Epatite

L'infezione acuta è una malattia che, con un trattamento adeguato, può guarire. Questo non è il caso dell'epatite cronica, che, come suggerisce il nome, non ha cura. Questa epatite può evolvere in insufficienza epatica, cancro al fegato o cirrosi.
Epatite
María Vijande

Scritto e verificato da la farmacéutica María Vijande in 23 agosto, 2021.

Ultimo aggiornamento: 23 agosto, 2021

L’epatite è una malattia infiammatoria del fegato, l’organo responsabile della secrezione della bile, della sintesi delle proteine, dell’immagazzinamento delle vitamine e della disintossicazione del corpo, tra le altre importanti funzioni. È considerata una malattia a trasmissione sessuale.

Cause

Questa malattia può essere scatenata da due fattori: un’infezione virale o l’azione di agenti tossici.

Per quanto riguarda l’infezione virale, esistono virus specifici che causano l’epatite, come A, B, C, D, E, F e G. Tuttavia, i più importanti sono A, B e C; in misura minore, D ed E, con F e G che sono i meno studiati.

Oltre a questi, altri virus aspecifici possono causare questa malattia. È il caso del virus Epstein-Barr e del citomegalovirus.

D’altra parte, come abbiamo detto, esistono altri fattori responsabili dello sviluppo di un’infiammazione del fegato. Innanzitutto, l’alcol e poi altre tossine sono agenti molto dannosi per questo organo, e sono quindi da considerare i principali agenti tossici.

Frequenti sono anche le cause derivanti dall’abuso o dal sovradosaggio di farmaci, come il paracetamolo. Ancora, alcune malattie ereditarie, tra cui il morbo di Wilson, la fibrosi cistica o l’emocromatosi, sono altri fattori che influenzano la comparsa dell’epatite.

L'epatite B è causata da un virus a DNA

Tipi di epatite

A grandi linee si possono distinguere due tipi di epatite, a seconda del carattere dell’infezione, l’epatite acuta e l’epatite cronica.

L’infezione acuta è una malattia che, con un trattamento adeguato, può guarire. Questo non è il caso dell’epatite cronica, che, come suggerisce il nome, non ha cura. Questa epatite può evolvere in insufficienza epatica, cancro al fegato o cirrosi.

Possono anche essere classificate in base al virus che causa l’infezione. In questo caso, parleremo dei seguenti tipi di epatite:

Epatite A

È prodotta dal virus dell’epatite A e si trasmette per contatto con feci infette, per mancanza di igiene in casa o mangiando cibo contaminato e mal lavato.

Nei paesi più sviluppati, questa malattia colpisce principalmente in modo isolato. Sebbene oggi esista il vaccino, buone condizioni igienico-sanitarie ambientali e all’interno della casa sono i modi più efficaci per prevenirla.

Produce una malattia benigna e autolimitante, cioè colpisce solo il fegato. Si manifesta con diarrea, mal di stomaco, perdita di appetito, nausea, stanchezza e febbre.

Epatite B

È causata da un virus a DNA che riesce a replicarsi grazie all’enzima DNA polimerasi con attività di trascrittasi inversa. Si trasmette attraverso il sangue o rapporti sessuali da un paziente con la malattia attiva o da un portatore sano con il virus HBV. Può svilupparsi come infezione acuta o cronica, con le complicazioni già menzionate nel caso dell’epatite cronica.

A differenza del precedente, il virus B si moltiplica nel fegato ma può essere vivere anche al di fuori di esso, quindi l’epatite B non è autolimitante. Le persone infette possono avvertire sintomi simil influenzali o essere asintomatiche.

Un esame del sangue è in grado di determinare la presenza del virus. Attualmente esiste già un vaccino per la sua prevenzione. Tuttavia, la pratica del sesso sicuro è essenziale per prevenirne la trasmissione.

L’infezione da virus dell’epatite B acuta non prevede trattamento. La sua evoluzione viene seguita solo per evitare complicazioni e valutarne l’eventuale cronicizzazione.

Per quanto riguarda la forma cronica, richiede la supervisione di uno specialista. Questo può indicare la somministrazione di farmaci antivirali come:

  • Interferone alfa.
  • Lamivudina.
  • Adefovir-dipivoxil.
  • Entecavir.
  • Combinazioni degli stessi.
Medicinali

Epatite C

È prodotta dall’infezione da virus C. Questo si trova nel sangue delle persone malate. Come la precedente, si trasmette attraverso il contatto con il sangue di una persona infetta, sia essa in fase attiva o sia portatrice del virus. L’epatite C cronica porta anche a cirrosi, cancro del fegato, insufficienza epatica e infine la morte.

È un virus a RNA, quindi per rilevarlo deve essere eseguita una tecnica di laboratorio chiamata PCR. Per la diagnosi, come in altri tipi di epatite, il medico si affida ai livelli delle transaminasi, enzimi che vengono rilasciati nel sangue dopo la morte cellulare causata dall’infiammazione del fegato.

Questo aumento può essere molto importante nell’epatite acuta ed è lieve o moderato nell’epatite cronica. La diagnosi si completa con altri esami che aiuteranno anche a determinare la causa e la prognosi. Per la diagnosi definitiva, deve essere eseguita una biopsia dell’organo interessato.

Infine, il trattamento si basa sulla somministrazione di farmaci antivirali. Il trattamento di scelta è la combinazione di interferone alfa e ribavirina. Attualmente viene utilizzata una nuova formulazione dell’interferone alfa: l’interferone alfa pegilato.

Epatite D

Il virus dell’epatite D è un virus difettoso, o viroide, che richiede l’esistenza del virus dell’epatite B. Si trova in tutte le persone che sono state infettate dal virus. È l’unico viroide in grado di colpire qualcosa di più delle semplici piante. Si trasmette per via parenterale.

Insieme all’HBV possono svilupparsi due tipi di infezione :

  • Coinfezione: si verifica quando l’infezione viene acquisita da entrambi i virus contemporaneamente. La cronicità della malattia compare nel 5% dei casi.
  • Superinfezione: si verifica quando il paziente viene infettato da HDV ed era già infetto da HBV. L’infezione diventa cronica nell’80% dei casi.

Epatite E, F e G

L’HEV si trasmette in modo simile all’epatite A e si diffonde attraverso l’acqua contaminata. Le forme F e G sono le meno conosciute e spesso F è considerato come G. Si crede che quest’ultimo sia trasmesso attraverso il sangue, specialmente nelle persone che fanno uso di droghe per via endovenosa.

L’HGV ha un’omologia simile al virus dell’epatite C. Viene diagnosticata rilevando l’RNA virale nel siero. Nonostante il suo nome, non esistono prove certe che questo virus causi malattie del fegato. Inoltre, non è stata associata a epatite cronica, cirrosi o cancro al fegato.

Variante indotta dai farmaci

Come abbiamo accennato, questa malattia può svilupparsi anche a causa della tossicità di alcuni agenti dannosi per il fegato, come l’alcol e alcuni farmaci.

Potreste essere interessati anche a: Le 6 malattie del fegato più comuni

Un noto avvelenamento è la tossicità epatica da paracetamolo. Un sovradosaggio di questo farmaco può portare a una grave epatite che può progredire fino all’insufficienza epatica fatale.

Questa intossicazione si verifica perché le vie metaboliche del farmaco si saturano e il corpo non è in grado di neutralizzare un composto derivato dal paracetamolo, che è altamente tossico per il fegato.

Il termine metabolizzazione di un farmaco si riferisce ad una serie di reazioni chimiche che il farmaco subisce nell’organismo affinché sia più agevole l’eliminazione. Nel caso del paracetamolo, una saturazione delle vie metaboliche ostacola l’eliminazione, favorendo l’insorgere di questa malattia.

Potrebbe interessarti ...
Treonina: un amminoacido essenziale per il sistema epatico
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Treonina: un amminoacido essenziale per il sistema epatico

La treonina è un amminoacido essenziale perché svolge un ruolo importante nel metabolismo e nella salute del fegato. Cosa c'è da sapere?