I 3 principali tipi di aneurismi

Spesso si ignora che esistono molti tipi di aneurismi. Qui vi mostriamo quelli più frequenti.
I 3 principali tipi di aneurismi

Ultimo aggiornamento: 23 dicembre, 2022

Secondo i ricercatori, circa il 3,2% della popolazione soffre di un aneurisma. Questi possono richiedere anni per svilupparsi e, nei casi in cui si rompono, vengono associati a un alto tasso di mortalità. Non tutti gli episodi sono uguali, quindi possiamo identificare diversi tipi di aneurismi.

I medici generalmente li catalogano in base a dove si sviluppano. In teoria, gli aneurismi possono verificarsi in qualsiasi arteria. In pratica ce ne sono di specifici che soddisfano la maggior parte dei casi. Oggi ve li mostriamo insieme a importanti informazioni al riguardo.

Principali tipi di aneurismi

In parole povere, gli aneurismi si verificano quando parte del rivestimento delle arterie si indebolisce. Questo le spinge a gonfiarsi o allargarsi in modo anomalo. A volte l’area presenta una frattura, causando emorragie interne o ictus. Evidenziamo i seguenti tipi.

1. Aneurisma cerebrale

I tipi più comuni di aneurismi includono aneurismi cerebrali
Gli aneurismi cerebrali sono probabilmente i più conosciuti. La loro rottura può causare malattie cerebrovascolari fatali.

Conosciuto anche come aneurisma intracranico, si trova nei vasi sanguigni del cervello. E’ più comune negli anziani (oltre i 50 anni), nei fumatori e in coloro che soffrono di lesioni alla testa, o fanno abuso di alcool o uso eccessivo di droghe.

Quando l’aneurisma si espande, il rivestimento dei vasi sanguigni diventa estremamente sottile, facilitandone la rottura. La prima cosa che accade è il deflusso di sangue nello spazio intorno al cervello, noto come emorragia subaracnoidea. Quest’ultimo evento è un tipo di ictus emorragico.

Non c’è modo di rilevare la loro presenza se non attraverso test di imaging sul cervello, poiché di solito causano solo sintomi con la loro rottura. Anche così, la Johns Hopkins Medicine avverte di emorragie sentinella. Queste sono piccole perdite di sangue che precedono la rottura. I seguenti segni possono allertare questi episodi:

  • Mal di testa.
  • Diminuzione dei movimenti oculari accompagnata da dolore.
  • Cambiamenti nella visione.

Quando si verifica un’emorragia subaracnoidea, possono svilupparsi le seguenti manifestazioni:

  • Nausea e vomito.
  • Torcicollo.
  • Forte tensione alla testa.
  • Perdita di conoscenza.
  • Pupille dilatate.
  • Alta pressione sanguigna.
  • Perdita di equilibrio.
  • Mancanza di coordinamento con alcune funzioni di base.

Gli aneurismi di questo tipo possono essere di tre forme: a bacca, fusiforme o fungina. A loro volta, possono essere piccoli, medi o grandi. In teoria, più sono grandi, più è probabile che si verifichi una rottura.

2. Aneurisma dell’aorta addominale

Secondo i ricercatori, l’aneurisma dell’aorta addominale colpisce tra il 5% e il 10% degli uomini di età superiore ai 65 anni. Pertanto, è più frequente con l’età, con una mortalità media dell’80% in caso di rottura.

L’American Heart Association elenca anche il colesterolo alto, il fumo, l’ipertensione, l’obesità e la storia familiare come fattori di rischio. L’episodio si verifica nella parte inferiore dell’aorta, che si trova a livello dell’addome. La maggior parte dei quadri sono asintomatici, sebbene UChicago Medicine indichi tra i suoi possibili segni:

  • Dolore costante all’addome.
  • Sensazione di pressione al petto o alla schiena.
  • Disagio nella zona inguinale.

Le manifestazioni sono peggiori in caso di rottura, considerata un’emergenza medica a causa del basso tasso di sopravvivenza. Sebbene in alcuni casi non possa essere prevenuto, fare sport, smettere di fumare, seguire una dieta sana e controllare il colesterolo e l’ipertensione aiutano per questo e altri tipi di aneurismi.

3. Aneurisma dell’aorta toracica

I tipi più comuni di aneurismi includono toracico
In caso di rottura di un aneurisma toracico, il flusso sanguigno ad altre strutture vitali può essere rapidamente compromesso.

In questi casi l’indebolimento avviene a livello dell’aorta tra il torace e il diaframma. Molti dei casi sono dovuti all’indurimento delle arterie e all’invecchiamento, sebbene anche alcune condizioni genetiche, lesioni e infezioni possano essere fattori scatenanti.

È meno comune dei precedenti tipi di aneurismi, ma altrettanto mortale. Secondo la Society for Vascular Surgery, colpisce solo 6-10 su 100.000 abitanti. I sintomi non compaiono finché non è troppo tardi. Quando lo fanno puoi sviluppare:

  • Dolore al petto o nella parte superiore della schiena.
  • Nausea e vomito.
  • Pelle fredda o appiccicosa.
  • Gonfiore al collo.
  • Difficoltà a respirare o deglutire.
  • Frequenza cardiaca elevata.
  • Sensazione di agitazione.

L’indebolimento dell’aorta può verificarsi a qualsiasi livello del torace, anche vicino al cuore. A volte può essere generato in un punto medio, quello che gli specialisti chiamano aneurisma toracoaddominale. Man mano che l’aneurisma cresce, può portare a raucedine, un sintomo che precede mesi o settimane prima di una rottura.

Aneurismi meno frequenti

Questi tre tipi di aneurismi sono i più comuni anche se, come abbiamo notato all’inizio, possono comparire a qualsiasi altezza dell’arteria, inclusi i seguenti:

  • Poplitea: avviene nell’arteria che corre lungo la parte posteriore del ginocchio. Secondo le evidenze, tra il 40% e il 50% dei casi sono associati ad aneurismi dell’aorta addominale.
  • Mesenterico: si verifica nella parte dell’arteria che fornisce sangue all’intestino. I ricercatori sottolineano che il 70% dei casi di questo tipo sono asintomatici.
  • Splenico: si genera nell’arteria della milza, quindi tecnicamente è un tipo di aneurisma addominale. Sono molto rari, anche se con un tasso di mortalità altrettanto preoccupante.

Se un aneurisma viene rilevato prematuramente e, a seconda delle sue dimensioni, può essere trattato con un intervento chirurgico o non chirurgico. Anche i cambiamenti dello stile di vita e l’assunzione di alcuni farmaci possono tenerlo sotto controllo.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è l’enterografia con risonanza magnetica?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Che cos’è l’enterografia con risonanza magnetica?

L'enterografia a risonanza magnetica è un test utilizzato per rilevare problemi nell'intestino tenue. Scopri tutto su di lei.



  • Cosford, P. A., Leng, G. C., & Thomas, J. Screening for abdominal aortic aneurysm. Cochrane database of systematic reviews. 2007; (2).
  • Jersey, A. M., & Foster, D. M. Cerebral aneurysm. 2018.
  • Jiang, J., Ding, X., Su, Q., Zhang, G., Wang, Q., Jian, W., … & Hu, S. (2011). Therapeutic management of superior mesenteric artery aneurysms. Journal of vascular surgery. 2011; 53(6): 1619-1624.
  • Martelli, E., Ippoliti, A., Ventoruzzo, G., De Vivo, G., Marchetti, A. A., & Pistolese, G. R. Popliteal artery aneurysm. Int Angiol. 2004; 23: 54-65.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.