Tiroidite di Hashimoto: sintomi, cause e trattamento

20 Aprile, 2021
This article has been written and endorsed by el biólogo Samuel Antonio Sánchez Amador
La tiroidite di Hashimoto è la principale causa di ipotiroidismo nei paesi ad alto reddito, ma può essere ben controllata con i farmaci.

La tiroidite di Hashimoto (nota anche come tiroidite cronica) è una malattia autoimmune che causa la distruzione della ghiandola tiroidea attraverso gli autoanticorpi. La sua incidenza annuale è di 3,5 casi su 1.000 persone per le donne, 0.8 per gli uomini; colpisce circa il 2% della popolazione mondiale.

Il nome di questa patologia deriva dal medico giapponese Hakaru Hashimoto, che per primo descrisse la patologia nel 1912. Se volete sapere tutto su questa malattia, compresi i suoi sintomi, cause e possibili trattamenti, continuate a leggere.

La ghiandola tiroidea

La tiroidite di Hashimoto è una malattia della tiroide.
La tiroide è un organo vitale per il nostro metabolismo.

Prima di descrivere la malattia, è opportuno capire quali strutture colpisce. La tiroide è una ghiandola endocrina: rilascia ormoni nel sangue destinati all’organo bersaglio; si trova a livello della prominenza laringea nel collo, sotto la cartilagine tiroidea e appoggiata sulla trachea.

Questo organo endocrino pesa circa 15-30 grammi nell’individuo adulto e ha una caratteristica forma a farfalla. La sua funzione principale è la produzione e il rilascio nel circolo sanguigno degli ormoni T3 e T4, che influenzano quasi tutte le nostre cellule e regolano il metabolismo umano.

Ormone T3 o triiodotironina

L’ormone T3 influenza quasi tutti i processi fisiologici del corpo, poiché regola la crescita, lo sviluppo, il metabolismo, la temperatura corporea, la frequenza cardiaca e altre funzioni. Nasce dall’accoppiamento della monoiodotirosina (MIT, T1) e della diiodotirosina (DIT, T2)

Triiodotirosina T3 (3 radicali di iodio): T1 (un radicale di iodio) + T2 (2 radicali di iodio).

La produzione di T3 è attivata dalla tireotropina (TSH), nota anche come ormone stimolante la tiroide, prodotta dall’ipofisi. A sua volta, l’ipofisi viene attivata dal TRH, un ormone ipotalamico. Prendiamo nota di queste informazioni, poiché saranno di grande importanza nei prossimi paragrafi.

Ormone T4 o tiroxina

Il T4 è un proormone secreto dalla tiroide; viene trasformato in triiodotironina dall’azione del TSH. La tiroxina è la forma più abbondante nel sangue circolante, tuttavia il T3 è quella con la più alta funzionalità nel corpo.

T4 è la forma di riserva di T3, poiché quest’ultima la quadruplica in funzionalità. Il processo di conversione di T4 in T3 avviene nella tiroide stessa e in altre parti del corpo.

Questa terminologia è un po’ complessa, ma è necessario conoscerla per capire la malattia di Hashimoto, che andiamo a vedere senza ulteriori indugi.

Cause della tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia di natura autoimmune. Il sistema immunitario (che protegge l’organismo) non riconosce la tiroide e quindi inizia a generare anticorpi per attaccare i suoi tessuti. Ciò provoca infiammazione della ghiandola e una drastica riduzione della sua capacità funzionale.

I due anticorpi che vengono solitamente misurati, quando si diagnostica la malattia, sono gli anticorpi della tireoglobulina (TgAb) e della perossidasi tiroidea (TPO). Questi ultimi attaccano un enzima prodotto dalla tiroide che svolge un ruolo essenziale nella produzione degli ormoni tiroidei.

Come indica l’NIH, non è del tutto chiaro il motivo per cui si verifica questa reazione autoimmune di fondo. Tuttavia, si sospetta che questo tipo di disturbo derivi da una combinazione di genetica e un fattore scatenante esterno, ad esempio un’infezione virale.

Nel morbo di Hashimoto i linfociti si accumulano nella ghiandola tiroidea e cominciano a sintetizzare gli autoanticorpi che attaccano i tessuti della ghiandola.

Malattie associate alla tiroidite di Hashimoto

Secondo le fonti già citate, le donne corrono fino a 8 volte più rischio degli uomini di soffrire della malattia di Hashimoto. Inoltre, sebbene possa apparire a qualsiasi età, è più esposta la fascia tra i 40 ei 60 anni. Può colpire fino al 2% della popolazione mondiale, ovvero 5 persone su 100.

Inoltre, la probabilità di sviluppare questa patologia aumenta se ha già colpito altri membri della famiglia. Al morbo di Hashimoto si associano talvolta altre malattie autoimmuni:

  • Morbo di Addison.
  • Celiachia.
  • Diabete di tipo 1.

La comparsa di queste patologie non implica necessariamente che si soffrirà anche di tiroidite cronica. Come abbiamo detto, restano ancora molti aspetti da chiarire.

Sintomi della tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è la principale causa di ipotiroidismo nelle regioni in cui l’assunzione di iodio è adeguata. Abbiamo appena nominato un termine chiave e indivisibile dalla tiroidite cronica: ipotiroidismo.

L’attacco dei linfociti alla tiroide fa sì che questa produca meno ormoni; di conseguenza perde in modo graduale di efficienza: la tiroide è considerata ipoattiva. Questo genera il ben noto ipotiroidismo, cioè la mancanza di ormoni T3 e t4 nel corpo.

Secondo il portale medico Thyroid.org non esiste un singolo segno clinico per l’Hashimoto. Inoltre, poiché la sua progressione è lenta, i pazienti potrebbero non notare alcun segno nelle prime fasi dello sviluppo. Con il progredire della malattia, i sintomi diventano sempre più evidenti:

  • Stanchezza, affaticamento e depressione.
  • Viso gonfio, pelle pallida e unghie fragili.
  • Perdita di capelli
  • Aumento delle dimensioni della lingua.
  • Dolore muscolare, sensibilità e rigidità.
  • Mestruazioni abbondanti o prolungate.
  • Aumento di peso inspiegabile
  • Stipsi.
  • Difficoltà a pensare o raggiungere un certo grado di concentrazione.

In situazioni estreme, questo tipo di ipotiroidismo può portare a insufficienza cardiaca, mixedema, insufficienza respiratoria e coma con perdita di coscienza. Il tasso di mortalità a questo punto è molto alto.

Il coma mixedematoso ha un tasso di mortalità nei pazienti ipotiroidei del 30% se non trattato tempestivamente.

Diagnosi della tiroidite di Hashimoto

Quando il paziente va dal medico con sintomi di ipotiroidismo, uno dei principali sospetti durante l’esame obiettivo è la presenza del gozzo, cioè della tiroide ingrossata. Questo segno in molti casi è indolore, ma può causare difficoltà di deglutizione e respirazione.

Se il medico sospetta una tiroidite cronica, prescriverà una serie di esami di laboratorio. La U.S National Library of Medicine elenca i più significativi:

1. Test T4

T4 è il principale ormone prodotto dalla tiroide. Per questo motivo, la quantità di T4 libera nel sangue può indicare la funzionalità della ghiandola. Si tratta di un test semplice, poiché è necessario solo un prelievo di sangue. Un intervallo normale tipico è compreso tra 0,9 e 2,3 nanogrammi per decilitro o tra 12 e 30 picomoli per litro.

2. T3 totale

La premessa è simile alla precedente, ma in questo caso viene calcolata la quantità dell’ormone T3 nel sangue. L’intervallo di valori normali è compreso tra 60 e 180 nanogrammi per decilitro di sangue nella forma normale e tra 130 e 450 picogrammi per decilitro nella forma libera.

3. Test degli autoanticorpi

In questo test si cercano gli anticorpi circolanti associati alla degenerazione della ghiandola tiroidea. In generale, la presenza di anticorpi anti-tireoglobulina e anti-perossidasi tiroidea spiega i sintomi.

Trattamento della tiroidite di Hashimoto

La malattia di Hashimoto richiede una valutazione medica.
L’endocrinologo è lo specialista indicato per trattare questa malattia.

Siamo arrivati alla fine, ma forse alla parte più importante. È tempo di esplorare il trattamento per la tiroidite di Hashimoto. Il portale Kids Health e altre fonti già citate ci dicono cosa fare.

Terapia con ormoni sintetici

Il trattamento dell’ipotiroidismo causato dalla malattia di Hashimoto ha l’obiettivo di compensare la disfunzione della tiroide.  Il modo più efficace è prescrivere analoghi sintetici dell’ormone T4, poiché questo si trasforma in T3 naturalmente all’interno del corpo e la sua vita è più lunga.

Le preparazioni commerciali di farmaci a base di levotiroxina contengono circa 50 o 100 microgrammi del composto per compressa. La compressa va assunta una volta al giorno a stomaco vuoto, ma il dosaggio dipende anche dalla risposta individuale.

È necessario un monitoraggio continuo del paziente fino a quando i suoi livelli di ormone tiroideo nel sangue non tornino alla normalità.

È necessario eseguire una combinazione di ormoni?

Questo è un argomento controverso. Sebbene ci siano alcuni specialisti a favore della sostituzione di parte della dose di T4 con T3, molte ricerche indicano che ciò non porta alcun chiaro beneficio.

D’altra parte, la somministrazione diretta di T3 potrebbe essere positiva in quei pazienti a cui è stata asportata l’intera tiroide. Questo tema è ancora in fase di studi e non esiste una risposta certa.

Tiroidite di Hashimoto: una malattia complessa e importante

Abbiamo fatto un lungo tour della tiroidite di Hashimoto, quindi non fa male fare uno riassunto finale con tutti i concetti importanti.

  1. La ghiandola tiroidea partecipa alla sintesi degli ormoni T3 e T4, essenziali per quasi tutti i processi fisiologici dell’essere umano.
  2. La malattia di Hashimoto si verifica quando il sistema immunitario attacca erroneamente il tessuto tiroideo. Ciò provoca una diminuzione della funzionalità della tiroide e, quindi, l’ipotiroidismo.
  3. L’ipotiroidismo si manifesta con una serie di sintomi aspecifici che peggiorano nel tempo. Il gozzo è uno dei più evidenti.
  4. La causa della malattia di Hashimoto non è del tutto nota, ma si ritiene che abbia una componente sia genetica che ambientale.
  5. La diagnosi viene effettuata sulla base di una serie di esami del sangue.
  6. Il trattamento consiste nella somministrazione di analoghi sintetici degli ormoni tiroidei.

Il morbo di Hashimoto è la principale causa di ipotiroidismo nei paesi ad alto reddito, ma fortunatamente il suo approccio è semplice se i farmaci vengono assunti nelle giuste dosi.

  • Las hormonas tiroideas: que son y para qué sirven, AECAT. Recogido a 4 de marzo en https://www.aecat.net/2015/07/16/las-hormonas-tiroideas-que-son-y-para-que-sirven/
  • Enfermedad de Hashimoto, Clínica Mayo. Recogido a 4 de marzo en https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/hashimotos-disease/symptoms-causes/syc-20351855
  • Enfermedad de Hashimoto, NIH. Recogido a 4 de marzo en https://www.niddk.nih.gov/health-information/informacion-de-la-salud/enfermedades-endocrinas/enfermedad-de-hashimoto
  • Enfermedad de Hashimoto, Thyroid.org. Recogido a 4 de marzo en http://www.thyroid.org/wp-content/uploads/patients/brochures/espanol/tiroiditis_de_hashimoto.pdf
  • Tiroiditis de Hashimoto, CUN. Recogido a 4 de marzo en https://www.cun.es/enfermedades-tratamientos/enfermedades/tiroiditis-hashimoto
  • Tiroiditis crónica, Medlineplus.gov. Recogido a 4 de marzo en https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/000371.htm#:~:text=Es%20una%20afecci%C3%B3n%20causada%20por,conoce%20como%20Enfermedad%20de%20Hashimoto.
  • Hipotiroidismo y enfermedad de Hashimoto, KidsHealth. Recogido a 4 de marzo en https://kidshealth.org/es/parents/hypothyroidism-esp.html#:~:text=Los%20niveles%20elevados%20de%20estos,la%20peroxidasa%20tiroidea%20(TPO).