Cosa sono le fobie? Scoprite i sintomi e le caratteristiche

Ci sono situazioni che evitate o da cui scappate a causa di una paura incontrollata? In alcune circostanze provate terrore, paura di un oggetto, un animale o una situazione? Se è così, potreste avere una fobia. Scoprite di più nel seguente articolo.
Cosa sono le fobie? Scoprite i sintomi e le caratteristiche
Bernardo Peña

Scritto e verificato da el psicólogo Bernardo Peña in 03 settembre, 2021.

Ultimo aggiornamento: 03 settembre, 2021

Cosa sono le fobie? La parola fobia deriva dalla parola greca “phobos” che significa paura, panico e terrore. Consiste in una paura eccessiva, irrazionale e persistente di un oggetto, un’attività o una situazione che provoca un intenso desiderio di evitamento. La paura deve essere riconosciuta dal soggetto stesso come eccessiva e irrazionale e il comportamento di evitamento deve causare un certo grado di disabilità nel comportamento adattivo.

Tipi di fobie

Si possono distinguere tre tipi di fobie:

  • Agorafobia.
  • Fobia sociale.
  • Fobia semplice.

Agorafobia

Si riferisce alla paura di trovarsi soli in luoghi aperti o in luoghi pubblici affollati. In realtà, ciò che si teme è soffrire di un sintomo invalidante, come un attacco di panico. Sebbene possa riferirsi anche a circostanze come svenire, cadere, urinare, vomitare, ecc. La paura può anche rivolgersi a situazioni in cui può essere difficile uscire o cercare aiuto se i sintomi compaiono improvvisamente.

Come risultato dell’ansia anticipatoria, il soggetto evita questo tipo di situazioni o luoghi, come viaggiare, fare shopping, fare la fila, ecc. Un’altra via di fuga sarà trovare una persona che lo accompagni e lo aiuti, nel caso in cui si manifesti il sintomo. Nei casi più gravi il paziente resta a casa senza uscire e con un accompagnatore.

Spesso la fobia si associa ad attacchi di panico, costituendo in questo caso un disturbo da crisi di panico con agorafobia. L’agorafobia senza attacchi di panico è più tipica della tarda adolescenza, mentre l’agorafobia con attacchi di panico si manifesta intorno ai trenta anni. Questo disturbo risponde agli antidepressivi, principalmente SSRI, e alprazolam.

fobie

Fobia sociale

Consiste nella paura di situazioni in cui si è esposti allo sguardo degli altri, come ad esempio nelle performance sociali. Sono circostanze in cui il soggetto potrebbe essere osservato e teme di agire in modo umiliante o imbarazzante.

Per esempio, parlare in pubblico è, senza dubbio, la paura sociale più frequente; altre fobie possono essere mangiare in pubblico, utilizzare i servizi pubblici, scrivere in presenza di altri, ecc.

Si possono distinguere due tipi di fobia sociale:

  • Specifica o circoscritta a determinate situazioni: la più comune è parlare in pubblico. Questi pazienti di solito hanno subito più esperienze di condizionamento o episodi traumatici.
  • Generalizzata alla maggior parte delle situazioni di interazione sociale, è caratterizzata da livelli più elevati di nevrosi. Questi pazienti sono più introversi.

Pregiudizi cognitivi sulla fobia sociale

  • I fobici sociali hanno standard molto elevati e sono perfezionisti riguardo la corretta interazione sociale. Sono molto rigidi nel giudicare la qualità o il grado di soddisfazione di una relazione sociale. Questo può essere legato alla loro grande sensibilità al rifiuto e alla critica, fatto che può anche renderli più dipendenti.
  • Se confrontiamo la loro valutazione della propria performance sociale con un giudizio indipendente, emerge che questi soggetti si giudicano molto più negativamente di quanto non facciano gli altri dall’esterno. Non sono mai soddisfatti del proprio modo di muoversi nei contesti sociali; pensano di essere più goffi e meno abili di quanto non siano in realtà.
  • Secondo il giudizio di osservatori indipendenti, il comportamento sociale dei fobici sociali dopo essere stati trattati con la terapia comportamentale e la terapia cognitiva è equivalente. Ma anche dopo la terapia comportamentale, i pazienti continuano a giudicarsi socialmente inadatti e non qualificati. È meglio combinare entrambi i tipi di terapia, approccio chiamato terapia cognitivo-comportamentale.
donna che piange

Fobia semplice

Sono paure persistenti di stimoli specifici o situazioni diverse dalle precedenti. Ad esempio, animali, altezze, spazi chiusi, oscurità, sangue, ecc. Infatti, le reazioni fisiologiche sono opposte a quelli delle altre fobie, ovvero costituite da diminuzioni dell’attività simpatica e aumento dell’attività parasimpatica.

Un’analisi percettiva preattentiva e inconscia, attraverso l’amigdala, di stimoli fobici, come serpenti, ragni, ecc., è sufficiente per suscitare reazioni emotive. Ciò indica una distorsione preattentiva a livello automatico.
I soggetti con fobia, in generale, e quelli con agorafobia, in particolare, presentano personalità chiaramente dipendenti.

Si ipotizza che gli agorafobici fossero iperprotetti da bambini. Un’eccessiva iperprotezione durante l’infanzia può privare i bambini dell’opportunità di sviluppare un senso di padronanza e controllo. Questo può creare la vulnerabilità psicologica a vivere successivi eventi negativi in modo ansioso.

Ciò è legato all’ansia da separazione dalle figure genitoriali, vista come fattore precursore di attacchi di panico e agorafobia. L’ansia da separazione è più probabile che si verifichi in un contesto di iperprotezione.

Il grado di nevroticismo e di reattività autonomica è maggiore nell’agorafobia, minore nella fobia sociale e praticamente normale nella fobia semplice. L’importanza dei fattori di apprendimento e condizionamento nella genesi e nel mantenimento di questi disturbi segue una gradazione inversa alla precedente.

Conclusioni sulle fobie

In conclusione, le fobie sono disturbi psicopatologici strettamente legati all’ansia. Va notato che conoscere l’origine della fobia e spiegare il perché si verifichi non è sufficiente per risolverla. In effetti, molti pazienti conoscono perfettamente l’origine delle proprie paure.

Il trattamento cognitivo-comportamentale è di grande aiuto perché affronta direttamente la paura e lavora con le risposte cognitive ed emotive.

Potrebbe interessarti ...
Disturbi psicologici: cosa sono e come si manifestano?
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Disturbi psicologici: cosa sono e come si manifestano?

I disturbi psicologici sono modelli di comportamento chiaramente deviati dalla norma. Scoprite i principali elementi della psicopatologia.



  • Cejudo de la Sierra, R., & Fernández Mesa, A. (2017). Fobia social: un fenómeno incapacitante. Revista Electrónica de Psicología Iztacala18(2), 836-851.
  • Moreno, J. R. (2017). Comprender la ansiedad, las fobias y el estrés. Ediciones Pirámide.
  • Resnik, P. (2016). Ansiedad, estrés, pánico y fobias: 100 preguntas, 101 respuestas. B DE BOOKS.