Allergia al lattice: tutto quello che c'è da sapere

Le reazioni allergiche da contatto con il lattice possono essere molto gravi. Scopriamo come si producono e cosa si può fare per evitarli.
Allergia al lattice: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 21 dicembre, 2022

Secondo la World Allergy Organization, si stima che ci siano più di 13 milioni di persone in tutto il mondo con un’allergia al lattice. Il numero potrebbe essere più alto, dal momento che il composto viene utilizzato sempre meno nei paesi del primo mondo, i casi segnalati sono notevolmente diminuiti.

Sebbene sia meno comune rispetto ad altri tipi di allergie (come l’allergia ai pollini), in realtà questa condizione è associata a un maggior numero di complicanze. Ad esempio, i pazienti possono sviluppare più facilmente anafilassi o asma. Oggi vi raccontiamo tutto ciò che si sa su queste reazioni, soprattutto su cosa potete fare per evitarle.

Che cos’è l’allergia al lattice?

Allergia al lattice nelle donne
L’allergia al lattice è una condizione relativamente comune e può causare sintomi locali o sistemici. I trigger sono di solito alimenti o prodotti abbastanza specifici.

Il lattice è un liquido lattiginoso che viene estratto dall’albero della gomma nelle foreste del Sud America e del Centro America. È usato come rivestimento per guanti chirurgici, preservativi, palloncini, gomme per cancellare, giocattoli, bottiglie, alcuni capi di abbigliamento, vernice, suole di scarpe e molti altri oggetti. Quando una persona sensibile a questo composto entra in contatto con uno di essi, sviluppa una reazione allergica.

Come ci ricorda l’American Academy of Allergy, Asthma & Immunology, l’allergia al lattice era relativamente rara fino alla fine degli anni ’80, con solo un paio di migliaia di casi precedentemente segnalati in tutto il mondo. Da allora sono state scelte varianti sintetiche, quindi reazioni di questo tipo sono nettamente diminuite.

I pazienti possono sviluppare gli episodi da qualsiasi tipo di contatto con la sostanza. Segnaliamo alcuni esempi:

  • Dopo aver assaggiato un cibo preparato da una persona che indossava guanti in lattice.
  • Inalando la polvere che ricopre molti dei prodotti rivestiti con la sostanza.
  • Attraverso linee di iniezione endovenosa o procedure chirurgiche (quando vengono utilizzati tali materiali).
  • Facendo sesso con preservativi o diaframmi in lattice.
  • Assorbimento della sostanza attraverso ferite o traumi alla pelle.
  • Interazione con qualsiasi tipo di prodotto che lo abbia utilizzato come rivestimento.

Oltre a ciò, si possono generare reazioni quando viene ingerito un alimento che contiene le stesse proteine della sostanza naturale. Ad esempio, banana, avocado e castagne. Questi sono i gruppi più importanti, anche se altri come kiwi, pesche, mele, carote, pomodori e meloni, tra gli altri, possono innescare reazioni avendo proteine simili.

Secondo l’Australasian Society of Clinical Immunology and Allergy (ASCIA), la maggior parte dei casi sono riportati in persone che sono state in contatto per un lungo periodo di tempo con il composto. Medici, infermieri, dentisti e pazienti con varie operazioni sono i focus principali. Anche quelli con una storia di reazioni allergiche, febbre da fieno, orticaria o dermatiti.

Sintomi dell’allergia al lattice

I pazienti mostrano molti segni dovuti al contatto con la sostanza. Questi dipendono dal grado di sensibilità e dalla quantità di lattice a cui sono stati esposti. Può svilupparsi in modo focale o generalizzato e le manifestazioni di solito si verificano in prossimità della superficie di contatto.

Seguendo Asthma and Allergy Foundation for America (AAFA), evidenziamo i seguenti esempi dei segni che si possono sviluppare dall’allergia al lattice:

  • Gonfiore delle labbra dopo aver gonfiato un palloncino.
  • Gonfiore o prurito in bocca dopo essere andato dal dentista (se il dentista ha usato guanti in lattice).
  • Prurito e gonfiore dei genitali dopo l’uso di preservativi in lattice.
  • Pelle arrossata e pruriginosa, eruzioni cutanee e orticaria dopo aver indossato una benda rivestita di lattice.
  • Naso che cola, starnuti, lacrimazione e altri classici sintomi di allergia.

Le persone possono anche sviluppare una reazione anafilattica, il più delle volte se la polvere entra nelle loro membrane mucose e viaggia fino a un certo punto delle vie aeree. Questi casi sono potenzialmente pericolosi e richiedono un intervento rapido con adrenalina per controllarli.

Come viene diagnosticata un’allergia al lattice?

Un'allergia al lattice può essere diagnosticata con diversi metodi
Come per altri tipi di allergie, esistono test cutanei in grado di diagnosticare la malattia. Questi sono effettuati dall’allergologo.

Poiché la reazione si innesca in momenti specifici, la diagnosi di allergia al lattice non dovrebbe comportare complicazioni. Il processo inizia quando il paziente scopre reazioni di infiammazione e prurito a contatto con guanti, bende e altro, quindi si rivolge a uno specialista per confermare l’allergia.

I ricercatori suggeriscono tre test per un rilevamento accurato: test radioallergosorbente al lattice positivo (RAST), test cutaneo e test di provocazione. In quest’ultimo, i pazienti vengono esposti direttamente ad un ambiente controllato e la loro reazione viene valutata nei minuti successivi.

Opzioni di trattamento disponibili

Non esiste una cura per l’allergia al lattice, ma fortunatamente è una condizione che può essere trattata molto bene. L’American College of Allergy, Asthma & Immunology raccomanda che i pazienti che sviluppano reazioni gravi portino sempre con sé un’etichetta allergica e un’iniezione di adrenalina.

Si consiglia inoltre di optare per alternative rivestite in lattice sintetico, che sono comuni nel mercato di oggi. Informa il tuo dentista prima di andare a un appuntamento che soffri di questa allergia, così come qualsiasi medico specialista che devi visitare. Evita anche di portare fuori il cibo; dal momento che non si sa quando verrà preparato o avvolto con guanti in lattice.

A lungo termine, i ricercatori sostengono l’uso dell’immunoterapia, anche se questo dovrebbe essere fatto con cautela perché gli effetti avversi sono maggiori rispetto ad altri tipi di allergie. L’evidenza suggerisce che la terapia con antistaminici e corticosteroidi è utile nel trattamento delle reazioni attuali.

In ogni caso, l’importante è evitare l’esposizione. Prendete in considerazione la possibilità di rimuovere tutti i prodotti in lattice dalla tua casa, inclusi giocattoli, tappeti e alcuni tipi di spray. Consultate uno specialista se non riuscite a tenere d’occhio gli episodi per una guida più personalizzata.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è un allergologo?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Che cos’è un allergologo?

Se soffrite di allergie, asma, dermatite, sinusite e altre condizioni, avete bisogno dell'aiuto di un allergologo.



  • Patriarca G, Nucera E, Buonomo A, Roncallo C, De Pasquale T, Pollastrini E, Schiavino D. New insights on latex allergy diagnosis and treatment. J Investig Allergol Clin Immunol. 2002;12(3):169-76.
  • Rolland JM, O’Hehir RE. Latex allergy: a model for therapy. Clin Exp Allergy. 2008 Jun;38(6):898-912.
  • Taylor JS, Erkek E. Latex allergy: diagnosis and management. Dermatol Ther. 2004;17(4):289-301.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.