Le differenze tra fobia sociale e timidezza

La timidezza non è la stessa cosa della fobia sociale. Il primo termine si riferisce a un tratto naturale dell'uomo, mentre il secondo è considerato patologico e invalidante in tutti i casi.
Le differenze tra fobia sociale e timidezza
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Siamo stati tutti timidi in un momento della nostra vita. Non importa quanto un essere umano sia estroverso, ci sono sempre momenti in cui la situazione supera la capacità sociale e si ricorre al silenzio in misura maggiore o minore. Fatta questa premessa, potreste chiedervi quali sono le differenze tra la fobia sociale e la timidezza. Anticipiamo che ce ne esistono più di quanto pensiate.

La timidezza è un sentimento universale negli esseri umani, mentre la fobia sociale è un disturbo psichiatrico che richiede cure professionali. In altre parole, il primo termine rappresenta un tratto naturale (più o meno fastidioso) e il secondo è una malattia, sebbene possa essere affrontata. Nelle righe seguenti analizziamo e confrontiamo entrambi i concetti.

Cos’è la timidezza?

Secondo l’Oxford Dictionary, la timidezza è “il sentimento di insicurezza o vergogna in se stessi che una persona prova di fronte a nuove situazioni sociali e che impedisce o rende difficile avviare conversazioni e interagire con gli altri”. In altre parole, è un modello di comportamento che limita lo sviluppo sociale quotidiano nelle persone che lo sperimentano.

La timidezza è correlata alla paura e ad un eccesso di cortisolo circolante nel sangue, l’ormone dello stress per eccellenza. D’altra parte, gli studi hanno dimostrato che le persone che hanno difficoltà molto marcate nell’esporsi a nuove situazioni possono sperimentare un fallimento dell’abitudine a livello dell’amigdala e dell’ippocampo.

Fonti professionali stimano che dal 40 al 60% della popolazione adulta sia considerata timida o abbia tratti associati alla timidezza. Questa sensazione di solito si verifica in situazioni sconosciute e strane, ma nei casi più gravi può anche impedire l’apertura emotiva in ambienti sicuri. Per questo motivo è considerato un tratto più conflittuale che positivo.

Anche le variazioni in un gene specifico responsabile del trasporto della serotonina (SLC6A4) sembrano essere correlate alla timidezza. I cambiamenti nella regolazione della serotonina rilasciata sono in qualche modo correlati a questo.

Cos’è una fobia?

Le differenze tra fobia sociale e timidezza includono la loro gravità
Le fobie sono diverse e senza trattamento possono influenzare significativamente la qualità della vita delle persone colpite.

Prima di esplorare le differenze tra fobia sociale e timidezza, è necessario chiarire cosa sia una fobia da un punto di vista patologico. L’American Psychological Association (APA) definisce questa condizione come “una paura persistente e irrazionale di una situazione, un oggetto o un’attività specifica, che di conseguenza viene evitata energicamente o sopportata con marcato disagio”.

Le fobie riportano una serie di sintomi molto marcati quando il paziente è esposto all’oggetto del conflitto. Farà tutto il possibile per allontanarsi dalla fonte del terrore, al punto da farsi male o mettersi in pericolo finché non continuerà a sopportare la situazione.

La cosa più comune è che le persone affette da questa condizione hanno una fobia degli aracnidi (aracnofobia), degli insetti (entomofobia), dell’altezza (acrofobia), del sangue (emofobia) e degli oggetti appuntiti che vengono introdotti nella pelle (tripanofobia). Tuttavia, va notato che non tutti i pazienti hanno un’avversione per un oggetto specifico.

Esistono 3 tipi generali di fobia:

  1. Specifico: è la tipica fobia e la paura è diretta a uno (o più) oggetti specifici. Tutti gli esempi citati rappresentano tabelle specifiche.
  2. Agorafobia: è una fobia generalizzata rappresentata dalla paura di uscire di casa o di un simile spazio sicuro. In alcuni casi in cui il paziente è percepito come in pericolo, si verificano i temuti attacchi di panico. Questo disturbo è talvolta determinato dal disturbo da stress post-traumatico (PTSD) derivato da una situazione estrema vissuta.
  3. Fobia sociale: è nota come disturbo d’ansia sociale (SAD). Lo approfondiremo nelle righe seguenti.

Non tutte le fobie sono specifiche e dirette verso un’entità specifica. Il disturbo d’ansia sociale che qui ci interessa è una delle varianti più diffuse (e comuni) nella società in generale.

Differenze fondamentali tra fobia sociale e timidezza

Una volta che abbiamo analizzato le caratteristiche principali di ciascuno di questi processi, siamo pronti a vedere le differenze tra fobia sociale e timidezza. Le esploriamo ampiamente nelle righe seguenti, quindi non smettete di leggere.

1. La fobia sociale è un disturbo, la timidezza no

L’APA definisce l’ansia sociale come “la paura di situazioni sociali in cui può verificarsi imbarazzo (ad esempio, iniziare una conversazione, incontrare estranei e uscire con qualcuno) o c’è il rischio di essere valutati negativamente dagli altri (ad esempio, visti come stupido, debole o ansioso)”. Questo è simile alla timidezza e non è ancora considerato un disturbo.

D’altra parte, lo stesso organismo definisce la fobia sociale come segue: “è un disturbo d’ansia che è caratterizzato da ansia sociale o ansia da prestazione estrema e persistente e che provoca disagio significativo o impedisce la partecipazione alle attività sociali”. In altre parole, è una malattia.

La prima delle differenze tra timidezza e fobia sociale è chiara ed è rappresentata dal termine disturbo. Essere timidi in certi contesti non è considerato patologico, ma avere abbastanza sintomi di fobia sociale è un problema clinico. Una persona timida non ha bisogno di cure, ma un paziente con disturbo d’ansia sociale sì.

2. La timidezza non richiede diagnosi, la fobia sociale sì

Essere timidi è considerato un tratto e la timidezza è un comportamento naturale. Pertanto, non vi verrà diagnosticata una patologia se presentate questa caratteristica entro un limite normale. D’altra parte, il disturbo d’ansia sociale o SAD richiede un processo di valutazione per essere rilevato.

Di tanto in tanto, l’American Psychological Association pubblica il suo Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DMS), che elenca tutti i sintomi necessari per rilevare un disturbo mentale riconosciuto. I criteri diagnostici per la fobia sociale riflessi nella quinta edizione (riassunti) sono i seguenti:

  1. Paura e ansia marcate in una situazione sociale in cui l’individuo è potenzialmente soggetto al controllo degli altri. Questa forte sensazione dovrebbe essere presente per 6 mesi o più.
  2. Paura di agire in modo da rivelare sintomi di ansia, che presumibilmente saranno valutati negativamente dagli altri. Nei bambini, l’ansia dovrebbe manifestarsi quando il bambino è tra i coetanei e non solo tra gli adulti.
  3. Le situazioni sociali causano ansia e paura tutto o per la maggior parte del tempo.
  4. Le situazioni sociali sono evitate il più possibile. Se devono essere vissuti, lo si fa con paura e sentimenti negativi.
  5. La paura e l’ansia sono sproporzionate rispetto all’effettiva minaccia potenziale rappresentata dalla situazione.
  6. La paura, l’ansia e l’evitamento sociale causano disagio clinicamente significativo o compromissione del funzionamento sociale, lavorativo e di altre aree importanti del paziente.
  7. Le sensazioni provate in questa tabella non sono attribuibili all’uso di alcun tipo di sostanza, sia medica che ricreativa. Né possono essere spiegati da un altro disturbo fisiologico.
  8. I sintomi non possono essere attribuiti a nessun altro disturbo psichiatrico diverso da SAD. Ad esempio, le persone nello spettro autistico tendono ad essere antisociali, ma questo non significa che venga loro diagnosticata la condizione che ci riguarda.
  9. Se c’è un’altra condizione medica (obesità, deturpazione da ustioni, problemi motori e altri) la paura, l’ansia o l’evitamento non hanno chiaramente alcuna relazione con l’altra condizione o sono eccessive nonostante essa.

Ci sono molti criteri che definiscono questo disturbo. Sebbene il SAD non debba essere confuso con altre entità cliniche, va notato che esiste un’elevata comorbilità con altre malattie mentali. Ad esempio, a volte si verifica con la depressione cronica e il disturbo d’ansia generalizzato o GAD.

Fino al 66% delle persone con SAD ha un’altra condizione psichiatrica.

3. Fobia sociale e timidezza: la differenza dei sintomi

Parlare di sintomi in un quadro come la timidezza non è del tutto corretto, poiché non è una malattia in quanto tale. In ogni caso, le cliniche professionali raccolgono i seguenti “eventi” vissuti da una persona quando mostra timidezza in una determinata situazione sociale:

  • La persona sente che non dovrebbe esprimere le proprie idee e sentimenti in un ambiente nuovo o non familiare.
  • Non ti piace così tanto una situazione nuova da essere esilarante.
  • La persona ha meno probabilità di incontrare nuove persone e creare relazioni significative.
  • La timidezza si esprime in modo molto evidente quando si fanno mostre o presentazioni in pubblico.
  • È accompagnato da alcuni sintomi fisici: tra questi spiccano tremore, arrossamento del viso, difficoltà di parola e goffaggine dei movimenti.

Sebbene questi segni sembrino molto evidenti, di solito sono percezioni lievi che non impediscono lo sviluppo personale (almeno in modo significativo). D’altra parte, i sintomi della fobia sociale sono molto più evidenti e problematici. Vediamo cosa sperimenta uno di questi pazienti in una situazione estrema:

  1. Sintomi fisici: arrossamento del viso, tachicardia (aumento della frequenza cardiaca), tremori, sudorazione eccessiva, nausea e vomito, mancanza di respiro, vertigini, sensazione di non sapere cosa dire e tensione muscolare misurabile.
  2. Sintomi emotivi: paura di situazioni soggette a giudizi, paura di essere umiliati in pubblico, paura che altri si accorgano dell’ansia vissuta, paura che vengano percepiti i suddetti sintomi fisici, evitare situazioni sociali per le sensazioni che provocano e un’ansia molto marcata durante l’interazione con estranei.

La sintomatologia riferita dalla timidezza è alquanto fastidiosa, ma i segni clinici presenti durante una situazione che provoca fobia sociale sono quasi insopportabili. Questi sono vissuti con grande intensità e durante essi si verificano squilibri fisiologici, come l’interruzione della digestione, la respirazione rapida e l’aumento della frequenza cardiaca.

Una delle differenze più evidenti tra fobia sociale e timidezza è il grado dei sintomi. La fobia appare con segni molto più evidenti e, in una certa misura, invalidanti.

4. La fobia sociale può portare ad un attacco di panico, la timidezza no

Le differenze tra fobia sociale e timidezza includono la presenza di attacchi di panico
Ci sono momenti in cui gli stimoli in eccesso e i pensieri negativi finiscono per farsi sentire. Gli attacchi di panico ne sono una conseguenza naturale nelle persone con fobie.

La timidezza è un tratto e un sentimento abbastanza circoscritto: tutti noi abbiamo le guance rosse e ci sentiamo insicuri quando si tratta di dire qualcosa a un certo punto, ma questa segnalelogia non si intensifica e di solito finisce quando la situazione sociale finisce. Sfortunatamente, il disturbo d’ansia sociale può portare a un evento molto temuto per le persone con fobie: l’attacco di panico.

Se la situazione è troppo impegnativa o vivida, il paziente con fobia sociale può manifestare i sintomi di un attacco di panico. Come indicato dalla Mayo Clinic, questi sono i seguenti:

  • Sensazione che un destino imminente sta per verificarsi.
  • Paura di morire.
  • Palpitazioni e battito cardiaco accelerato.
  • Mancanza di respiro e sensazione di soffocamento.
  • Malattia.
  • Crampi nella regione addominale.
  • Vampate di calore.
  • Dolore e senso di oppressione al petto.
  • Sensazione di disconnessione dalla realtà.
  • Tremori e tremori.

Durante un attacco di panico, è molto comune per il paziente sentire che sta morendo (letteralmente). In ogni caso è necessario convincersi che la vita non è in pericolo e cercare aiuto psicologico non appena si rilevano i primi episodi. Oltre al supporto psichiatrico, le benzodiazepine e alcuni antidepressivi sono utili per prevenire gli attacchi di panico e alleviarne i sintomi.

La timidezza non porta in nessun caso ad un attacco di panico. Questa situazione estrema è il prodotto di diversi disturbi sottostanti, tra cui la fobia sociale.

5. La timidezza ha una prevalenza molto più alta della fobia sociale

L’ultima delle differenze tra fobia sociale e timidezza risiede nei numeri epidemiologici. Come abbiamo detto nelle righe precedenti, dal 40 al 60% della popolazione adulta si definisce timido o con tratti associati alla timidezza.

D’altra parte, la fobia sociale o il disturbo d’ansia sociale ha dati epidemiologici molto più bassi. Il portale medico Statpearls stima che la prevalenza globale di questa patologia psichiatrica sia compresa tra il 5 e il 10%, con una probabilità individuale di presentarla per tutta la vita dall’8 al 15%. È un disturbo molto comune, ma non sarà mai così presente nella società come la tipica timidezza.

Essendo un tratto normale e universale, la timidezza è molto più comune del disturbo d’ansia sociale.

Dal tratto alla patologia

Ci sono molte differenze tra i termini che ci riguardano. La timidezza può farvi passare dei momenti difficili in alcuni momenti della vita, ma non porterà mai a una condizione così grave come un attacco di panico derivato dalla fobia sociale. Le esperienze causate da quest’ultimo disturbo sono invalidanti, intense ed estremamente spiacevoli.

Tuttavia, se vi siete identificati in queste righe, non scoraggiatevi: il disturbo d’ansia sociale può essere curato. La terapia cognitivo comportamentale e gli antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) funzionano molto bene a lungo termine. Il primo passo è riconoscere il problema e cercare aiuto, ma da lì tutto andrà meglio.

Potrebbe interessarti ...
Disturbi psicologici: cosa sono e come si manifestano?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Disturbi psicologici: cosa sono e come si manifestano?

I disturbi psicologici sono modelli di comportamento chiaramente deviati dalla norma. Scoprite i principali elementi della psicopatologia.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.