Dieta morbida: tutto quello che c'è da sapere

Ti insegneremo in cosa consiste la dieta soft e quali sono gli alimenti che dovresti evitare per ottenere un corretto recupero intestinale in caso di diarrea.
Dieta morbida: tutto quello che c'è da sapere
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

La dieta morbida viene avviata per trattare alcuni processi intestinali acuti che si manifestano con diarrea, gas o dolore. L’obiettivo è quello di riportare le feci alla sua consueta consistenza, evitando così possibili situazioni di disidratazione che potrebbero mettere a rischio la salute.

Va tenuto presente che l’origine della diarrea può essere infettiva o può rispondere all’esistenza di una malattia infiammatoria intestinale, tra le altre situazioni. In ogni caso, il regime dovrà essere adattato per massimizzare l’apporto nutrizionale senza aumentare i sintomi. A poco a poco lo stato sociale si riprenderà.

Per prima cosa bisogna reintegrare i liquidi

Prima di iniziare la dieta soft, sarà necessario assicurarsi che lo stato di idratazione sia ottimale. Una situazione di squilibrio idrico potrebbe mettere a rischio il corretto funzionamento della fisiologia dell’organismo. Quando molta acqua è stata persa a causa di diarrea o vomito, questo è un punto critico. Per questo motivo deve essere prestata particolare attenzione.

La prima cosa da sapere è che lo strumento migliore per garantire un buono stato di idratazione è l’acqua minerale naturale fresca. Nel caso in cui ciò non sia tollerato, sarà necessario consultare il medico, poiché potrebbe essere necessario somministrare un antiemetico per calmare il vomito. In ogni caso esiste anche la possibilità di fornire siero liquido per migliorare l’apporto di sali minerali ed evitare iponatriemia o ipokaliemia.

Una volta che l’idratazione è assicurata e il vomito si è placato, la prossima cosa da fare è iniziare la dieta morbida. Devi seguire una serie di passaggi abbastanza specifici per evitare di fare passi indietro in termini di recupero. Si consiglia sempre cautela in questo tipo di situazioni.

Composizione della dieta morbida

La dieta morbida è costituita da cibi facilmente digeribili. È importante fornire una fonte di carboidrati complessi ma senza quantità eccessive di fibre. Il riso bianco sarà la scelta migliore. Può anche essere positivo consumarlo freddo.

In questo caso si genera una maggiore quantità di amido resistente, che si è dimostrato benefico per il microbiota. Inoltre, questo elemento trattiene il liquido all’interno, favorendo la compattazione delle feci.

Allo stesso tempo, è consigliabile inserire nel piatto una certa quantità di proteine. Il pollo sarà l’opzione migliore all’inizio. Fornisce nutrienti di qualità ma è facile da digerire, grazie al suo basso contenuto di grassi. Va notato che i lipidi possono ritardare la velocità di svuotamento gastrico e richiedere uno sforzo maggiore a livello intestinale per l’assorbimento.

Finché dura la fase acuta della diarrea, è sempre consigliabile limitare l’assunzione di grassi. Per questo motivo il pollo deve essere cucinato con metodi molto puliti. Iniziare facendo bollire con acqua è il più appropriato. Successivamente si può provare a preparare alla griglia, quando si è già riusciti a tollerare un paio di assunzioni in anticipo.

Ciò che è decisivo è fare in modo che a poco a poco la quantità di proteine fornite sia aumentata. In caso contrario, si verificherebbe una situazione di catabolismo muscolare progressivo. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients, questi nutrienti sono essenziali per preservare la massa magra ed evitare perdite di forza che influiscono sulla salute.

Se il pollo si sente bene, a poco a poco puoi introdurre del pesce magro, anche cotto. È sempre consigliabile optare per la varietà bianca, poiché quelle blu concentrano una maggiore quantità di lipidi all’interno, il che rende difficile la digestione. In questo momento può essere positiva anche l’introduzione di uno yogurt naturale, un alimento che si è dimostrato molto benefico per l’intestino.

L’importanza dei latticini fermentati

La dieta morbida può includere lo yogurt
Poiché contiene microrganismi benefici per il microbiota intestinale, lo yogurt è un’ottima opzione da includere nella dieta morbida.

I latticini fermentati contengono una serie di microrganismi vivi benefici noti come probiotici. La loro somministrazione è in grado di migliorare la salute del microbiota, aiutando a calmare la diarrea.

Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista The Cochrane Database of Systematic Reviews. La sua integrazione viene solitamente valutata anche in caso di regime con antibiotici.

Sia lo yogurt che il kefir sono ottime opzioni da includere nella dieta morbida. Ovviamente meglio optare per le versioni naturali, senza zuccheri aggiunti. Questi ingredienti potrebbero favorire la crescita di batteri patogeni, nel caso in cui la diarrea sia causata da intossicazione o situazione di disbiosi. Inoltre, non sono utili per la salute metabolica.

Può essere presa in considerazione anche l’inclusione di un integratore di microrganismi, ma in questo caso è sempre consigliabile consultare uno specialista. Non tutti i probiotici hanno la stessa qualità o le stesse funzioni all’interno del corpo. Dovrai scegliere una varietà che mostri prove quando si tratta di combattere la diarrea.

Nell’ambito degli integratori è necessario sottolineare che in determinate situazioni si potrebbero riscontrare benefici attraverso il consumo di una pillola di sali minerali o di vitamina C. Quest’ultimo nutriente stimola la riparazione del tessuto, nel caso in cui venga danneggiato. Tuttavia, questi prodotti non devono essere consumati senza il preventivo parere di un nutrizionista.

Cibi proibiti nella dieta morbida

Nella dieta soft ci sono una serie di alimenti che devono essere evitati, poiché possono aumentare i sintomi e peggiorare le condizioni del paziente.

Come regola generale, si consiglia di limitare tutti quei prodotti ad alto contenuto di fibre insolubili, come i cereali integrali, il pane e anche le verdure stagionate come i broccoli. Questi prodotti potrebbero causare più diarrea, allo stesso modo dei semi.

Né si possono consumare condimenti o spezie culinarie, tanto meno quelle piccanti. All’interno contengono capsaicina, un composto irritante che aumenta la motilità del tratto digestivo, il che comporterebbe più diarrea. Naturalmente, le bevande alcoliche non possono essere ingerite, né le bibite zuccherate.

Cibi ammessi nella dieta morbida

Superati i test di pollo con riso e pesce bianco, lo spettro degli alimenti consumati nell’ambito della dieta soft può essere ampliato, almeno fino al ripristino della normalità. Ortaggi a radice e verdure cotti faciliteranno la digestione successiva. Concentrano anche i prebiotici, elementi che hanno dimostrato di aiutare ad aumentare la densità del microbiota.

Anche le carni magre possono essere reintrodotte gradualmente. È meglio iniziare con il pollame, anche se in seguito si può provare con carne di maiale o di agnello, anche se con poco grasso. Le uova sono alimenti ad alto contenuto proteico che possono far parte di questo protocollo dietetico. Hanno una certa dose di vitamina D, un nutriente che aiuta a modulare l’infiammazione.

Infine, va notato che è possibile includere i succhi di frutta nella dieta morbida, anche se con una certa moderazione. Sono bevande tollerate, ma non particolarmente adatte alla salute metabolica. Secondo una ricerca pubblicata sull’European Journal of Epidemiology, i liquidi con grandi quantità di zucchero al loro interno possono aumentare il rischio di sviluppare sovrappeso e diabete.

Raccomandazioni aggiuntive

Non è importante solo la preparazione della dieta morbida e la selezione degli alimenti che ne faranno parte. È anche essenziale prendersi cura di alcune abitudini per migliorare la sensazione digestiva e intestinale. Tra questi spicca la necessità di effettuare piccole assunzioni, distribuite nell’arco della giornata.

In questo modo si ottiene che l’apporto di nutrienti sia ottimale, ma che in nessun momento gli organi che fanno parte dell’apparato digerente debbano fare uno sforzo in più. D’altra parte, dovrai masticare molto bene il tuo cibo. Ciò riduce la pressione a livello dello stomaco, facilitando i processi successivi.

Il fumo dovrebbe essere evitato e non è raccomandato mangiare entro due ore prima di andare a letto. È importante sapere che durante il sonno i processi digestivi rallentano, il che può aumentare il rischio di svegliarsi nel cuore della notte con disturbi addominali.

Garantire un buono stato di idratazione continuerà ad essere determinante. Per fare questo, dovrai consumare almeno un litro e mezzo di acqua fresca durante il giorno. Se la diarrea persiste, la quantità di acqua deve essere aumentata per compensare le perdite attraverso le feci.

Quanto deve durare la dieta morbida?

La dieta morbida è solitamente di breve durata
La dieta morbida va mantenuta per tutta la durata della diarrea, che in condizioni normali non supera alcuni giorni.

Come regola generale, la dieta morbida dovrebbe essere mantenuta per 2 o 3 giorni, a seconda delle sensazioni individuali. Occorre reintrodurre progressivamente gli edibili tipici di una dieta normale, lasciando per ultimi i prodotti ei condimenti più grassi.

Pertanto, il recupero dovrebbe essere ottimale. In caso di esperienza di un passo indietro, si consiglia di consultare il medico per valutare se ci sono danni alla struttura del tubo digerente che potrebbero condizionare il processo digestivo. Tuttavia, la cosa più normale è che dopo due giorni le sensazioni siano di nuovo buone e che le feci abbiano ripreso consistenza.

La dieta morbida, un rimedio per i problemi intestinali acuti

La dieta morbida è un rimedio efficace per controllare i problemi intestinali acuti. Molte delle diarree sono causate da infezioni. Modificando la dieta e aspettando l’azione del sistema immunitario, si otterrà un recupero ottimale in un tempo relativamente breve. Tuttavia, in alcuni casi può essere necessario l’uso di farmaci.

Non esitate a consultare il vostro medico se presentate vomito che non si ferma e che vi impedisce di consumare liquidi. In questo caso, il bilancio idrico è compromesso, il che può generare un grave problema di salute.

Infine, dovreste sapere che finché durano i sintomi acuti, è consigliato un certo riposo. È fondamentale attendere che il sistema immunitario sviluppi la sua funzione, riuscendo così a ritrovare l’omeostasi nell’ambiente interno, che consentirà di raggiungere nuovamente una situazione di benessere.

Potrebbe interessarti ...
Dieta Noom: in cosa consiste?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Dieta Noom: in cosa consiste?

La dieta Noom può essere un'alternativa efficace per perdere peso e migliorare la salute basata sull'uso della tecnologia.



  • DeMartino, P., & Cockburn, D. W. (2020). Resistant starch: impact on the gut microbiome and health. Current opinion in biotechnology61, 66–71. https://doi.org/10.1016/j.copbio.2019.10.008
  • Berrazaga, I., Micard, V., Gueugneau, M., & Walrand, S. (2019). The Role of the Anabolic Properties of Plant- versus Animal-Based Protein Sources in Supporting Muscle Mass Maintenance: A Critical Review. Nutrients11(8), 1825. https://doi.org/10.3390/nu11081825
  • Guo, Q., Goldenberg, J. Z., Humphrey, C., El Dib, R., & Johnston, B. C. (2019). Probiotics for the prevention of pediatric antibiotic-associated diarrhea. The Cochrane database of systematic reviews4(4), CD004827. https://doi.org/10.1002/14651858.CD004827.pub5
  • Holscher H. D. (2017). Dietary fiber and prebiotics and the gastrointestinal microbiota. Gut microbes8(2), 172–184. https://doi.org/10.1080/19490976.2017.1290756
  • Qin, P., Li, Q., Zhao, Y., Chen, Q., Sun, X., Liu, Y., Li, H., Wang, T., Chen, X., Zhou, Q., Guo, C., Zhang, D., Tian, G., Liu, D., Qie, R., Han, M., Huang, S., Wu, X., Li, Y., Feng, Y., … Zhang, M. (2020). Sugar and artificially sweetened beverages and risk of obesity, type 2 diabetes mellitus, hypertension, and all-cause mortality: a dose-response meta-analysis of prospective cohort studies. European journal of epidemiology35(7), 655–671. https://doi.org/10.1007/s10654-020-00655-y
  • Pei, R., Martin, D. A., DiMarco, D. M., & Bolling, B. W. (2017). Evidence for the effects of yogurt on gut health and obesity. Critical reviews in food science and nutrition57(8), 1569–1583. https://doi.org/10.1080/10408398.2014.883356

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.