Cos'è l'effetto Mandela?

Centinaia di teorie del complotto e spiegazioni soprannaturali sono sorte attorno all'effetto Mandela. Oggi vi mostriamo cosa si nasconde veramente dietro.
Cos'è l'effetto Mandela?

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

Negli ultimi anni, un fenomeno di massa noto come effetto Mandela è diventato popolare su Internet. I media tradizionali e i social network sono serviti da cassa di risonanza per la divulgazione del termine. Anche le teorie del complotto e le idee folli ad esso associate. Tutti parlano dell’effetto Mandela, ma pochi sanno davvero cosa sia.

Il termine è stato coniato da Fiona Broome in riferimento al ricordo della morte in carcere di Nelson Mandela durante gli anni 80. Nelson Mandela in realtà è morto nel 2013, ma Fionna e centinaia di altri pensavano di ricordare con chiarezza la copertura della notizia della morte del Leader sudafricano trent’anni fa. Cosa si nasconde dietro questo fenomeno? Ve ne parleremo nelle prossime righe.

Come funziona l’effetto Mandela?

I falsi ricordi condivisi da un gruppo di centinaia o migliaia di persone sono conosciuti con il nome di effetto Mandela. Si dice che sei in presenza dell’effetto Mandela quando condividi un ricordo che ritieni vero con un gruppo di persone. Quando confermi questo ricordo, ti rendi conto che in realtà si riferisce a una situazione falsa o travisata.

Questo effetto è un fenomeno di massa e può essere compreso solo come tale. Naturalmente, ciò non impedisce a una persona di sviluppare l’effetto individualmente. Spesso, quando si scopre che il ricordo che si ha di qualcosa è in realtà falso, si manifestano sentimenti di smarrimento, incredulità e persino il sospetto di essere stati ingannati.

Come non potrebbe essere altrimenti, questo ha dato origine a decine di teorie del complotto. Mondi paralleli e cospirazioni dei governi per manipolare la realtà a piacimento sono le teorie più conosciute. Naturalmente, l’effetto Mandela può essere spiegato da postulati più realistici. Prima di presentarveli, diamo un’occhiata ad alcuni esempi che vi sorprenderanno.

Esempi dell’effetto Mandela

effetto mandela
Sono molti gli eventi legati alla cultura popolare che possono essere ricordati in modo distorto da un gran numero di persone.

Ogni anno vengono segnalati migliaia di casi di effetto Mandela in tutto il mondo. Sono associati a eventi storici, cinematografici, politici, artistici e di altro tipo. Alcuni dei più noti sono i seguenti:

  • Migliaia di persone affermano che l’uomo del Monopoli indossa un monocolo quando, in realtà, non lo è.
  • Coloro che sono cresciuti negli anni ’90 ricordano che Pikachu di Pokémon aveva strisce nere sulla coda, un design lontano dalla realtà.
  • Darth Vader non dice “Luke, sono tuo padre”; dice “No, sono tuo padre” nel secondo film di Star Wars.
  • Migliaia di persone affermano che il design riccio della Ford F è recente, sebbene sia stato effettivamente incluso negli anni ’90.
  • Alcuni dicono che il numero di passeggeri nell’auto dove viaggiava Kennedy il giorno del suo assassinio era di 4, quando in realtà erano 6.
  • In Il silenzio degli innocenti, Hopkins saluta Jodie Foster dicendo “Buongiorno”, non “Ciao Clarice”. Migliaia affermano di ricordare quest’ultimo.
  • Alcuni fan del franchise di George Lucas affermano che l’androide C-3Po è completamente d’oro, quando in realtà la sua gamba destra è d’argento dal ginocchio in giù.
  • Migliaia di persone pensano che il sorriso della Gioconda fosse più espressivo qualche decennio fa di quanto lo sia oggi.
  • Alcuni spettatori affermano che la scimmia Jorge, di Curious George, avesse una coda. Né nei libri né nella serie ce l’ha.
  • Il caso del rapimento del figlio di Charles Lindbergh è stato risolto e il responsabile è stato condannato a morte. Alcuni non lo ricordano e pensano che il caso sia ancora aperto.
  • Molti pensano che Madre Teresa di Calcutta sia stata canonizzata negli anni ’90 da Giovanni Paolo II. Infatti è stata canonizzata nel 2016 da Francesco.
  • A proposito di Papa Giovanni Paolo II: molti credono di ricordare vividamente che morì a seguito di un omicidio. In realtà è morto per insufficienza multiorgano (prodotto di Parkinson e setticemia).
  • In migliaia affermano di ricordare che l’uomo in piazza Tiananmen è stato investito dal carro armato. Questo non è mai successo.
  • Sebbene non ci fosse un film con il nome di Shazaam con protagonista David Adkins negli anni ’90, molti affermano di averlo visto.

Possiamo mostrarti sempre più esempi dell’effetto Mandela, ma con questa selezione siamo sicuri che sia sufficiente per capire di cosa si tratta. È probabile che tu sia stato sorpreso da alcuni, anche se pensi di ricordare un paio di eventi falsi come veri. Come si spiega dalla scienza? La risposta si trova nella falsa memoria.

Perché si verifica l’effetto Mandela?

L'effetto Mandela e la sua spiegazione scientifica
Da un punto di vista neuropsicologico, il cervello agisce in modo intelligente per colmare “lacune” o “lacune” cercando di ricordare con precisione un evento.

I falsi ricordi, noti anche come falsi ricordi, sono i candidati preferiti per spiegare cos’è l’effetto Mandela. Questo si riferisce a processi complessi nel cervello progettati per catalogare un evento che non è mai accaduto come vero. All’epoca era studiato da Freud e da neurologi come Pierre Janet.

La falsa memoria è un fenomeno che è stato studiato per oltre 100 anni ed è relativamente ben compreso. Siamo stati persino in grado di replicare processi progettati per impiantare falsi ricordi, come il paradigma del compito di Deese-Roediger-McDermott.

Alcuni ricercatori suggeriscono che la disattenzione potrebbe essere la chiave del cosiddetto effetto Mandela. Come hai potuto confermare, molti degli esempi forniti sono dovuti a caratteristiche molto sottili. Alcuni che, salvo circostanze straordinarie di cura, tendono a passare inosservati.

Questa assenza di dettagli fa sì che il cervello riempia gli spazi vuoti attraverso ciò che alcuni chiamano confabulazione. Non è che menti a te stesso, è che finisci di costruire i pezzi mancanti per avere la memoria di un tutto e non solo di una parte. La suggestione e la psicologia di massa possono anche spiegare alcuni casi.

È un problema di memoria?

No, l’effetto Mandela non è correlato a problemi di memoria. È un fenomeno relativamente comune, collegato a disturbi o malattie. Se hai vissuto episodi del genere, non temere una possibile perdita della capacità di immagazzinare ricordi.

Gli esperti mettono in guardia sull’influenza di Internet nella catalogazione dei ricordi condivisi. All’interno di social network, forum e blog, vengono create comunità disposte a sostenersi a vicenda nella promozione di un’idea. L’interesse o la necessità di condividere un luogo con questi gruppi può portare molti ad avallare un ricordo, una notizia o un evento mai accaduto.

Sebbene pensiamo di sapere tutto sull’effetto Mandela, in realtà c’è ancora molto da fare al riguardo. In futuro si aggiungeranno migliaia e migliaia di eventi falsi che si crederanno veri. Vedrai come le notizie che guardi in televisione oggi domani possono essere travisate o raccontate in modo diverso.

Potrebbe interessarti ...
8 curiosità sulla memoria, secondo la scienza
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
8 curiosità sulla memoria, secondo la scienza

8 curiosità sulla memoria per conoscere meglio il funzionamento del cervello e il suo compito di ricordare o conservare le informazioni.



  • French, A. The Mandela Effect and New Memory. Correspondences. 2019; 6(2).
  • Prasad, D., & Bainbridge, W. A. The Visual Mandela Effect: Evidence for specific shared false memories in popular iconography. Journal of Vision. 2021; 21(9): 2121-2121.
  • Prohaska V, DelValle D, Toglia MP, Pittman AE. Reported serial positions of true and illusory memories in the Deese/Roediger/McDermott paradigm. 2016 Aug;24(7):865-83.
  • Robins, S. K. Confabulation and constructive memory. Synthese. 2019; 196(6): 2135-2151.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.