5 alimenti che alzano la pressione sanguigna

Soffrite di pressione alta? In tal caso, vi mostreremo gli alimenti che dovete evitare nella dieta regolare per modulare questo parametro.
5 alimenti che alzano la pressione sanguigna
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Avere la pressione alta è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. È importante modulare questo parametro, soprattutto con il passare degli anni. Nonostante ci sia una determinazione genetica, la dieta gioca un ruolo importante dal momento che ci sono alimenti che alzano la pressione.

Attualmente esiste un prototipo di dieta specifica per le persone con pressione alta, nota come dieta DASH. Questo ha un alto spettro di alimenti in grado di esercitare un effetto modulante.

Alimenti che alzano la pressione

Secondo una ricerca pubblicata sull’American Journal of Physiology, il microbiota svolge un ruolo speciale nella modulazione della pressione sanguigna. In questo senso è consigliabile mantenere una flora intestinale sana, con elevata diversità dal punto di vista batterico. Qualsiasi situazione di disbiosi potrebbe generare un aumento dei valori pressori.

Ciò che è chiaro è che ci sono alcuni alimenti nella dieta che hanno dimostrato di aumentare il rischio cardiovascolare. Per questo vanno evitati, favorendo l’assunzione di quelli considerati sani.

Successivamente esporremo quali sono i principali alimenti che aumentano la pressione sanguigna. Non succede nulla se vengono consumati in modo tempestivo, ma la loro inclusione nella dieta su base regolare dovrebbe essere evitata.

1. Bevande zuccherate

Le bevande zuccherate, come la soda, sono tra i peggiori alimenti che possono essere inclusi nella dieta. Hanno elevate quantità di sodio, zuccheri aggiunti e additivi. Il suo consumo regolare è associato ad un aumentato rischio di sviluppare patologie metaboliche, come il diabete.

È infatti dimostrato che il fruttosio, somministrato in forma liquida, provoca danni più significativi ad organi come il fegato o il pancreas. Per questo motivo il consumo nei bambini è molto preoccupante.

Le bevande analcoliche sono un ottimo modo per aumentare le calorie nella dieta, anche se in questo caso sono calorie vuote. Non contengono nutrienti essenziali. Non sono nemmeno utili per migliorare lo stato di idratazione.

Inoltre, a causa del loro alto contenuto di zuccheri aggiunti, potrebbero influenzare i livelli di pressione sanguigna, aumentandoli. Infatti, un’assunzione elevata è associata ad un aumentato rischio cardiovascolare.

Come se tutto ciò non bastasse, le bibite zuccherate sono in grado di incidere negativamente sul microbiota intestinale, soprattutto quando contengono dolcificanti artificiali. Molti degli additivi nell’uso quotidiano riducono la densità e la diversità del microbiota.

Bevanda zuccherata che aumenta la pressione sanguigna.
Le bevande analcoliche sono alimenti che aumentano la pressione sanguigna e non forniscono alcun beneficio per la salute.

2. Liquirizia tra gli alimenti che alzano la pressione

Nonostante la liquirizia sia un elemento con proprietà positive per la salute, potrebbe causare un aumento della pressione sanguigna. Ovviamente stiamo parlando della liquirizia nella sua forma naturale, non della simulazione delle gelatine.

Questo alimento ha al suo interno fitonutrienti in grado di stimolare la funzione del sistema immunitario. Può anche agire come antisettico, riducendo le infezioni da microrganismi patogeni.

Tuttavia, il suo consumo regolare potrebbe causare ritenzione di sodio e un aumento dell’escrezione di potassio. Influenzare lo scambio di elettroliti ha un impatto negativo sui livelli di pressione sanguigna.

3. Patatine fritte

I tuberi sono alimenti di alta qualità. Suppongono un ottimo apporto di carboidrati complessi; ottimale da includere nella dieta quotidiana. Determinante è però il metodo di cottura a cui vengono sottoposte. Se sono cotti o al forno non c’è problema, ma la frittura ne riduce la qualità.

Quando una patata viene sottoposta a un processo di frittura in olio, non solo viene aumentato il suo valore energetico , ma vengono aggiunti anche acidi grassi trans. Questi sono prodotti attraverso l’applicazione di alte temperature all’olio vegetale.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients, questo tipo di acido grasso aumenta la pressione sanguigna, i livelli di infiammazione e il rischio di presentare alterazioni del profilo lipidico. Per questo motivo la sua presenza nella dieta dovrebbe essere ridotta il più possibile.

Per farlo è sufficiente optare per metodi di cottura meno aggressivi, come il ferro da stiro, il forno, il vapore o la cottura con acqua. Inoltre, è fondamentale utilizzare oli vegetali al posto dei burri.

Ora, le patate, purché non fritte, sono alimenti consigliati in quasi tutte le diete. Riescono a fornire carboidrati e altri micronutrienti essenziali, come una buona dose di vitamina C. Inoltre, concentrano la fibra all’interno.

4. Bevande alcoliche

Di tutti gli alimenti che abbiamo menzionato, le bevande alcoliche sono le uniche che dovrebbero essere completamente limitate dalla dieta. Solo il suo consumo occasionale genera già un impatto dannoso sul corpo. Questo perché l’alcol è considerato tossico.

Inoltre, contrariamente a quanto si pensava per molti anni, le bevande alcoliche non fanno bene alla salute cardiovascolare. È stato dimostrato che l’ assunzione regolare contribuisce allo sviluppo della pressione alta. Inoltre, è interessata la funzione di molti altri organi, come il fegato.

5. Caffè

Con il caffè devi fare un apprezzamento importante. La sua assunzione puntuale provoca un temporaneo aumento della pressione sanguigna.

Tuttavia, il suo consumo regolare genera un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare, riducendo questo parametro. Lo dimostra uno studio pubblicato sul Journal of Human Hypertension . Il contenuto di fitonutrienti di questa bevanda è associato ad un migliore stato di salute e ad un minor rischio cardiovascolare.

Ovviamente va tenuto presente che la caffeina presente all’interno del caffè è una sostanza tossica ad alte dosi. Quando si superano i 250 milligrammi in una singola assunzione o 300 milligrammi durante il giorno, si possono verificare effetti collaterali. Tra questi c’è l’aumento della pressione sanguigna.

Inoltre, è bene tenere presente che la caffeina è in grado di generare tolleranza. Ciò significa che gli effetti cognitivi che provoca si riducono man mano che il corpo si abitua alla dose.

alimenti che aumentano la pressione
Le persone ipertese dovrebbero limitare l’assunzione di caffè, poiché in esse è possibile riscontrare un momentaneo aumento dei valori della pressione sanguigna.

Evitate i cibi che alzano la pressione sanguigna

Come avete visto, esistono numerosi alimenti in grado di aumentare la pressione sanguigna se inseriti regolarmente nella dieta. Per questo motivo sarà necessario limitarne il consumo nel caso in cui questo parametro venga alterato. Allo stesso tempo, sarà fondamentale dare priorità alla presenza di alimenti freschi nel programma giornaliero.

In ogni caso, sia per modulare la pressione sanguigna sia per migliorare la salute, è fondamentale favorire la pratica dell’esercizio fisico e un buon riposo. Alcune abitudini, come la meditazione, possono contribuire al raggiungimento di uno stato di stabilità emotiva che incide anche sulla funzione cardiovascolare.

Potrebbe interessarti ...
La dieta ideale per la pressione alta
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
La dieta ideale per la pressione alta

La dieta per la pressione alta consiste nel ridurre l'assunzione di sodio e grassi. Scoprite cosa dovete fare per raggiungere l'equilibrio.



  • O’Donnell M, Mente A, Alderman MH, Brady AJB, Diaz R, Gupta R, López-Jaramillo P, Luft FC, Lüscher TF, Mancia G, Mann JFE, McCarron D, McKee M, Messerli FH, Moore LL, Narula J, Oparil S, Packer M, Prabhakaran D, Schutte A, Sliwa K, Staessen JA, Yancy C, Yusuf S. Salt and cardiovascular disease: insufficient evidence to recommend low sodium intake. Eur Heart J. 2020 Sep 14;41(35):3363-3373. doi: 10.1093/eurheartj/ehaa586. PMID: 33011774.
  • Smiljanec K, Lennon SL. Sodium, hypertension, and the gut: does the gut microbiota go salty? Am J Physiol Heart Circ Physiol. 2019 Dec 1;317(6):H1173-H1182. doi: 10.1152/ajpheart.00312.2019. Epub 2019 Oct 4. PMID: 31585045; PMCID: PMC6962615.
  • Jensen T, Abdelmalek MF, Sullivan S, Nadeau KJ, Green M, Roncal C, Nakagawa T, Kuwabara M, Sato Y, Kang DH, Tolan DR, Sanchez-Lozada LG, Rosen HR, Lanaspa MA, Diehl AM, Johnson RJ. Fructose and sugar: A major mediator of non-alcoholic fatty liver disease. J Hepatol. 2018 May;68(5):1063-1075. doi: 10.1016/j.jhep.2018.01.019. Epub 2018 Feb 2. PMID: 29408694; PMCID: PMC5893377.
  • Chandra A, Lyngbakken MN, Eide IA, Røsjø H, Vigen T, Ihle-Hansen H, Orstad EB, Rønning OM, Berge T, Schmidt EB, Tveit A, Omland T, Svensson M. Plasma Trans Fatty Acid Levels, Cardiovascular Risk Factors and Lifestyle: Results from the Akershus Cardiac Examination 1950 Study. Nutrients. 2020 May 14;12(5):1419. doi: 10.3390/nu12051419. PMID: 32423040; PMCID: PMC7284775.
  • Puddey IB, Mori TA, Barden AE, Beilin LJ. Alcohol and Hypertension-New Insights and Lingering Controversies. Curr Hypertens Rep. 2019 Sep 7;21(10):79. doi: 10.1007/s11906-019-0984-1. PMID: 31494743.
  • Xie C, Cui L, Zhu J, Wang K, Sun N, Sun C. Coffee consumption and risk of hypertension: a systematic review and dose-response meta-analysis of cohort studies. J Hum Hypertens. 2018 Feb;32(2):83-93. doi: 10.1038/s41371-017-0007-0. Epub 2018 Jan 4. PMID: 29302055.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.