Cymbalta: cos'è e a cosa serve?

Cymbalta ® è usato per trattare il disturbo d'ansia generalizzato, la depressione, il dolore neuropatico diabetico e altre condizioni che coinvolgono il sistema nervoso. Scoprilo qui.
Cymbalta: cos'è e a cosa serve?
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio, 2023

Cymbalta ® è un farmaco che contiene il principio attivo duloxetina, un antidepressivo inibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI). Come indica il suo stesso uso, è usato per il trattamento della depressione, sebbene possa anche alleviare il dolore associato alla neuropatia diabetica e alla fibromialgia.

I farmaci contenenti duloxetina sono generalmente ben tollerati e in molti casi sono considerati la prima via di scelta. È stato approvato nel 2004 negli Stati Uniti e nell’Unione Europea. Nel 2018 è stato il 36° gruppo di farmaci in termini di prescrizioni negli Stati Uniti, con 21 milioni di prescrizioni.

Cymbalta ® è uno dei marchi di quei composti con duloxetina, ma è anche venduto con il nome Dulvanex ® e come farmaco generico.

A cosa serve Cymbalta ®?

La serotonina è una sostanza chimica importante nell’uomo, in quanto è responsabile della regolazione del ciclo del sonno, della mitosi dei gruppi cellulari e del nostro orologio biologico. Controlla anche l’attività sessuale, le funzioni neuroendocrine, la termonocicezione e l’appetito. Gli studi postulano che bassi livelli di serotonina predispongano alla depressione, ma questo non è del tutto chiaro.

D’altra parte, la noradrenalina – nota anche come noradrenalina – è un ormone e neurotrasmettitore che influenza la lotta al volo, insieme all’adrenalina. Aumenta la frequenza cardiaca, favorisce il rilascio di glucosio dalle riserve energetiche e aumenta il flusso sanguigno al muscolo scheletrico.

Cymbalta ® e il resto dei farmaci con duloxetina sono responsabili dell’inibizione della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina a livello cellulare. Ciò significa che aumentano la quantità di serotonina e noradrenalina disponibile per le cellule postsinaptiche nel cervello. Fonti professionali postulano che potrebbero anche aumentare la trasmissione della dopamina.

Usi approvati

Ecco alcuni dei vantaggi del meccanismo farmacologico di Cymbalta ®:

  • Gestione del disturbo depressivo maggiore: sebbene la duloxetina abbia dimostrato di essere più efficace dei farmaci placebo nel trattamento della depressione, lo stesso non è vero rispetto ad altri farmaci. Non è stato dimostrato che sia più efficace degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), per esempio.
  • Disturbo d’ansia generalizzato (GAD): le persone con questo disturbo hanno vari sintomi di ansia per 6 mesi o più. Cymbalta ® è uno dei primi farmaci usati per trattare il GAD.
  • Neuropatia diabetica: uno studio sulla rivista PAIN ha mostrato che la duloxetina potrebbe essere utile nel trattamento del dolore neuropatico derivato dal diabete.
  • Fibromialgia e dolore cronico: la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato l’uso di Cymbalta ® per alleviare la fibromialgia nel 2008. 2 anni dopo ha iniziato ad essere utilizzato anche per il dolore muscoloscheletrico cronico.
  • Incontinenza urinaria da sforzo: nel Regno Unito questo farmaco è stato approvato per il trattamento dell’incontinenza urinaria da sforzo, ma negli Stati Uniti non è stato ancora assunto per mancanza di prove.

Con tutte queste linee, vogliamo sottolineare che Cymbalta ® è usato principalmente per trattare la depressione e l’ansia, congiuntamente o separatamente. Può essere utile e prescritto su altri fronti, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Depressione trattata con Cymbalta.
Duloxetina è un antidepressivo. Questo è il suo uso primario, sebbene siano stati studiati e approvati altri fronti di azione e prescrizione.

Come viene somministrato?

Questo farmaco si presenta come una capsula orale a rilascio ritardato. Si può trovare anche nelle varianti da 30 milligrammi o 60 milligrammi.

La concentrazione del principio attivo determina in tutti i casi il dosaggio del farmaco, si tenga quindi presente che le seguenti indicazioni sono puramente informative. Il portale medico Statpearls raccomanda l’uso di Cymbalta ® per ogni caso:

  • Gestione della fibromialgia: si inizia con 30 milligrammi al giorno, ma la dose può essere aumentata dopo la prima settimana di trattamento fino a 60 milligrammi. Negli approcci conservativi, puoi iniziare con 20 milligrammi al giorno.
  • Disturbo d’ansia generalizzato (GAD): il trattamento può essere iniziato direttamente con 60 milligrammi al giorno, anche se lo psichiatra può optare per una dose più bassa.
  • Disturbo depressivo maggiore: da 40 a 60 milligrammi al giorno, suddivisi in una o due dosi. In casi particolari si può iniziare con 30 milligrammi/giorno e arrivare fino a 60.
  • Dolore associato a neuropatia periferica diabetica: la dose standard è di 60 milligrammi al giorno.
  • Dolore muscoloscheletrico cronico alla schiena: parte da 30 milligrammi/die e può arrivare fino a 60 dopo la prima settimana.
  • Disagio muscoloscheletrico cronico delle articolazioni: stesse dosi del caso precedente.

La dose deve essere assunta ogni giorno alla stessa ora, con o senza cibo. Tuttavia, tieni presente che il suo effetto non è immediato. Come indicato dalla National Library of Medicine, potrebbero essere necessarie fino a 4 settimane prima che arrivino i miglioramenti.

D’altra parte, il paziente deve continuare con le dosi anche se si sente bene, poiché l’interruzione improvvisa degli antidepressivi può essere dannosa.

Questa compressa non deve essere masticata o succhiata. Deve essere ingerito con un bicchiere d’acqua. Meglio se è al mattino.

Chi non dovrebbe assumere Cymbalta ®?

Secondo il foglietto illustrativo, Cymbalta ® non può essere assunto da chiunque sia allergico o abbia mostrato reazioni avverse alla duloxetina o ad uno qualsiasi degli ingredienti del farmaco. Si noti che ogni compressa contiene anche ipromellosa, ipromellosa acetato succinato, saccarosio, sfere di zucchero, talco, biossido di titanio e altri composti.

La sua somministrazione non è inoltre concepita in soggetti con grave insufficienza epatica, grave insufficienza renale e in coloro che assumono – o hanno assunto negli ultimi 14 giorni – farmaci inibitori delle monoaminossidasi (IMAO). Infine, non è prescritto se il paziente sta già assumendo un altro farmaco con duloxetina.

Cymbalta ® in gravidanza

Questo farmaco è nella categoria C quando si tratta di gravidanza e gravidanza. Ciò significa che il rischio di malformazioni fetali non può essere escluso o confermato. Negli animali sono stati mostrati effetti fetali dannosi, quindi la sua prescrizione è concepita nelle donne in gravidanza solo se strettamente necessaria.

allattamento

Cymbalta ® viene escreto nel latte umano durante l’allattamento. In ogni caso, la percentuale ricevuta dal bambino è del 2,3% della dose materna e si considerano ammessi valori fino al 10%.

È necessario monitorare il bambino in tutti i casi, ma non sono previsti effetti negativi se la madre sta assumendo Cymbalta ® e sta allattando contemporaneamente.

Invecchiamento della popolazione

Secondo fonti scientifiche, l’uso di antidepressivi è stato associato all’iponatriemia – basso contenuto di sodio nel sangue – nell’invecchiamento della popolazione. Per questo motivo in questa fascia di età deve essere effettuato un monitoraggio particolarmente esaustivo.

È anche controindicato nelle persone con glaucoma ad angolo chiuso, poiché può causare dilatazione pupillare.

Quali sono i possibili effetti collaterali?

Come tutti i farmaci esistenti, questo farmaco può causare effetti collaterali minori o maggiori. Vediamo i più importanti:

  • Effetti indesiderati molto comuni (più di 1 paziente su 10): mal di testa, sonnolenza, nausea e secchezza delle fauci.
  • Effetti indesiderati comuni (fino a 1 paziente su 10): perdita di appetito, difficoltà a dormire, vertigini, riduzione del desiderio sessuale, visione offuscata, tinnito, palpitazioni, stitichezza, diarrea, aumento della sudorazione, dolore muscolare, perdita di peso.
  • Non comuni (fino a 1 paziente su 100): gonfiore della gola, raucedine, pensieri suicidi, spasmi muscolari, battito cardiaco accelerato, infiammazione del fegato, sudorazione notturna, difficoltà a urinare, dolore scrotale.
  • Raro (fino a 1 paziente su 1000): gravi reazioni allergiche, diminuzione dell’attività della ghiandola tiroidea, disidratazione, glaucoma, insufficienza epatica, infiammazione della bocca, odore insolito di urina.

È particolarmente importante sottolineare che alcuni pazienti possono avere pensieri suicidi all’inizio del trattamento. Questo vale per coloro che li hanno avuti prima e per i giovani adulti. Se aumenti il tuo desiderio di farti del male quando inizi a usare Cymbalta ®, non esitare a chiedere aiuto.

Cosa succede se dimentico una dose?

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, è meglio prendere la pillola ogni mattina. Se necessario, con l’aiuto di un allarme o di un promemoria.

Nel caso in cui dimenticate un orario specifico, potete prenderlo per tutta la giornata senza problemi. Ad ogni modo, se vi ricordate il giorno successivo, saltate lo scatto precedente e continuate con il trattamento normale. Non prendete mai 2 pillole per compensare.

Come devo comportarmi in caso di sovradosaggio?

Ogni compressa contiene da 30 a 60 milligrammi di principio attivo, ma l’avvelenamento è stato rilevato dopo l’ingestione di 1000 milligrammi o più. I segni di avvelenamento da Cymbalta ® sono i seguenti: sindrome serotoninergica – aumento dell’attività del sistema nervoso centrale – convulsioni, coma, sonnolenza, sincope, tachicardia, diarrea e vomito.

Non esiste un trattamento specifico per l’avvelenamento da questo farmaco. Tuttavia, la ciproeptadina e le misure di raffreddamento possono essere una considerazione se il paziente ha la sindrome serotoninergica. Nei casi più gravi, è necessaria un’assistenza ospedaliera costante in un’unità di terapia intensiva.

A livello realistico si può dire che è impossibile overdose di Cymbalta ® se non volontariamente. Se state assumendo questo farmaco e le vostre tendenze suicide aumentano, chiedete aiuto.

Non esiste un antidoto per Cymbalta.
Non esiste un antidoto per l’avvelenamento da Cymbalta ®. In tal caso si applicano misure di sostegno.

Come conservare o smaltire questo medicinale?

Conservate questo medicinale nella sua confezione originale, in un luogo alto e fuori dalla portata dei bambini. Conservatela in un cassetto a temperatura ambiente, al riparo dalla luce diretta del sole e da una fonte di eccessiva umidità.

Se volete liberarvi di questo medicinale, non gettarlo nel water o nella spazzatura. Recatevi a uno specifico punto di smaltimento dei medicinali e, se non ne conoscete, contattate un numero di servizio clienti che gestisce questo problema nel vostro paese. Ad esempio, in Spagna ci sono punti SIGRE in quasi tutte le farmacie del paese.

Cymbalta ® non è una medicina magica

Cymbalta ® è uno dei tanti farmaci antidepressivi e ansiolitici disponibili al pubblico. Nonostante la sua utilità, ogni paziente dovrebbe tenere a mente che il suo effetto non è né immediato né miracoloso. Dovete aspettare un mese o più prima di notare gli effetti del farmaco.

Sottolineiamo inoltre che gli antidepressivi sono la barriera di contenimento, ma non l’unico approccio da seguire in questi casi. L’ideale è combinare questi farmaci con una psicoterapia continuata nel tempo.

Potrebbe interessarti ...
Ansia notturna: cause, conseguenze e come superarla
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Ansia notturna: cause, conseguenze e come superarla

L'ansia notturna può abbassare molto la qualità della vita, perché rende difficile ottenere un sonno rigenerante. Come si può trattare?



  • Cowen, P. J. (2008). Serotonin and depression: pathophysiological mechanism or marketing myth?. Trends in Pharmacological Sciences29(9), 433-436.
  • Kihara, T., & Ikeda, M. (1995). Effects of duloxetine, a new serotonin and norepinephrine uptake inhibitor, on extracellular monoamine levels in rat frontal cortex. Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, 272(1), 177-183.
  • Goldstein, D. J., Lu, Y., Detke, M. J., Lee, T. C., & Iyengar, S. (2005). Duloxetine vs. placebo in patients with painful diabetic neuropathy. Pain, 116(1-2), 109-118.
  • Dhaliwal, J. S., Spurling, B. C., & Molla, M. (2019). Duloxetine.
  • Duloxetina, Medlineplus.gov. Recogido a 3 de julio en https://medlineplus.gov/spanish/druginfo/meds/a604030-es.html
  • Cymbalta 30 mg, CIMA. Recogido a 3 de julio en https://cima.aemps.es/cima/dochtml/p/04296002/P_042
  • 2019 American Geriatrics Society Beers Criteria® Update Expert Panel, Fick, D. M., Semla, T. P., Steinman, M., Beizer, J., Brandt, N., … & Sandhu, S. (2019). American Geriatrics Society 2019 updated AGS Beers Criteria® for potentially inappropriate medication use in older adults. Journal of the American Geriatrics Society, 67(4), 674-694.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.