I diversi tipi di colesterolo

Conosci i tipi di colesterolo che esistono? Ti diremo quali possono essere trovati nel corpo umano, così come le funzioni di ciascuno.
I diversi tipi di colesterolo
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 20 dicembre, 2022

Il nome colesterolo si riferisce a un gran numero di lipoproteine presenti nel sangue, responsabili del trasporto dei lipidi e classificate in vari tipi. Questi elementi sono necessari per il corretto funzionamento del corpo, nonostante la loro cattiva reputazione.

Per molti anni un livello di colesterolo alto è stato associato ad un aumento del rischio cardiovascolare. Tuttavia, questo parametro è un marcatore molto aspecifico e l’associazione non è così chiara come si credeva in precedenza.

Tipi di colesterolo

Successivamente, parleremo dei diversi tipi di lipoproteine che si possono trovare nel sangue e delle loro funzioni.

HDL

È noto come colesterolo buono. Sono lipoproteine ad alta densità che trasportano il grasso dai tessuti al fegato. Un numero elevato di questi elementi nel sangue è associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Circulation Research.

In condizioni normali, una dieta sana provoca un aumento della concentrazione di colesterolo HDL nel sangue. Anche praticare sport regolarmente può innescare una risposta simile. In ogni caso, l’impatto è limitato, poiché i livelli sono contrassegnati dalla determinazione genetica.

LDL

È tradizionalmente noto come colesterolo cattivo o lipoproteine a bassa densità. Trasporta i lipidi dal fegato ai tessuti.

Per molti anni la presenza di elevate concentrazioni di queste lipoproteine è stata associata ad un aumentato rischio di aterosclerosi. Tuttavia, le prove attuali suggeriscono che tale relazione è incerta. Lo sottolinea uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients.

Secondo le ricerche più recenti, i meccanismi coinvolti nel rischio cardiovascolare sono l’ossidazione e l’infiammazione. Quando entrambi appaiono in eccesso, il rischio di sviluppare l’aterosclerosi è aumentato da un’aggregazione dei lipidi presenti nel sangue. Tuttavia, in condizioni di omeostasi, mantenere elevati i livelli di LDL non è considerato pericoloso.

Allo stesso modo, va notato che la dieta può influenzare la quantità di lipoproteine LDL, ma in modo limitato. L’assunzione regolare di acidi grassi di tipo insaturo, come quelli della serie omega 3, potrebbe diminuire leggermente il numero di questi elementi, secondo una ricerca pubblicata sull’European Journal of Nutrition.

Tuttavia, gli effetti degli acidi grassi sani sui livelli di colesterolo sono più significativi quando sono eccessivamente alti. La determinazione genetica fa si che, come regola generale, si tenda ad una situazione di equilibrio tra la produzione endogena di lipoproteine ed il consumo alimentare.

Aterosclerosi del colesterolo.
I meccanismi pericolosi per la salute cardiovascolare sono l’ossidazione e l’infiammazione, non esattamente i livelli di colesterolo.

VLDL

Le VLSD sono lipoproteine a bassissima densità. Si dividono in arrugginiti e non arrugginiti. Questo primo sottogruppo potrebbe essere il vero responsabile dell’aumento del rischio cardiovascolare.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Current Medicinal Chemistry, le lipoproteine ossidate sono le principali responsabili dell’aterosclerosi, che causa gravi problemi cardiovascolari. Questi tipi di elementi aumentano di numero quando lo stile di vita e la dieta non sono salutari.

Ad esempio, è stato dimostrato che il consumo regolare di acidi grassi trans aumenta il rischio di sviluppare placche ateromiche. Questo perché questi lipidi hanno proprietà infiammatorie.

In ogni caso, il valore delle lipoproteine della serie VLDL non si riflette nella maggior parte degli esami del sangue. Né il tasso di ossidazione dello stesso.

Trigliceridi

I trigliceridi non sono propriamente uno dei tipi di colesterolo, ma di solito vengono analizzati insieme. Sono un indicatore migliore in termini di malattie cardiovascolari. Si raccomanda infatti che la concentrazione di queste sostanze non superi i valori salutari.

Va precisato che è possibile che il colesterolo sia a livelli inferiori a quelli consigliati, mentre i trigliceridi siano ben al di sopra. L’interpretazione di questi contesti non è facile.

Tuttavia, in una situazione di eccesso di trigliceridi nel sangue , è solitamente consigliato un intervento dietetico. Questi elementi rispondono in modo più soddisfacente al cambiamento della dieta rispetto al colesterolo.

Una perdita di peso, una riduzione dei cibi fritti e degli alimenti ultra-elaborati e una restrizione degli zuccheri semplici si traducono solitamente in una significativa diminuzione dei livelli di trigliceridi nel sangue. Se questi elementi sono accompagnati dalla pratica di attività fisica su base regolare, il risultato migliora maggiormente.

Qual è l’influenza della dieta sui tipi di colesterolo?

Per molti anni l’assunzione settimanale di grassi, uova e altri prodotti è stata limitata per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo. In questo modo, si intendeva migliorare lo stato di salute e ridurre il rischio cardiovascolare. Tuttavia, le prove attuali non supportano questa teoria. In effetti, si propone che una dieta povera di grassi possa essere controproducente.

Gli studi più recenti affermano che l’assunzione di colesterolo alimentare o di grassi di tipo cis ha poca influenza sui livelli di lipoproteine nel sangue. Un maggior consumo di questi elementi produrrebbe solo una diminuzione della loro sintesi endogena.

Tuttavia, esiste un tipo di lipide alimentare che potrebbe influenzare negativamente la concentrazione delle lipoproteine. Li abbiamo già menzionati e sono acidi grassi trans. Tuttavia, l’effetto non è così significativo sui livelli di colesterolo totale quanto sul tasso di ossidazione delle lipoproteine stesse.

È possibile ottenere, promuovendo abitudini di vita sane, un profilo lipidico molto più adeguato. Questo non si traduce sempre in una riduzione dei livelli di HDL o LDL, ma piuttosto in una diminuzione dell’infiammazione e dell’ossidazione nell’ambiente interno.

Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale garantire il consumo regolare di alimenti freschi, soprattutto vegetali. Questi alimenti contengono fitonutrienti dal carattere antiossidante e antinfiammatorio. Anche il pesce azzurro, gli oli vegetali crudi e i frutti oleosi sono considerati positivi.

D’altra parte, è essenziale praticare l’esercizio fisico su base regolare. L’attività fisica non solo migliora il profilo lipidico, ma aumenta anche l’efficienza del cuore e dei vasi sanguigni nello svolgimento delle loro funzioni.

Pesce Azzurro.
Il pesce azzurro è consigliato per quasi tutte le diete, perché fornisce sostanze che regolano l’ossidazione dei lipidi.

Integratori per controllare il livello di colesterolo

Oltre a prestare attenzione alle abitudini di vita, ci sono alcuni integratori alimentari che potrebbero avere un impatto positivo sul profilo lipidico. Un esempio di questo sono i prodotti alla curcumina. Questo fitonutriente è presente nella curcuma e il suo consumo è associato a un miglioramento della salute.

In generale, il consumo di spezie culinarie può aiutare a prevenire problemi cardiovascolari ed evitare patologie, come il diabete di tipo 2. Ma in più, è sempre consigliabile mantenere un buono stato di composizione corporea.

Essere in sovrappeso e obesi hanno dimostrato di alterare i normali livelli di colesterolo. Inoltre, questa condizione genera un aumento dell’infiammazione sistemica, che può portare a una maggiore ossidazione delle frazioni VLDL.

Colesterolo: diversi tipi di lipoproteine necessarie per il corpo

Un numero abbastanza elevato di lipoproteine che trasportano i grassi attraverso il sangue è noto con il nome di colesterolo. La sua presenza nel corpo è necessaria per garantire una buona salute.

Tuttavia, ciò che è veramente decisivo è garantire il controllo dei livelli di ossidazione e infiammazione sistemica. In questo modo, l’incidenza dell’aterosclerosi è ridotta e i lipidi nel sangue hanno meno probabilità di formare placche che condizionano il flusso sanguigno.

Per ottenere un’efficace riduzione del rischio cardiovascolare, è fondamentale proporre una dieta sana con la priorità dei cibi freschi rispetto ai cibi ultra trasformati industriali. Allo stesso modo, la pratica dell’attività fisica deve essere promossa su base regolare.

Potrebbe interessarti ...
Farmaci per il colesterolo: usi ed effetti collaterali
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Farmaci per il colesterolo: usi ed effetti collaterali

I farmaci per abbassare il colesterolo sierico offrono ottimi risultati in poco tempo, ma quali sono gli effetti collaterali?



  • Ouimet M, Barrett TJ, Fisher EA. HDL and Reverse Cholesterol Transport. Circ Res. 2019 May 10;124(10):1505-1518. doi: 10.1161/CIRCRESAHA.119.312617. PMID: 31071007; PMCID: PMC6813799.
  • Soliman GA. Dietary Cholesterol and the Lack of Evidence in Cardiovascular Disease. Nutrients. 2018 Jun 16;10(6):780. doi: 10.3390/nu10060780. PMID: 29914176; PMCID: PMC6024687.
  • Blom WAM, Koppenol WP, Hiemstra H, Stojakovic T, Scharnagl H, Trautwein EA. A low-fat spread with added plant sterols and fish omega-3 fatty acids lowers serum triglyceride and LDL-cholesterol concentrations in individuals with modest hypercholesterolaemia and hypertriglyceridaemia. Eur J Nutr. 2019 Jun;58(4):1615-1624. doi: 10.1007/s00394-018-1706-1. Epub 2018 May 3. PMID: 29725824; PMCID: PMC6561982.
  • Kattoor AJ, Kanuri SH, Mehta JL. Role of Ox-LDL and LOX-1 in Atherogenesis. Curr Med Chem. 2019;26(9):1693-1700. doi: 10.2174/0929867325666180508100950. PMID: 29737246.
  • Islam MA, Amin MN, Siddiqui SA, Hossain MP, Sultana F, Kabir MR. Trans fatty acids and lipid profile: A serious risk factor to cardiovascular disease, cancer and diabetes. Diabetes Metab Syndr. 2019 Mar-Apr;13(2):1643-1647. doi: 10.1016/j.dsx.2019.03.033. Epub 2019 Mar 16. PMID: 31336535.
  • Blesso CN, Fernandez ML. Dietary Cholesterol, Serum Lipids, and Heart Disease: Are Eggs Working for or Against You? Nutrients. 2018 Mar 29;10(4):426. doi: 10.3390/nu10040426. PMID: 29596318; PMCID: PMC5946211.
  • Shabana, Shahid SU, Sarwar S. The abnormal lipid profile in obesity and coronary heart disease (CHD) in Pakistani subjects. Lipids Health Dis. 2020 Apr 14;19(1):73. doi: 10.1186/s12944-020-01248-0. PMID: 32290855; PMCID: PMC7158030.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.