Tipi di meningite

La meningite è classificata in base all'agente patogeno che l'ha scatenata. Meno comune è la forma non infettiva. Vediamo quali sono i tipi di meningite e come vengono trattati.
Tipi di meningite

Scritto da Josberth Johan Benitez Colmenares, 30 agosto, 2021

Ultimo aggiornamento: 31 agosto, 2021

La meningite è una malattia che provoca l’infiammazione delle meningi e che ha diversi tipi di presentazione. Le meningi sono membrane protettive che rivestono il cervello e il midollo spinale.

Milioni di casi vengono segnalati ogni anno in tutto il mondo, con una stima di 318.000 decessi. Conoscere i tipi di meningite è importante per poterla prevenire: ecco in quali modi può manifestarsi.

Quanti tipi di meningite esistono?

La meningite è classificata in base all’agente patogeno che l’ha scatenata. La maggior parte dei casi è lieve e curabile, tuttavia, se la diagnosi viene ritardata o non viene richiesta assistenza medica, possono verificarsi complicazioni potenzialmente letali. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) distinguono i seguenti tipi di meningite.

Meningite virale

Come ci ricorda la Johns Hopkins Medicine , la meningite virale è la manifestazione più comune. È anche la forma più lieve, quindi è correlata a poche complicazioni durante la sua evoluzione.

Secondo i ricercatori, in questa variante, una percentuale che va tra l’85% e il 95% è dovuta agli enterovirus. Altri agenti patogeni identificati includono:

  • Parechovirus umano.
  • Herpes umano 1 e 2.
  • Virus varicella-zoster.
  • Virus di Epstein-Barr.
  • Influenza.
  • Arbovirus (soprattutto virus del Nilo occidentale, virus dell’encefalite equina orientale e virus di La Crosse).

Cioè, i pazienti infettati da queste particelle virali possono sviluppare la meningite, sebbene il più delle volte non generino complicazioni. Queste forme sono più comuni in alcuni gruppi di popolazione, come i bambini sotto i 5 anni, le persone sopra i 65 anni e soggetti con sistema immunitario compromesso.

Non esiste un trattamento standard per questa variante, quindi la maggior parte delle volte il medico si limita a monitorare la sua evoluzione. In alcune situazioni, quando sorgono complicazioni, il paziente può essere ricoverato in ospedale.

Un virus che causa un tipo di meningite.
I virus sono gli agenti causali più comuni della meningite in tutto il mondo.

Meningite batterica

La batterica è il secondo tipo di meningite più comune, anche se rispetto alla precedente è considerata rara. È associata a maggiori complicazioni e se non trattata adeguatamente può essere fatale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) identifica i seguenti batteri tra i suoi catalizzatori più comuni:

  • Streptococcus pneumoniae.
  • Haemophilus influenzae.
  • Neisseria meningitidis.

N. meningitidis è il virus colpevole della meningite meningococcica, associata a potenziali epidemie. Dei 12 sierogruppi di batteri identificati, 6 possono generare focolai. È più comune nei neonati, nei bambini in età scolare e nei giovani.

Secondo la ricerca, anche altri batteri, come Escherichia coli, Enterobacter, Klebsiella, Pseudomonas aeruginosa e Listeria monocytogenes, possono causarla. In questo caso il trattamento standard prevede l’uso di antibiotici.

Potrebbe interessarvi anche: L’herpes zoster: una vecchia conoscenza

Meningite fungina

La meningite fungina è considerata rara, anche se vengono segnalati circa duemila casi ogni anno in tutto il mondo. Secondo l’evidenza si sviluppa a partire da infezioni in altre parti del corpo, come i polmoni.

Il CDC individua tra le cause i seguenti microrganismi:

  • Istoplasma.
  • Criptococco.
  • Coccidioidi.
  • Blastomice.
  • Candida.

Alcuni di questi possono vivere all’interno del corpo umano o sulla pelle senza dare grossi problemi, mentre invece possono causare complicazioni in pazienti con sistema immunitario compromesso. Sono trattati con farmaci antimicotici, somministrati per via endovenosa o orale.

Meningite parassitaria

La meningite parassitaria si contrae, di solito, attraverso cibo infetto. I parassiti più comuni sono Angiostrongylus cantonensis, Baylisascaris procyonis e Gnathostoma spinigerum.

La maggior parte dei casi sono segnalati nel sud-est asiatico, sebbene l’infezione sia possibile anche nei paesi occidentali. Questa variante è trattata con antimicrobici e, in alcuni contesti, è possibile procedere chirurgicamente alla rimozione dei parassiti.

Meningite amebica

La meningite amebica è una manifestazione molto rara ma che spesso causa complicazioni potenzialmente letali. Chiamata anche meningoencefalite amebica primaria, è causata da Naegleria fowleri.

Secondo gli studi, questa ameba è più comune nei terreni o nelle acque dolci in luoghi con una temperatura media di 30 gradi. Quindi le infezioni sono limitate ad alcune aree specifiche del pianeta.

Vengono segnalati solo un paio di casi all’anno e non esiste un trattamento standard. Il CDC indica che negli Stati Uniti, tra il 2009 e il 2019, sono stati diagnosticati 34 pazienti, di cui solo 3 sopravvissuti. Anche il processo diagnostico è complesso, in parte a causa della mancanza di conoscenza della sua evoluzione e sviluppo.

Meningite non infettiva

Infine, troviamo la meningite non infettiva. Sebbene la maggior parte degli episodi possa essere spiegata in base ai suddetti tipi di meningite, in alcuni casi l’infiammazione si verifica senza alcun catalizzatore infettivo esterno. Cioè, è un sintomo di una condizione sottostante.

Secondo Boston Clinical Trials, i principali colpevoli sono lesioni alla testa, lupus e cancro. Anche l’artrite reumatoide e la sarcoidosi possono causarla.

Alcuni tipi di meningite non infettive possono essere causati dall'artrite reumatoide
Le malattie autoimmuni e le malattie con componenti infiammatorie significative possono essere complicate da meningite non infettiva.

Alcuni tipi di meningite possono essere prevenuti

Sebbene non tutti i tipi di meningite possano essere prevenuti, esistono vaccini che proteggono dalla maggior parte dei patogeni elencati. La Meningitis Research Foundation raccomanda di iniziare i cicli di immunizzazione a partire dai 2 mesi di età, specialmente nelle aree in cui le epidemie sono più probabili.

Parte della sua prevenzione consiste anche nel cuocere bene gli alimenti, lavarsi le mani, igienizzare gli oggetti che vengono toccati frequentemente, evitare di bere acqua non trattata e limitare l’interazione con gli animali. È utile anche fare attività fisica, seguire una dieta equilibrata e tenere sotto controllo le malattie diagnosticate.

Infine occorre chiamare il medico non appena si manifestano i sintomi. La prognosi è favorevole se si inizia il trattamento durante le prime fasi.

Potrebbe interessarti ...
Meningite
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Meningite

Le infezioni virali sono la causa più comune di meningite. I batteri occupano la seconda posizione e, infine, le infezioni fungine.



  • Kohil, A., Jemmieh, S., Smatti, M. K., & Yassine, H. M. Viral meningitis: An overview. Archives of Virology. 2021; 1-11.
  • Pana, A., Vijayan, V., & Anilkumar, A. C. Amebic meningoencephalitis.
  • Rotbart, H. A. Viral meningitis. In Seminars in neurology. 2000; 20 (03): 277-292.
  • Runde, T. J., Anjum, F., & Hafner, J. W. Bacterial Meningitis. StatPearls [Internet]. 2020.
  • Zunt, J. R., Kassebaum, N. J., Blake, N., Glennie, L., Wright, C., Nichols, E., … & Shafieesabet, A. Global, regional, and national burden of meningitis, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. The Lancet Neurology. 2018; 17(12): 1061-1082.