Losartan: cos'è e a cosa serve?

Losartan è un farmaco della famiglia dei bloccanti del recettore dell'angiotensina II. È usato per controllare l'ipertensione e le possibili complicazioni. Cosa c'è da sapere?
Losartan: cos'è e a cosa serve?

Scritto da Josberth Johan Benitez Colmenares, 08 luglio, 2021

Ultimo aggiornamento: 08 luglio, 2021

Losartan è un farmaco approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) e dall’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) come trattamento per l’ipertensione. Sebbene non curi la malattia, aiuta a contrastarne i sintomi e gli effetti avversi.

I suoi effetti hanno dimostrato di essere paragonabili a quelli di altri farmaci come atenololo, nifedipina, felodipina, captopril o enalapril. Pertanto, può essere utilizzato in alternativa ad essi in caso di resistenza o riduzione dell’efficacia. In questo articolo vediamo come funziona, gli effetti collaterali, il dosaggio e le raccomandazioni.

A cosa serve il Losartan?

Losartan è un farmaco usato nel trattamento dell'ipertensione
Losartan è uno dei farmaci più prescritti nel trattamento dei disturbi cardiovascolari, in particolare l’ipertensione.

Losartan è un medicinale appartenente al gruppo dei bloccanti del recettore dell’angiotensina II. L’evidenza ha mostrato l’efficacia di questa classe di farmaci nel regolare la pressione arteriosa, prevenire danni agli organi bersaglio, stimolare il rimodellamento vascolare, proteggere la funzione cardiaca e renale e contrastare la disfunzione endoteliale.

L’angiotensina è un ormone naturale che provoca la restrizione delle pareti dei vasi sanguigni. Quando ciò accade, avviene una maggiore resistenza alla circolazione sanguigna, che può portare a ipertensione. Losartan e altri farmaci agiscono bloccando questo ormone, permettendo ai vasi sanguigni di dilatarsi.

È stata anche dimostrata la sua utilità nel trattamento dell’ipertrofia ventricolare sinistra. Questa condizione, comunemente nota come cuore ingrossato, può essere una conseguenza dell’ipertensione.

Il Losartan ha notoriamente un rapido assorbimento, raggiungendo la massima concentrazione 1-2 ore dopo l’ingestione. Una volta nel corpo, il 14% del composto viene metabolizzato come E 3174, in media da 10 a 40 volte più potente del Losartan stesso. I suoi effetti durano circa 24 ore, a seconda del dosaggio.

Sebbene agisca immediatamente, la regolazione vascolare e la protezione degli organi bersaglio si ottiene in genere nella prima settimana e raggiunge il suo limite massimo dopo la sesta settimana di trattamento. Ciò è indicato dagli studi clinici, che indicano, inoltre, una riduzione della pressione indotta dal farmaco di circa 8 mmHg – 13 mmHg.

Come si assume il losartan?

Questo farmaco può essere prescritto da solo o insieme ad altri antipertensivi. La scelta viene fatta dallo specialista in base alla tollerabilità dell’organismo al principio attivo mostrata dal paziente. In generale, non è necessario un cambiamento nella dieta per massimizzarne l’assimilazione, fatta eccezione per la riduzione dei livelli di sodio, consigliata a tutti i pazienti ipertesi.

Formulazioni

Viene commercializzano in compresse da 12,5, 50 e 100 milligrammi. L’aggiustamento della dose viene effettuato con l’ausilio di un tagliapillole, nel caso sia necessaria una quantità inferiore; quando il trattamento suggerito è maggiore è possibile combinare le diverse formulazioni.

Posologia

Come indicato dall’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), la dose raccomandata per un adulto è di 50 milligrammi una volta al giorno, anche se in caso di resistenza agli effetti lo specialista può prescrivere 100 milligrammi. La sua assunzione è di solito consigliata al mattino.

Non essendoci sufficienti studi al riguardo, nei bambini e nei giovani si suggerisce una dose di 25 milligrammi nei bambini che pesano tra 20 e 5o chilogrammi. Non deve essere invece usato nei bambini sotto i 6 anni, in parte perché si ignorano i possibili effetti del farmaco sul corpo.

Il dosaggio potrà essere regolato dal medico in base alle condizioni del paziente e a interazioni con altri farmaci.

In generale la posologia è:

  • Insufficienza cardiaca: 12,5 milligrammi al giorno, aumentando gradualmente il dosaggio in base alla tollerabilità.
  • Adulti dopo i 75 anni: 25 milligrammi al giorno, aumentando il dosaggio in base alla tollerabilità e alla riduzione dei sintomi.
  • Ipertensione arteriosa con ipertrofia ventricolare sinistra: si consiglia di iniziare con 5o milligrammi al giorno e aumentare in modo progressivo fino a 100 milligrammi in un paio di settimane.

Il dosaggio deve essere sempre stabilito dal medico e non deve essere regolato secondo il giudizio del paziente. Questo è molto importante per evitare episodi di sovradosaggio o interazioni con altri trattamenti in parallelo.

Chi non dovrebbe prendere il Losartan?

Sebbene il farmaco sia molto ben tollerato dall’organismo, la sua assunzione dovrebbe essere evitata in alcuni gruppi di pazienti. Alcuni dei contesti in cui se ne sconsiglia l’uso sono i seguenti:

Gravidanza

Losartan non è indicato in gravidanza
A causa dei possibili rischi, i farmaci antipertensivi autorizzati in gravidanza sono molto scarsi.

Numerosi studi e indagini hanno indicato che i farmaci appartenenti ai bloccanti e agli inibitori dell’angiotensina II sono controindicati in gravidanza. Non devono essere mai somministrati, indipendentemente dalla settimana di gestazione, poiché a questo gruppo di farmaci sono state associate numerose complicazioni per il feto. Fra queste:

  • Ipoplasia polmonare.
  • Ipotensione neonatale.
  • Rischio di morte perinatale.
  • Ipoplasia del cranio.
  • Insufficienza renale con oliguria e anuria.
  • Ridotta crescita fetale.

L’assunzione deve essere evitata anche a breve termine, poiché gli effetti avversi possono essere permanenti. Questi sono più latenti durante il primo trimestre di gravidanza. A causa della mancanza di studi al riguardo, il Losartan e i farmaci che appartengono a questa famiglia dovrebbero essere evitati durante l’allattamento, come suggerisce la ricerca.

Interazione con altri farmaci

I diabetici che assumono aliskiren devono evitare l’uso di Losartan e altri bloccanti a causa dei possibili effetti avversi. La Food and Drug Administration (FDA) ha rilasciato una dichiarazione un paio di anni fa sulle controindicazioni di questa combinazione. Tra i possibili effetti avversi troviamo i seguenti:

  • Danni alla funzione renale.
  • Alti livelli di potassio nel sangue (iperkaliemia).
  • Bassa pressione sanguigna (ipotensione)
  • Rischio di malattie cardiovascolari.

Questo non vuol dire che i diabetici non possano assumere Losartan, solo che dovrebbe essere evitato in caso di trattamento a base di aliskiren. Alcuni medicinali che lo contengono sono Rasilez, Enviage, Sprimeo, Tekturna e Riprazo.

Lesioni o malattie del fegato

Il farmaco non dovrebbe essere somministrato in caso di malattie del fegato, specialmente se croniche. Gli studi indicano che il Losartan può essere collegato a danni epatici, peggiorando la condizione. In questi casi, si dovrebbe cercare un’alternativa per controllare i livelli di pressione arteriosa.

Quali sono i possibili effetti collaterali?

Secondo le note informative della FDA i pazienti che assumono Losartan possono manifestare i seguenti effetti indesiderati:

  • Dolore alla schiena e ai muscoli.
  • Crampi.
  • Vertigini.
  • Congestione nasale.
  • Nausea.

Questi sono gli effetti più comuni. In rari casi, possono svilupparsi alterazioni nei livelli di potassio, ittero, stipsi, gastrite, ansia, perdita della libido, infezioni del tratto urinario, disturbi del sonno, difficoltà respiratorie e altri. Questo si verifica solo in un numero limitato di casi.

Sono possibili anche reazioni allergiche al componente. In presenza di orticaria, febbre ed eruzioni cutanee, è necessario interrompere l’assunzione e consultare il medico.

Se si dimentica di prendere una dose

Nel caso abbiate dimenticato di prendere la compressa, prendetela, a meno che l’orario per la dose successiva non sia molto vicino. Se mancano solo 12 ore al rinnovo della dose, è consigliabile attendere. Questo evita un sovradosaggio del farmaco che può causare episodi ipotensivi.

Come comportarsi in caso di sovradosaggio di Losartan?

Occorre recarsi in una struttura sanitaria o dal medico per valutare i possibili effetti collaterali. A seconda del dosaggio assunto, si eseguiranno una serie di test, esami o verranno prescritti farmaci per evitare sincope o bruschi cali di tensione.

Come conservare o smaltire questo medicinale?

Si consiglia di conservare il farmaco in un luogo asciutto tra i 15 e i 30 gradi, evitando di esporlo al sole. Il farmaco deve essere smaltito nell’apposita raccolta presso le farmacie, oppure in un sacchetto ermeticamente sigillato nella spazzatura.

Vi consigliamo di segnare su un diario eventuali effetti avvertiti durante il trattamento e riportarli al medico in sede di controllo. È importante, inoltre, controllare la pressione arteriosa per valutare l’assimilazione del farmaco e la sua efficacia nel contrastare gli squilibri vascolari.

Potrebbe interessarti ...
Furosemide: che cos’è e a cosa serve?
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Furosemide: che cos’è e a cosa serve?

La furosemide è un diuretico che tratta l'ipertensione, l'insufficienza cardiaca e l'edema. Scoprite di più su questo farmaco.



  • Carrillo, M. P., Presa, J. C., Molina, F. S., Valverde, M., & Puertas, A. M. (2010). Efecto de los inhibidores de los receptores de angiotensina II en la gestación. Clínica e investigación en ginecología y obstetrician. 2010; 37(4): 166-168.
  • Goa, K. L., & Wagstaff, A. J. Losartan potassium. Drugs. 1996; 51(5): 820-845.
  • Hasbún, J., Valdés, E., San Martín, A., Catalán, J., Salinas, S., & Parra, M. Efectos sobre la función renal fetal y neonatal del tratamiento con antagonista del receptor de angiotensina II en el embarazo: Caso clínico. Revista médica de Chile. 2008; 136(5): 624-630.
  • Sica, D. A., Gehr, T. W., & Ghosh, S.Clinical pharmacokinetics of losartan. Clinical pharmacokinetics. 2005; 44(8): 797-814.
  • Simpson, K. L., & McClellan, K. J. Losartan. Drugs & aging. 2000; 16(3): 227-250.
  • Schmieder, R. E. Mechanisms for the clinical benefits of angiotensin II receptor blockers. American journal of hypertension. 2005; 18(5): 720-730.
  • Tabak, F., Mert, A., Ozaras, R., Biyikli, M., Ozbay, G., Senturk, H., & Aktuglu, Y. Losartan-induced hepatic injury. Journal of clinical gastroenterology. 2002; 34(5): 585-586.
  • Tutal Muñoz, L. M., Martínez Rodríguez, J. E., Ruiz Dorado, L. C., Erazo Moncayo, L. D., Ponce Ayala, R., & Caicedo Cabezas, Y. K. (2019). Manejo farmacológico de la hipertensión materna durante la lactancia: un reto terapéutico. Revista Peruana de Ginecología y Obstetricia. 2019; 65(3): 285-292.
  • Uribe Flores, J. D., Hernández Jácome, M., Guevara Dondé, J., & Segura, X. Losartan versus enalapril en la reducción de la hipertrofia ventricular izquierda secundaria a hipertensión arterial sistémica. Archivos de cardiología de México. 2004; 74(3): 192-199.