Come misurare la pressione arteriosa a casa?

Misurare la pressione arteriosa a casa oggi è facile, grazie ai dispositivi elettronici disponibili sul mercato. Tuttavia è necessario conoscere le regole per una misurazione corretta, in modo che i risultati siano più oggettivi.
Come misurare la pressione arteriosa a casa?

Scritto da Josberth Johan Benitez Colmenares, 19 giugno, 2021

Ultimo aggiornamento: 19 giugno, 2021

Misurare la pressione arteriosa a casa oggi è facile, grazie ai dispositivi elettronici disponibili sul mercato. Gli specialisti di solito consigliano di acquistare un dispositivo in caso di sospetta ipertensione, per valutare l’efficacia di un farmaco o per ridurre le conseguenze associate (ictus, malattie cardiache, malattie renali e altro).

Sebbene l’efficacia dell’automonitoraggio sia documentata, è necessario conoscere le regole per una misurazione corretta, in modo che i risultati siano più oggettivi. Ecco come misurare la pressione, i vantaggi, cosa evitare e come valutare i risultati.

Che cos’è l’HBPM e a cosa serve?

Misurare la pressione sanguigna a casa è facile
Il controllo della pressione a casa offre molti vantaggi, inclusa una migliore rilevazione di valori anomali.

L’acronimo HBPM (Home Blood Pressure Monitoring) si riferisce alla misurazione della pressione arteriosa domiciliare. È un metodo consigliato dal medico al paziente perché permette di tenere un diario dei valori pressori. Allo scopo viene utilizzato un misuratore di pressione digitale.

A differenza del monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa (MAP o ABPM), l’HBPM viene eseguito manualmente. Il paziente, da solo o in compagnia di terzi, procede ad effettuare la misurazione da casa e segna su un registro i risultati. La European Society of Hypertension (ESH) ha identificato i seguenti vantaggi in questo tipo di controllo:

  • Fornisce agli specialisti e al paziente misurazioni della pressione in diversi momenti della giornata, giorni, settimane o mesi.
  • Permette di misurare la pressione nell’ambiente abituale del paziente, evitando in questo modo l’effetto “ipertensione da camice bianco”.
  • Predice meglio il danno agli organi bersaglio dell’ipertensione, grazie ad un monitoraggio più frequente.
  • Condivide molte caratteristiche con il MAP (in questo caso, il dispositivo misura automaticamente la pressione).
  • Aiuta a migliorare la comprensione della malattia nei pazienti e a promuoverne il follow-up.
  • Può essere applicato a lungo termine e non è un metodo molto costoso.

Qual è il modo corretto per misurare la pressione arteriosa a casa?

Sebbene i misuratori di pressione digitali disponibili sul mercato siano notevolmente migliorati in termini di affidabilità delle letture, sono ancora condizionati dal modo in cui vengono utilizzati. Questo è il motivo per cui possono verificarsi errori che portano a una diagnosi errata.

Ecco le regole per misurare la pressione arteriosa a casa in modo corretto, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC):

  • Cibo e bevande: aspettare almeno 30 minuti dopo aver mangiato o bevuto. Cibo e liquidi possono alterare i risultati, poiché sodio, zucchero, caffeina e altre sostanze hanno un effetto diretto sulla pressione.
  • Fumo: allo stesso modo, si dovrebbe evitare di fumare 30-60 minuti prima della misurazione. Il fumo aumenta la pressione, come hanno dimostrato gli studi. Pertanto, i risultati non saranno oggettivi.
  • Misurazione a riposo: la pressione deve essere misurata solo quando si è seduti da almeno 5 minuti. Non bisogna misurare la pressione stando in piedi, dopo aver camminato o svolto altre attività. Attendete seduti prima di procedere.
  • Posizione delle gambe e del corpo: i piedi devono essere appoggiati a terra senza incrociarsi. Ciò potrebbe esercitare pressione sui vasi sanguigni e provocarne l’aumento. Tenete la schiena e lo sguardo dritto, cercate di rilassarvi e respirate profondamente.
  • Posizione e supporto del braccio: il braccio deve essere a livello del petto appoggiato su un supporto (il tavolo, per esempio), non deve essere allungato verticalmente, né sopra né sotto l’altezza del cuore. È stato dimostrato che queste variazioni possono alterare i risultati fino al 10% del valore ottenuto.
  • Posizione del bracciale: dovrebbe coprire circa l’80% del braccio e aderire alla pelle. Se sistemato sulla manica, il risultato sarà impreciso.

Si consiglia inoltre di svuotare la vescica prima di misurare la pressione e di non parlare durante il processo. Annotare il primo risultato, attendere 6 secondi, ripetere il test e poi confrontare i valori. Se la variazione è minima, annotare entrambi. Se è molto grande, attendere altri 60 secondi e ripetere la misurazione una terza volta.

Misurare la pressione arteriosa a casa: domande e risposte

Come potete vedere, misurare la pressione da casa non è complicato. Naturalmente, è necessario seguire le istruzioni alla lettera per influenzare il meno possibile i risultati. Vediamo alcune domande comuni sulla misurazione della pressione a casa.

Come interpretare i dati?

Misurare la pressione arteriosa a casa: dispositivo digitale
È essenziale acquisire familiarità con i normali valori della pressione.

Indipendentemente dalla marca o dal modello, il misuratore di pressione digitale fornirà i dati in due intervalli numerici. Il primo, il più alto, corrisponde alla pressione sistolica. Il secondo, il più basso, alla pressione diastolica. Secondo l’OMS la pressione arteriosa normale è intorno a 120/80 mmHg.

È probabile che i risultati non saranno identici a questi, anche se più sono vicini, più è salutare per il corpo. Secondo l’American Heart Association (AHA), si parla di ipertensione quando i valori sono uguali o superiori a 130/90 mmHg. Al contrario, di ipotensione quando i risultati sono uguali o inferiori a 90/60 mmHg.

Ogni quanto occorre prendere la pressione?

La frequenza è determinata dallo specialista in base alle sue ipotesi. Di solito si consiglia di fare la rilevazione due volte al giorno: appena alzati e nel tardo pomeriggio. È molto importante eseguire la misurazione sempre negli stessi orari.

Se si sospetta l’ipertensione lo specialista di solito consiglia di distribuire le misurazioni lungo una settimana. Se viene testata la tolleranza a un farmaco o sono necessari risultati più solidi, possono essere mantenute per due settimane o più. In ogni caso, è meglio concordare con il medico orari e durata del monitoraggio.

Posso usare qualsiasi misuratore di pressione?

In generale, i misuratori di pressione domestici sono migliorati molto negli anni. Nonostante ciò, l’American Heart Association (AHA) sconsiglia i dispositivi da polso perché possono dare valori non attendibili, pur scegliendo un modello recente.

Sarebbe bene utilizzare un misuratore da braccio, preferibilmente un modello su misura della vostra corporatura. Verificate che il marchio o il modello sia conforme alle direttive CEE.

Un elenco di misuratori di pressione digitali approvati dalla European Society of Hypertension (ESH), dalla International Society of Hypertension (ISH) e dalla World Hypertension League (WHL) è visibile tramite il seguente link. Quelli approvati dall’American Medical Association (AMS) possono essere trovati qui.

Come utilizzare i risultati?

Il misuratore dà i valori della pressione in tempo reale. Questi devono essere accuratamente registrati per poi essere riportati al medico. Su internet potete trovare numerosi modelli con tabelle per la misurazione. Potete stamparla o crearne una voi stessi.

In ogni caso l’importante segnare i valori e poi condividerli con lo specialista; questo lo aiuterà a diagnosticare o scartare l’ipertensione.

Il controllo dei valori può essere fatto di persona o tramite email. Attualmente gli specialisti cominciano a optare per quest’ultima modalità. Ciò evita lo spostamento del paziente e permette di apportare rapide modifiche al monitoraggio o al trattamento (frequenza, programma e modifiche ai farmaci antipertensivi).

L’evidenza incoraggia il monitoraggio della pressione arteriosa domiciliare. È uno strumento sicuro, facile e permanente per tenere sotto controllo eventuali squilibri.

Naturalmente è più efficace se valutato insieme al medico: non esitate a condividere i valori, soprattutto se sono al di sopra o al di sotto dello standard raccomandato.

Potrebbe interessarti ...
Contraccettivi e ipertensione: come sono correlati?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Contraccettivi e ipertensione: come sono correlati?

La relazione tra contraccettivi e ipertensione non è ancora chiara, ma probabilmente risiede nell'aumento dei progestinici ed estrogeni.



  • Alenta, H. P., García, P. A., & del Rey, R. H. Tabaco, presión arterial y riesgo cardiovascular. Hipertensión y Riesgo Vascular. 2003; 20(5): 226-233.
  • Cappuccio, F. P., Kerry, S. M., Forbes, L., & Donald, A. (2004). Blood pressure control by home monitoring: meta-analysis of randomised trials. Bmj. 2004; 329(7458): 145.
  • George, J., & MacDonald, T. Home blood pressure monitoring. European Cardiology Review. 2015; 10(2): 95.
  • Parati, G., Stergiou, G. S., Asmar, R., Bilo, G., De Leeuw, P., Imai, Y., … & Mancia, G. E. S. H. European Society of Hypertension practice guidelines for home blood pressure monitoring. Journal of human hypertension. 2010; 24(12): 779-785.
  • Yarows, S. A., Julius, S., & Pickering, T. G. Home blood pressure monitoring. Archives of Internal Medicine. 2000; 160(9): 1251-1257.