Meditazione collettiva: cos’è e quali sono i suoi benefici

Daniela Andarcia · 20 Aprile, 2021
La meditazione collettiva ha le stesse caratteristiche della meditazione solitaria. Il valore aggiunto che offre è il sentirsi capiti e sostenuti da un gruppo che condivide gli stessi valori. A livello sociale, invece, può ridurre i tassi di criminalità e di morti violente.

La meditazione collettiva offre molti benefici e migliora la qualità della vita, specialmente in questo momento storico. Siamo costantemente connessi ma, a quanto pare, le interazioni sociali stanno diventando più fredde, proprio perché filtrate dalla tecnologia.

Questa semplice attività permette di rilassarci, di pensare e, a seconda del luogo, di contemplare la bellezza del paesaggio. Aiuta a calmare il corpo e la mente; l’unica cosa che può migliorarla è condividerla con persone con interessi simili.

La meditazione di gruppo offre di certo vantaggi individuali, ma fa bene anche alla società nel suo complesso. Negli USA un ampio gruppo di volontari è stato coinvolto in un programma avanzato di meditazione trascendentale, incentrato sulla riduzione della violenza. Gli studi hanno registrato un calo significativo nelle statistiche nazionali per omicidi e crimini urbani violenti.

Scoprite tutti i vantaggi della meditazione collettiva.

Come funziona la meditazione collettiva?

La meditazione collettiva può essere fatta ovunque.
Uno dei vantaggi di questa tecnica è che può essere eseguita ovunque.

La meditazione, in generale, è un’attività che aiuta a calmare i pensieri. L’attenzione viene diretta all’espansione della mente, il respiro rallenta e i muscoli si rilassano.

La meditazione collettiva ha le stesse caratteristiche della meditazione tradizionale. Il valore aggiunto che offre è il sentirsi capiti e sostenuti da un gruppo che condivide gli stessi valori. Ciò favorisce la creazione di una rete di appoggio e consente di rafforzare i legami sociali.

Per raggiungere questo obiettivo, gli unici requisiti sono un posto tranquillo e libero da distrazioni, ginocchia e schiena buone, e persone con un obiettivo comune.

Quali sono i benefici della meditazione collettiva?

Ritrovarsi in gruppo in un ambiente sano è stimolante; è la situazione ideale per interagire e apprendere nuovi strumenti psicosociali ed emotivi. Altri vantaggi offerti dalla meditazione condivisa sono i seguenti:

1. È più efficace

La sinergia che si crea con persone che hanno un obiettivo comune è simile a quella che si raggiunge quando ci si incontra con un gruppo di amici intimi.

Meditare insieme ad altri può essere anche più efficace che meditare da soli. Secondo uno studio pubblicato su Stress and Health, sia la meditazione che il mindfulness sono in grado di indurre uno stato di pace interiore.

2. Il processo di apprendimento è più divertente

Quando la conoscenza viene acquisita attraverso un’attività rigenerante, il processo di apprendimento diventa più piacevole. Questo è vero anche per chi si avvicina per la prima volta a questa disciplina. La meditazione è ben lungi dall’essere un’attività competitiva. Quindi, se siete principianti, approfittatene per attingere a piene mani dall’esperienza dei veterani che meditano da mesi o anni.

3. Permette di ricevere e dare consigli

Trovarsi in connessione con altre persone, che non vengono percepite come rivali, incoraggia l’orientamento e i consigli reciproci.

È comune ricevere e dare indicazioni su posture, esercizi e approcci mentali che aiutano notevolmente a raggiungere la pace mentale e fisica.

4. Aiuta a non scoraggiarsi

Uno dei vantaggi della meditazione collettiva è, che essendo circondati da persone che condividono lo stesso obiettivo, è più difficile scoraggiarsi.

Non mancheranno mai parole di incoraggiamento e motivazione dai compagni di avventura. Si tratta di un vantaggio che la meditazione eseguita da soli non può offrire.

5. Migliora la salute psichica

Uno studio ha scoperto che la sensazione di essere connessi al proprio gruppo di meditazione non è solo emotiva, ma anche fisica. La scienza ha dimostrato che le onde cerebrali, durante pratiche come lo yoga e la meditazione, possono letteralmente sincronizzarsi.

Il silenzio e la pace dell’ambiente prescelto permette di raggiungere l’equilibrio necessario ad affrontare le sfide quotidiane con un basso carico di ansia; questo perché vi sentirete rilassati, sostenuti e a vostro agio.

6. Riduce la sensazione di solitudine

Sentirsi accettati, sentire di appartenere a un gruppo sono uno dei benefici della meditazione collettiva. Con il passare del tempo, percepirete sempre più vicine quelle persone che inizialmente sono estranee. Persone con cui finirete per creare un rapporto profondo.

Benefici della meditazione collettiva sulla società

La scienza ha dimostrato che riunirsi con altre persone per meditare porta a una riduzione dei crimini, delle morti violente e degli atti terroristici.

1. Riduce i tassi di criminalità

La meditazione collettiva potrebbe portare grandi benefici sul piano sociale.
Alcune ricerche hanno collegato la meditazione collettiva a un più basso indice di criminalità.

Secondo una ricerca pubblicata su Journal of Mind & Behaviour, la meditazione collettiva potrebbe avere come effetto una riduzione del tasso di criminalità e di violenza.

È giunto alla stessa conclusione uno studio pubblicato su Psychology, Crime & Law.  I dati conclusivi mostrano che nel momento in cui la meditazione di gruppo ha raggiunto un numero significativo di partecipanti, si è verificata una riduzione dei reati del 13,4%.

Al termine della ricerca, la contea inglese in cui è stata condotta, il Merseyside, registrava il tasso di criminalità più basso del paese, circa il 40% in meno rispetto alla media nazionale.

2. Meno morti violente

Uno studio sulla meditazione trascendentale condivisa da un ampio gruppo di persone, pubblicato su Journal of Mind & Behaviour ha rilevato un conseguente calo nelle statistiche di suicidi, omicidi e morti per incidenti automobilistici.

Altri effetti registrati sono una riduzione del vizio del fumo e meno scioperi sul lavoro.

3. Previene il terrorismo e conflitti internazionali

Nel 1983 è stato condotto a Gerusalemme uno studio sulla meditazione trascendentale collettiva. I risultati hanno mostrato una significativa diminuzione dei conflitti internazionali durante i programmi di meditazione.

Nella stessa indagine, alcuni volontari si sono incontrati per più di 10 giorni per partecipare a sedute di meditazione, con l’obiettivo di dirigere il proprio pensiero alla pace. I risultati hanno mostrato un calo di oltre il 70% di atti di terrorismo e di circa il 32% in meno di conflitti internazionali.

Meditazione collettiva, uno strumento sociale

Meditare in gruppo, a quanto pare, offre benefici sociali e individuali. Tra questi ultimi, ricordiamo una migliore esperienza di apprendimento, maggiore benessere psicologico, riduzione della solitudine e aumento del sostegno morale percepiti.

D’altra parte, potrebbe essere benefico per una società avere in seno un gruppo di persone che si impegna a meditare insieme. La ricerca ha dimostrato che questa pratica può ridurre i tassi di criminalità; aiuta inoltra a sviluppare pensieri condivisi contro la guerra e il terrorismo.

  • Dillbeck, M. C., & Cavanaugh, K. L. Societal violence and collective consciousness: Reduction of U.S. homicide and urban violent crime rates.  Institute of Science, Technology, and Public Policy, Maharishi University of Management. https://doi.org/10.1177/2158244016637891
  • Liu, X., Xu, W., Wang, Y., Williams, J. M., Geng, Y., Zhang, Q., & Liu, X. (2015). Can Inner Peace be Improved by Mindfulness Training: A Randomized Controlled Trial. Stress and health: journal of the International Society for the Investigation of Stress, 31(3), 245–254. https://doi.org/10.1002/smi.2551
  • Brandmeyer, T., & Delorme, A. (2013). Meditation and neurofeedback. Frontiers in psychology, 4, 688. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2013.00688
  • Dillbeck, M. C., Bandy, C. L., Polanzi, C., & Landrith,  G. S. (1988). Test of a field model of consciousness and social change: The Transcendental Meditation and TM-Sidhi program and decreased urban crime. Journal of Mind & Behavior, 9(4), 457-485.
  • Hatchard, G. D., Deans, A. J., Cavanaugh, K. L., & Orme-johnson, D. W. (1996). The maharishi effect: A model for social improvement. Time series analysis of a phase transition to reduced crime in merseyside metropolitan area. Psychology, Crime & Law, 2(3), 165-174. https://doi.org/10.1080/10683169608409775
  • Assimakis, P. D., & Dillbeck, M. C. (1995). Time Series Analysis of Improved Quality of Life in Canada: Social Change, Collective Consciousness, and the Tm-Sidhi Program. Psychological Reports, 76(3_suppl), 1171–1193. https://doi.org/10.2466/pr0.1995.76.3c.1171
  • Orme-Johnson, D. W., Dillbeck, M. C., & Alexander, C. N. (2003). Preventing Terrorism and International Conflict. Journal of Offender Rehabilitation, 36(1-4), 283-302. https://doi.org/10.1300/J076v36n01_13