Trattamento della fibromialgia

Nonostante una diagnosi di fibromialgia è possibile godere di una buona qualità di vita. Di solito la soluzione vincente è combinare diverse strategie terapeutiche.
Trattamento della fibromialgia

Scritto da Maite Córdova Vena, 21 giugno, 2021

Ultimo aggiornamento: 21 giugno, 2021

Al momento, anche se non esiste una cura per la malattia, esiste un trattamento per la fibromialgia. Questo può aiutare la persona a far fronte ai sintomi, a comprendere meglio la malattia e, naturalmente, a godere di una buona qualità della vita.

Fino a poco tempo fa, era comune l’idea che le persone con diagnosi di fibromialgia non potessero condurre uno stile di vita attivo e una normale routine, e che piuttosto dovessero stare “sempre” a letto mantenendo il riposo.

Tuttavia, nel tempo è diventato chiaro che un buon trattamento della fibromialgia può aiutare notevolmente a condurre una vita normale.

Dato che il quadro della fibromialgia può essere molto eterogeneo, praticamente non esistono due casi uguali. Ognuno presenta una serie di peculiarità e, quindi, il trattamento viene confezionato su misura.

Tuttavia, alcuni aspetti da prendere in considerazione – in misura maggiore o minore – nel trattamento della fibromialgia sono validi per tutti.

Farmaci da banco

Il trattamento della fibromialgia include farmaci
Molti dei farmaci per il trattamento della fibromialgia sono facilmente accessibili e con un basso rischio di effetti avversi.

Tenendo conto che il dolore cronico generalizzato è un sintomo molto comune nella fibromialgia, in alcuni casi può essere necessario utilizzare antidolorifici non oppioidi (come il paracetamolo e i farmaci antinfiammatori non steroidei, come l’ibuprofene) per ottenere il sollievo.

Ora, gli antidolorifici non sono una soluzione definitiva al dolore. Secondo la guida Treating ME/CFS & Fibromyalgia,è necessario prendere in considerazione quanto segue:

  • Nessuna medicina è utile per tutti.
  • Gli antidolorifici diventano meno efficaci man mano che il corpo vi si abitua.
  • Gli antidolorifici non oppioidi sono considerati sicuri per le persone con fibromialgia e sindrome da stanchezza cronica.
  • Dovrebbero essere evitati gli analgesici oppioidi o narcotici , dati i rischi associati all’uso.
  • Anche i farmaci da prescrizione che migliorano il sonno possono avere un effetto benefico sul dolore.

Farmaci da prescrizione

L’American College of Rheumatology cita 3 farmaci approvati per il trattamento della fibromialgia dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.

  • Duloxetina (Cymbalta).
  • Milnacipran (Savella).
  • Pregabalin (Lyrica): questo farmaco aiuta a bloccare le cellule nervose iperattive che trasmettono il dolore. Tuttavia, deve essere usato con cautela perché può causare effetti avversi come: vertigini, gonfiore, sonnolenza e aumento di peso.

Sia la duloxetina che il milnacipran modificano alcune delle sostanze chimiche nel cervello (serotonina e norepinefrina) che aiutano a controllare i livelli di dolore.

Antidepressivi

Poiché la fibromialgia può portare a disturbi del sonno e dell’umore (come depressione e ansia), potrebbe essere necessaria la prescrizione di antidepressivi. In particolare, antidepressivi triciclici o ciclobenzaprina. Sono comuni amitriptilina, fluoxetina (Prozac) e paroxetina (Paxil).

Questi farmaci aiutano a migliorare il sonno e l’umore, ma devono essere combinati con la psicoterapia e altre misure per fornire benefici reali a medio e lungo termine.

Gli antidepressivi triciclici contribuiscono all’inibizione della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina. Inoltre, hanno un’azione antagonista sui recettori dell’istamina, come indicato da uno studio pubblicato su Elsevier.

Anticonvulsivanti

Nello studio precedentemente citato, viene anche indicato che “i farmaci anticonvulsivanti più studiati nei pazienti con fibromialgia e altre malattie reumatiche sono stati il gabapentin e il pregabalin”. Tuttavia, le prove sono ancora limitate ed è necessario continuare ad approfondire per chiarirne l’efficacia nel trattamento della fibromialgia.

È importante informare il paziente sui possibili effetti collaterali dei farmaci prescritti. Nausea, vertigini, mal di testa e altri disturbi potrebbero essere tra i più comuni.

Rilassanti muscolari

I rilassanti muscolari (ciclobenzaprina [Cicloflex, Flexeril, Flexiban]) possono aiutare ad alleviare il dolore e favorire il rilassamento prima di coricarsi. Un altro miorilassante che potrebbe essere indicato per lo stesso scopo è la tizanidina.

Trattamento della fibromialgia non farmacologico: psicoterapia

La terapia cognitivo comportamentale e altri approcci psicoterapeutici possono essere utili nel trattamento dei pazienti con fibromialgia.

In relazione al trattamento non farmacologico della fibromialgia, l’American College of Rheumatology indica la psicoterapia come preziosa; più specificamente, la terapia cognitivo comportamentale perché “si concentra sulla comprensione di come pensieri e comportamenti influenzino il dolore e altri sintomi”.

  • Affrontare l’ansia, la depressione e altri problemi psicologici (o psichiatrici, come il disturbo bipolare) è essenziale per garantire il benessere dei pazienti con fibromialgia.
  • In terapia, il paziente può imparare a gestire i propri pensieri, emozioni e sentimenti, nonché gli strumenti per sviluppare un sano dialogo interiore.

Stile di vita e rimedi casalinghi

È importante che la persona impari a mantenere una buona igiene del sonno e altre abitudini di vita sane per poter garantire il proprio benessere giorno per giorno.

Riguardo l’esercizio fisico, l’American College of Rheumatology afferma che:

  • Qualsiasi trattamento farmacologico deve essere accompagnato da un piano di esercizio e da altre strategie non farmacologiche che contribuiscano al benessere.
  • Esercizi aerobici regolari hanno dimostrato di essere i più utili.
  • Anche l’esercizio fisico a basso impatto è altamente raccomandato. Non sarà dannoso anche se la persona avverte un po’ di dolore.
  • Il Tai Chi e lo yoga possono alleviare alcuni sintomi, migliorare la postura e gestire meglio la tensione emotiva, che a sua volta contribuisce al benessere generale.

Alcuni rimedi casalinghi possono essere utili come coadiuvanti nel trattamento della fibromialgia. Gli impacchi caldi, ad esempio, possono dare sollievo. Anche il massaggio e la fisioterapia possono essere utili.

Come abbiamo visto, nel trattamento della fibromialgia è solitamente necessario combinare diverse strategie per godere di una buona qualità di vita.

Potrebbe interessarti ...
Il cervello può sentire dolore?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Il cervello può sentire dolore?

Il cervello può sentire dolore? In realtà è solo l'organo incaricato di interpretare ed elaborare gli stimoli dolorosi. Vi diciamo tutto!