Differenze tra tristezza e depressione

Tristezza e depressione sono cose diverse, poiché una indica uno stato emotivo normale e l'altra un quadro patologico. Le differenze tra i due termini sono divise su più fronti.
Differenze tra tristezza e depressione
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 31 marzo, 2023

Tutti noi attraversiamo momenti tristi della nostra vita. Le emozioni negative sono importanti quanto quelle positive, poiché ci aiutano anche a imparare, crescere, svilupparci come entità individuali ed esprimere una delle caratteristiche che ci rende umani. Tuttavia, la tristezza cronica accompagnata da altri sintomi non è normale. Conosci le differenze tra tristezza e depressione?

Distinguere tra tratto naturale e patologia è un compito molto complesso, ma è sempre meglio diffidare di quest’ultima per escludere possibili disturbi. Continua a leggere se sei interessato all’argomento, perché nelle righe seguenti analizzeremo il confine tra emozione e malattia. Non perderlo.

Depressione e altri disturbi emotivi

In primo luogo, riteniamo necessario sottolineare l’importanza dei disturbi mentali nella società moderna. Non importa quanti progressi siano stati fatti su questo fronte, ci sono persone che ancora non concepiscono gli squilibri mentali e neurologici come malattie, ma i numeri e i professionisti differiscono nettamente.

La Confederazione spagnola della salute mentale e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ci forniscono i seguenti dati di interesse per contestualizzare i disturbi mentali a livello sociale:

  • Si stima che i problemi di salute mentale saranno la principale causa di disabilità nel 2030.
  • Una persona su 4 avrà un disturbo mentale nella sua vita. Tra il 35% e il 50% dei pazienti non riceve alcun tipo di trattamento per risolverlo o questo non è adeguato.
  • Il 12,5% di tutte le malattie rientra nella categoria dei disturbi mentali. Questa cifra è superiore a quella dei problemi cardiovascolari (la prima causa di morte nel mondo) e del cancro.
  • 450 milioni di persone sono affette da disturbi mentali, che rendono difficile lo svolgimento dei compiti e la sopravvivenza individuale.
  • La depressione è la regina dei disturbi mentali, colpendo 268 milioni di persone nel mondo e causando un alto carico di disabilità.
  • Il 50% dei disturbi mentali si manifesta prima dei 14 anni e il 75% prima dei 18 anni. Il suicidio è la seconda causa di morte nelle persone tra i 15 ei 29 anni.

Come puoi vedere, i disturbi mentali non sono un gioco. Questa prefazione è essenziale per sottolineare che, per quanto informativo sia questo spazio, dovresti cercare un aiuto professionale immediato se sospetti di avere la depressione o qualsiasi altro tipo di condizione psichiatrica. Con la salute, prevenire è sempre meglio che curare.

Le 7 differenze tra tristezza e depressione

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, sentirsi tristi è normale. Tuttavia, questa emozione che domina la tua vita può indicare una malattia mentale. Analizziamo le differenze tra tristezza e depressione nelle righe seguenti.

1. La depressione è patologica, ma la tristezza no

L’Oxford Dictionary definisce la tristezza come “una sensazione di dolore emotivo prodotta da un evento sfavorevole che di solito si manifesta con uno stato d’animo pessimista, insoddisfazione e tendenza a piangere”. A livello psicologico, questa è una delle 6 emozioni di base postulate da Paul Ekman, insieme a gioia, rabbia, sorpresa, paura e disgusto.

La tristezza è un dolore emotivo naturale che è associato (o caratterizzato da) sentimenti di svantaggio, perdita, disperazione, dolore, impotenza, delusione e dolore. Il pianto è un meccanismo involontario in una certa misura legato a questa emozione, ma non tutte le persone tristi piangono e non tutte le persone che piangono hanno connotazioni negative.

La definizione di depressione è molto diversa. Il dizionario dell’American Psychiatric Association lo specifica come “uno stato affettivo negativo, che va dall’infelicità e scontento a un sentimento estremo di tristezza, pessimismo e scoraggiamento che interferisce con la vita quotidiana”. Ancora più importante, è classificato come un disturbo mentale e comportamentale.

Quindi, la prima delle differenze tra tristezza e depressione è chiaramente chiara: essere tristi non è patologico, mentre la depressione è inclusa nella categoria dei disturbi emotivi. Il primo non deve richiedere cure professionali (anche se gli psicologi possono aiutare a gestirlo), mentre il secondo mostra sempre la necessità di cure mediche.

La depressione è un disturbo, mentre la tristezza è un’emozione di base naturale.

2. La depressione ha i suoi criteri per essere diagnosticata

Le differenze tra tristezza e depressione includono la necessità di un processo diagnostico
Poiché la depressione è una malattia, gli specialisti della salute mentale utilizzano una serie di criteri per diagnosticarla, cosa non necessaria negli episodi di tristezza.

La tristezza non viene “diagnosticata” in quanto tale, perché perché ci sia una diagnosi ci deve essere in primo luogo una malattia. D’altra parte, la depressione ha una serie di criteri che indicano la sua esistenza nel paziente.

L’ American Psychiatric Association pubblica di volta in volta il suo Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, aggiornando i criteri diagnostici per tutti i disturbi mentali vecchi e nuovi. Nella quinta edizione (pubblicata nel 2013), vengono stabilite le seguenti basi rispetto alla depressione:

  1. Sentirsi depressi e cronicamente tristi per la maggior parte della giornata, tutti (o quasi) i giorni.
  2. Marcata diminuzione della sensazione di godimento e piacere (anedonia). Le persone con depressione hanno difficoltà a godersi attività che in precedenza erano stimolanti per loro tutta o la maggior parte della giornata.
  3. Significativa perdita di peso senza dieta, aumento di peso o perdita/aumento di appetito su base fluttuante.
  4. Riduzione della velocità del pensiero e dell’esecuzione dei movimenti fisici. Questo segno deve essere osservabile da altre persone, non solo percepito dal paziente.
  5. Fatica e perdita di energia (quasi) ogni giorno.
  6. Sensazione di inutilità o di colpa eccessiva ogni o quasi tutti i giorni.
  7. Perdita di concentrazione e indecisione ogni giorno o quasi.
  8. Sentimenti ricorrenti di morte, pensieri suicidi senza piani specifici, tentativo di suicidio o piano di tentativo di suicidio.

Affinché a un paziente venga diagnosticata la depressione, devono incontrare alcuni dei sintomi per un periodo di 2 settimane o più di seguito. Inoltre, uno dei sintomi deve essere la tristezza cronica (punto 1) o l’anedonia (punto 2). Infine, va notato che i segni clinici devono causare nella persona che li vive un disagio clinico significativo o difficoltà associate.

Le difficoltà causate dal quadro depressivo possono manifestarsi in ambito emotivo, lavorativo, sociale e in molti altri ambiti.

3. Differenze tra tristezza e depressione: uno è un sintomo dell’altro

Potresti averlo capito leggendo le righe precedenti, ma una delle differenze chiave tra tristezza e depressione è che la stessa tristezza cronica, stabilita per 2 settimane o più, è un chiaro sintomo di depressione. In altre parole, l’emozione di essere costantemente tristi può portare a un quadro depressivo.

Perché la diagnosi di depressione sia accurata, il paziente deve avere tristezza cronica, mancanza di piacere (anedonia) o entrambi. Inoltre, questo deve interferire con la tua routine e causare alcuni segni clinicamente significativi. Ad esempio, una persona depressa ha spesso anche difficoltà a dormire, perdita di energia, ansia cronica e altri agenti psicologici concomitanti.

La depressione richiede la diagnosi di tristezza cronica, anedonia o entrambe. Il resto dei sintomi è accessorio, ma solo questi 2 lo determinano.

4. Processi diversi dal punto di vista biochimico

Definire la causalità delle emozioni e dei disturbi a livello psicologico è molto complesso, poiché l’essere umano è composto da migliaia di sistemi interconnessi (di più se si parla di cervello). Tuttavia, le basi fisiologiche della tristezza e della depressione sono state esplorate e ci sono alcune variazioni tra di esse.

Secondo studi scientifici, la tristezza è stata associata ad una maggiore attività bilaterale in prossimità della corteccia temporale mediale e posteriore, del cervelletto laterale, del verme cerebellare, del mesencefalo, del putamen e del caudato. A livello biochimico (e semplificando molto le cose), si può associare ad un immediato basso livello di serotonina.

D’altra parte, la fisiopatologia del disturbo depressivo non è stata ancora chiarita in modo altrettanto efficace. Le prove attuali indicano una complessa interazione tra la disponibilità di neurotrasmettitori e la regolazione e la sensibilità del recettore sottostante ai sintomi affettivi, come indicato dal portale medico Statpearls.

Nonostante le distanze, la depressione è stata anche collegata a uno squilibrio nei circuiti della serotonina del sistema nervoso centrale. Tuttavia, qui entrano in gioco altri nuovi neurotrasmettitori, come la noradrenalina, la dopamina, il glutammato e il fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF). Pertanto, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono utili per trattarla.

La depressione appare come un disturbo multifattoriale e molto complesso, mentre la tristezza si spiega più “semplicemente” (è una delle 6 emozioni fondamentali).

5. La depressione non deve avere una causa esatta

A livello emotivo, la tristezza può essere definita come “una reazione a una perdita oa una situazione avversa dalla quale siamo sopraffatti”. Di solito ha una causa specifica, come la perdita di una persona, un oggetto o un obiettivo prezioso e l’esperienza di una situazione avversa. Ad ogni modo, si stabilisce una certa causalità ( “Sono triste per questo motivo” ).

La depressione non deve avere una causa specifica, in quanto ci sono persone che hanno molte strutture e non hanno vissuto eventi traumatici e soffrono di questo quadro clinico senza alcuna spiegazione apparente. In ogni caso, sembrano esserci alcuni predisponenti, tra cui i seguenti:

  • Eventi della vita: l’abuso sessuale, mentale o fisico durante l’infanzia è associato a una maggiore probabilità di sviluppare depressione in età adulta. Anche l’isolamento sociale, lo stress, le avversità (mancanza di denaro e malattie, per esempio), il rifiuto familiare e molti altri fattori lo promuovono.
  • Personalità: per esempio, le persone nevrotiche sono più inclini a disturbi depressivi per tutta la vita.
  • Alcolismo: l’alcolismo può precedere la depressione o essere uno dei suoi fattori scatenanti.
  • Malattie non psichiatriche: la malnutrizione e i disturbi ormonali (tra molti altri) possono favorire la depressione, anche se non lo spiegano da soli.

In sintesi: un’altra delle chiare differenze tra tristezza e depressione risiede nella causalità. Quando si è tristi (quasi) c’è sempre un perché, ma in condizioni depressive l’innesco è multifattoriale, diffuso e può risalire a lungo.

6. La tristezza dura meno, mentre la depressione è cronica

Le differenze tra tristezza e depressione includono la loro durata
La depressione è una condizione cronica e in molti casi richiede un trattamento prolungato per evitare complicazioni.

La durata e l’intensità del sentimento di tristezza è variabile e dipende dai modelli di personalità, dagli schemi cognitivi e dall’ambiente socioculturale. Non tutti reagiamo allo stesso modo a uno stimolo negativo, motivo per cui è difficile stabilire per quanto tempo sia “normale” essere tristi dopo un certo evento.

In ogni caso, si stabilisce come criterio generale che la tristezza sia più effimera ed è possibile “astrarne” ( snap out ), mentre la depressione domina la maggior parte della giornata del paziente e lo rende inabile a svolgere determinate attività. Come abbiamo detto, si sospetta la depressione quando la tristezza è cronica e manifesta per un periodo di 2 settimane o più.

La depressione è cronica, mentre la tristezza è un’emozione più immediata che può essere diluita nel tempo.

7. Differenze tra tristezza e depressione: la prima è vissuta da tutti gli esseri umani

In definitiva, vogliamo sottolineare che tutti gli esseri umani diventano tristi ad un certo punto della nostra vita. La tristezza è un’emozione fondamentale e fa parte della cognizione umana, che ci piaccia o no. È semplicemente impossibile per un essere umano pensante non provare questa sensazione, poiché non possiamo definirci una specie senza le nostre sensazioni.

D’altra parte, la depressione non è vissuta da tutti gli esseri umani e non dovrebbe essere vista come “naturale” o trascurata. La depressione è disadattiva, cioè riduce la probabilità di sopravvivenza individuale e la qualità della vita. Nulla che ti faccia stare costantemente male può essere spiegato senza incorrere nel terreno patologico.

La depressione colpisce 264 milioni di persone in tutto il mondo ed è la principale causa di disabilità a livello globale. Nel peggiore dei casi porta al suicidio, che viene commesso da più di 800.000 persone ogni anno. La tristezza sporadica non porta un essere umano a suicidarsi, ma una condizione depressiva non trattata sì.

In caso di dubbio, consultare un professionista della salute mentale

Qui abbiamo sezionato 7 differenze chiave tra tristezza e depressione, ma dovresti tenere a mente che nessuna di esse rappresenta una diagnosi del tuo specifico stato emotivo.

Se sei venuto in questo spazio perché dubiti della cronicizzazione dei tuoi sentimenti, è necessario che tu vada rapidamente da uno psicologo o uno psichiatra, perché solo loro possono darti una diagnosi accurata.

Devi tenere a mente che una parte del quadro depressivo implica sentimenti di colpa, isolamento, mancanza di comunicazione e altri processi che rendono difficile essere trasparenti con la malattia che si sta soffrendo. Prima che la situazione peggiori, è necessario mettersi nelle mani giuste e iniziare la terapia (sia farmacologica che psicologica).

Potrebbe interessarti ...
Depressione post partum: cos’è e perché compare?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Depressione post partum: cos’è e perché compare?

La depressione post partum è un disturbo dell'umore disabilitante ma curabile. È una delle complicazioni più comuni della maternità.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.