Ragade anale: tutto quello che c'è da sapere

La ragade anale è una lesione nella regione anorettale che provoca dolore e sanguinamento dopo l'evacuazione. La chiave è prevenirne la comparsa con una dieta ricca di fibre, abbondante acqua e buone abitudini.
Ragade anale: tutto quello che c'è da sapere

Scritto da Luis Rodolfo Rojas Gonzalez, 06 settembre, 2021

Ultimo aggiornamento: 06 settembre, 2021

Le lesioni anali che colpiscono la struttura del retto causano grande disagio. Nel gruppo sono comprese le ragadi, le emorroidi, gli ascessi e le fistole rettali. In questo articolo parliamo della ragade anale.

Una ragade anale è una piccola ulcera o lacerazione della superficie esterna dell’ano. Secondo alcuni studi, si tratta della causa più comune di sanguinamento rettale e forte dolore dopo l’evacuazione.

Colpisce sia gli uomini che le donne e qualsiasi fascia di età. Tuttavia, un trattamento adeguato può alleviare i sintomi e prevenirne il ripetersi.

I sintomi della ragade anale

Le manifestazioni cliniche della ragade anale compaiono solitamente durante o dopo l’evacuazione e durano per diverse ore. Il sintomo caratteristico è un dolore acuto di alta intensità e tagliente. C’è chi descrive questo dolore come la sensazione di un taglio da parte di una lama, che aumenta con il passaggio delle feci.

D’altra parte, è comune vedere sangue fresco di colore rosso vivo sulla carta igienica dopo la pulizia. Altri sintomi che possono comparire in associazione con una ragade anale sono i seguenti:

  • Prurito o bruciore nella regione perianale.
  • Emissione di muco traslucido o giallo.
  • Crepa visibile o rigonfiamento nell’ano.
Uomo con dolore da ragade anale.
Il dolore della ragade anale è intenso e molto fastidioso.

Cause della ragade anale

Una ragade anale può essere causata da molteplici malattie dell’apparato digerente. Nella maggior parte dei casi, è associata a eventi traumatici o alla predisposizione personale a causa di debolezza o anomalia strutturale.

In questo senso, la presenza di feci dure e la stitichezza cronica sono considerati gli agenti scatenanti più frequenti. D’altra parte, anche la diarrea irritativa e persistente, così come le pratiche sessuali anali, aumentano la probabilità di soffrire di questa condizione.

Il disturbo può manifestarsi nelle seguenti situazioni:

  • Emorroidi.
  • Debolezza del pavimento pelvico dopo il parto.

Le lesioni sono solitamente classificate, in base al loro tempo di evoluzione, in acute e croniche. Una ragade anale acuta è quella che ha un breve tempo di comparsa, superficiale, con bordi netti e una maggiore tendenza alla guarigione spontanea. Quelle croniche, invece, hanno 6 settimane o più di evoluzione, sono più profonde, con bordi spessi e meno probabilità di cicatrizzazione.

Diagnosi

Nella maggior parte dei casi, la diagnosi di ragade anale viene fatta sulla base dell’esame obiettivo e del colloquio con il medico curante. In questo senso, occorre considerare l’anamnesi patologica del paziente, come diarrea e stitichezza.

Durante la valutazione fisica, il medico di solito chiede al paziente di sistemarsi nella posizione genupettorale o di Sims, cioè a faccia in giù con le ginocchia piegate e il torace sulla poltrona. In questo modo è possibile effettuare l’ispezione della regione anale e identificare la ferita epiteliale che la fessura disegna. Gli studi sottolineano che di solito è accompagnata da un’emorroide sentinella nella linea pettinea.

L’esame rettale digitale di solito non viene eseguito, poiché di solito è piuttosto doloroso e induce sanguinamento. Tuttavia, nel caso di una condizione cronica, il medico può richiedere altri test ed esami complementari, come i seguenti:

  • Anoscopia.
  • Rettosigmoidoscopia.
  • Emocromo e test sierologici.
  • Esame delle feci.
  • Biopsia.

La maggior parte delle ragadi anali si presenta nella linea posteriore dell’ano, tuttavia, la loro posizione in altri quadranti può guidare la diagnosi a un’altra patologia, come la malattia infiammatoria intestinale. Allo stesso modo, la diagnosi differenziale è vitale per le condizioni anali dolorose, come la trombosi emorroidaria, gli ascessi perianali e il cancro del colon-retto.

Trattamento

Le ragadi anali acute di solito guariscono rapidamente con l’attuazione di misure generali per correggere la stitichezza e il dolore. Tuttavia, la maggior parte delle lesioni croniche richiede un approccio terapeutico specifico o un intervento chirurgico.

Le misure generali mirano ad alleviare i sintomi, attraverso piccoli cambiamenti nello stile di vita, in combinazione con alcuni farmaci. In questo senso, il medico consiglia di solito:

  • Dieta ricca di fibre e maggiore assunzione di liquidi.
  • Semicupi con acqua tiepida o calda 2 o 3 volte al giorno per 10-20 minuti.
  • Applicazione di unguenti anestetici o con corticosteroidi per ridurre il dolore e il prurito.
  • Consumo di analgesici orali (paracetamolo).
  • Assunzione di lassativi per ridurre la secchezza delle feci.

Leggete anche: Paracetamolo

Gli unguenti alla nitroglicerina sono i più usati come trattamento topico, specialmente quando altri approcci non funzionano. Dovrebbero essere applicati 2 o 3 volte al giorno nella regione anale, con i guanti. Favoriscono la circolazione sanguigna nella zona e il rilassamento dello sfintere.

Il medico può anche indicare l’applicazione della tossina botulinica nella zona, con l’obiettivo di ridurre gli spasmi e rilassare lo sfintere anale. Tuttavia, la chirurgia viene spesso utilizzata in caso di dolore intenso o scarsa risposta al trattamento. La sfinterectomia laterale interna è solitamente il metodo chirurgico di scelta.

Dieta ricca di fibre per prevenire le ragadi anali.
Un alto consumo di fibra alimentare è essenziale per ridurre la stipsi e il rischio di traumi dell’epitelio rettale.

Ragade anale: è essenziale prevenire

È possibile ridurre la probabilità di soffrire di una ragade anale attraverso un’attenta dieta e cambiamenti nelle abitudini intestinali. In questo senso, la prevenzione si concentra sull’evitare la stitichezza e sul mantenere morbide le feci. Per questo motivo si consiglia di seguire una dieta ricca di fibre, bere molta acqua ed evitare di posticipare l’evacuazione.

Allo stesso modo, sarà bene recarsi dal medico il prima possibile se si verificano forti dolori o forti emorragie. Un intervento specialistico tempestivo consente di evitare complicazioni a lungo termine.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è un prolasso rettale?
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Che cos’è un prolasso rettale?

Il prolasso rettale è una condizione poco frequente in cui una porzione del retto sporge attraverso l'apertura anale.



  • Martinena Padial E, Pozuelos Estrada J, Fernández Díaz J, Marín Lencero L. Las fisuras anales. Medicina Integral. 2001; 37(4): 170-191.
  • Mínguez M, Almela P. Fisura anal. Rev. esp. enferm. dig. 2007; 99( 10 ): 612-612.
  • García Gutiérrez A, Villasana Roldós L. Fisura anal: Definición, clasificación, diagnóstico y tratamiento. Rev Cubana Cir. 2008; 47( 1 ).
  • Pérez Escobedo S, Jiménez Bobadilla B, Villanueva Herrero J. Factores de riesgo asociados al desarrollo de fístula anal. Cir. gen. 2013;  35( 1 ): 25-31.
  • Adamová Z, Slováček R, Bár T, Sankot J et al. Anální fisura [Anal fissure]. Cas Lek Cesk. 2015;154(1):11-3.
  • Arroyo A, Montes E, Calderón T, Blesa I et al. Treatment algorithm for anal fissure. Consensus document of the Spanish Association of Coloproctology and the Coloproctology Division of the Spanish Association of Surgeons. Cir Esp (Engl Ed). 2018;96(5):260-267.