Diabesità: cos'è e come evitarla

Vi mostreremo in cosa consiste la diabesità e cosa si può fare per prevenirne la comparsa o per risolvere questo problema cronico sempre più frequente.
Diabesità: cos'è e come evitarla
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 24 dicembre, 2022

La diabesità è definita come ‘una situazione in cui coesistono due patologie croniche e complesse, il diabete e l’obesità’. È un problema condizionato in larga misura dalle abitudini di vita, anche se in certe situazioni può esserci anche qualche causa genetica che ne aumenta il rischio. Tuttavia, con un trattamento adeguato può essere corretto.

Prima di iniziare, è importante notare che l’incidenza dell’obesità e del diabete di tipo 2 separatamente è salita alle stelle negli ultimi anni. Ciò è dovuto all’aumento dello stile di vita sedentario e alla cattiva alimentazione.

La popolazione è esposta a un consumo eccessivo di cibi lavorati di bassa qualità, di tipo industriale, che finiscono per provocare stati di infiammazione protratti nel tempo.

Diabete, un problema infiammatorio

Una delle cause della diabesità è l’infiammazione incontrollata. Ciò è normalmente causato dall’assunzione regolare di composti tossici o sconsigliati per il corpo, come zuccheri semplici in grandi quantità, grassi trans e alcuni additivi.

Uno stile di vita sedentario è un altro importante fattore di rischio, dal momento che è sempre più frequente che le persone non pratichino alcuno sport. Da qui l’efficienza della fisiologia umana diminuisce.

Tuttavia, il diabete non si sviluppa durante la notte. Molti anni di cattive abitudini finiscono per determinare il loro aspetto. È anche più facile da trattare nelle sue fasi iniziali che una volta che il problema si è stabilizzato.

Dopotutto, quando si instaura l’obesità, la mobilità è compromessa, il che limita la capacità fisica. Questo sarà il cardine della soluzione, visto che dall’esercizio i valori infiammatori possono tornare a normalizzarsi.

Tuttavia, per esercitare davvero un’efficace prevenzione del diabete, l’educazione alimentare dovrebbe essere migliorata fin dalle prime fasi della vita. È comune che ai bambini vengano ripetutamente offerti molti alimenti di bassa qualità che contengono quantità eccessive di zuccheri semplici.

Questi hanno dimostrato di generare insulino-resistenza, essendo questo il preludio al diabete di tipo 2. Una volta che si verifica l’alterazione, l’aumento di peso si verifica più facilmente.

Di particolare interesse è l’assunzione di zuccheri semplici attraverso bevande, come bibite e succhi. In questo caso, i carboidrati passano molto rapidamente nel flusso sanguigno, influenzando la glicemia.

Se questi nutrienti non vengono utilizzati come substrato energetico, si accumuleranno presto sotto forma di grasso viscerale e sottocutaneo, generando stress a livello epatico e pancreatico.

Il microbiota come fattore chiave nella diabesità

Diabesità e microbiota intestinale
Le alterazioni del microbiota intestinale potrebbero essere fondamentali per spiegare la diabesità.

Le evidenze più recenti mostrano come la composizione del microbiota possa essere fondamentale sia nella gestione che nella prevenzione della diabesità.

Il cibo e le sostanze nutritive che vengono introdotte nel corpo attraverso la dieta possono determinare la densità e la diversità dei batteri che popolano il tubo. A loro volta, questi microrganismi faranno la differenza in termini di efficienza dei processi digestivi e in termini di infiammazione dell’ambiente interno.

Infatti, grazie ai batteri, all’interno del tubo si generano una serie di composti noti come acidi grassi a catena corta. Tra tutti spicca il butirrato.

La sua sintesi avviene grazie alla fermentazione delle fibre solubili, composti noti come prebiotici. Queste sostanze hanno un potenziale antinfiammatorio. Si sono rivelati determinanti nella prevenzione di molte patologie croniche e complesse.

Grazie a queste scoperte, particolare enfasi è stata posta sullo studio delle implicazioni del microbiota sugli stati di obesità e diabete.

Sono stati individuati alcuni ceppi batterici che potrebbero aiutare a ridurre la resistenza all’insulina, migliorando anche lo stato di composizione corporea. Tuttavia, ci sono ancora molti saggi al riguardo, trattandosi di un argomento complesso e relativamente nuovo.

A titolo di curiosità, si può notare che i trapianti di feci da alcune persone sane ad altre persone obese sono riusciti a generare un beneficio in termini di perdita di peso. Questo meccanismo è ancora molto più efficiente in alcuni animali, come i ratti.

Pertanto, il microbiota è focalizzato come uno dei fattori chiave nella gestione, prevenzione e trattamento di patologie complesse come la diabesità.

Come prevenire e risolvere la diabesità?

Il diabete non ha sempre una soluzione facile. Ora, è chiaro che dobbiamo concentrarci sulle abitudini di vita. Sarà necessario proporre buone routine e mantenerle stabili nel tempo per ottenere buoni risultati che possano essere consolidati.

Ad esempio, si può iniziare provocando un cambiamento a livello dietetico. In questo campo possono essere attuati molti diversi interventi.

Uno dei risultati più frequenti è la riduzione della presenza di carboidrati nella dieta. Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Medical Internet Research , una dieta a basso contenuto di carboidrati può aiutare a controllare il diabete di tipo 2 mantenendo stabili i livelli di glucosio nel sangue.

Grazie a questo effetto, inizierà a recuperare la sensibilità all’insulina, che consentirà di mobilizzare e ossidare più facilmente il grasso.

Un’altra opzione è praticare un protocollo di digiuno intermittente. Questo meccanismo ha anche diverse prove in termini di miglioramento della salute e dei suoi marcatori.

Da un lato, induce un deficit energetico, che favorisce la perdita di peso. Riesce invece a ridurre l’insulino-resistenza, migliorando il controllo glicemico e riuscendo a mitigare le complicanze associate al diabete.

Ora, è chiaro che il trattamento deve essere il più individualizzato possibile. L’obiettivo è generare adesione ed evitare abbandoni a medio termine. Altrimenti, c’è il rischio di sperimentare un effetto di rimbalzo negativo.

Per fare questo, bisogna avere l’approvazione del paziente, tenendo conto dei suoi orari, routine e gusti. Ci sono diverse possibilità per raggiungere il successo.

L’esercizio come strumento terapeutico

La diabete è un problema di salute pubblica
Incorporare una routine di esercizi nella vita quotidiana è essenziale per correggere le alterazioni metaboliche della diabesità.

Sarà decisivo includere la variabile esercizio nell’equazione per gestire con successo la diabesità. Nessun tipo di lavoro vale la pena, ma bisogna concentrarsi sul lavoro di forza.

Questo favorisce gli adattamenti del tessuto muscolare, stimolando così l’ipertrofia. Una maggiore quantità di tessuto muscolare aumenterà il dispendio energetico a riposo, facilitando l’instaurarsi di una situazione di deficit che consenta l’ossidazione dei grassi.

Naturalmente, la formazione deve essere adattata alle esigenze individuali della persona. In ogni momento deve essere seguito un principio di progressione in termini di intensità del carico utilizzato.

A poco a poco il muscolo si abituerà e diventerà più forte, fungendo anche da organo endocrino quando si tratta di modulare i meccanismi infiammatori dell’ambiente interno.

In ogni caso, per raggiungere questo obiettivo, deve essere garantito un apporto proteico sufficiente. Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of the International Society of Sports Nutrition, si raccomanda un’assunzione di oltre 1,4 grammi di proteine per chilogrammo di peso al giorno durante l’attività fisica regolare. In questo modo si riparano i danni generati nella seduta e si stimola la successiva ipertrofia.

Come programma complementare al lavoro di forza, si potrebbe prendere in considerazione un tipo di allenamento ad intervalli ad alta intensità. All’inizio è meglio farlo senza impatto, su una bicicletta, per poi aprire la gamma di possibilità.

Pertanto, è possibile non solo stimolare la perdita di peso, ma anche invertire la situazione del diabete. Bisogna tenere conto del fatto che quest’ultimo funge da fattore limitante per la perdita di peso in molte occasioni.

Integratori per il diabete

Quando viene effettuata la modifica delle abitudini, può essere integrata con una serie di integratori alimentari che migliorano e accelerano i risultati. Ma deve essere chiaro che da soli non porteranno grandi benefici. Non sono sostanze magiche. Devono sempre essere inseriti in un contesto appropriato. In questo modo, possono ottenere il massimo dal loro potenziale.

Una delle migliori alternative è l’estratto di cannella. Questa spezia agisce da ipoglicemizzante, aiutando ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue e stimolando l’ossidazione dei grassi per generare energia.

È un prodotto che riesce anche a fornire una notevole quantità di antiossidanti di qualità, motivo per cui è considerato positivo per la salute in generale.

Un’altra opzione da tenere a mente è la creatina, soprattutto quando si fa esercizio fisico. Potrai aumentare i valori di forza e potenza, migliorando il recupero e stimolando gli adattamenti dopo aver praticato sport.

Sebbene sia uno degli integratori più utilizzati negli atleti d’élite, può essere sfruttato nelle persone in sovrappeso o obese per migliorare lo stato di composizione corporea.

Per accelerare la perdita di peso, è possibile includere nelle routine un integratore di caffeina. Questo alcaloide modifica l’utilizzo dei substrati energetici, privilegiando l’ossidazione dei grassi.

Inoltre, ritarda l’insorgere della stanchezza. Ciò consente alle persone di allenarsi più a lungo e con maggiore intensità, il che si rifletterà positivamente sul successivo dispendio energetico.

Ma quando si tratta di includere un integratore nel regime, sarà sempre consigliabile visitare prima uno specialista della nutrizione. Il dosaggio dovrebbe essere ottimizzato per ottenere il massimo dal composto. In caso contrario, potrebbero non verificarsi effetti significativi. Allo stesso modo, sarà necessario garantire la purezza e la qualità del prodotto scelto.

Il diabete, un problema complesso sempre più frequente

Sempre più persone soffrono di diabete, anche durante la prima età adulta. Ciò è dovuto a cattive abitudini mantenute nel tempo, oltre a possibili condizioni genetiche che lo predispongono.

Naturalmente, il consumo di tossine potrebbe essere un fattore scatenante. Ad esempio, l’alcol fornisce una grande quantità di calorie vuote e influenza negativamente l’omeostasi del corpo.

Infine, particolare enfasi deve essere posta sulla necessità di promuovere la pratica dell’attività fisica. Sempre più persone seguono routine sedentarie, il che è totalmente dannoso per la salute.

Il lavoro di forza riesce a tenere sotto controllo i meccanismi di infiammazione e ossidazione. Infatti, è considerato uno degli strumenti più potenti esistenti per prevenire lo sviluppo di patologie a medio termine.

Potrebbe interessarti ...
I sintomi del diabete di tipo 2 negli uomini
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
I sintomi del diabete di tipo 2 negli uomini

I sintomi del diabete di tipo 2 negli uomini riguardano spesso il sistema riproduttivo, con conseguenze sulla vita sessuale e sull'autostima.



  • Yoshida, Y., & Simoes, E. J. (2018). Sugar-Sweetened Beverage, Obesity, and Type 2 Diabetes in Children and Adolescents: Policies, Taxation, and Programs. Current diabetes reports18(6), 31. https://doi.org/10.1007/s11892-018-1004-6.
  • Abenavoli, L., Scarpellini, E., Colica, C., Boccuto, L., Salehi, B., Sharifi-Rad, J., Aiello, V., Romano, B., De Lorenzo, A., Izzo, A. A., & Capasso, R. (2019). Gut Microbiota and Obesity: A Role for Probiotics. Nutrients11(11), 2690. https://doi.org/10.3390/nu11112690.
  • Silva, J., Navegantes-Lima, K. C., Oliveira, A., Rodrigues, D., Gaspar, S., Monteiro, V., Moura, D. P., & Monteiro, M. C. (2018). Protective Mechanisms of Butyrate on Inflammatory Bowel Disease. Current pharmaceutical design24(35), 4154–4166. https://doi.org/10.2174/1381612824666181001153605.
  • Saslow, L. R., Mason, A. E., Kim, S., Goldman, V., Ploutz-Snyder, R., Bayandorian, H., Daubenmier, J., Hecht, F. M., & Moskowitz, J. T. (2017). An Online Intervention Comparing a Very Low-Carbohydrate Ketogenic Diet and Lifestyle Recommendations Versus a Plate Method Diet in Overweight Individuals With Type 2 Diabetes: A Randomized Controlled Trial. Journal of medical Internet research19(2), e36. https://doi.org/10.2196/jmir.5806.
  • Zubrzycki, A., Cierpka-Kmiec, K., Kmiec, Z., & Wronska, A. (2018). The role of low-calorie diets and intermittent fasting in the treatment of obesity and type-2 diabetes. Journal of physiology and pharmacology : an official journal of the Polish Physiological Society69(5), 10.26402/jpp.2018.5.02. https://doi.org/10.26402/jpp.2018.5.02.
  • Jäger, R., Kerksick, C. M., Campbell, B. I., Cribb, P. J., Wells, S. D., Skwiat, T. M., Purpura, M., Ziegenfuss, T. N., Ferrando, A. A., Arent, S. M., Smith-Ryan, A. E., Stout, J. R., Arciero, P. J., Ormsbee, M. J., Taylor, L. W., Wilborn, C. D., Kalman, D. S., Kreider, R. B., Willoughby, D. S., Hoffman, J. R., … Antonio, J. (2017). International Society of Sports Nutrition Position Stand: protein and exercise. Journal of the International Society of Sports Nutrition14, 20. https://doi.org/10.1186/s12970-017-0177-8.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.