Allergia ai farmaci: tutto quello che c'è da sapere

Sicuramente più di una volta avete letto dei possibili rischi di una reazione allergica nel foglietto illustrativo di un medicinale. Vediamo cosa c'è dietro.
Allergia ai farmaci: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 24 dicembre, 2022

Gli effetti avversi sono relativamente comuni quando si inizia una terapia farmacologica. Questi di solito consistono in nausea, mal di testa o problemi gastrointestinali. Sono inclusi nel foglietto illustrativo di tutti i farmaci e per la maggior parte non rappresentano alcun inconveniente. Una piccola percentuale di questi, tuttavia, corrisponde a un’allergia ai farmaci.

Questo nome descrive tutte le reazioni mediate dal sistema immunitario dopo il contatto con determinati composti attivi. Sono considerati molto pericolosi, non solo per i sintomi che possono causare (come l’anafilassi), ma perché generano ritardi nel trattamento e persino l’impossibilità di seguirne uno. Qui vi mostriamo tutto al riguardo.

Caratteristiche dell’allergia ai farmaci

L'allergia ai farmaci può avere diverse origini
Sebbene non sia una causa diretta, è probabile che le persone con una storia personale o familiare di allergie abbiano maggiori probabilità di sviluppare ipersensibilità a determinati farmaci.

L’allergia ai farmaci è considerata una manifestazione di reazioni avverse ai farmaci (ADR). Questi si dividono in prevedibili e imprevedibili. Le allergie sono classificate come queste ultime e, secondo la World Allergy Organization, rappresentano meno del 10% di tutti i casi di ADR.

Le reazioni possono essere immediate o svilupparsi un paio d’ore dopo. La maggior parte dei casi si manifesta tra 1 e 6 ore dopo l’ingestione, tutto dipende dalla velocità con cui il farmaco viene metabolizzato. Questi tipi di episodi sono noti anche come ipersensibilità ai farmaci. La causa esatta che li fa scattare non è nota, ma sono stati identificati i seguenti fattori di rischio:

  • Le persone diagnosticate sono sindrome da allergia multipla.
  • Pazienti con diagnosi di asma, HIV o virus di Epstein-Barr.
  • Esposizioni a lungo termine a un farmaco specifico.
  • Predisposizione genetica all’ipersensibilità.
  • Anamnesi di reazioni allergiche.
  • Trattamenti intermittenti o poco controllati di un farmaco (in termini di dose, frequenza e via di assunzione).
  • Sensibilità incrociata.
  • Essere una persona anziana (a causa dell’esposizione a composti per un tempo più lungo).

Farmaci più legati alle allergie

Sebbene in teoria qualsiasi farmaco possa scatenare una reazione allergica, l’ UCLA Health avverte che i principali responsabili sono antibiotici, antidolorifici, farmaci antinfiammatori non steroidei e anticonvulsivanti. In parte, ciò è dovuto alla natura della sua composizione. In questo modo, puoi sviluppare una reazione allergica contro quanto segue:

Questa è solo una selezione dei principali, poiché l’elenco supera i cento farmaci. I sintomi dell’allergia possono essere spontanei o svilupparsi permanentemente nelle persone. Questi ultimi casi sono i più pericolosi, poiché costringono a cercare un’alternativa quando si verificano condizioni che richiedono l’uso del composto attivo.

Sintomi di allergia ai farmaci

I segni di un’allergia ai farmaci sono gli stessi di qualsiasi altro tipo di allergia, solo che si verificano subito dopo l’assunzione del farmaco. Secondo l’American College of Allergy, Asthma & Immunology è possibile sviluppare quanto segue:

  • Eruzioni cutanee.
  • Orticaria.
  • Rigonfiamento.
  • Respiro affannoso e altri problemi respiratori.
  • Prurito.

In alcuni casi, può verificarsi una reazione anafilattica. Questo è molto raro e la percentuale di episodi che lo portano non è nemmeno nota con certezza. Come sottolinea l’American Academy of Allergy, Asthma & Immunology (AAAAI), queste condizioni richiedono un’attenzione immediata in quanto possono essere pericolose per la vita.

Sintomi come nausea, vomito, mal di testa, mal di schiena e così via non sono considerati allergie ai farmaci, ma piuttosto reazioni avverse o effetti collaterali. È molto improbabile che svilupperai i segni se questa è la prima volta che prendi un medicinale, poiché ci vuole tempo perché il tuo corpo generi gli anticorpi necessari.

Le manifestazioni non sono sempre condivise nello stesso gruppo di farmaci. Ad esempio, potresti avere una reazione all’ibuprofene ma non al naprossene. I segni della pelle sono di gran lunga i segni più evidenti che stai attraversando una reazione allergica (comune in oltre il 68% dei casi, secondo le prove ).

Diagnosi di allergia ai farmaci

Sebbene all’inizio possa sembrare facile, in pratica diagnosticare un’allergia ai farmaci è più difficile di quanto si possa pensare. Lo specialista deve essere sicuro al 100% che il vero innesco degli episodi sia il principio attivo di un farmaco, poiché molti fattori possono coesistere al momento per generare gli stessi sintomi.

In questo modo, i ricercatori suggeriscono di eseguire i seguenti test per corroborare le reazioni in un ambiente controllato:

  • Test come puntura cutanea, cerotto intradermico o farmacologico.
  • Patch test antidroga.
  • Misurazione dei livelli di istamina e triptasi.
  • Emocromo completo.
  • Test di attivazione dei basofili.

I risultati vengono analizzati nel contesto della revisione dei sintomi del paziente, dell’anamnesi, della storia familiare e delle possibili condizioni sottostanti. In alcuni casi, può essere eseguito un challenge test diretto, che comporta la somministrazione del farmaco e la valutazione della reazione dell’organismo a un team di monitoraggio.

Tuttavia, ciò comporta una serie di rischi. C’è sempre la possibilità di una reazione grave, quindi questi metodi verranno utilizzati solo in momenti specifici. A volte i sintomi e l’anamnesi del paziente sono sufficienti per stabilire la connessione trigger.

Opzioni di trattamento

allergia ai farmaci
Non esiste una cura definitiva per le allergie ai farmaci. Tuttavia, evitare l’esposizione è sufficiente per controllare la situazione e per molte malattie esistono alternative terapeutiche.

Come con altri tipi di allergie, il trattamento prevede di evitare il catalizzatore. I pazienti che hanno un’allergia ai farmaci dovrebbero limitare in modo permanente l’assunzione del farmaco e optare per alternative dello stesso gruppo secondo le linee guida dello specialista. Dovrebbe scegliere un analogo che non inneschi una reazione incrociata.

Poiché i gruppi più comuni che sviluppano allergie hanno diverse opzioni per l’assunzione, questo non dovrebbe rappresentare un problema quando si cerca un trattamento alternativo. Tuttavia, alcuni pazienti hanno reazioni a gruppi le cui alternative sono meno numerose, quindi rappresentano una sfida quando si sceglie una terapia per contrastare una condizione.

Alcuni ricercatori propongono una terapia di desensibilizzazione, che consiste nel prescrivere gradualmente dosi più basse del composto per assicurarsi che sia tollerato dall’organismo. Si è anche suggerito che i pazienti indossano un braccialetto o una collana che identifica la condizione e comunicare a tutti gli specialisti a cercare alternative che non includono il composto se viene trattata una condizione.

Se si evita l’ingestione, i soggetti diagnosticati non devono temere una reazione anafilattica, quindi non sarà loro richiesto di fare un’iniezione di adrenalina come prevenzione. In ogni caso, dovresti consultare il tuo medico per eseguire il processo diagnostico ed escludere altri fattori scatenanti che possono causare le tue allergie.

Potrebbe interessarti ...
Come vengono diagnosticate le allergie?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Come vengono diagnosticate le allergie?

La diagnosi delle allergie inizia spesso con l'osservazione dei sintomi. Scoprite il protocollo per corroborare la relazione.



  • Abrams EM, Khan DA. Diagnosing and managing drug allergy. 2018 Apr 30;190(17):E532-E538.
  • Castells, M. Desensitization for drug allergy. Current opinion in allergy and clinical immunology. 2006; 6(6), 476-481.
  • Mirakian R, Ewan PW, Durham SR, Youlten LJ, Dugué P, Friedmann PS, English JS, Huber PA, Nasser SM; BSACI. BSACI guidelines for the management of drug allergy. Clin Exp Allergy. 2009 Jan;39(1):43-61.
  • Warrington R, Silviu-Dan F. Drug allergy. Allergy Asthma Clin Immunol. 2011 Nov 10;7 Suppl 1(Suppl 1):S10.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.