Rimedi naturali per il reflusso acido

Soffrite di reflusso acido? Prendete nota dei seguenti rimedi naturali che aiutano a ridurre i sintomi.
Rimedi naturali per il reflusso acido
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez in 09 settembre, 2021.

Ultimo aggiornamento: 09 settembre, 2021

Esistono numerosi rimedi naturali che possono essere applicati per trattare il reflusso acido. In questo modo è possibile ridurre i sintomi e il disagio. Tuttavia, molte delle soluzioni che descriveremo non affrontano la radice del problema.

Occorre tenere presente che il reflusso acido può essere causato da una serie di fattori. L’ideale è identificare l’elemento scatenante e iniziare un trattamento efficace. A volte è addirittura necessario ricorrere alla farmacologia.

I cibi “trigger” da evitare

Alcuni alimenti sono in grado di scatenare i sintomi del reflusso acido. È necessario identificare la tolleranza individuale e, per quanto possibile, evitare quelli più associati al disagio.

I prodotti che più comunemente causano problemi di acidità o reflusso sono caffè e tè, cioccolato, cibi piccanti, bevande alcoliche, bibite gassate, cibi fritti e pastellati, cibi precotti e ultraprocessati, pomodori e loro derivati. Anche gli agrumi possono causare sintomi. Lo conferma uno studio pubblicato su Current Medicinal Chemistry.

L’ideale sarebbe eliminare dalla dieta gli alimenti in grado di aumentare la produzione di acido gastrico o quelli che causano digestioni lente e pesanti. In questo senso, si consiglia anche di preferire le piccole quantità per favorire un rapido svuotamento gastrico e ridurre il disagio.

Non va dimenticato che i grassi hanno la capacità di ritardare lo svuotamento gastrico. Inoltre, le varietà trans promuovono stati infiammatori nel corpo. Pertanto, è fondamentale privilegiare il consumo di lipidi di qualità e in quantità moderate.

Allo stesso modo, le diete a basso contenuto di carboidrati, ma con quantità significative di proteine, potrebbero essere utili nella gestione del reflusso, soprattutto quando è associato a un’infezione da Helicobacter pylori. In questi casi è fondamentale ridurre il substrato energetico dei batteri, cioè gli zuccheri.

Helicobacter pylori.
H. pylori è un batterio associato alla gastrite. Una dieta che ne ostacola la proliferazione può essere utile.

Trattare il reflusso acido migliorando lo stato della composizione corporea

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Gastroenterology, l’obesità e il sovrappeso sono fattori di rischio per lo sviluppo del reflusso acido. Questo perché il grasso addominale e viscerale in eccesso può premere sui tessuti, rendendo difficile il funzionamento degli sfinteri e favorendo la comparsa dell’ernia iatale.

Raggiungere uno stato di composizione corporea adeguato dovrebbe essere una delle priorità quando si tratta di migliorare la gestione del reflusso acido. Per fare ciò si può optare per una riduzione dei carboidrati nella dieta, protocolli di digiuno intermittente e aumento della pratica dell’esercizio fisico.

È fondamentale adottare abitudini di vita sane per ottenere una remissione a medio termine. Quando il paziente sperimenta una significativa perdita di peso, di solito si sente meglio, riducendo il numero di attacchi e le occasioni in cui il reflusso è un vero fastidio.

Attenzione alle abitudini alimentari

Non è sufficiente eliminare dalla dieta quegli alimenti che hanno dimostrato di causare reflusso acido o digestioni pesanti. Si deve anche stare attenti alle abitudini alimentari. Ad esempio, mangiare troppo velocemente fa sì che lo stomaco lavori di più, ritardando lo svuotamento.

È fondamentale masticare bene ogni boccone per assicurarsi che la parte della digestione relativa alla bocca sia svolta correttamente. Questo di solito richiede l’eliminazione delle distrazioni durante i pasti; ad esempio guardare la televisione o controllare il telefono mentre si mangia è negativo.

D’altra parte, è consigliabile evitare pasti abbondanti. È più appropriato pianificare piccoli pasti durante il giorno che abbiano un volume ridotto e una facile digestione. Tenete presente che questi devono contenere proteine di alta qualità, una parte di grassi di tipo cis e abbondanti verdure.

Non è consigliabile andare a letto subito dopo cena

Una delle raccomandazioni chiave per il trattamento del reflusso è evitare di andare a letto subito dopo cena. La posizione orizzontale del corpo favorisce la risalita del contenuto dello stomaco attraverso l’esofago quando lo sfintere non è funzionale. Per questo motivo si consiglia di attendere 2 o 3 ore prima di coricarsi dopo cena.

Può anche essere utile dormire con la testa leggermente sollevata. Questo riduce il rischio di sviluppo reflusso acido durante la notte e aumenta la velocità di svuotamento gastrico, che si traduce in minori problemi. Lo dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of Gastroenterology and Hepatology.

L’ideale, in questi casi, è utilizzare cuscini a cuneo, sebbene esistano anche dispositivi noti come alzaletto che svolgono la stessa funzione. Naturalmente le persone che soffrono di disturbi del collo o della schiena dovranno fare attenzione.

Evitare di indossare indumenti stretti

L’abbigliamento può anche aumentare il rischio di sviluppare reflusso acido. Pantaloni o accessori che generano pressione a livello addominale, come le cinture, potrebbero rendere difficile il transito del bolo attraverso il tratto digestivo.

In questo caso, aumenta l’incidenza del reflusso acido. Assicuratevi, quindi, che i pantaloni siano sempre comodi.

Ridurre lo stress è fondamentale nella gestione del reflusso acido

Le persone con alti livelli di stress hanno maggiori probabilità di soffrire di reflusso acido. Secondo uno studio pubblicato su Annals of Medicine and Surgery, chi è nervoso o tende a soffrire di ansia ha anche un rischio maggiore di soffrire di reflusso.

Per questo motivo è fondamentale mettere in atto strategie che favoriscano il rilassamento. La meditazione può essere una di queste. Ha conquistato sempre più seguaci negli ultimi anni ed è un buon modo per controllare l’ansia.

La pratica quotidiana dell’esercizio fisico è un altro degli strumenti essenziali per il controllo dello stress. Favorisce un miglior riposo e aiuta a raggiungere uno stato ottimale di composizione corporea, da cui derivano molti altri benefici.

Alcuni integratori alimentari hanno il potere di favorire il relax. Uno di questi è la melatonina, che ha dimostrato di migliorare la qualità del sonno e ridurre il rischio di sviluppare depressione o ansia. Si assume ogni giorno prima di andare a dormire e non ha effetti collaterali.

Smettere di fumare

La nicotina è una delle sostanze in grado di indebolire lo sfintere esofageo, favorendo la risalita del contenuto della sacca gastrica nel tubo. È considerato uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo del reflusso acido, come evidenziato da una ricerca pubblicata sulla rivista Best Practice & Research.

In generale, le abitudini che intossicano sono legate ad un aumentato rischio di sviluppare questo problema. Anche l’alcol favorisce un aumento della produzione di acido gastrico, danneggia le mucose e provoca alterazioni negative del microbiota.

Smettere di fumare per prevenire il reflusso acido.
Smettere di fumare è una delle principali indicazioni per i pazienti con reflusso acido.

Altri rimedi naturali efficaci

Oltre a questi consigli, esistono rimedi naturali che possono facilitare il controllo del reflusso acido, riducendone la frequenza e l’intensità. Questi includono zenzero, succo di aloe vera, curcuma, liquirizia e miele. Tuttavia, non tutti sono supportati da evidenze concrete.

Una pratica che mette d’accordo gli esperti da qualche anno è il consumo di integratori probiotici. Questi batteri riescono a colonizzare le aree del tubo digerente, alterando il pH e favorendo una corretta digestione. Alcuni ceppi potrebbero essere utili per ottenere una riduzione dei sintomi della patologia.

Tuttavia, la scelta del probiotico giusto non è sempre facile. La cosa migliore in questo caso è farsi consigliare dallo specialista un ceppo che si sia dimostrato efficace per questo disturbo. D’altra parte, è necessario che il numero di unità formanti colonia sia adeguato.

Trattare il reflusso acido in modo naturale

Come abbiamo visto, si possono adottare una serie di rimedi naturali che facilitano la gestione del reflusso acido. In questo modo è possibile ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita, che è anche la chiave per raggiungere un buono stato nutrizionale.

Occorre ricordare che sarà decisivo evitare lo stress, le abitudini tossiche e il sovrappeso. Solo con queste tre regole la progressione della patologia sarà significativamente ridotta. Inoltre, è necessario modificare la dieta per evitare il consumo di alimenti che generano una maggiore produzione acida.

Infine, non bisogna dimenticare di praticare esercizio fisico su base giornaliera. L’attività sportiva favorisce il rilassamento, aiuta a dormire meglio la notte e a mantenere uno stato ottimale di composizione corporea.

Potrebbe interessarti ...
Cos’è la dispepsia?
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Cos’è la dispepsia?

La dispepsia è un insieme di sintomi caratterizzati da disturbi gastrointestinali, di solito associati al consumo di cibo.



  • Surdea-Blaga T, Negrutiu DE, Palage M, Dumitrascu DL. Food and Gastroesophageal Reflux Disease. Curr Med Chem. 2019;26(19):3497-3511. doi: 10.2174/0929867324666170515123807. PMID: 28521699.
  • Richter JE, Rubenstein JH. Presentation and Epidemiology of Gastroesophageal Reflux Disease. Gastroenterology. 2018 Jan;154(2):267-276. doi: 10.1053/j.gastro.2017.07.045. Epub 2017 Aug 3. PMID: 28780072; PMCID: PMC5797499.
  • Khan BA, Sodhi JS, Zargar SA, et al. Effect of bed head elevation during sleep in symptomatic patients of nocturnal gastroesophageal reflux. J Gastroenterol Hepatol. 2012;27(6):1078-82. doi10.1111/j.1440-1746.2011.06968.
  • Awadalla NJ. Personal, academic and stress correlates of gastroesophageal reflux disease among college students in southwestern Saudi Arabia: A cross-section study. Ann Med Surg (Lond). 2019 Oct 10;47:61-65. doi: 10.1016/j.amsu.2019.10.009. PMID: 31687134; PMCID: PMC6806375.
  • Xie Z, Chen F, Li WA, Geng X, Li C, Meng X, Feng Y, Liu W, Yu F. A review of sleep disorders and melatonin. Neurol Res. 2017 Jun;39(6):559-565. doi: 10.1080/01616412.2017.1315864. Epub 2017 May 1. PMID: 28460563.
  • Ness-Jensen E, Lagergren J. Tobacco smoking, alcohol consumption and gastro-oesophageal reflux disease. Best Pract Res Clin Gastroenterol. 2017 Oct;31(5):501-508. doi: 10.1016/j.bpg.2017.09.004. Epub 2017 Sep 7. PMID: 29195669.
  • Cheng J, Ouwehand AC. Gastroesophageal Reflux Disease and Probiotics: A Systematic Review. Nutrients. 2020 Jan 2;12(1):132. doi: 10.3390/nu12010132. PMID: 31906573; PMCID: PMC7019778.