4 segni che lo zucchero fa male

4 segni che lo zucchero fa male
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 25 dicembre, 2022

Ci sono una serie di segnali che possono avvisarvi che lo zucchero fa male. In tal caso, è meglio ridurre il consumo per provare una sensazione di benessere. In caso contrario, la patologia metabolica potrebbe finire per comparire, condizionando così lo stato di salute.

Lo zucchero ha una funzione fondamentalmente energetica. Ciò significa che funge da substrato per lo svolgimento di attività ad alta intensità. Tuttavia, se consumato nel contesto di uno stile di vita sedentario, i risultati possono essere negativi.

Segni che lo zucchero fa male

Successivamentevi mostreremo quali sono i principali segni che lo zucchero ti fa stare male. Nel caso in cui si abbiano più dubbi, è meglio rivolgersi a uno specialista per ricevere una diagnosi accurata o per iniziare una cura efficace.

1. Aumento del fabbisogno di dolci

Alcune persone sperimentano un bisogno eccessivo di consumare cibi dolci ad un certo punto della giornata. Gli autori ipotizzano che ciò possa accadere perché lo zucchero è in grado di generare una certa dipendenza a livello cerebrale.

La verità è che l’assunzione di questo composto innesca la sintesi di neurotrasmettitori legati alla sensazione di piacere temporaneo. Ciò può comportare la necessità di un consumo ripetuto.

Nel caso si provi questa sensazione, forse sarebbe conveniente mettere in atto alcuni meccanismi dietetici per evitare che la situazione peggiori.

Potrebbe essere necessario ridurre l’assunzione di zucchero per un certo periodo di tempo, sottolineando la presenza di alimenti freschi nello schema. Questi hanno una densità nutrizionale molto più elevata, motivo per cui sono anche considerati di qualità superiore.

In effetti, la semplice assunzione di zucchero non ha molto senso al di fuori dell’esercizio ad alta intensità. Le persone lo inseriscono nelle linee guida per le sue caratteristiche organolettiche, ma non per la sua funzionalità.

Questa sostanza è in grado di assicurare buone prestazioni quando si effettuano esercizi esplosivi o di massima forza, ma il suo consumo in situazioni sedentarie non è positivo.

2. Quando lo zucchero fa male provoca mal di testa

La presenza regolare di zucchero nella dieta può aumentare la frequenza e l’intensità del mal di testa e dell’emicrania in alcune persone. Ciò è evidenziato da una ricerca pubblicata sull’Iranian Journal of Child Neurology .

Per questo motivo, le persone che hanno questo tipo di problema dovrebbero prendere in considerazione un tipo di dieta con una minore presenza di carboidrati.

In ogni caso, sebbene la dieta cheto possa aiutare a migliorare la gestione dell’emicrania e ridurne la frequenza, la cosa decisiva è limitare l’assunzione di carboidrati semplici. I complessi di solito causano un effetto molto meno significativo, sebbene in certe occasioni siano anche responsabili di questa classe di patologie.

Comunque sia, l’aumento di un elevato apporto di composti antinfiammatori come gli acidi grassi omega 3 di solito produce buoni risultati.

Un’elevata presenza di zuccheri nella dieta è in grado di alterare la composizione del microbiota intestinale, che genera una serie di effetti ancora abbastanza incerti nel medio periodo.

Influenzare la densità e la diversità dei batteri che abitano il tubo può determinare l’equilibrio infiammatorio e ossidativo nell’ambiente interno. Può anche condizionare l’assorbimento dei nutrienti e il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale.

Per prevenire problemi in questo senso, è consigliabile considerare una dieta con un alto contenuto di latte fermentato e fibre. I primi concentrano i probiotici all’interno, batteri vivi che hanno dimostrato di apportare benefici al microbiota.

La fibra, dal canto suo, è il principale substrato energetico per la crescita di questi microrganismi, che ne garantisce la sopravvivenza.

3. Alterazioni dello stato energetico

Se lo zucchero si sente male, influisce sul lavoro
Le cattive abitudini alimentari possono influenzare quasi ogni aspetto della vita, compreso il lavoro.

Le persone che si sentono male per lo zucchero spesso sperimentano cambiamenti nello stato energetico dopo il consumo. Questo di solito è generato da una situazione di insulino-resistenza e bassa flessibilità metabolica.

Normalmente questa sensazione avverte dell’esistenza di qualche patologia legata al pancreas, come il diabete di tipo 2 o il prediabete. Di solito è frequente nelle persone obese e in sovrappeso.

Per invertire il problema, la cosa migliore è un cambiamento di abitudini sostenuto nel tempo. Sarà importante implementare la pratica dell’esercizio fisico in modo regolare, concentrandosi soprattutto sul lavoro di forza muscolare.

Pertanto, si ottiene un effetto antinfiammatorio, che migliorerà la risposta del corpo a molti nutrienti. Anche il fatto di integrare l’approccio con una dieta ipocalorica aiuterà molto.

Alcune persone riferiscono anche che implementando una dieta cheto o a basso contenuto di carboidrati la sensazione di energia migliora in modo significativo. Questo di solito si verifica perché aumenta la flessibilità metabolica, che provoca una maggiore mobilizzazione e ossidazione dei lipidi situati nel tessuto adiposo.

Tuttavia, per molti questo tipo di dieta non è sostenibile nel tempo, poiché l’aderenza non è sempre buona.

Durante i primi giorni di chetosi potresti sperimentare una serie di effetti collaterali noti come “influenza cheto”. Ciò è evidenziato da una ricerca pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutrition.

Normalmente i sintomi sono di natura gastrointestinale, anche se a volte si manifesta con mal di testa e un po’ di affaticamento. Certo, di solito migliora quando passano 3 o 4 giorni e il corpo si adatta.

4. Lingua bianca

Alcune persone possono sperimentare la lingua bianca dopo aver consumato una quantità eccessiva di zucchero. Questo perché questi nutrienti sono il substrato energetico per alcuni batteri che popolano il cavo orale.

Da qui viene stimolato il loro metabolismo e la genesi dei prodotti di scarto, che solitamente si accumulano sulla lingua. Questo potrebbe portare ad alitosi e ad un cattivo sapore in bocca, rendendolo fastidioso.

Nel caso in cui si riscontri un problema di questo tipo, la riduzione del contenuto di zuccheri della dieta e anche l’integrazione con probiotici possono essere buone alternative. Influenzare la densità e la diversità del microbiota orale contribuirà anche a prevenire altre patologie come carie o problemi parodontali.

Diete a basso contenuto di zucchero per migliorare la salute

Se lo zucchero si sente male ci sono alternative
Esistono alternative sane ed energetiche per abbandonare gradualmente la “dipendenza” da alcuni tipi di zuccheri.

Che vi accorgiate o meno che lo zucchero vi fa star male, considerare una dieta con una ridotta presenza di questi nutrienti potrebbe essere benefica per la vostra salute. Soprattutto quando l’esercizio fisico ad alta intensità non viene eseguito frequentemente.

In questi casi, c’è una maggiore probabilità che i carboidrati semplici finiscano per trasformarsi in grassi, influenzando la sensibilità all’insulina.

Infatti, gli approcci con ridotto apporto di carboidrati possono essere correlati a un minor rischio di sviluppare alcuni tipi di patologie complesse. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Atherosclerosis.

Tuttavia, anche l’aumento del contenuto di fibre nella dieta può essere una buona alternativa, generando una maggiore aderenza rispetto alle opzioni a basso contenuto di zucchero.

La fibra è in grado di ritardare lo svuotamento gastrico e limitare l’assorbimento dei nutrienti. Questo ha una parte buona e una parte cattiva.

Da un lato, l’impatto degli zuccheri sui livelli di glucosio nel sangue è ridotto. Tuttavia, anche lo stato di alcuni micronutrienti nell’ambiente interno può essere condizionato, come il ferro. Questo ha già una scarsa disponibilità, quindi la presenza di un elemento che ne rende difficoltoso l’assorbimento potrebbe dar luogo ad una situazione di deficit.

Ora, ciò che è chiaro è che il consumo regolare di fibre ha la capacità di aiutare a prevenire lo sviluppo di vari tipi di patologie croniche e complesse. Ad esempio, secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Food Sciences and Nutrition, un’assunzione giornaliera di almeno 25 grammi della sostanza ridurrebbe l’incidenza del cancro al colon.

Identificate quando lo zucchero vi fa star male

I sintomi sono precisi quando lo zucchero si sente male. Nel caso in cui si sviluppino frequentemente, potrebbe essere necessario visitare uno specialista della nutrizione per proporre un cambiamento nelle abitudini.

Non solo sarà necessario agire a livello alimentare, ma può darsi che l’intervento venga effettuato su altre abitudini quotidiane. Ad esempio, praticare attività fisica sarà fondamentale per migliorare la salute.

Sia il lattosio che il fruttosio potrebbero non essere adeguatamente assorbiti dall’intestino, portando a intolleranze. Alcuni dei sintomi possono coincidere con quelli citati, oltre ad alterazioni a livello intestinale.

In questi casi conviene iniziare facendo una diagnosi precisa e poi proporre di conseguenza un meccanismo dietetico che permetta di gestire bene il processo.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono i normali livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Quali sono i normali livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato?

I livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato possono variare. Tuttavia, dovrebbero sempre essere mantenuti entro intervalli normali.



  • DiNicolantonio, J. J., O’Keefe, J. H., & Wilson, W. L. (2018). Sugar addiction: is it real? A narrative review. British journal of sports medicine52(14), 910–913. https://doi.org/10.1136/bjsports-2017-097971
  • Ariyanfar, S., Razeghi Jahromi, S., Rezaeimanesh, N., Togha, M., Ghorbani, Z., Khadem, E., Noormohammadi, M., & Torkan, Z. (2022). The association between dairy intake and migraine odds among pediatrics and adolescents: A case-control study. Iranian journal of child neurology16(1), 105–122. https://doi.org/10.22037/ijcn.v15i4.3062.
  • Wieërs, G., Belkhir, L., Enaud, R., Leclercq, S., Philippart de Foy, J. M., Dequenne, I., de Timary, P., & Cani, P. D. (2020). How Probiotics Affect the Microbiota. Frontiers in cellular and infection microbiology9, 454. https://doi.org/10.3389/fcimb.2019.00454.
  • Bostock, E., Kirkby, K. C., Taylor, B. V., & Hawrelak, J. A. (2020). Consumer Reports of “Keto Flu” Associated With the Ketogenic Diet. Frontiers in nutrition7, 20. https://doi.org/10.3389/fnut.2020.00020.
  • O’Neill, B., & Raggi, P. (2020). The ketogenic diet: Pros and cons. Atherosclerosis292, 119–126. https://doi.org/10.1016/j.atherosclerosis.2019.11.021.
  • Gianfredi, V., Salvatori, T., Villarini, M., Moretti, M., Nucci, D., & Realdon, S. (2018). Is dietary fibre truly protective against colon cancer? A systematic review and meta-analysis. International journal of food sciences and nutrition69(8), 904–915. https://doi.org/10.1080/09637486.2018.1446917.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.