Differenze tra fame fisica e ansia

Avere fame è naturale e basilare negli esseri umani, ma mangiare per pura ansia non lo è. Qui vi diciamo come differenziare entrambi i quadri e cosa fare in caso di un rapporto malsano con il cibo.
Differenze tra fame fisica e ansia
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

Abbiamo tutti fame più volte al giorno. Non è da meno, perché gli esseri viventi richiedono un numero minimo di calorie per poter mantenere a galla i nostri processi interni. L’energia che il cibo ci dà ci permette di muoverci, pensare, respirare e persino di far lavorare il nostro cuore in ogni momento. In ogni caso, alcuni quadri emotivi possono farci sentire affamati quando i nostri bisogni sono davvero coperti a livello fisiologico. Non smettete di leggere, perché nelle righe seguenti vi racconteremo le differenze tra fame fisica e ansia.

Cos’è la fame?

Il portale Word Reference definisce la fame come “la sensazione che indica il bisogno di cibo”. Questo termine può anche riferirsi alla scarsità di ingredienti di base nelle società impoverite e alla povertà in generale, ma tratteremo il concetto solo da un punto di vista fisiologico.

La fame corrisponde a una sensazione puramente organica che motiva l’apporto calorico. Avviene attraverso una serie di processi biologici interni che vengono attivati quando vari centri corporei ci avvertono che l’energia è necessaria per mantenerci in vita. D’altra parte, l’appetito corrisponde al desiderio di mangiare il cibo da un punto di vista emotivo.

Controllo della fame

A breve termine, questa sensazione universale è controllata dai seguenti elementi:

  • Segnali neurali dal tratto gastrointestinale: il nervo vago è essenziale nell’apparato digerente, poiché produce il riflesso della tosse, del vomito o della deglutizione e coordina i movimenti sia esofagei che intestinali. I recettori vagali inibiscono la fame quando si verifica la distensione del riempimento gastrico.
  • Vie ormonali: l’ormone grelina, prodotto nello stomaco, raggiunge il picco nel sangue prima dei pasti. È noto come l’ innesco della fame per eccellenza, ma ci sono molti altri regolatori. Ad esempio, l’insulina e la colecistochinina vengono rilasciate quando i nutrienti vengono assorbiti e inibiscono la voglia di mangiare.
  • Fattori psicologici: sebbene la fame sia fisiologica in senso stretto, gusto e desiderio giocano in alcuni casi un ruolo essenziale per il suo sviluppo. Ad esempio, possiamo avere fame quando vediamo un piatto che ci piace molto anche se il corpo non richiede calorie extra in quel momento specifico.

La regolamentazione della fame a lungo termine è piuttosto complessa da spiegare. In ogni caso, ci basta sapere che la leptina, ormone sintetizzato nel tessuto adiposo (grasso), regola l’equilibrio energetico e inibisce l’appetito quando non c’è bisogno di mangiare. Ciò significa che gli adipociti (cellule che immagazzinano il grasso) non vengono sovraccaricati.

Le persone con obesità hanno una ridotta sensibilità alla leptina. Pertanto, non sono in grado di sentirsi sazi nonostante abbiano riserve di energia più che sufficienti nel loro corpo.

Che cos’è l’ansia?

Le differenze di fame e ansia includono l'origine
Sebbene l’ansia sia una risposta organica completamente naturale, può evolvere in un disturbo se si manifesta in modo intenso e prolungato.

Da parte sua, l’American Psychological Association (APA) definisce l’ansia come “un’emozione caratterizzata da sentimenti di tensione, pensieri preoccupati e cambiamenti fisici, come l’aumento della pressione sanguigna”. Questa risposta è naturale e adattiva, ma può diventare cronica e diventare un disturbo se si instaura per lunghi periodi di tempo.

Quando un fattore di stress si verifica nell’ambiente, gli esseri viventi entrano in uno stato noto come risposta di lotta o fuga (lotta o fuga in inglese). Questa reazione inizia nell’amigdala, che provoca una risposta nell’ipotalamo. A sua volta, attiva la ghiandola pituitaria e promuove la secrezione dell’ormone ACTH (adrenocorticotropo).

L’ormone adrenocorticotropo porta alla sintesi di cortisolo ed epinefrina da parte della corteccia surrenale. Questi ultimi ormoni, conosciuti come la principale componente fisiologica dello stress, ci fanno dirigere gran parte della nostra energia ai sensi e ai muscoli per far fronte alla minaccia percepita. In altre parole, ci prepariamo a combattere o fuggire.

Questa risposta complessa è naturale in periodi di stress fisiologico, ma le persone ansiose percepiscono il disagio anche se in quel momento non è presente alcuna minaccia. È comune per i pazienti con GAD (disturbo d’ansia generalizzato) preoccuparsi di eventi che non sono ancora accaduti o che sono molto meno gravi di quanto percepiti.

L’ansia ha una chiara componente psicologica, ma anche fisiologica. I pazienti con questi tipi di disturbi tendono a somatizzare i loro sintomi ea provare dolore e disagio, soprattutto nell’ambiente gastrointestinale.

Quali sono le differenze tra fame fisica e ansia?

Ora che abbiamo analizzato in dettaglio entrambi i termini, siamo pronti per esplorare le differenze tra fame fisica e ansia. Analizziamo ogni punto separatamente ed esaurientemente. Non perderlo.

1. I trigger ormonali sono diversi

La prima delle differenze tra fame fisica e ansia è già stata esposta lungo le linee introduttive, anche se non fa male nemmeno delinearla. Questi sono gli ormoni più importanti coinvolti in ciascuno dei processi che ci riguardano:

  1. Fame: grelina, colecistochinina (CCK), polipeptide pancreatico (PP), insulina, peptide YY (PYY), peptide simile al glucagone (GLP-1) e ossinomodulina (OXM), tra gli altri.
  2. Ansia: adrenalina, cortisolo, estrogeni, testosterone, ormoni tiroidei (T3 e T4) e ossitocina, tra gli altri.

Sebbene il sistema endocrino sia una rete complessa negli esseri viventi, ci sono ormoni che influenzano alcuni processi più di altri. Il cortisolo è l’ormone dello stress e dell’ansia per eccellenza, mentre la grelina è il regolatore più rilevante della fame.

2. I sintomi di ogni condizione sensibile sono molto diversi

Sebbene entrambi gli eventi fisiologici (e psicologici) abbiano una componente soggettiva molto chiara, in quasi tutti i casi è possibile descrivere una serie di sintomi comuni. Li analizziamo separatamente e poi affrontiamo le loro peculiarità.

Sintomi della fame

Il portale Kaiser Permanente ci fornisce una scala della fame con segni clinici tipici in ogni fase. Questi sono i seguenti:

  1. Persona estremamente affamata: debolezza, vertigini, mancanza di energia per svolgere le azioni quotidiane, magrezza, aspetto sparuto e ritardo della crescita (nel caso in cui si verifica nei bambini).
  2. Molto affamato: irritabilità, brontolio allo stomaco e bassi livelli di energia. Più lo stomaco e l’intestino sono vuoti, più aria “elaborano”, motivo per cui fanno più rumore. Per questo motivo, nella quasi totalità dei casi, la fame è associata al ruggito addominale.
  3. Abbastanza affamato: lo stomaco brontola leggermente, ma la persona può svolgere le sue attività quotidiane senza troppi problemi. La mancanza di energia non è molto evidente.

I segni più evidenti di fame acuta (per un breve periodo di tempo) sono i suoni intestinali e la debolezza generale. D’altra parte, la malnutrizione cronica si manifesta a livello sistemico e colpisce contemporaneamente più complessi di organi.

Sintomi dell’ansia

I sintomi dell’ansia possono essere sia fisiologici che cognitivi. Riassumiamo il quantificabile (fisico) nel seguente elenco:

  • Digestivo: dolore addominale, nausea, diarrea, indigestione, secchezza delle fauci e altri.
  • Muscolare: affaticamento, tremore e sovraccarico o tensione muscolare.
  • Cardiaco: dolore toracico, palpitazioni e tachicardia.
  • Neurologico: capogiri, vertigini, parestesie e cefalea.
  • Respiratorio: sensazione di mancanza di respiro e respiro accelerato (tachipnea).

Questi segni sono accompagnati da una serie di pensieri molto specifici dell’immagine dell’ansia. La persona colpita da questo stato emotivo di solito sente che qualcosa di brutto sta per accadere imminente, ha pensieri invadenti, non smette di evocare idee negative (ruminazione) e, in generale, percepisce un pericolo costante in modo ingiustificato.

Le differenze tra fame fisica e ansia in ambito sintomatico

Sebbene ci siano molte distinzioni tra i due processi, è innegabile che l’ansia possa portare una persona ad avere un rapporto malsano con il cibo. Senza andare oltre, si ritiene che l’ obesità psicogena sia quella causata dai suoi stessi sintomi nella sfera emotiva, come ansia, depressione e molti altri disturbi.

Ad esempio, alcuni studi hanno scoperto che una grande percentuale di persone obese in alcuni campioni ha un’ansia lieve, moderata o grave. Inoltre, tra il 50 e il 70% dei pazienti con obesità ha un disturbo mentale associato, incluso il GAD (disturbo d’ansia generalizzato).

Al di là di questi dati, è facile distinguere un’immagine di fame fisica da una canalizzazione dell’ansia con il cibo. Il seguente elenco ti aiuterà a stabilire i confini tra ciascun termine.

  1. L’ansia è sostenuta, ma aumenta improvvisamente. D’altra parte, la fame si sta lentamente affermando e raggiunge l’apice della sua espressione quando si tratta di colazione, pranzo o cena.
  2. La fame fisiologica “chiede” al corpo quasi tutto il materiale alimentare. D’altra parte, l’ansia viene solitamente incanalata con l’assunzione di cibi specifici.
  3. L’ansia provoca abbuffate incontrollabili, mentre la fame incoraggia a mangiare fino alla naturale sazietà.
  4. L’ansia da cibo è seguita dal senso di colpa, tuttavia, risolvere la fame mangiando bene non lo fa.
  5. La fame fisiologica è associata a determinati segni, come il brontolio dello stomaco o la debolezza. D’altra parte, l’ansia ha sintomi più generalizzati e lo stomaco non ruggisce per questo.

3. La fame d’ansia cerca alimenti calorici

Questa è una delle differenze tra fame fisica e ansia che si manifesta da sola dopo aver compreso tutto quanto sopra. Come abbiamo detto, le persone ansiose che hanno un rapporto malsano con il cibo tendono a cercare cibi ipercalorici per sentirsi bene. Ciò include cioccolatini, caramelle ultra lavorate, cibi fritti e generalmente cibo spazzatura.

D’altra parte, una persona affamata vorrà mangiare e avrà determinate preferenze, ma non una fissazione per qualcosa di particolarmente dolce o elaborato. La fame viene soddisfatta in molti modi, mentre l’ansia richiede di rilasciare quel disagio attraverso cibi altamente stimolanti (di solito malsani).

Se hai dubbi sulla sensazione di fame e di ansia allo stesso tempo, prova a mettere davanti a te un cibo sano (come una mela o un petto di pollo). Se hai fame lo mangerai, ma se ti senti ansioso probabilmente cercherai qualcosa di più appetitoso.

4. La fame di solito si manifesta alla stessa ora ogni giorno

Le differenze tra fame fisica e ansia includono gli orari
Se si segue una routine simile, la fame apparirà presto più o meno negli stessi momenti. Questo non accade nelle abbuffate di ansia.

Gli esseri umani sono routine e consuetudine. Pertanto, se mangiamo tutti i giorni alla stessa ora, di solito avremo fame per un’ora (un po’ più o un po’ meno) prima di mangiare. Il sistema digestivo impiega dalle 3 alle 4 ore per metabolizzare i nutrienti ingeriti, quindi non è normale sentirsi affamati in quell’intervallo dopo aver mangiato.

D’altra parte, la fame emotiva derivata dall’ansia esplode quasi in ogni momento, soprattutto dopo che è successo qualcosa di brutto o in una situazione di stress molto intenso. Questo fa sì che la persona ansiosa mangi tra i pasti e persino perda il conto di quante volte gli viene messo in bocca qualcosa tra un pasto e l’altro.

La fame è prevedibile, ma la voglia di mangiare dallo stress non lo è. Se hai voglia di mettere qualcosa in bocca per pura ansia, prova a respirare profondamente e usa tecniche di rilassamento.

5. La fame d’ansia a volte richiede un innesco

Nella sfera emotiva, il termine inglese trigger si riferisce a un evento o una situazione che scatena sentimenti negativi nella persona che lo vive. Questi fattori scatenanti vanno dalle parole agli atti fisici, passando per gli ambienti sociali e molti altri stimoli sensoriali.

La fame fisica si instaura a poco a poco, ma il bisogno di mangiare dovuto all’ansia di solito richiede un innesco preventivo, anche se la persona non se ne rende conto. Ad esempio, è possibile che la voglia di mettersi in bocca qualcosa arrivi dopo una discussione, a causa della pressione sociale o per alleviare una brutta notizia ricevuta di recente.

Differenze tra fame fisica e ansia: questione di sfumature

Come puoi vedere, stabilire la differenza tra fame fisica e ansia a livello alimentare è abbastanza difficile. Una persona può mangiare perché ha fame, ma anche per contrastare un quadro di stress e disagio. Non è un caso che una percentuale significativa di persone obese abbia disturbi psicologici, inclusi GAD e altri che comportano ansia.

Se hai la sensazione di mangiare compulsivamente in momenti estremi, ti consigliamo di affidarti a un professionista. Non c’è niente di sbagliato nell’essere sovrappeso o fisicamente fuori dagli schemi, ma non c’è niente di sbagliato nell’instaurare un rapporto malsano con il cibo a lungo termine. La cosa più importante non è il fisico, ma il benessere e il controllo delle proprie emozioni.

Potrebbe interessarti ...
Fame emotiva: cos’è e come si supera?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Fame emotiva: cos’è e come si supera?

La fame emotiva è comune, ma devono essere implementate varie strategie per mitigarne l'impatto sulla salute.




Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.