Come controllare il colesterolo

Vi mostreremo cosa potete fare per controllare i livelli di colesterolo e infiammazione, riducendo il rischio cardiovascolare.
Come controllare il colesterolo
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

Mantenere i livelli di colesterolo in intervalli ottimali è stata la preoccupazione principale di molti professionisti della salute negli ultimi decenni. Sebbene la relazione tra profilo lipidico e rischio cardiovascolare sia attualmente messa in discussione, è ancora importante controllare il colesterolo per garantire l’omeostasi nell’ambiente interno.

La prima cosa da chiarire è che l’impatto della dieta sui livelli di lipoproteine è limitato. Dopotutto, una modulazione efficace risponde a un insieme di abitudini di vita applicate insieme. Tra questi, spicca la pratica dell’attività fisica su base regolare.

Modificare la dieta per controllare il colesterolo

Fino a poco tempo fa si raccomandava di limitare la presenza di colesterolo alimentare nel regime per evitare un impatto sul profilo lipidico. Fino ad oggi, è noto che la relazione non è così stretta come si pensava in precedenza. È stato infatti dimostrato che l’assunzione di uova non ha praticamente alcun effetto su questo parametro.

Questo perché il colesterolo può essere prodotto in modo endogeno nell’intestino. Per questo motivo i suoi livelli nell’organismo sono modulati da una determinazione genetica. La sintesi endogena sarà maggiore o minore a seconda della presenza del nutriente nel cibo consumato.

Anche così, è vero che ci sono alcune limitazioni a questa situazione di omeostasi. Nel caso in cui la dieta sia di scarsa qualità, la distribuzione delle lipoproteine potrebbe essere compromessa. Ad esempio, un consumo eccessivo di acidi grassi trans potrebbe aumentare una parte del colesterolo LDL noto come tipo C. Lo dimostra uno studio pubblicato su Food and Chemical Toxicology.

Questa lipoproteina ossidata sembra avere un rischio maggiore di aggregazione, quindi è importante regolarne i livelli per mantenersi in buona salute. Tuttavia, la sua produzione sarebbe diminuita se l’apporto di antiossidanti nella dieta fosse ottimale. Grazie a questi elementi viene neutralizzata la produzione di radicali liberi.

D’altra parte, ci sono sostanze nutritive che possono influenzare positivamente i livelli di colesterolo. Tra questi, una menzione speciale va fatta agli acidi grassi della serie omega 3. Questi hanno proprietà antinfiammatorie. Possono anche aumentare la lipoproteina di tipo HDL e abbassare il colesterolo LDL, secondo una ricerca pubblicata sull’European Journal of Nutrition.

Gli effetti delle fibre

Come regola generale, si consiglia di aumentare l’assunzione di fibre per mantenere una buona salute. Gli esperti consigliano circa 25 grammi al giorno della sostanza nella dieta per ottenere una funzione digestiva ottimale. Inoltre, va notato che questo elemento funziona come antinutriente, bloccando parzialmente l’assorbimento di alcuni elementi, come il colesterolo alimentare.

L’effetto delle fibre sui livelli di colesterolo non è così significativo come si credeva in precedenza. Il profilo lipidico è determinato dal carico genetico della persona e si ha produzione di lipoproteine a livello endogeno. In questo modo, un aumento dell’apporto di fibra ridurrà l’assorbimento del colesterolo, ma provocherà una compensazione attraverso l’aumento della sua sintesi.

In questo senso i livelli rimarranno più o meno stabili nel tempo, tendendo verso una situazione di omeostasi. Questo non vuol dire che la fibra non sia positiva. La sua fermentazione provoca la genesi di composti antinfiammatori, che sono acidi grassi a catena corta.

Tenere sotto controllo i livelli di infiammazione nell’organismo diventa fondamentale per ridurre l’incidenza delle malattie cardiovascolari, come evidenziato da una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Reviews. Sarà inoltre essenziale ridurre il tasso di ossidazione.

Alimenti in fibra per controllare il colesterolo.
Gli alimenti ricchi di fibre possono aiutare a controllare l’infiammazione nel corpo, riducendo il rischio cardiovascolare.

Esercizio per controllare il colesterolo

Quando l’obiettivo è ottimizzare il profilo lipidico e mantenere i processi di infiammazione e ossidazione in range ottimali, è meglio promuovere la pratica dell’esercizio fisico con regolarità. Attraverso l’attività fisica si genera uno stimolo che si conclude con l’ipertrofia muscolare.

Il miglioramento della composizione corporea si tradurrà in una riduzione dei livelli di trigliceridi. Anche le frazioni ossidate delle lipoproteine che compongono il colesterolo vedranno diminuire il loro numero. La mortalità per tutte le cause diminuirà, secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMJ.

La verità è che l’esercizio di forza dovrebbe essere prioritario rispetto al lavoro aerobico. Anche quest’ultimo deve essere effettuato, ma attraverso gli adattamenti muscolari che generano l’ipertrofia si ottiene un miglioramento più significativo dello stato di salute.

Ora, esistono diversi tipi di attività che possono migliorare lo stato della composizione corporea, aiutando anche a controllare il colesterolo. Ad esempio, il lavoro a intervalli ad alta intensità attiva il metabolismo in modo molto efficiente.

Integratori per controllare il colesterolo

Esistono integratori o prodotti funzionali che promettono di controllare i livelli di colesterolo. Sebbene sia vero che possono avere un impatto su questo parametro, la loro efficienza è limitata. Sarà inutile inserire questi elementi nella linea guida se non verranno promosse una serie di sane abitudini di vita.

Tra tutti questi integratori spiccano l’olio di pesce e gli steroli vegetali. È stato dimostrato che hanno un effetto positivo sul tasso di ossidazione delle lipoproteine e sui livelli di LDL, con effetti collaterali minimi o nulli. Sono considerati molto sicuri per la salute.

Per sperimentare gli effetti positivi derivati dal suo consumo , si consiglia una dieta leggermente ipocalorica che favorisca il dimagrimento. L’obesità è chiaramente uno dei fattori di rischio che aumentano il tasso di ossidazione delle LDL, oltre ad aumentare il rischio di morte per qualsiasi causa.

Altri fattori che possono influenzare la salute cardiovascolare

I livelli di colesterolo non sono attualmente considerati un marker molto efficace di rischio cardiovascolare. Tuttavia, ci sono altri fattori che possono fornire informazioni sulle possibilità di sviluppare questi tipi di problemi.

Il consumo di tabacco e alcol è considerato molto dannoso in termini di mantenimento dell’omeostasi nell’ambiente interno, che influisce sul funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni. Le tossine potrebbero causare una maggiore rigidità arteriosa, aumentando il rischio di avere alti livelli di trigliceridi nel sangue.

Le indicazioni degli operatori sanitari oggi non si concentrano tanto sulla riduzione di un marker sierico quanto sulla promozione dello sviluppo di sane abitudini. È conveniente evitare le tossine, aumentare la pratica sportiva, limitare la presenza di sostanze ultra-elaborate nella dieta e aumentare il consumo di verdure e cibi freschi.

L’importanza di evitare le statine

I farmaci usati per controllare il colesterolo hanno effetti collaterali. Per questo motivo è fondamentale promuovere buone abitudini di vita per evitare farmaci con questi prodotti.

Negli ultimi decenni sono stati uno dei farmaci più utilizzati. Gli operatori sanitari sono sempre più restii a prescrivere questi farmaci, optando per una modifica delle abitudini e per un intervento nutrizionale.

Sarà necessario correggere ciò che provoca danni attraverso la dieta, il buon riposo e l’esercizio fisico. Anche l’esposizione frequente alla luce solare può aiutare molto.

Il medico prescrive farmaci per controllare il colesterolo.
Sarà sempre preferibile ridurre il colesterolo con tecniche non farmacologiche. In questo modo si evitano effetti collaterali a medio e lungo termine.

Il colesterolo può essere controllato attraverso le buone abitudini

È possibile esercitare una certa influenza sui livelli di colesterolo attraverso buone abitudini di vita. La dieta può limitare l’ossidazione delle lipoproteine LDL, pur non ridurne eccessivamente il numero. Va ricordato che il profilo lipidico è determinato dal carico genetico.

Ora, è vero che il colesterolo può essere aumentato finché la dieta non è adeguata. Un elevato consumo di acidi grassi trans aumenterà la presenza di lipidi nel sangue, favorendo anche l’ossidazione delle lipoproteine. Il risultato sarà un aumento dell’infiammazione.

Potrebbe interessarti ...
I diversi tipi di colesterolo
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
I diversi tipi di colesterolo

Esistono diversi tipi di colesterolo. Ognuna di queste lipoproteine ha una funzione diversa all'interno del corpo. Analizziamole insieme.



  • Blesso, C. N., & Fernandez, M. L. (2018). Dietary Cholesterol, Serum Lipids, and Heart Disease: Are Eggs Working for or Against You?. Nutrients10(4), 426. https://doi.org/10.3390/nu10040426
  • Liska, D. J., Cook, C. M., Wang, D. D., Gaine, P. C., & Baer, D. J. (2016). Trans fatty acids and cholesterol levels: An evidence map of the available science. Food and chemical toxicology : an international journal published for the British Industrial Biological Research Association98(Pt B), 269–281. https://doi.org/10.1016/j.fct.2016.07.002
  • Blom, W., Koppenol, W. P., Hiemstra, H., Stojakovic, T., Scharnagl, H., & Trautwein, E. A. (2019). A low-fat spread with added plant sterols and fish omega-3 fatty acids lowers serum triglyceride and LDL-cholesterol concentrations in individuals with modest hypercholesterolaemia and hypertriglyceridaemia. European journal of nutrition58(4), 1615–1624. https://doi.org/10.1007/s00394-018-1706-1
  • Jaiswal, S., & Libby, P. (2020). Clonal haematopoiesis: connecting ageing and inflammation in cardiovascular disease. Nature reviews. Cardiology17(3), 137–144. https://doi.org/10.1038/s41569-019-0247-5
  • Stensvold, D., Viken, H., Steinshamn, S. L., Dalen, H., Støylen, A., Loennechen, J. P., Reitlo, L. S., Zisko, N., Bækkerud, F. H., Tari, A. R., Sandbakk, S. B., Carlsen, T., Ingebrigtsen, J. E., Lydersen, S., Mattsson, E., Anderssen, S. A., Fiatarone Singh, M. A., Coombes, J. S., Skogvoll, E., Vatten, L. J., … Wisløff, U. (2020). Effect of exercise training for five years on all cause mortality in older adults-the Generation 100 study: randomised controlled trial. BMJ (Clinical research ed.)371, m3485. https://doi.org/10.1136/bmj.m3485
  • Chen, Y., She, Y., Kaur, R., Guo, N., Zhang, X., Zhang, R., & Gou, X. (2019). Is Plant Sterols a Good Strategy to Lower Cholesterol?. Journal of oleo science68(9), 811–816. https://doi.org/10.5650/jos.ess19116

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.