Come si cura l'iperglicemia?

Soffrite di iperglicemia frequente? In tal caso, vi diremo quali sono i pilastri del trattamento per questa condizione, riducendo le variazioni della glicemia.
Come si cura l'iperglicemia?
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

L’iperglicemia è un problema di salute che si verifica con un aumento eccessivo della glicemia. I fattori che la causano possono essere diversi, così come la gravità della malattia stessa. A volte può influenzare la funzione degli organi generando problemi, ad esempio, nella capacità visiva.

È una condizione che di solito si sviluppa soprattutto nelle persone con diabete. Questi hanno una gestione glicemica inefficiente, il che rende difficile mantenere l’omeostasi. Tuttavia, è più comune nel diabete di tipo 2 rispetto al tipo 1, in cui la complicanza più comune è l’ipoglicemia.

Trattare l’iperglicemia con la dieta

L'iperglicemia tipica del diabete si migliora con il cibo
Un’alimentazione sana è un pilastro fondamentale nel trattamento del diabete. Infatti, le condizioni note come “prediabete” possono essere invertite con una buona dieta.

Quando si cura l’iperglicemia, è essenziale prestare particolare attenzione alle abitudini di vita. Ciò include dieta, esercizio fisico e riposo adeguato. Questi tre pilastri sono in grado di determinare la salute, evitando problemi che condizionano il benessere, nonché squilibri nell’omeostasi dell’ambiente interno.

Esiste anche una cura farmacologica per l’iperglicemia, però bisogna sempre scommettere sulla modifica della dieta. Ciò otterrà risultati migliori e ridurrà la necessità di introdurre farmaci nel corpo, poiché hanno sempre un certo numero di effetti collaterali.

Le chiavi per trattare l’iperglicemia sono le seguenti.

Gestione della dieta

Nella dieta della persona con diabete di tipo 2 o con tendenza all’iperglicemia, l’assunzione di zuccheri semplici deve essere ridotta. Questi nutrienti hanno un impatto significativo sui livelli di zucchero nel sangue, generando un maggiore stress epatico.

Infatti, il suo consumo regolare è associato a una maggiore incidenza di patologie metaboliche, secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Bioscience.

Quando si tratta di fornire carboidrati, è importante assicurarsi che siano complessi. Per fare questo, bisogna scegliere cibi come tuberi, legumi e cereali integrali, come il riso. Tuttavia, è importante evitare la farina e i suoi derivati, come pane e pasta. L’assorbimento degli zuccheri contenuti in questi alimenti è troppo rapido.

Tuttavia, vi sono prove che una significativa riduzione dei carboidrati nella dieta migliora la gestione del diabete e riduce l’incidenza dell’iperglicemia. Lo dimostra un’indagine pubblicata sulla rivista Nutrition & Diabetes , in cui viene proposta una dieta chetogenica per la cura di questo tipo di pazienti.

In ogni caso, non tutte le persone con diabete hanno una buona aderenza a una dieta priva o povera di carboidrati. Questa strategia può aiutare a controllare il problema ed evitare la necessità di farmaci, ma prima è necessario verificare la tolleranza individuale. Se non può essere assunta, sarà necessario ricorrere ad altri meccanismi.

Oltre alla dieta chetogenica, sono stati trovati protocolli dietetici che possono anche aiutare a curare l’iperglicemia, prevenendone lo sviluppo.

Un esempio potrebbe essere il digiuno intermittente, come affermato in una recensione pubblicata sulla rivista Nutrients. In questo modo si ottiene una maggiore sensibilità all’insulina, che evita grandi deviazioni della glicemia dai valori ottimali.

Tuttavia, va notato che qualsiasi approccio che implichi la perdita di peso è solitamente efficace nella prevenzione o nel controllo del diabete. Questa patologia è strettamente associata ad alterazioni negative in termini di composizione corporea.

Esercizio

L’attività fisica è fondamentale per trattare l’iperglicemia e migliorare il controllo del diabete. Soprattutto il lavoro della forza muscolare, poiché aumenta la sensibilità delle cellule all’insulina, che regola i livelli di zucchero nel sangue.

Inoltre, questo tipo di lavoro ottimizza la composizione corporea, aumentando la percentuale di massa magra e riducendo quella di massa grassa.

Anche le sessioni di allenamento a intervalli hanno mostrato chiari benefici quando si tratta di curare il sovrappeso e la patologia metabolica. D’altra parte, questi approcci riescono ad aumentare l’efficienza del sistema cardiovascolare, rendendo il cuore più competente quando si tratta di soddisfare le esigenze irrigue.

Come regola generale, si consiglia di allenare la forza 3-4 volte a settimana. In ogni caso è importante seguire il principio della progressione nella movimentazione dei carichi, passando sempre da meno a più. È essenziale evitare il ristagno aumentando l’intensità dell’allenamento, nonché adattando la sessione alle possibilità del paziente.

L’esercizio fisico non solo ha benefici nei giovani, ma aiuta anche a migliorare la salute degli anziani.

Anche in questi casi si può ottenere una riduzione dell’incidenza dell’iperglicemia e dello sviluppo di altre patologie croniche e complesse. Lo dimostra uno studio pubblicato su Physical Medicine and Rehabilitation Clinics of North America.

Riposo

Un buon riposo è un altro degli elementi chiave quando si tratta di migliorare il controllo glicemico. Durante la notte avvengono molti processi di regolazione ormonale. Infatti, dormire poco può condizionare un maggiore appetito il giorno successivo, rendendo difficile il controllo del peso corporeo.

Inoltre, un riposo inadeguato può compromettere la capacità del corpo di recuperare, in modo che il tessuto muscolare possa soffrire e subire una maggiore distruzione delle proteine. Questo è considerato controproducente per raggiungere un buono stato di composizione corporea.

Integratori per trattare l’iperglicemia

È essenziale osservare la propria dieta per controllare la glicemia e curare l’iperglicemia. Aumentare il consumo di verdure e fibre, pur limitando i carboidrati semplici, avrà un impatto positivo sulla salute. Tuttavia, ci sono una serie di sostanze che possono aiutare a migliorare ancora di più i risultati.

Quella con più evidenza di tutte è la cannella, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics. Questa spezia è in grado di ridurre i livelli di zucchero nel sangue, il che aiuta ad evitare situazioni iperglicemiche.

Può essere assunta tramite integratori, ma di solito è sufficiente utilizzarlo frequentemente per insaporire i piatti.

Allo stesso modo, ci sono alcune prove che indicano che l’aceto di mele può anche agire come antidiabetico, aiutando a controllare la glicemia. Tuttavia, i risultati della ricerca non sono stati così forti come nel caso della cannella, in cui è stato riscontrato un netto miglioramento.

Sostanze da evitare per curare l’iperglicemia

Le persone che soffrono di diabete o che hanno avuto episodi di iperglicemia devono stare molto attenti al consumo di determinati alimenti. Gli zuccheri semplici sono particolarmente dannosi per queste persone, soprattutto se somministrati in forma liquida. Per questo motivo, bibite e succhi devono essere eliminati dalla dieta.

Nemmeno quelli zuccherati sono una buona opzione, poiché ci sono dubbi sulla salubrità di questi additivi e sul loro impatto sul microbiota intestinale. Potrebbero anche essere controproducenti nel migliorare la gestione della glicemia.

D’altra parte, è fondamentale evitare il consumo di tossine come tabacco e alcol. Entrambe le sostanze sono dannose per la salute indipendentemente dalla quantità in cui vengono consumate. Possono generare effetti immediati sui livelli di glucosio nel sangue, nonché uno stato di infiammazione a medio termine che aumenta il rischio di sviluppare il diabete.

Trattamento farmacologico dell’iperglicemia

L'iperglicemia può essere controllata con i farmaci
Nella maggior parte dei casi, le persone che soffrono di iperglicemia richiedono l’uso quotidiano di farmaci per controllare la loro situazione metabolica.

Oltre al controllo delle abitudini di vita, esistono una serie di farmaci che consentono il trattamento dell’iperglicemia, aiutando a controllare in modo efficace i livelli di zucchero nel sangue. L’insulina fornita per via esogena è uno dei meccanismi più comuni per correggere le deviazioni dei livelli di glucosio nel sangue, specialmente nei diabetici di tipo 1.

Viene somministrata attraverso iniezioni quotidiane dopo i pasti per prevenire il picco di zucchero nel sangue dovuto all’effetto dei carboidrati. Esistono diversi tipi di insulina a seconda della loro velocità d’azione, anche se non si tratta di un rimedio comune nei diabetici di tipo 2 che non hanno attacchi frequenti.

D’altra parte, c’è un altro tipo di farmaco per il consumo orale per controllare la glicemia. Un esempio è il pramlintide, che ritarda lo svuotamento gastrico per provocare un progressivo ingresso di glucosio nel sangue e una riduzione della secrezione di glucagone. Questo medicinale può essere utilizzato anche per promuovere la perdita di peso.

È importante anche evidenziare la metformina, farmaco che aiuta a ridurre i livelli di zucchero nel sangue, ma non è raccomandato durante la gravidanza in quanto è in grado di attraversare la placenta e raggiungere il feto.

Trattare l’iperglicemia con la chirurgia

Un’altra opzione per il trattamento dell’iperglicemia è la chirurgia bariatrica. Questa viene implementata nei casi di pazienti con obesità, per ridurre drasticamente la percentuale di grasso sottocutaneo nel corpo. Se accompagnata da un cambiamento delle abitudini di vita, può generare un profitto consistente nel medio termine.

Si può anche considerare un trapianto di cellule del pancreas, per tornare all’organo più competente. In ogni caso, è un tipo di intervento che di solito non viene considerato con regolarità, poiché richiede immunosoppressione e un certo livello di rischio.

L’opzione migliore è scommettere sulla farmacologia tradizionale e sulla modifica delle abitudini di vita, favorendo la perdita di peso.

L’iperglicemia può essere curata migliorando le abitudini di vita

È abbastanza fattibile proporre un trattamento efficace per l’iperglicemia. La chiave è modificare le abitudini di vita, cercando di sperimentare una perdita di peso che colpisce il corpo. Questo riduce i livelli di infiammazione sistemica e aumenta la sensibilità all’insulina.

Inoltre, sarà fondamentale praticare l’esercizio fisico su base regolare. Questo è uno degli strumenti sanitari più potenti disponibili, che riduce il rischio di ammalarsi per molteplici cause. Infine, ci sono spezie come la cannella che aiutano a migliorare ancora di più i risultati.

Potrebbe interessarti ...
Metformina
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Metformina

La metformina è un farmaco utilizzato nel trattamento del diabete mellito di tipo II, specialmente nei pazienti in sovrappeso.



  • Freeman CR, Zehra A, Ramirez V, Wiers CE, Volkow ND, Wang GJ. Impact of sugar on the body, brain, and behavior. Front Biosci (Landmark Ed). 2018 Jun 1;23:2255-2266. PMID: 29772560.
  • Goday A, Bellido D, Sajoux I, Crujeiras AB, Burguera B, García-Luna PP, Oleaga A, Moreno B, Casanueva FF. Short-term safety, tolerability and efficacy of a very low-calorie-ketogenic diet interventional weight loss program versus hypocaloric diet in patients with type 2 diabetes mellitus. Nutr Diabetes. 2016 Sep 19;6(9):e230. doi: 10.1038/nutd.2016.36. PMID: 27643725; PMCID: PMC5048014.
  • Grajower MM, Horne BD. Clinical Management of Intermittent Fasting in Patients with Diabetes Mellitus. Nutrients. 2019 Apr 18;11(4):873. doi: 10.3390/nu11040873. PMID: 31003482; PMCID: PMC6521152.
  • De Nardi AT, Tolves T, Lenzi TL, Signori LU, Silva AMVD. High-intensity interval training versus continuous training on physiological and metabolic variables in prediabetes and type 2 diabetes: A meta-analysis. Diabetes Res Clin Pract. 2018 Mar;137:149-159. doi: 10.1016/j.diabres.2017.12.017. Epub 2018 Jan 9. PMID: 29329778.
  • Galloza J, Castillo B, Micheo W. Benefits of Exercise in the Older Population. Phys Med Rehabil Clin N Am. 2017 Nov;28(4):659-669. doi: 10.1016/j.pmr.2017.06.001. PMID: 29031333.
  • Costello RB, Dwyer JT, Saldanha L, Bailey RL, Merkel J, Wambogo E. Do Cinnamon Supplements Have a Role in Glycemic Control in Type 2 Diabetes? A Narrative Review. J Acad Nutr Diet. 2016 Nov;116(11):1794-1802. doi: 10.1016/j.jand.2016.07.015. Epub 2016 Sep 8. PMID: 27618575; PMCID: PMC5085873.
  • Gheflati A, Bashiri R, Ghadiri-Anari A, Reza JZ, Kord MT, Nadjarzadeh A. The effect of apple vinegar consumption on glycemic indices, blood pressure, oxidative stress, and homocysteine in patients with type 2 diabetes and dyslipidemia: A randomized controlled clinical trial. Clin Nutr ESPEN. 2019 Oct;33:132-138. doi: 10.1016/j.clnesp.2019.06.006. Epub 2019 Jul 9. PMID: 31451249.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.