Come vengono diagnosticate le allergie?

Ci sono molti modi per diagnosticare le allergie. Vediamo qual è la procedura standard utilizzata per le principali tipologie.
Come vengono diagnosticate le allergie?

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

La diagnosi delle allergie può essere difficile per gli allergologi. Sebbene in alcuni casi sia possibile determinare l’esatto fattore scatenante, in altri potrebbero essere necessari diversi mesi e persino anni prima che il paziente venga indirizzato a uno specialista. Molti sono anche cauti nell’andare dal medico, anche quando i loro sintomi sono acuti.

È importante cercare assistenza medica per determinare cosa sta causando i sintomi che si stanno riscontrando. Quando viene rilevato il catalizzatore, l’allergologo può avviare un trattamento personalizzato e consigliare alcune abitudini per ridurre gli episodi. Oggi esaminiamo il protocollo di base che viene seguito per rilevare le reazioni allergiche.

Autotest nella diagnosi delle allergie

La diagnosi delle allergie inizia con l'autoesame
Il primo passo per trattare il tuo problema di allergia è semplicemente identificarlo. Prestare attenzione ai sintomi e ai loro possibili fattori scatenanti è della massima importanza.

Spesso il paziente sospetta di avere un’allergia quando associa la comparsa di determinati sintomi ad alcuni catalizzatori. Ad esempio, potresti notare che il corpo si gonfia dopo aver mangiato un gruppo di alimenti o che sviluppi naso chiuso, irritazione e lacrimazione dopo aver toccato un animale.

Guardare per i modelli è il primo passo nella diagnosi delle allergie. Puoi tenere un diario sotto forma di ciò che hai mangiato, toccato o fatto prima che apparissero le epidemie, qualcosa che sarà di grande aiuto per lo specialista nella tua prima visita medica. Se lo desideri, puoi anche utilizzare un test a casa.

Sono disponibili dozzine di test, ciascuno progettato per misurare la sensibilità a diversi allergeni. Gli studi supportano il suo utilizzo per lo screening iniziale, anche se questo dovrebbe essere sempre confermato in un contesto clinico. Tenete presente che i test a casa sono meno accurati e possono dare falsi negativi più spesso.

Test cutanei per la diagnosi delle allergie

Il vero processo di diagnosi delle allergie inizia con la visita da un allergologo. Come indicato dall’American College of Allergy, Asthma & Immunology, tutto inizia con la revisione della storia e dei sintomi del paziente. In questo senso, il medico procederà con quanto segue:

  • Valutare la storia clinica, personale e la storia delle allergie in famiglia.
  • Verificare la presenza di malattie sottostanti.
  • Analizzare i sintomi, se sono visibili, ed escludere alcune possibili spiegazioni.

Dopodiché inizierà con un test cutaneo. I test cutanei sono ancora considerati il gold standard per rilevare le reazioni allergiche. Ci sono molti tipi. Secondo l’Asthma and Allergy Foundation of America, i più utilizzati sono i seguenti.

Test di puntura

È il metodo più accurato, rapido ed economico per determinare le allergie nei pazienti. È fatto mettendo un piccolo campione dell’allergene sulla superficie della pelle. Quindi, viene punto con l’aiuto di un ago in modo che parte di esso entri superficialmente.

Si attende alcuni minuti e si verificano le possibili reazioni che si verificano nell’area perforata. Di solito sono previsti 15 minuti, anche se possono essere più lunghi a seconda dei criteri dello specialista.

Un risultato positivo si ottiene quando si forma un guardolo rialzato sul sito di puntura. Questo test da solo non è in grado di determinare la gravità o tutti i tipi di allergia.

Test cutaneo intradermico

Se ci sono dubbi sull’esame precedente o non sono stati ottenuti risultati conclusivi, lo specialista può eseguire un test cutaneo intradermico. Consiste nell’iniettare una piccola quantità dell’allergene sospetto sotto la pelle, in modo che viaggi un po’ più in profondità rispetto al caso precedente.

È molto utile per diagnosticare allergie a farmaci o sostanze simili. Può essere di scarsa utilità, al contrario, per le allergie alimentari. Questa procedura può produrre più falsi positivi, quindi deve essere interpretata nel contesto.

Patch test

Se non sono stati rilevati focolai in base a test precedenti, ma si sospettano allergeni, è possibile utilizzare cerotti speciali. Questi contengono un piccolo campione del grilletto e vengono posti sulla pelle per 24-48 ore per valutare il risultato attraverso un’esposizione prolungata. È utile per una varietà di condizioni, in particolare la dermatite da contatto.

Test di laboratorio per la diagnosi delle allergie

La diagnosi di allergie include esami del sangue
Sebbene i test di laboratorio per le allergie siano molto importanti, a volte tendono ad essere aspecifici, poiché identificare l’allergene con questi mezzi è difficile.

A complemento di quanto sopra, verranno effettuate prove di laboratorio. Le procedure di cui sopra possono rilevare la reazione, ma non forniscono informazioni complete allo specialista. A causa di ciò, si sceglie di fare quanto segue:

  • Esami del sangue: le prove supportano il suo utilizzo per determinare i valori di immunoglobuline E (IgE) per allergeni come cibo, lattice, farmaci, inalanti e veleni. Per questo si possono fare diversi studi, anche se il test ELISA e l’ImmunoCAP sono i più utilizzati.
  • Test di esposizione: in ambiente controllato lo specialista ti darà da inalare o ingerire un campione dell’allergene. Questo viene fatto a intervalli di tempo e con l’anticipazione di una possibile reazione anafilattica, come sottolinea Food Allergy Canada.

Quest’ultimo test dovrebbe essere fatto solo da un professionista. Evitare di esporsi a fattori scatenanti a causa del rischio di una grave reazione allergica (anafilassi). I test di esposizione sono particolarmente utili per rilevare allergie alimentari e ai farmaci.

Diagnosi differenziale delle allergie

I sintomi che si percepiscono hanno molte spiegazioni che non sono legate alle allergie. Questi variano per ogni condizione, quindi elencarli potrebbe risultare troppo dispersivo. Evidenziamo, quindi, alcuni dei principali:

  • Trigger infettivi (come un virus, per esempio)
  • Condizioni sistemiche rare (sarcoidosi, fibrosi cistica e così via)
  • Fattori strutturali meccanici compromessi (setto deviato, ipertrofia adenoide e altri)
  • Colite ulcerosa, sindrome dell’intestino irritabile, morbo di Crohn e altre condizioni gastrointestinali
  • Psoriasi

Altre possibili spiegazioni sono immagini di intossicazione, raffreddore o intolleranza. Tutto dipende dai sintomi che si manifestano. Per escludere altre spiegazioni, bisogna consultare uno specialista e avviare il processo diagnostico. Con i farmaci e alcuni cambiamenti nello stile di vita è possibile ridurre gli episodi e contrastare i segni.

Potrebbe interessarti ...
Allergia all’ambrosia: tutto quello che c’è da sapere
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Allergia all’ambrosia: tutto quello che c’è da sapere

L'allergia all'ambrosia è una reazione molto comune che colpisce milioni di persone in estate e autunno. Scoprite cosa si sa al riguardo.



  • Siles RI, Hsieh FH. Allergy blood testing: A practical guide for clinicians. Cleve Clin J Med. 2011 Sep;78(9):585-92. doi: 10.3949/ccjm.78a.11023. PMID: 21885690.
  • Winn AK, Salo PM, Klein C, Sever ML, Harris SF, Johndrow D, Crockett PW, Cohn RD, Zeldin DC. Efficacy of an in-home test kit in reducing dust mite allergen levels: results of a randomized controlled pilot study. J Asthma. 2016;53(2):133-8.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.