ...
Le 6 malattie del fegato più comuni
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Le 6 malattie del fegato più comuni

Le malattie del fegato sono solitamente causate da agenti virali, ma la salute epatica è anche una chiara indicazione dello stile di vita.



  • Panahi, Y., Kianpour, P., Mohtashami, R., Atkin, S. L., Butler, A. E., Jafari, R., Badeli, R., & Sahebkar, A. (2018). Efficacy of artichoke leaf extract in non-alcoholic fatty liver disease: A pilot double-blind randomized controlled trial. Phytotherapy research : PTR32(7), 1382–1387. https://doi.org/10.1002/ptr.6073
  • Rambaldi, A., Jacobs, B. P., & Gluud, C. (2007). Milk thistle for alcoholic and/or hepatitis B or C virus liver diseases. The Cochrane database of systematic reviews2007(4), CD003620. https://doi.org/10.1002/14651858.CD003620.pub3
  • Calder P. C. (2017). Omega-3 fatty acids and inflammatory processes: from molecules to man. Biochemical Society transactions45(5), 1105–1115. https://doi.org/10.1042/BST20160474
  • Hirata Y. (2021). trans-Fatty Acids as an Enhancer of Inflammation and Cell Death: Molecular Basis for Their Pathological Actions. Biological & pharmaceutical bulletin44(10), 1349–1356. https://doi.org/10.1248/bpb.b21-00449
  • Jensen, T., Abdelmalek, M. F., Sullivan, S., Nadeau, K. J., Green, M., Roncal, C., Nakagawa, T., Kuwabara, M., Sato, Y., Kang, D. H., Tolan, D. R., Sanchez-Lozada, L. G., Rosen, H. R., Lanaspa, M. A., Diehl, A. M., & Johnson, R. J. (2018). Fructose and sugar: A major mediator of non-alcoholic fatty liver disease. Journal of hepatology68(5), 1063–1075. https://doi.org/10.1016/j.jhep.2018.01.019
  • Welton, S., Minty, R., O’Driscoll, T., Willms, H., Poirier, D., Madden, S., & Kelly, L. (2020). Intermittent fasting and weight loss: Systematic review. Canadian family physician Medecin de famille canadien66(2), 117–125.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.