7 benefici del contatto fisico, secondo la scienza

Il contatto affettuoso calma la paura, rafforza la salute del cuore, migliora la salute generale, aumenta il desiderio, rende la comunicazione più assertiva e allevia il dolore. Questi sono solo alcuni dei vantaggi del tocco di una persona cara.
7 benefici del contatto fisico, secondo la scienza

Scritto da Daniela Andarcia, 19 luglio, 2021

Ultimo aggiornamento: 19 luglio, 2021

Quanto è bello essere toccati dalle persone che amiamo! Oltre al  piacere, è scientificamente provato che fa anche bene alla salute. I benefici del contatto fisico sono certamente legati al significato attribuito da chi lo offre e lo riceve.

In alcune culture, questa dimostrazione di affetto significa tenerezza, in altre è un segno di rispetto. Naturalmente, a seconda del contesto, l’effetto sarà positivo o negativo, come sottolinea uno studio condotto da Scientific Reports.

D’altra parte, una ricerca ha concluso che per l’essere umano, il tatto è un potente strumento per le relazioni sociali e per comunicare le emozioni. Insomma: cosa dice la scienza sui benefici del contatto fisico?

Perché il contatto fisico è così importante?

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista The New Yorker sia i neonati umani che i neonati primati che crescono privi del contatto affettuoso tendono a manifestare seri problemi di sviluppo e hanno poca capacità di stabilire relazioni sociali.

Il nostro cervello si attiva con il tatto, fatto che può influenzare le funzioni cognitive, l’apprendimento, il processo decisionale, nonché i comportamenti sociali ed emotivi, come afferma una ricerca pubblicata su Developmental Review.

D’altra parte, un’indagine condotta da Research on Language and Social Interaction rivela che le carezze hanno un effetto calmante quando ci sentiamo minacciati; questo perché il tatto trasmette vicinanza ed empatia.

I benefici del contatto fisico

Alcuni esperti concordano sul fatto che il contatto fisico potrebbe avere un potenziale terapeutico e che le persone depresse possono trarne beneficio poiché offre un effetto motivante e calmante.

Quali altri vantaggi hanno secondo la scienza?

1. Facilita la comunicazione

I vantaggi del contatto fisico includono una migliore comunicazione.
Molti aspetti della relazione di coppia possono migliorare quando ci si tocca spesso.

Un messaggio di vicinanza ha un maggiore effetto su chi lo riceve se accompagnato da una carezza o un abbraccio, piuttosto che dalle semplici parole “calmati, non sei solo, puoi contare su di me”. Il contatto fisico trasmette i sentimenti con maggiore efficienza, precisione e intensità.

Secondo uno studio condotto dal Journal of Gerontological Nursing, il linguaggio del tatto include fattori come durata, gesto, posizione, intensità, sensazione e frequenza. Afferma inoltre che la necessità del tatto può aumentare quando i sensi dell’udito e della vista diminuiscono, o quando si è più isolati socialmente.

2. Migliora la salute psichica

Il tocco non fa bene solo a chi lo riceve. Nel corso di uno studio condotto su donne, i ricercatori hanno registrato nelle partecipanti che hanno fornito sostegno fisico al partner, una maggiore attività nell’area del cervello responsabile del sistema di ricompensa. Fornire affetto ad una persona in difficoltà consente a entrambi di provare emozioni positive.

Si ritiene inoltre che abbracciare possa aiutare a ridurre la paura esistenziale e la scarsa autostima, secondo una raccolta di studi dell’Association for Psychological Science.

Altre ricerche evidenziano che dare affetto, sotto forma di abbracci, carezze e baci, riduce gli effetti dello stress e favorisce la guarigione.

3. Migliora la salute generale

Una revisione di Psychological Science ha rivelato che gli abbracci non solo alleviano lo stress, ma forniscono addirittura un effetto protettivo contro le infezioni delle vie aeree. I partecipanti che hanno ricevuto supporto emotivo hanno mostrato una guarigione più veloce rispetto a chi che non ha ricevuto carezze.

Si ritiene che i gesti d’affetto scambiati con il partner aiutino ad abbassare la pressione e la frequenza cardiaca; secondo uno studio pubblicato su Biological Psychology, il contatto affettuoso rafforza il cuore.

4. Rafforza le relazioni

Le amicizie, così come le relazioni di coppia, sono rafforzate dal contatto fisico. Abbracciare, accarezzare i capelli o toccare l’avambraccio dà la sensazione di essere più onesti, vicini, affidabili e amichevoli.

Un sincero gesto affettuoso può essere l’inizio di una nuova amicizia. Inoltre, aumenta la fiducia in se stessi e l’empatia.

5. Aumenta la capacità di seduzione

I tocchi teneri e affettuosi rendono chi li riceve più ricettivi. Attrazione, legame e fiducia aumentano quando il contatto fisico è più frequente.

Una ricerca pubblicata da Psychosomatic Medicine suggerisce che il tatto tende ad aumentare la frequenza cardiaca, il che potrebbe stimolare il desiderio nella coppia.

Inoltre, il contatto fisico è legato alla produzione di ossitocina nel cervello. Secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Psychology, quando questo ormone viene rilasciato, aumenta la sensazione di benessere e felicità.

6. Migliora le prestazioni sul lavoro

I vantaggi del contatto fisico includono migliori prestazioni lavorative
Le prestazioni lavorative possono essere migliorate con il contatto umano e un ambiente caloroso.

Uno studio condotto da Biological Psychology ha scoperto il contatto umano aumenta il rendimento sul lavoro. Un ambiente piacevolmente caloroso interferisce con le prestazioni, anche se non è ancora chiaro quale sia il legame tra affetto, motivazione e proattività.

7. Aiuta a lenire il dolore

La ricerca suggerisce che il tocco terapeutico può aiutare le persone con fibromialgia a ridurre il dolore e migliorare la qualità della vita. Le carezze sono un tipo di contatto capaci anche di ridurre il mal di testa e il mal di schiena.

Contatto fisico come cibo per il benessere

La pelle è un organo intelligente che, quando viene toccato o accarezzato, rilascia nella persona uno stato di felicità e benessere; naturalmente il contatto deve essere desiderato. In caso contrario, la reazione sarà ovviamente di fastidio, malessere e irritazione.

Il contatto affettuoso calma la paura, rafforza la salute del cuore, migliora la salute generale, aumenta il desiderio, rende la comunicazione più assertiva e allevia il dolore. Questi sono solo alcuni dei vantaggi del tocco di una persona cara.

Potrebbe interessarti ...
Ridere: 7 benefici per la salute del corpo e della mente
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Ridere: 7 benefici per la salute del corpo e della mente

Chi direbbe che uno dei vantaggi del ridere è il ringiovanimento? La scienza ha parlato e ci offre sette ragioni per cui dovremmo ridere senza cont...



  • Ravaja, N., Harjunen, V., Ahmed, I., Jacucci, G., & Spapé, M. M. (2017). Feeling Touched: Emotional Modulation of Somatosensory Potentials to Interpersonal Touch. Scientific reports, 7, 40504. https://doi.org/10.1038/srep40504
  • Suvilehto, J. T., Glerean, E., Dunbar, R. I., Hari, R., & Nummenmaa, L. (2015). Topography of social touching depends on emotional bonds between humans. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, 112(45), 13811–13816. https://doi.org/10.1073/pnas.1519231112
  • Field, T. (2010). Touch for socioemotional and physical well-being: A review. Developmental Review, 30(4), 367–383. https://doi.org/10.1016/j.dr.2011.01.001
  • Cekaite, A. & Holm, M. K. (2017). The Comforting Touch: Tactile Intimacy and Talk in Managing Children’s Distress, Research on Language and Social Interaction, 50(2), 109-127. https://doi.org/10.1080/08351813.2017.1301293
  • Calmes, S.A., Piazza, N.J. and Laux, J.M. (2013), The Use of Touch in Counseling: An Ethical Decision‐Making Model. Counseling and Values, 58: 59-68. https://doi.org/10.1002/j.2161-007X.2013.00025.x
  • Vortherms R. C. (1991). Clinically improving communication through touch. Journal of gerontological nursing, 17(5), 6–10. https://doi.org/10.3928/0098-9134-19910501-04
  • Inagaki TK, Eisenberger NI. Neural correlates of giving support to a loved one. Psychosom Med. 2012 Jan;74(1):3-7. doi: 10.1097/PSY.0b013e3182359335. Epub 2011 Nov 9. PMID: 22071630.
  • Association for Psychological Science [Published 2013 Nov 3]. Touch May Alleviate Existential Fears for People With Low Self-Esteem. Available from: https://www.psychologicalscience.org/news/releases/touch-may-alleviate-existential-fears-for-people-with-low-self-esteem.html
  • Floyd, K., & Generous, M. (2014). Affection exchange theory. In T. L. Thompson (Ed.), Encyclopedia of health communication (Vol. 1, pp. 48-49). SAGE Publications, Inc., https://www.doi.org/10.4135/9781483346427.n17
  • Cohen, S., Janicki-Deverts, D., Turner, R. B., & Doyle, W. J. (2015). Does Hugging Provide Stress-Buffering Social Support? A Study of Susceptibility to Upper Respiratory Infection and Illness. Psychological Science, 26(2), 135–147. https://doi.org/10.1177/0956797614559284
  • Light, K. C., Grewen, K. M., & Amico, J. A. (2005). More frequent partner hugs and higher oxytocin levels are linked to lower blood pressure and heart rate in premenopausal women. Biological psychology, 69(1), 5–21. https://doi.org/10.1016/j.biopsycho.2004.11.002
  • Drescher, V. M., Gantt, W. H., & Whitehead, W. E. (1980). Heart rate response to touch. Psychosomatic medicine, 42(6), 559–565. https://doi.org/10.1097/00006842-198011000-00004
  • Uvnäs-Moberg, K., Handlin, L., & Petersson, M. (2015). Self-soothing behaviors with particular reference to oxytocin release induced by non-noxious sensory stimulation. Frontiers in psychology, 5, 1529. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2014.01529
  • Chaillou, A. C., Giersch, A., Hoonakker, M., Capa, R. L., & Bonnefond, A. (2017). Differentiating Motivational from Affective Influence of Performance-contingent Reward on Cognitive Control: The Wanting Component Enhances Both Proactive and Reactive Control. Biological psychology, 125, 146–153. https://doi.org/10.1016/j.biopsycho.2017.03.009
  • Denison B. (2004). Touch the pain away: new research on therapeutic touch and persons with fibromyalgia syndrome. Holistic nursing practice, 18(3), 142–151. https://doi.org/10.1097/00004650-200405000-00006