Farmaci per la cura delle malattie della tiroide

Quando la ghiandola tiroidea smette di funzionare, potrebbe essere necessario ricorrere ai farmaci. Il trattamento dipenderà dal tipo di patologia, dalla sua estensione e dalle condizioni specifiche del paziente.
Farmaci per la cura delle malattie della tiroide
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador in 06 settembre, 2021.

Ultimo aggiornamento: 06 settembre, 2021

La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla situata nel collo. È un conglomerato di tessuto endocrino ed è responsabile della secrezione di ormoni essenziali per il funzionamento dell’organismo. Se questa struttura smette di funzionare, potrebbe essere necessario ricorrere ai farmaci. Ecco le terapie indicate nel trattamento delle malattie della tiroide che alleviano i segni clinici. Naturalmente, ogni disturbo ha un suo specifico approccio.

Gozzo

Il gozzo è un ingrossamento anomalo della ghiandola tiroidea. Sebbene sia una condizione indolore, può causare tosse e rendere difficile la deglutizione. Come indica la Mayo Clinic, la causa più comune in tutto il mondo è la mancanza di iodio nella dieta.

Levotiroxina sodica

La levotiroxina è una forma sintetica di tiroxina (ormone tiroideo) che viene utilizzata come sostituto ormonale nei pazienti con alterazioni della tiroide. Ogni compressa contiene 50 microgrammi di principio attivo e viene consumata al mattino a stomaco vuoto, da 30 a 60 minuti prima di mangiare.

Come indicato dal portale Elsevier, questo farmaco può ridurre le dimensioni del gozzo del 25%, purché venga somministrata durante i primi mesi di evoluzione della condizione. Inoltre, il suo utilizzo è indicato solo quando il gozzo è il risultato di ipotiroidismo, poiché il suo effetto principale è quello di inibire la tireotropina o il TSH.

La levotiroxina si trova sotto i nomi commerciali Eutirox, Levotiroxina e Tirosint tra gli altri.

Corticosteroidi

Quando il gozzo è grave e il paziente non è in grado di deglutire o svolgere le normali funzioni vitali, vengono prescritti corticosteroidi, la cui funzione è quella di ridurre l’infiammazione sopprimendo il sistema immunitario. La posologia abituale di corticosteroidi è da 80 a 100 milligrammi al giorno di prednisone.

Potrebbe interessarvi anche: Il prednisone aumenta la pressione arteriosa?

Radioiodio

Come indicato dal portale Medigraphic, la terapia con iodio radioattivo 131 è utile per i pazienti con ipertiroidismo autoimmune e prodotto di un gozzo multinodulare o adenoma tossico. Nelle prossime righe approfondiremo le particolarità di questo approccio.

Farmaci per la cura delle malattie della tiroide utili in caso di gozzo
Il gozzo è l’ingrossamento della ghiandola tiroidea, che può arrivare a esercitare pressione sulle strutture del collo.

Ipertiroidismo

Tra le malattie della tiroide troviamo l’ipertiroidismo che si verifica quando la ghiandola produce più ormoni di quelli di cui il corpo ha bisogno. Le cause sono la malattia di Graves, i noduli tiroidei, la tiroidite, troppo iodio nella dieta o troppi farmaci per una tiroide ipoattiva. La prevalenza varia tra lo 0,3 e l’1% della popolazione generale.

Farmaci antitiroidei

La funzione dei farmaci antitiroidei è quella di diminuire la produzione dei due ormoni prodotti dalla tiroide: la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3). Possono essere utilizzati sia a breve che a lungo termine, sebbene riportino alcuni effetti collaterali che dovrebbero essere presi in considerazione.

All’interno di questo gruppo, i due farmaci più comuni sono i seguenti:

  • Metimazolo (MMI): questo farmaco viene venduto sotto forma di compresse con 5 e 10 milligrammi di principio attivo per unità. Inibisce l’azione dell’enzima tireoperossidasi e previene la produzione di tiroxina. Durante il trattamento, i livelli ematici di T3 e T4 devono essere monitorati e le dosi aggiustate in base ad essi.
  • Propiltiouracile (PTU): è indicato quando il paziente non può assumere MMI – a causa di ipersensibilità o altra condizione – poiché quest’ultimo è più efficace e riporta minori effetti collaterali. Va sempre assunto con il cibo 2 o 3 volte al giorno e le compresse sono da 50 milligrammi.

Beta-bloccanti

Quando è presente una sovrapproduzione di T3 e T4 nel corpo, il paziente è incline a sviluppare ipertensione e tachicardia. Come indicato dal portale Radiology Info, i beta-bloccanti non trattano l’ipertiroidismo, ma aiutano a ridurre i sintomi.

In altre parole, i beta-bloccanti aiutano il paziente a sentirsi meglio mentre i farmaci antitiroidei ripristinano l’equilibrio ormonale. Sebbene siano generalmente ben tollerati, causano anche diarrea, vertigini e mal di testa.

Radioiodio

Lo iodio radioattivo (I-131), un isotopo dello iodio che emette radiazioni; è usato per trattare l’ipertiroidismo e il gozzo derivato. Questo composto affronta la condizione uccidendo le cellule iper-reattive o riducendo la ghiandola ingrossata, che ferma l’eccesso e la sovrapproduzione di ormone tiroideo.

Gli specialisti che regolano il trattamento cercano di raggiungere un equilibrio, tuttavia, l’uso del farmaco può portare all’ipotiroidismo. Per quanto possa sembrare paradossale, a volte l’approccio allo iodio radioattivo richiede terapie ormonali sostitutive.

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è caratterizzato da una ghiandola tiroidea ipoattiva che non produce abbastanza ormoni per soddisfare le esigenze del corpo. Varie patologie possono causare ipotiroidismo, dalla malattia di Hashimoto alle condizioni congenite.

Volete saperne di più? Leggete anche: Diagnosi della malattia di Hashimoto

Levotiroxina

La levotiroxina sodica è venduta sotto forma di compresse orali da 50 a 150 microgrammi per unità. Fa parte della terapia ormonale sostitutiva, in quanto è una forma sintetica di tiroxina.

Dopo aver iniziato il trattamento, sono necessari esami del sangue per controllare il livello dell’ormone tiroideo nel sangue. Dopo una serie di valutazioni, il trattamento con levotiroxina dura generalmente per tutta la vita.

Trattamento con T3 e T4

Come indicato dal portale Hormone.org, esistono altre alternative alla levotiroxina, ma tendono a dare più effetti secondari e non sono altrettanto efficaci. Ad esempio, le pillole T3 e T4 facilitano l’ansia e la loro azione combinata non ha dimostrato di essere migliore dell’assunzione isolata di T4.

Malattie della tiroide maligne: il carcinoma

Il cancro della tiroide si verifica quando le cellule della ghiandola mutano a livello genetico. A causa di queste alterazioni, tali linee cellulari non seguono i normali meccanismi di divisione e senescenza, quindi si moltiplicano in modo incontrollato. Le cellule mutate possono anche invadere i tessuti adiacenti o entrare nel flusso sanguigno, in un processo noto come metastasi.

Il carcinoma della tiroide può essere suddiviso in sottotipi in base alla sua posizione (papillare, follicolare, anaplastico, midollare e altri). Rappresenta l’1% di tutti i tipi di cancro, ma la sua incidenza aumenta del 4% ogni anno.

Non tutti i tumori della tiroide devono essere trattati, poiché alcuni rimangono localizzati e non crescono. Lo conferma la Mayo Clinic.

Radioterapia esterna

In questo tipo di terapia, una macchina dirige raggi ad alta energia in punti precisi del corpo. Ad alte dosi, la terapia uccide le cellule cancerose o ne rallenta la crescita, ma provoca anche danni localizzati a tessuti innocui. Questo approccio viene valutato quando il tumore continua a crescere, nonostante il trattamento con iodio radioattivo.

Chemioterapia

La chemioterapia generalmente non è destinata al cancro della tiroide, ma può essere utilizzata in combinazione con la radioterapia se il tumore è anaplastico. Questa neoplasia tiroidea cresce molto rapidamente e non può essere riparata con la chirurgia. La prognosi complessiva per il tumore anaplastico è molto sfavorevole. I pazienti di solito non vivono più di 6 mesi dopo la diagnosi.

Iodio radioattivo
Il trattamento con iodio radioattivo non si limita di solito a una singola applicazione. A volte il processo viene ripetuto mesi o anni dopo in alcune patologie tiroidee.

Terapia farmacologica mirata

Se la chirurgia e lo iodio radioattivo non hanno funzionato, è possibile utilizzare una terapia farmacologica mirata per affrontare questa malattia della tiroide. L’American Cancer Society cita i seguenti farmaci:

  • Inibitori multichinasici: Lenvatinib (Lenvima ®) e sorafenib (Nexavar ®) sono i farmaci concepiti in questa categoria. Inibiscono la formazione dei vasi sanguigni di cui i tumori hanno bisogno per crescere e attaccano alcune proteine della cellula cancerosa.
  • Inibitori della RET: selpercatinib (Retevmo ®) e pralsetinib (Gavreto ®) rientrano in questa categoria. Attaccano le proteine RET, che aiutano la cellula cancerosa a crescere. Sono usati per trattare i tumori in stadio avanzato.
  • Inibitori NTRK: larotrectinib (Vitrakvi ®) e entrectinib (Rozlytrek ®). Disattivano le proteine alterate che aiutano le cellule tumorali a crescere.

Farmaci per la cura delle malattie della tiroide: numerosi e diversi

Sono diverse le condizioni che possono causare le malattie della tiroide, ma molte di esse condividono i farmaci. Ad esempio, lo iodio radioattivo viene usato nel trattamento del cancro alla tiroide, dell’ipertiroidismo e del gozzo.

Qualcosa di simile accade con la levotiroxina, una forma sintetica di tiroxina con diversi usi. Questo farmaco è utile dopo l’asportazione della tiroide, per curare l’ipotiroidismo e per curare il gozzo derivato da quest’ultima condizione.

Altri farmaci possono essere utili oltre allo iodio e alla levotiroxina, soprattutto quando si tratta di alleviare i sintomi derivati dall’iper o iporeattività della tiroide. Se soffrite di una di queste condizioni, non esitate ad affidarvi ad un medico specialista.

Potrebbe interessarti ...
Trattamento dell’ipotiroidismo
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Trattamento dell’ipotiroidismo

Il trattamento dell'ipotiroidismo combina alcuni farmaci a piccoli cambiamenti nello stile di vita. In che cosa consiste?