Cause delle aritmie cardiache e fattori di rischio

Maite Córdova Vena · 9 Giugno, 2021
Malattie croniche come il diabete, l'ipertensione e l'apnea ostruttiva del sonno possono essere alcune delle cause delle aritmie. In caso di sintomi degni di nota (che si verificano in modo regolare o improvviso), è senza dubbio necessario consultare il medico il prima possibile.

Le cause delle aritmie cardiache sono tanto varie quanto la loro gravità e le conseguenze cliniche. Per questo motivo, esistono più modi per classificarle.

Nonostante la diversità delle cause, secondo gli esperti, le aritmie, a livello cellulare, condividono proprietà elettrofisiologiche comuni. Esistono, alla base, tre meccanismi principali: automatismo, attività innescata e rientro.

In generale, ciò significa che quando il sistema di conduzione del cuore ha difficoltà a funzionare, i segnali elettrici seguono percorsi diversi dal normale, o sono addirittura ritardati o bloccati. Quando il cuore batte troppo velocemente, troppo lentamente o in modo irregolare, si parla di aritmie cardiache.

Cause delle aritmie cardiache più comuni

Poiché dietro le aritmie possono nascondersi diverse cause, non è sempre facile determinare la loro esatta origine. Di solito vengono presi in considerazione i seguenti aspetti:

Patologie precedenti

Le cause e i fattori di rischio delle aritmie cardiache includono l'ipertensione
L’ipertensione è spesso associata allo sviluppo delle aritmie cardiache.

Malattie croniche come il diabete, l’ipertensione e l’apnea ostruttiva del sonno possono essere alcune delle cause delle aritmie. Oltre a queste, si possono includere anche la malattia coronarica e altri disturbi cardiaci (congeniti) come l’insufficienza mitralica.

Un altro fattore che rende inclini a sviluppare un’aritmia è aver subito un intervento chirurgico al cuore.

Oltre all’ipertensione, va notato che il consumo di farmaci per l’ipertensione può ugualmente essere una causa.

Insufficienza cardiaca

Il Giornale italiano di cardiologia definisce l’insufficienza cardiaca “la condizione nella quale il cuore non è in grado di fornire una quantità di sangue adeguata ai fabbisogni energetici dell’organismo”.

Livelli anormali di sali minerali nel sangue

Gli squilibri elettrolitici possono essere causa di aritmia. Soprattutto gli squilibri di calcio, magnesio e potassio, tre elementi che giocano un ruolo fondamentale nel sistema cardiovascolare.

Origine idiopatica

Le aritmie che non hanno un’origine chiara – anche dopo averle esaminate in modo approfondito – rientrano nella categoria delle “aritmie idiopatiche”.

Secondo alcuni specialisti, questo tipo di aritmia potrebbe avere un’origine genetica. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche.

Fattori di rischio

Cause delle aritmie cardiache e fattori di rischio: l'obesità
Alcune condizioni metaboliche come l’obesità possono predisporre allo sviluppo di aritmie cardiache.

Le aritmie possono verificarsi sia in persone sane di qualsiasi età, sia in presenza di una malattia cardiaca sottostante. Tra i fattori di rischio possiamo includere:

  • Obesità.
  • Fumo.
  • Stile di vita sedentario.
  • Disidratazione.
  • Stress o ansia.
  • Malattie della tiroide.
  • Consumo eccessivo di alcol o caffeina.
  • Uso di droghe.
  • Alcuni farmaci e integratori (come farmaci da banco per il raffreddore e le allergie, antidepressivi, antibiotici, ecc.).
  • Eredità genetica.
  • Invecchiamento: con gli anni aumenta il rischio di sviluppare un’aritmia. Per questo motivo, molte persone anziane sono portatrici di pacemaker.

Quando andare dal medico?

Alcune aritmie si risolvono in modo spontaneo, altre eliminando la causa che le ha prodotte; in alcuni casi le aritmie producono una significativa compromissione della funzione cardiaca e possono essere fatali. Pertanto, in caso di sintomi degni di nota (che si verificano in modo regolare o improvviso), è senza dubbio necessario consultare il medico il prima possibile.

Non è consigliabile ignorare il problema o rimandare a lungo la visita poiché prima si riceve una diagnosi e un trattamento appropriato, maggiore è il benessere. D’altra parte, si consiglia di migliorare lo stile di vita.

In caso di vertigini, debolezza, fiato corto, dolore al petto, svenimento o sincope e altri sintomi che impediscono di condurre una vita normale o causano malessere, sarà essenziale contattare subito il medico.

  • “Arritmias: MedlinePlus Enciclopedia Médica.” n.d. https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/001101.htm.

  • “Introducción a Las Arritmias – Trastornos Del Corazón y Los Vasos Sanguíneos – Manual MSD Versión Para Público General.” n.d. https://www.msdmanuals.com/es/hogar/trastornos-del-corazón-y-los-vasos-sanguíneos/arritmias/introducción-a-las-arritmias.

  • Al-Khatib, Sana M., William G. Stevenson, Michael J. Ackerman, William J. Bryant, David J. Callans, Anne B. Curtis, Barbara J. Deal, et al. 2018. “2017 AHA/ACC/HRS Guideline for Management of Patients with Ventricular Arrhythmias and the Prevention of Sudden Cardiac Death: Executive Summary: A Report of the American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on Clinical Practice Guidelines and the Heart Rhythm Society.” Heart Rhythm 15 (10): e190–252. https://doi.org/10.1016/j.hrthm.2017.10.035.

  • Gaztañaga, Larraitz, Francis E. Marchlinski, and Brian P. Betensky. 2012. “Mecanismos de Las Arritmias Cardiacas.” Revista Espanola de Cardiologia 65 (2): 174–85. https://doi.org/10.1016/j.recesp.2011.09.018.
  • Lozano, José Antonio. 2001. “Arritmias Cardíacas y Su Tratamiento | Offarm.” Offarm 20 (11): 96–105. https://www.elsevier.es/es-revista-offarm-4-articulo-arritmias-cardiacas-su-tratamiento-13023366.