Tromboembolia polmonare: cosa dovreste sapere

Il tromboembolismo polmonare è pericoloso per la vita, quindi essere attenti ai suoi sintomi media una prognosi favorevole. Ti insegniamo tutto ciò che devi sapere al riguardo.
Tromboembolia polmonare: cosa dovreste sapere

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio, 2023

La tromboembolia polmonare è un tipo di malattia tromboembolica venosa che può colpire pazienti di tutte le età. È considerata una patologia grave, che se non curata in tempo può portare anche alla morte. In effetti, l’evidenza indica che i decessi dovuti a questa patologia sono aumentati nell’ultimo decennio.

Questa condizione è più comune in alcuni gruppi, come gli anziani, le persone che hanno subito un intervento chirurgico di recente e quelli con malattie del sangue sottostanti. La Johns Hopkins Medicine ci avverte che è una patologia difficile da diagnosticare, in parte perché condivide i segni con altre condizioni polmonari. Vi insegniamo tutto ciò che dovete sapere su di essa.

Perché si verifica una tromboembolia polmonare?

Il tromboembolismo polmonare si verifica quando un coagulo di sangue che si sviluppa in un vaso sanguigno (trombo) viaggia verso l’arteria polmonare causando un blocco dell’afflusso di sangue. Il più delle volte il trombo si sviluppa negli arti inferiori e poi risale al polmone. Tuttavia, può formarsi anche in altre zone del corpo.

La formazione di coaguli è un processo elementare. Naturalmente, il nostro corpo li produce regolarmente, anche se poi li scompone. In determinate circostanze questi non si rompono, provocando un trombo.

Il coagulo può svilupparsi sia nelle vene che nelle arterie. Possono essere in quelli superficiali o in quelli profondi, anche se il più delle volte lo fanno in questi ultimi. Quando si forma e non si scompone naturalmente, dà origine a un trombo. Questo può rompersi o viaggiare intatto dal suo luogo di origine ad altre aree del corpo. In questo caso il trombo diventa un embolo.

Ci sono molte condizioni che possono causare la formazione di coaguli di sangue. Tra i principali ci sono una lesione alla parete dei vasi sanguigni, disturbi della coagulazione e flusso sanguigno molto lento.

Il trombo non è sempre sangue, poiché può anche essere grasso, liquido amniotico e bolle d’aria. Si stima che circa 200.000 persone muoiano ogni anno negli Stati Uniti per embolia polmonare.

Fattori di rischio per tromboembolia polmonare

Il tromboembolismo polmonare ha diversi fattori di rischio
Molti dei fattori di rischio associati al tromboembolismo polmonare sono legati ad abitudini di vita malsane e condizioni cardiovascolari.

Ci sono diversi fattori che predispongono le persone a sviluppare un trombo e quindi un’embolia. Vediamo una selezione di variabili che influenzano il processo:

  • Persone che hanno subito un intervento chirurgico nella parte inferiore del corpo (sotto l’anca).
  • Donne in gravidanza (a causa di quello che è noto come uno stato di ipercoagulabilità ).
  • Persone che si trovano in stato di immobilizzazione (a causa di ricoveri, lesioni, fratture, recuperi dopo un intervento e altro).
  • Pazienti con diagnosi di sindrome da ipercoagulabilità.
  • Pazienti con diagnosi di cancro in cura.
  • Soggetti che sono in trattamento ormonale o che assumono farmaci ormonali. Ad esempio, contraccettivi e terapia ormonale per la menopausa.
  • Persone con una storia familiare di disturbi emorragici di qualsiasi tipo.
  • Soggetti che trascorrono lunghe ore in assoluto riposo (solitamente più di 8 ore).
  • Sviluppa le vene varicose.
  • Fumare sigarette e sperimentare droghe ricreative.
  • avere l’obesità

Condizioni sottostanti come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), la malattia infiammatoria intestinale (IBD), il diabete e l’ipertensione aumentano anche la possibilità di sviluppare trombi. Secondo le prove, un centinaio di condizioni aggiuntive possono trasformarsi in tromboembolia polmonare, come il leiomioma uterino.

Sintomi di tromboembolia polmonare

Il tromboembolismo polmonare provoca dispnea e dolore toracico
L’improvvisa mancanza di respiro, insieme a una sensazione di oppressione al petto, sono sintomi caratteristici dell’embolia polmonare.

Questa malattia può essere difficile da diagnosticare poiché i suoi sintomi si sovrappongono ad altre condizioni. I segni di solito compaiono all’improvviso ; non un’indicazione minore nel metterli in relazione con questa condizione. Vediamo un tipico quadro clinico di tromboembolismo polmonare:

  • Dolore toracico (che peggiora con la respirazione profonda).
  • Difficoltà di respirazione (dispnea).
  • Frequenza respiratoria rapida (tachipnea).
  • Tosse (spesso con sangue).
  • Ansia.
  • Aritmia cardiaca.
  • Sensazione di stordimento o vertigini.
  • Sudore.
  • Bassa pressione sanguigna (ipotensione).

In alcuni casi, i pazienti possono manifestare sintomi nell’area in cui si è sviluppato il trombo. Dal momento che il 90% delle volte accade nella gamba, puoi sviluppare gonfiore in una gamba, dolore, arrossamento, scolorimento e tenerezza. Nei casi più gravi si possono sviluppare cianosi e instabilità a causa della riduzione del flusso sanguigno.

I sintomi si manifestano perché l’embolo ostruisce parte del polmone. Ciò significa che il sangue non può essere completamente ossigenato, il che rende difficile per i tessuti ricevere l’ossigeno necessario. La circolazione ai polmoni non si ferma e, poiché incontra un’interferenza nel flusso di circolazione, la pressione nei polmoni aumenta (ipertensione polmonare ).

Nei casi più gravi si verifica un infarto polmonare. Questo è quando un’area del polmone muore a causa della mancanza di afflusso di sangue. Le complicanze sono condizionate dall’altezza dove è stato localizzato il trombo, dalla quantità di questi e dalle particolarità del paziente (età, malattie di base e altro).

Opzioni di trattamento

Nei casi lievi si decide di prescrivere anticoagulanti, come eparina e warfarin. Nei casi moderati e gravi, vengono solitamente utilizzati un filtro per la vena cava, la trombectomia percutanea, l’embolectomia polmonare o la terapia fibrinolitica. L’anticoagulazione è un trattamento standard, che di solito viene prolungato per diversi mesi (e anche per tutta la vita).

Se trattata precocemente, la prognosi è generalmente favorevole, sebbene vi sia sempre un margine di complicanze. Questo è il motivo per cui è molto importante prestare attenzione ai sintomi, in particolare quelli che segnano per i fattori di rischio. Se sviluppate alcuni dei segni, non esitate a consultare uno specialista per escludere questa condizione; o comunque per stabilire una diagnosi differenziale.

Potrebbe interessarti ...
Cos’è l’embolia polmonare?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Cos’è l’embolia polmonare?

Se compare un coagulo di sangue in una delle arterie principali del polmone, si tratta di un'embolia polmonare. Vediamo cosa bisogna sapere.



  • Abigail K. Tarbox and Mamta Swaroop. Pulmonary embolism. Int J Crit Illn Inj Sci. 2013 Jan-Mar; 3(1): 69–72.
  • Martin, K. A., Molsberry, R., Cuttica, M. J., Desai, K. R., Schimmel, D. R., & Khan, S. S. (2020). Time trends in pulmonary embolism mortality rates in the United States, 1999 to 2018. Journal of the American Heart Association, 9(17), e016784.
  • Podduturi, V., Armstrong-Briley, D. R., & Guileyardo, J. M. Sudden death by pulmonary thromboembolism due to a large uterine leiomyoma with a parasitic vein to the mesentery. Case reports in obstetrics and gynecology. 2014.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.