Le 6 malattie del fegato più comuni

24 Marzo, 2021
This article has been written and endorsed by el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador
I principali sintomi delle malattie del fegato sono: gonfiore delle gambe, ittero, frequente sanguinamento dal naso, stanchezza e nausea cronica.

Il fegato è un organo essenziale in quanto è responsabile della pulizia e della purificazione del sangue; interviene nel metabolismo delle proteine, dei lipidi e dei grassi, nella sintesi degli ormoni e nella digestione attraverso la secrezione della bile, e in altre funzioni. Per questo motivo, una malattia che danneggia in modo grave il fegato può essere, a lungo termine, mortale.

Secondo l’Associazione Epac, sono circa 2 milioni i decessi a seguito di una malattia epatica in tutto il mondo, la metà dei quali sono complicazioni di una cirrosi epatica. Agenti patogeni e cattive abitudini possono causare danni irreversibili al fegato, generando un ampio spettro di sintomi.

Quali sono le malattie del fegato più comuni?

Come indicato dalla US National Library of Medicine, il termine “malattia del fegato” si riferisce a un gruppo di patologie che impediscono a quest’organo di funzionare, parzialmente o completamente. Dolore addominale, ingiallimento della pelle (ittero) e altri segni, sono tipici dell’insufficienza epatica cronica.

Molte malattie del fegato hanno come causa agenti virali e batterici, ma molte altre sono strettamente correlate allo stile di vita. Vediamo le sei malattie del fegato più comuni.

1. Cirrosi epatica alcolica

I dati sul consumo di alcol forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono allarmanti. Ogni anno si contano 3 milioni di morti per consumo di alcol, ovvero il 5,3% di tutti i decessi a livello globale. Il consumo di alcol è causa di oltre 200 patologie diverse.

La cirrosi epatica è senza dubbio una delle più importanti. Quando il fegato viene danneggiato, qualunque sia il motivo, gli epatociti compromessi – cellule funzionali di quest’organo – vengono sostituiti da tessuto cicatriziale e il grado di funzionalità epatica diminuisce.

Le statistiche parlano di 250 casi cirrosi di epatica ogni 100.000 abitanti in Europa e negli Stati Uniti. Come avrete ormai intuito, la causa più comune è l’alcolismo cronico, poiché l’alcol è tossico per il fegato.

Si stima che il 12% degli alcolisti svilupperà una grave forma di cirrosi epatica che potrebbe portare alla morte.

La cirrosi, una delle più comuni malattie del fegato ha come causa principale il consumo di alcol.
Una percentuale significativa di alcolisti sviluppa non solo cirrosi, ma anche cancro e insufficienza epatica.

2. Epatite

L’epatite è una malattia infiammatoria del fegato. La sua origine può essere infettiva, immunitaria o tossica, ma la forma più conosciuta, senza dubbio, è quella virale. Ecco un elenco delle varianti dell’epatite e dei loro agenti causali:

  • Epatite A: è causata dal virus dell’epatite A (HAV). Secondo l‘OMS, l’HAV nel 2016 ha causato 7134 decessi in tutto il mondo. Ha infatti, fortunatamente, un tasso di mortalità  basso (0,5%).
  • Epatite B: il contagio è causato dal virus dell’epatite B (HBV), che di solito viene trasmesso attraverso il contatto sessuale. Può causare una malattia acuta o cronica, che in molti casi si trasforma in cirrosi epatica non alcolica.
  • Epatite C: è causata dal virus dell’epatite C (HCV). Si stima che fino all’1% della popolazione mondiale sia portatore cronico di questo virus.
  • Esistono altre varianti, da D a G.

È particolarmente importante analizzare le prevalenze dell’epatite B. Dei 2 miliardi di infezioni nel mondo (50 milioni di nuovi casi all’anno), circa 360 milioni sono portatori cronici della malattia. Una permanenza del virus superiore ai 6 mesi comporta un rischio maggiore di sviluppare cirrosi, cancro al fegato e altre patologie associate.

L’epatite B uccide più di 600.000 persone all’anno, a causa della malattia stessa o delle sue conseguenze.

3. Cancro al fegato

Il cancro si verifica quando una popolazione cellulare muta e il suo ciclo vitale viene interrotto, provocando una crescita incontrollata. Ciò causa la formazione dei temuti tumori neoplastici (maligni). La successiva migrazione ad altri tessuti del corpo delle cellule del tumore primario è chiamata metastasi.

Secondo l’American Cancer Society, ogni anno a più di 800.000 persone in tutto il mondo viene diagnosticato un cancro al fegato. È la forma di cancro più letale, con circa 700.000 decessi ogni anno.

Questa patologia è più diagnosticata nell’Africa subsahariana e nel sud-est asiatico che negli Stati Uniti e in Europa. Sebbene l’alcolismo (cirrosi) e lo stile di vita possano favorire la sua comparsa, il fattore di rischio più diffuso per questa neoplasia è l’epatite virale cronica presentata da più di 6 mesi.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni dopo la diagnosi di cancro al fegato localizzato è del 31%.

4. Steatosi epatica

Conosciuta anche come fegato grasso, la steatosi epatica può essere legata all’alcolismo cronico o ad altri motivi. Ci concentreremo sulla steatosi epatica non alcolica (NAFLD), poiché abbiamo già parlato abbastanza del danno dell’alcol su questo organo.

La NAFLD è stata osservata in persone in sovrappeso e obese. L’incidenza di questa malattia sta aumentando sempre di più perché, come indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dal 1975 questa condizione è triplicata nel mondo. Circa 625 milioni di persone sulla Terra sono obese, il che predispone allo sviluppo del fegato grasso.

Il fegato, in condizioni normali, dovrebbe contenere poca o nessuna proporzione di tessuto adiposo. La sua presenza eccessiva è stata associata a un aumentato rischio di malattie come diabete, infarto e accidenti cerebrovascolari (ACV), tra le altre cose. Fortunatamente, è una condizione reversibile con cambiamenti nella dieta e uno stile di vita sano.

Se il grasso permane nel fegato troppo a lungo, gli epatociti possono infiammarsi e danneggiarsi irreversibilmente. Questa patologia non può essere trascurata.

5. Colangite biliare primitiva (PBC)

Siamo di fronte a un’altra tra le malattie epatiche in cui le cellule funzionali del fegato vengono distrutte e sostituite da tessuto cicatriziale, ma in questo caso la causa non è l’alcol. In questa patologia, si verifica un danno epatico a causa della graduale distruzione dei dotti biliari intraepatici, sebbene la ragione sottostante non sia nota.

Secondo la FEAD (Fondazione spagnola per l’apparato digerente), questa malattia è molto più comune tra i 40 ei 60 anni e il 90% dei pazienti sono donne. Nonostante questa patologia causi sintomi tipici man mano che progredisce, il 60% dei casi viene diagnosticato nella fase asintomatica.

6. Insufficienza epatica acuta

Mayo Clinic, definisce l’insufficienza epatica acuta come la perdita improvvisa della funzionalità epatica, di solito in pazienti senza una storia di malattia epatica preesistente. Conosciuto anche come “insufficienza epatica fulminante”, può causare gravi complicazioni in pochi giorni.

Alcuni dei fattori scatenanti di questa grave condizione sono:

  • Sovradosaggio da paracetamolo: è abbastanza sorprendente, ma la causa più comune di insufficienza epatica acuta nei paesi ad alto reddito è l’uso eccessivo di questo farmaco.
  • Farmaci da prescrizione: una piccola percentuale della popolazione può presentare questa patologia quando vengono prescritti antibiotici e altri farmaci per risolvere un’altra malattia.
  • Epatite e altri virus.
  • Tossine: il consumo di cibi tossici, come funghi velenosi scambiati per funghi commestibili, può portare alla rapida distruzione del tessuto epatico e alla disfunzione cronica.
  • Malattie autoimmuni: in alcune patologie le cellule immunitarie riconoscono il tessuto epatico come una possibile minaccia e lo distruggono.
  • Altre cause: cancro, malattie metaboliche, shock settico, ecc.

Esiste un’altra variante, l’insufficienza epatica cronica, che è molto più comune e appare gradualmente. Molte delle patologie già citate sono legate a quest’ultima.

Alcune malattie del fegato sono legate al consumo di farmaci.
Il sovradosaggio di paracetamolo è un evento comune, essendo un farmaco da banco poco costoso. Il fegato è uno degli organi più colpiti.

Sintomi generali delle malattie del fegato

La lettura di queste righe potrebbe avervi preoccupato, quindi dedichiamo quest’ultima sezione ai segni clinici generali che solitamente indicano la presenza di una malattia epatica. In ogni caso, se il vostro stile di vita è sano, non dovreste preoccuparvi troppo.

Ecco un elenco dei sintomi più comuni di insufficienza epatica:

  1. Ittero: è caratterizzato da una colorazione giallastra della pelle e degli occhi. È causato da un accumulo di bilirubina nei tessuti, una sostanza di scarto prodotta dalla scomposizione dell’emoglobina, (emoproteina presente nei globuli rossi). Quando il fegato non riesce a filtrarlo, si accumula.
  2. Gonfiore e dolore addominale: questo di solito è dovuto a un ingrossamento del fegato, una condizione nota come epatomegalia. Non è una malattia di per sé, ma un segno clinico che qualcosa non funziona a livello del fegato.
  3. Gonfiore alle gambe e alle caviglie: uno squilibrio omeostatico del corpo dovuto a una scarsa filtrazione del sangue può causare l’accumulo di liquido extracellulare nelle gambe e nelle caviglie. Ciò è noto come edema.
  4. Stanchezza cronica e perdita di appetito, sintomi che possono essere accompagnati da nausea e vomito.
  5. Presenza di edemi ed emorragia dal naso.

Come si può vedere, molti dei sintomi sono sistemici, cioè generalizzati nel corpo. Occorre tenere presente che il fegato filtra una media di 100 litri di sangue all’ora (1,5 litri di sangue al minuto), quindi il corpo di solito risente della mancanza di funzionalità epatica, quando accade.

Il fegato è il più grande organo interno. La vita non può essere concepita senza di esso e, quindi, molte delle patologie legate a questo organo sono fatali.

Le più comuni malattie del fegato: prevenzione e benessere

Cos’altro possiamo dire? La maggior parte delle malattie sopra descritte sono associate a uno di questi parametri: sesso non sicuro (nel caso dell’epatite B), obesità e alcolismo. Il fegato è un organo resistente, ma se lo sottoponiamo a continui danni finisce per logorarsi irreversibilmente.

Lo stato di questo organo è una chiara indicazione dello stile di vita. Con una dieta sana, limitando l’assunzione di farmaci non necessari e riducendo al minimo il consumo di alcol, i rischi di sviluppare queste malattie sono drasticamente ridotti.