Ansia in menopausa

Vertigini, stanchezza, mal di schiena e irritabilità possono essere sintomi di ansia in menopausa. La psicoterapia, e alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare a ritrovare calma e benessere.
Ansia in menopausa

Scritto da Maite Córdova Vena, 07 luglio, 2021

Ultimo aggiornamento: 07 luglio, 2021

Sia prima che durante la menopausa, il corpo va incontro a una serie di cambiamenti; anche se la donna non ne è del tutto consapevole, possono alterare l’umore e, quindi, il benessere psico-emotivo. Si tende a pensare che la depressione sia l’unica conseguenza – o la più nota – ma esiste anche il rischio di soffrire di ansia in menopausa.

Diversi autori hanno indicato una relazione tra ansia e menopausa (e la fase immediatamente precedente). Tuttavia, uno studio pubblicato su Elsevier nel 2012 conclude che non è stato possibile distinguere in modo certo se l’ansia sia causa o conseguenza dei sintomi vasomotori (vedi le vampate di calore); o se l’azione principale sia svolta dalle fluttuazioni ormonali.

Negli ultimi dieci anni, la maggior parte dei ricercatori ha notato che l’ansia sembra esacerbare i sintomi della menopausa. Non tutti sono però d’accordo sul fatto che l’ansia sia una causa e non una conseguenza dei sintomi.

Che cos’è l’ansia?

L'ansia da menopausa è un problema relativamente comune
L’ansia può manifestarsi in molte fasi della vita. Durante la menopausa può essere particolarmente difficile da gestire, soprattutto se non si è mai sperimentata prima.

L’ansia è un meccanismo adattivo che ci consente di essere vigili e di fare attenzione quando ci troviamo di fronte a situazioni di reale pericolo. Quando è moderata, può aiutarci a restare concentrati e ad affrontare le sfide. Tuttavia, quando l’ansia è fuori controllo, diventa un problema. Invece di aiutare a identificare le minacce reali e a gestirle, ci paralizza e ci impedisce di ragionare con lucidità; da alleata diventa la nostra peggiore nemica.

Le persone ansiose tendono ad anticipare le situazioni e a vedere in esse una minaccia; ciò aumenta il disagio, il senso di impotenza e di scarso controllo.

L’eccessiva ruminazione, i pensieri negativi e catastrofici -incentrati principalmente sul futuro-, insieme alle preoccupazioni quotidiane, sono fonte di disagio sia mentale che fisico.

L’insieme di queste sensazioni sono il substrato della cosiddetta ansia da menopausa. Ma quali sono le cause?

Cause dell’ansia in menopausa

Sulle origini dell’ansia in menopausa esistono diverse ipotesi. Alcuni specialisti la riconducono ai cambiamenti ormonali, altri la considerano conseguenza delle vampate di calore; altri autori ancora sostengono che l’ansia si manifesta come conseguenza di diversi fattori, compresi i cambiamenti ormonali.

Negli ultimi anni sembra trovare più consenso l’ipotesi di un’origine multifattoriale.

Parlando di incidenza dell’ansia nelle donne prima e durante la menopausa, è interessante quanto affermato in uno studio pubblicato sulla rivista Menopause nel 2014:

“Le donne con ansia elevata prima della menopausa possono essere ansiose croniche e non ad aumentato rischio di ansia elevata in fasi specifiche della transizione menopausale. Al contrario, le donne con bassa ansia premenopausale possono essere più suscettibili all’ansia elevata durante e dopo la transizione menopausale rispetto a prima.. “

Sintomi di ansia in menopausa

ansia in menopausa: donna con dolore al petto
I sintomi di un attacco di ansia possono imitare altre condizioni, come l’infarto.

L’ansia in menopausa può avere manifestazioni diverse, a seconda della donna. Tuttavia, in generale, si riconosce dai seguenti sintomi:

  • Vertigini.
  • Tremore.
  • Crampi.
  • Sudorazione.
  • Palpitazioni.
  • Mal di testa.
  • Stanchezza costante.
  • Sensazione di formicolio (che va e viene).
  • Mal di schiena (soprattutto lombare).
  • Disturbi del sonno (difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno, ecc.).
  • Dolore toracico (che non risponde necessariamente a malattie cardiache ma al livello di angoscia accumulato).

Trattamento

La buona notizia è che l’ansia in menopausa è curabile, principalmente attraverso la psicoterapia (in modo specifico con la terapia cognitivo comportamentale); aiuteranno, inoltre, una serie di cambiamenti nello stile di vita.

Questi, sebbene si basino soprattutto sulle abitudini legate alla dieta e all’esercizio fisico, includono anche le tecniche di rilassamento, come il mindfulness, la respirazione profonda, ecc.

Naturalmente, l’approccio complessivo deve tener conto dello stato di salute della donna e dei suoi bisogni reali. Questo perché l’ansia potrebbe essere scatenata da altri problemi di salute, come l’ipertensione, i disturbi della tiroide e altri.

Consigli finali

Se anche voi pensate di essere vittime dell’ansia da menopausa, parlatene con il medico o il ginecologo. Attualmente è possibile ottenere un sostegno psicologico di persona oppure online. Scegliete la modalità che funziona meglio per voi o che vi faccia sentire a vostro agio.

La psicoterapia ha dimostrato di essere uno strumento efficace nella gestione dei problemi di umore prima, durante e dopo la menopausa. Permette di migliorare in modo decisivo la qualità della vita, modificando convinzioni e comportamenti errati che impediscono di stare bene e di vivere pienamente la vita.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è la depressione perimenopausale?
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Che cos’è la depressione perimenopausale?

La depressione perimenopausale può colpire le donne prima della fine della loro fase fertile. Ti diciamo di più qui.